Browse By

COVID-19: LONDRA NON SEGUE LA VIA ITALIANA

 3,542 total views,  1 views today

«Quanti moriranno di coronavirus nel Regno Unito? Uno sguardo più attento ai numeri

Ciò che le statistiche dell’epidemia finora possono dirci sull’infezione e sui tassi di mortalità

La sorprendente diffusione del coronavirus in tutto il mondo sta causando un comprensibile allarme. Ma anche se è ancora troppo presto per trarre conclusioni definitive su quanti decessi possano verificarsi, le statistiche indicano tendenze generali che possono andare perse nel dramma.

Al momento, una cosa che sembra chiara è che la stragrande maggioranza delle persone che soffrono della malattia sopravviverà.

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha stimato che il tasso di mortalità da Covid-19 è del 3,4% circa. Questo è superiore all’influenza stagionale ed è motivo di preoccupazione — ma anche se il dato è cprretto è corretto, oltre il 96% delle persone che vengono infettate dal coronavirus guariranno.

Qualsiasi decesso è, ovviamente, devastante per le famiglie coinvolte. Ma vale anche la pena notare che la stima dell’OMS si basa su infezioni e decessi confermati, il che significa che non tiene conto dei casi lievi che potrebbero non essere diagnosticati — casi che abbasserebbero il tasso di mortalità.

In effetti, gli esperti affermano che, in realtà, è probabile che il tasso di mortalità sia più vicino all’1% o anche meno. In altre parole, oltre il 99% di coloro che vengono infettati dovrebbero sopravvivere.

E non tutti saranno infettati. Secondo il responsabile medico per l’Inghilterra, il professor Chris Whitty, lo scenario peggiore è che circa l’80% della popolazione del Regno Unito venga infettata. Ma ciò non significa necessariamente che ci saranno 500.000 morti — come ci si aspetterebbe da un tasso di mortalità dell’1%.

Uno dei motivi è che la cifra dell’80% è una stima. “Questo è un numero del tutto ipotetico”, ha detto Whitty alla conferenza stampa, aggiungendo che non si sa quante persone alla fine si sarebbero infettate.

Un altro fattore che influenzerà il numero di morti, e quindi il tasso di mortalità, è chi viene infettato. Secondo i dati dei Centri Cinesi per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie, quelli di età compresa tra 10 e 39 anni hanno un tasso di mortalità dello 0,2%, mentre quelli sui 60 anni hanno un tasso di mortalità del 3,6%. Per quelli di età pari o superiore a 80 anni ciò aumenta a quasi il 15%.

Mentre tali cifre possono sembrare allarmanti, in particolare per gli anziani, significa che se la diffusione di Covid-19 alle popolazioni più vulnerabili può essere prevenuta, o almeno limitata, ci saranno molte meno morti di quanto altrimenti previsto.

In altre parole, è fondamentale proteggere i vulnerabili,  compresi quelli con condizioni di salute critiche.

Gli esperti attualmente mettono in guardia dal fare eccessivo affidamento sulle cifre del Regno Unito. Venerdì mattina ci sono stati 798 casi confermati di Covid-19 nel Regno Unito e 10 morti — sebbene il primo ministro, Boris Johnson, abbia suggerito che ben 10.000 persone nel Regno Unito potrebbero essere già state infettate dal virus.

Semplicemente guardare l’attuale istantanea può essere fuorviante — a causa del ritardo tra infezione, malattia e morte, coloro che sono già morti sarebbero stati infettati in precedenza, quando il numero di casi era inferiore, mentre si è verificato anche un rapido aumento in nuovi casi.

«È ancora tecnicamente precoce [nello scoppio]. Non si è del tutto sicuri se i casi e le morti siano rappresentativi di come andrà a finire nel lungo termine», ha affermato il dott. Michael Head, ricercatore senior in sanità globale dell’Università di Southampton. «Man mano che andiamo avanti, avremo sostanzialmente dati migliori», ha aggiunto.

Una cosa che è chiara è che i tassi di mortalità differiscono da paese a paese. Attualmente, è stato stimato che l’Italia abbia un tasso di mortalità superiore al 6%, mentre in Corea del Sud il tasso di mortalità è stato stimato al di sotto dell’1%.

È difficile deselezionare esattamente cosa c’è dietro tali differenze. Tuttavia, possono essere in gioco numerosi fattori, tra cui il numero di persone sottoposte a test: i test aggressivi possono segnalare casi più lievi che altrimenti sarebbero andati persi, il che significa che il tasso di mortalità grezza è inferiore.

In effetti si ritiene che il coronavirus circoli inosservato nel nord Italia da metà gennaio, mentre sono state necessarie ripetute visite in ospedale prima che a un uomo di 38 anni con sintomi sia stato diagnosticato Covid-19.

Altri fattori includono, il tipo di misure di sanità pubblica utilizzate, e la demografia della popolazione. L’Italia ha una grande quota di popolazione anziana — circa il 23% della popolazione ha più di 65 anni — ed è noto che le persone anziane sono maggiormente a rischio di Covid-19.

In breve, Boris Johnson ha ragione nel dire che il bilancio delle vittime nel Regno Unito aumenterà. Ma, a questo punto, non è possibile fare una cifra su quanti moriranno. Se le misure di sanità pubblica avranno successo, si spera che la stragrande maggioranza sarà risparmiata».

* Fonte: The Guardian del 13 marzo

** traduzione a cura di SOLLEVAZIONE

image_pdfimage_print

Un pensiero su “COVID-19: LONDRA NON SEGUE LA VIA ITALIANA”

  1. Cittadino dice:

    E ieri mi sono arrivati respiro corto, tosse secca e febbre a 37.6. Poi si sono calmati, la febbre è scesa con l’antipiretico al numero verde hanno detto di attendere, se peggiora richiamare, limitare i contatti con mia madre di 83 anni (‘na parola). Avevano ragione? Penso di sì.

    Spiegazione? La mattina per sbrigare un incombenza ho fatto il tragitto di media lunghezza a piedi. Una passeggiata che non facevo da tempo ma ora è diverso. In questi anni di disoccupazione la mia vita è diventata sempre più progressivamente quella di un depresso recluso. La notte non si prende sonno prima 2.30 ed anche dopo ci si sveglia spesso. La mattina il senso di affaticamento è tale che anche solo alzarsi dal letto è una fatica enorme, devi passeggiare in casa per un paio d’ore per espletare le funzioni intestinali e poter uscire senza problema. Il giorno prima il malessere era tale che non ero neppure riuscito ad uscire ed ho rinviato. Nel tragitto sudo molto e la camicia in carne si bagna, mai avuto problemi basta cambiarla a casa ma stavolta invece è venuta la difficoltà a respirare la tosse e la febbriciattola come mai mi era accaduto prima. Il mio organismo si è indebolito più quanto pensassi e non regge bene neppure le medie camminate, nessun corona virus presumo ma solo un crisi virus che lentamente mi sta portando via la salute. Per questo ovviamente nessun intervento speciale.

    Così mentre alcuni si ammalano per il troppo lavoro altri si ammalano per la disoccupazione. Ed io vorrei solo riavere il mio lavoro, vorrei solo la ricostruzione del mio profilo di lavoratore e la ricollocazione. Anche se penso che fondo dovrei chiedere la pensione di guerra, perché sulla pelle dei precari e disoccupati privi di rappresentanza è stata fatta una guerra.

    Invece Conte si vanta di star allargando il sussidio di disoccupazione a questa o quella categorie, ma come ampiamente prevedibile per me non ci sta nulla. Sempre così, procedure di stabilizzazione? Escluso. Riapertura di graduatorie? Escluso. Quell’orrido interinale che è il reddito di cittadinanza? Escluso. Aumento della misera pensione di mia madre? Esclusa. Anni ed anni di porte che si chiudono in faccia.

    Con la pensione di mia madre si paga l’affitto, coi risparmi forsennatamente accumulati si fa la spesa ed il resto. Ho detestato ogni singolo momento l’obbligo di dover risparmiare in questo modo ma è stato necessario. Dureranno ancora diversi anni e poi?

    Senza un 8 settembre e se l’area noeuro non tiene la barra dritta (come dite voi) veramente il futuro è nero.

    Scusate lo sfogo ma sono davvero stanco.

    Giovanni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *