E SE IL LOCKDOWN FOSSE INUTILE? di Leonardo Mazzei

Siamo sicuri che il confinamento (altrimenti detto lockdown) sia efficace nel contenere la diffusione del coronavirus? In molti, tra i quali il sottoscritto, ne hanno già criticato i tremendi effetti economici e sociali. Ma forse c’è qualcosa di più. Forse il lockdown proprio non serve a nulla, una fonte di danni più che di benefici.

Una serie di grafici prodotti da Google, in base al movimento delle persone rilevato attraverso i cellulari, ci consente un raffronto davvero interessante con le curve ufficiali del contagio di ogni paese. Il risultato è strabiliante. Mentre la presenza di persone negli spazi pubblici è estremamente differenziata tra i paesi più tolleranti e quelli più rigoristi come l’Italia, le curve del contagio (e della mortalità connessa) sono piuttosto simili tra loro. E se una differenza c’è (vedi il caso coreano), questa è semmai a favore di chi ha chiuso meno, non certo di chi ha chiuso di più.

Vedremo tutto ciò con l’ausilio di alcuni grafici. Chi scrive non mette affatto in dubbio la natura particolarmente aggressiva del virus, né la sua estrema contagiosità negli ambienti chiusi. Il dramma del personale sanitario colpito, anche se in buona parte frutto di ben precise responsabilità politiche e gestionali, è lì a dimostrarlo.

Le previsioni (smentite) del governo italiano

I numeri del contagio non obbediscono però alle previsioni degli espertoni. Il caso italiano, come si vede nella figura 1, è piuttosto evidente.

Figura 1 – Previsione ufficiale del governo sulla curva dei contagi a seguito del lockdown (fonte Sole 24 Ore)

Questo grafico è presente nella relazione tecnica del famoso decreto dell’11 marzo, quello che ha imposto il lockdown. E’ evidente come esso si basasse sulla curva del contagio registrata in Cina. Dunque una salita rapida, il picco ipotizzato al 18 marzo, poi una discesa lenta ma costante, fino all’azzeramento dei casi nella terza decade di aprile.

Come noto, le cose sono andate assai diversamente.

Figura 2 – Casi registrati in Italia fino al 12 aprile (fonte worldometers.info)

Nella figura 2 si vede infatti come la discesa dei casi, seguita al picco del 21 marzo, sia in realtà ben più lenta e soprattutto più incerta. Sta di fatto che mentre la curva prevista dal governo l’11 marzo si spingeva ad ipotizzare un totale di 92mila casi, ad oggi siamo invece già arrivati a 162mila. La differenza tra l’ipotesi iniziale e la realtà dei fatti è dunque enorme. Tant’è che adesso nessuno può più seriamente pensare di attendere un illusorio azzeramento dei casi per decretare la fine (sia pure progressiva) del confinamento. Convivere col virus sarà perciò inevitabile.

Naturalmente questa discrepanza tra previsioni e realtà non deve scandalizzare nessuno. Ed essa non mostra ancora quanto sia discutibile l’utilità del lockdown. Il problema è che la curva italiana non è un’eccezione. Essa è anzi la regola nel panorama internazionale. Un panorama dove le misure di confinamento sono state le più diverse tra loro.

Tutti sanno che, restando in Europa, il confinamento è assai più blando in Germania ed in Gran Bretagna, per non parlare della Svezia. Purtroppo, però, i mezzi di informazione fanno a gara a farci vedere un mondo dove tutti corrono a chiudersi più degli altri. Abbiamo così sentito parlare della “marcia indietro” inglese o, più recentemente, di quella svedese, ma mai che nessuno si sia preso la briga di definire in maniera precisa le differenze che esistono. E che sono enormi.

Ma se la linea catastrofista domina come al solito nei media, stavolta ci viene in aiuto Google. Come sappiamo, questo Grande Fratello planetario ha strumenti di controllo inarrivabili. Strumenti decisamente pericolosi, ma nell’occasione utili assai.

Quel che ci dicono gli smartphone

Come noto, attraverso i movimenti tracciabili degli smartphone, si seguono gli spostamenti delle persone. Sulla base di questi dati, Google ha predisposto delle relazioni sui cambiamenti della mobilità dovuti all’epidemia del Covid-19, in tutti i paesi del mondo e nelle regioni di ogni stato. Il periodo analizzato è quello che va dal 23 febbraio al 5 aprile, ma i dati vengono continuamente aggiornati. Ogni variazione percentuale misura lo scostamento dalla baseline rappresentata dalle presenze registrate negli stessi luoghi dal 3 gennaio al 6 febbraio, periodo nel quale l’epidemia non si era ancora diffusa al di fuori della Cina.

Google ha preso in esame la mobilità verso 6 destinazioni: 1) Retail & recreation – luoghi di ricreazione, ristoranti, bar, musei, teatri; 2) Grocery & farmacy – negozi alimentari e farmacie; 3) Parks – parchi, giardini, spiagge; 4) Transit station – stazioni ferroviarie, degli autobus e della metropolitana; 5) Workplaces – luoghi di lavoro; 6) Residential – luoghi di residenza. Chi vuole sbizzarrirsi trova qui le relazioni dettagliate.

Allo scopo di capire gli effetti del lockdown prenderemo in esame 8 paesi, tutti ricompresi tra quelli più colpiti dall’epidemia, quindi più significativi dal punto di vista statistico. Quattro di questi (Italia, Spagna, Francia e Israele) appartenenti alla categoria dei rigoristi (che chiameremo gruppo A); gli altri quattro (Germania, Gran Bretagna, Svezia e Corea del sud) a quella dei tolleranti (gruppo B).

Vediamo ora i dati di ogni paese, passando in rassegna le sei diverse categorie di destinazione proposte da Google. Rendersi conto delle enormi differenze non sarà difficile.

La mobilità verso i luoghi di ricreazione (prima categoria) è diminuita del 95% in Italia, del 94% in Spagna, dell’85% in Francia, del 75% in Israele, del 58% in Germania, del 25% in Svezia, del 17% in Corea del sud. La riduzione è quindi generalizzata, ma estremamente diversificata. Il calo medio del gruppo A è dell’87,25%, quello del gruppo B del 45,5%.

Passando alla seconda categoria (negozi alimentari e farmacie), l’Italia è sempre prima con una riduzione dell’82%, seguono la Spagna (-77%), la Francia (-62%), la Gran Bretagna (-41%), la Germania (-13%), la Svezia (-9%), mentre Israele (+6%) e Corea del sud (+14%) registrano addirittura delle variazioni positive. Il calo medio del gruppo A è in questo caso del 53,75%, quello del gruppo B del 12,25%.

Nella terza categoria – parchi, giardini e spiagge – le differenze diventano abissali (un dato, quello delle presenze negli spazi pubblici all’aperto, che evidenzieremo meglio nella successiva figura 3). In questa tipologia di spazi i paesi del gruppo A registrano tutti un vistoso calo delle presenze: -90% in Italia e Spagna, -73% in Francia, -52% in Israele. Viceversa, in quelli del gruppo B si passa dal -29% della Gran Bretagna, ai tre valori positivi di Corea del sud (+46%), Germania (+61%) e Svezia (+69%). Lo scarto tra il gruppo A (-76,25%) e il gruppo B (+36,75%) non ha bisogno di commenti.

Nella quarta categoria (stazioni del trasporto pubblico) i valori della mobilità tornano tutti negativi, ma anche qui con notevoli differenze: -89% in Spagna, -86% in Italia, -82% in Francia, -57% in Israele. La media del gruppo A è in questo caso del -78,50% contro il -42% del gruppo B, all’interno del quale troviamo il -70% della Gran Bretagna, il -47% della Germania, il -37% della Svezia, il -14% della Corea del sud.

La quinta categoria, relativa alle variazioni della mobilità verso i luoghi di lavoro, ci dice molto su quante attività siano davvero chiuse in ciascun paese. In questo campo le variazioni sono, nell’ordine, le seguenti: Spagna (-68%), Italia (-62%), Israele (-60%), Gran Bretagna (-54%), Francia (-53%), Germania (-30%), Svezia (-18%), Corea del sud (-13%). La riduzione media del gruppo A è del 60,75%, quella del gruppo B del 28,75%. Tenendo conto del lavoro da casa (smart working), questi dati ci indicano che in Germania, Svezia e Corea del sud sono ben poche le attività lavorative chiuse per l’epidemia.

La sesta categoria, sulla mobilità nei pressi del luogo di residenza, ci dice ovviamente cose più scontate. Con l’eccezione di Israele (-30%), gli altri paesi registrano tutti una mobilità in aumento (saranno le famose passeggiate di prossimità!) che va dal +6% della Corea del sud al +24% dell’Italia.

Se vi ho tediato con questa carrellata di numeri è perché penso che possano essere utili a smentire la narrazione ufficiale, evidenziando quanto sia diversa la situazione nei vari paesi. Una sintesi grafica di tutto ciò è stata proposta da Bloomberg nella figura qui sotto.

Figura 3 – Variazioni della mobilità verso luoghi pubblici all’aperto (piazze, parchi, spiagge, porti turistici ecc.) di alcuni paesi (fonte Bloomberg)

Questa elaborazione di Bloomberg è stata effettuata in base ai dati di Google che abbiamo già esaminato. Essa è relativa ai soli spazi pubblici all’aperto, ma abbiamo già visto nel dettaglio come le variazioni della mobilità in questi spazi sia allineata a quella delle altre categorie proposte nelle relazioni di Google.

Gli otto paesi da noi considerati sono tutti presenti nella figura. Nei quattro del gruppo A (i rigoristi) si nota il drastico calo della mobilità (in verde) a partire grosso modo dal 10 marzo. Negli altri quattro (i tolleranti) si nota invece un forte aumento in Germania, Svezia e Corea del sud, con un dato più incerto ed in evoluzione in Gran Bretagna. Insomma, l’arrivo della primavera è stato salutato come si deve nel gruppo B, con la più rigida clausura nel gruppo A. Riguardo alla Corea va ricordato che i tempi dell’epidemia sono stati lì anticipati rispetto all’Europa. Tuttavia, anche nel periodo anteriore, quello più critico per i coreani (a sinistra nel grafico), la diminuzione della mobilità è stata del tutto irrilevante rispetto ai tracolli registrati dai rigoristi.

Mobilità diversa, curva dei contagi analoga

Eccoci così al punto dirimente. Se il lockdown avesse funzionato, i risultati si dovrebbero vedere. Dunque, ad una mobilità così differenziata dovrebbero in qualche modo corrispondere anche delle curve del contagio significativamente diverse. Ma è così?

Figura 4 – Andamento dei casi giornalieri in Italia e Germania: sono così diverse le due curve del contagio? (fonte Worldometers)

Nella figura 4 vediamo come le curve dei casi giornalieri di Italia e Germania siano piuttosto simili. Forse addirittura migliore in Germania, dove invece – in base alla maggiore mobilità – dovremmo trovare l’esatto contrario. Sta di fatto che i dati del 12 aprile mostrano un calo del 68% dei casi in Germania ed uno del 37,6% in Italia, rispetto ai relativi picchi del 27 e del 21 marzo. Naturalmente queste cifre non ci dicono tutto, ma di certo la bontà del lockdown stretto ne esce clamorosamente smentita.

Figura 5 – Spagna e Svezia: sono così diverse? (fonte Worldometers)

Spagna e Svezia sono evidentemente paesi assai diversi, anche per consistenza demografica. Diversissimo, come abbiamo visto, il loro approccio all’epidemia. Eppure nelle curve del contagio tutte queste differenze non si vedono. La discesa rispetto al valore di picco, registrata il 12 aprile, è del 60,5% per la Spagna, del 54,3% per la Svezia. Due valori piuttosto simili, tenuto anche conto che l’epidemia in Svezia è in ritardo di circa una settimana sulla Spagna.

Figura 6 – Israele e Corea del sud (fonte Worldometers)

Nella figura 6 troviamo gli unici due paesi extra-europei considerati. In Israele (appartenente al gruppo rigorista) osserviamo un andamento molto simile a quello di tutti i paesi europei, rigoristi e non. In Corea notiamo invece come l’epidemia sia stata posta sotto controllo in tempi estremamente rapidi, senza mai ricorrere al cosiddetto lockdown. Tanto che, nella seconda parte del periodo considerato, si ha un drastico abbattimento dei casi (ormai ridotti a qualche decina al giorno) in presenza di un notevole aumento della mobilità (vedi figura 3).

Figura 7 – Francia e Gran Bretagna (fonte Worldometers)

I due grafici della figura 7 li mettiamo giusto per completezza. Essi sembrano apparentemente anomali rispetto agli altri, ma si tratta solo di un effetto ottico. L’istogramma relativo alla Francia risulta particolarmente irregolare a causa di un ritardo nella fornitura dei dati che ha gonfiato artificialmente i picchi del 3 e del 7 aprile, con un effetto ottico di appiattimento degli altri dati giornalieri. Tolti questi due giorni il grafico rientra nel solito andamento degli altri paesi considerati. Idem per l’istogramma britannico dove, tolto il picco del 10 aprile, la curva (benché in ritardo di una-due settimane) risulta anche qui piuttosto allineata con quella degli altri paesi.

Conclusioni

Senza dubbio – repetita iuvant – le statistiche non ci dicono tutto. Diverse sono le metodologie usate, diverso il numero di tamponi realizzati in percentuale rispetto alla popolazione. Resta però il fatto che tutti i dati portano alle stesse conclusioni.

Primo, il numero dei casi sta calando un po’ ovunque, ma non nella misura attesa in base al modello cinese. Dunque col virus si dovrà convivere. Chi ancora fa finta di non capirlo, immaginando una “riapertura” solo in presenza di un sostanziale azzeramento dei casi, è fuori dalla realtà.

Secondo, l’andamento dell’epidemia appare omogeneo e piuttosto indifferente alle diverse forme di contenimento adottate. Il lockdown duro e generalizzato sembrerebbe dunque inutile. Un sacrificio chiesto a centinaia di milioni di persone in giro per il mondo cui non hanno corrisposto benefici apprezzabili.

Terzo, chi ha a cuore il futuro delle classi popolari, non deve più tergiversare. La riapertura (sia pure progressiva) di tutte le attività è più urgente che mai. Ed ogni programma di rinascita nazionale non potrà che includere da subito questo fondamentale passaggio.

Alle esigenze economiche e sociali, come pure a quelle politiche e democratiche (l’emergenza in corso ha di fatto sospeso sine die la democrazia), si aggiunge ora l’evidenza di un lockdown forse del tutto inutile nel contrasto dell’epidemia. Vogliamo cominciare ad impugnare con decisione l’obiettivo dell’uscita dall’emergenza? Non farlo sarebbe sbagliato, incomprensibile e perfino stupido.