Browse By

ANNULLARE I DEBITI DEI PAESI PIÙ POVERI di Bernie Sanders e altri

 682 total views,  2 views today

La Pandemia ha contribuito a scatenare quella che sembra essere una devastante crisi economica mondiale. Essa colpirà in modo violento anzitutto i pasi più poveri del pianeta, già sotto scacco a causa dei debiti che essi dovrebbero rimborsare.
Le Nazioni Unite prevedono che la crisi del coronavirus potrebbe aumentare la povertà globale fino a mezzo miliardo di persone, l’8% della popolazione umana totale. Il Programma alimentare mondiale stima che il numero di persone spinte sull’orlo della fame a causa della crisi economica globale potrebbe raddoppiare, da 135 milioni a 265 milioni, a causa della pandemia. Nel frattempo, i paesi in via di sviluppo detengono circa $ 11 trilioni di debito estero, con $ 3,9 trilioni di interessi dovuti solo quest’anno. Sessantaquattro paesi attualmente pagano di più per gli interessi sul debito che per l’assistenza sanitaria.
Per la cancellazione di questi debiti odiosi il 13 marzo scorso 300 parlamentari (primo firmatario Bernie Sanders) hanno sottoscritto una lettera alla banca Mondiale e al Fondo Monetario Internazionale che qui sotto pubblichiamo.

Lettera al FMI e alla Banca mondiale

Washington, DC 20433
Kristalina Georgieva
The International Monetary Fund 700 19th Street, N.W. Washington, DC 20431

Caro Presidente Malpass e Direttore Generale Georgieva:

13 maggio 2020

Membri dei parlamenti di tutto il mondo vi scrivono per chiedere la totale remissione del debito dei paesi dell’Associazione Internazionale dello Sviluppo (IDA) da tutte le principali istituzioni finanziarie internazionali (IFI) durante questa crisi globale di Covid-19.

Siamo lieti di notare che il Gruppo della Banca mondiale (WBG) e il Fondo monetario internazionale (IMF) hanno già preso provvedimenti per attuare la riduzione del debito e la sua sospensione per i paesi più poveri del mondo. Il recente annuncio del FMI di finanziamenti per la riduzione temporanea del debito per 25 paesi membri è una tendenza incoraggiante, ma un sostegno molto più diffuso e a lungo termine è necessario.

Questo è il motivo per cui chiediamo a tutti i leader del G-20, attraverso queste IFI, di sostenere la cancellazione degli obblighi di debito detenuti da tutti i paesi IDA durante questa pandemia senza precedenti. La sospensione temporanea e il differimento del debito non saranno sufficienti per aiutare questi paesi a dare piena priorità alla gestione rapida e sostenibile dell’attuale crisi. Le comunità vulnerabili che non dispongono delle risorse e dei privilegi per implementare adeguate misure di sanità pubblica saranno infine gravate in modo sproporzionato dal peso del coronavirus. Tale pregiudizio implica che le catene di approvvigionamento globali, i mercati finanziari e altri scambi interconnessi continueranno a essere interrotti e destabilizzati.

Vi chiediamo inoltre di sostenere un’emissione importante relativa ai diritti speciali di prelievo (SDR) al fine di fornire ai paesi in via di sviluppo un sostegno finanziario urgente. La crisi economica innescata dalla pandemia promette di essere molto più devastante della crisi finanziaria globale del 2009, quando i DSP sono stati distribuiti l’ultima volta. Concordiamo con la stima “forchetta bassa” della direttrice generale Georgieva di 2,5 trilioni di dollari per le attuali esigenze finanziarie dei paesi in via di sviluppo. Sarà necessaria un’emissione di DSP diversi miliardi di dollari per prevenire un aumento significativo della povertà, della fame e delle malattie.

Non abbiamo solo un dovere umanitario di aiuto ai paesi bisognosi, abbiamo anche un interesse comune e diretto nel sostenere gli aiuti globali per una ripresa e una resilienza efficaci. Come comunità internazionale collaborativa, possiamo iniziare a superare questa pandemia affincé vi si ponga fine per tutti quanti.

Per questi motivi, esortiamo la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale a prendere forti provvedimenti per fornire un ampio programma di riduzione del debito e assistenza finanziaria a tutti i paesi poveri più esposti ai devastanti costi umani ed ai danni economici duraturi da Covid19. Vi chiediamo di collaborare con i partner bilaterali e multilaterali interessati per fornire una risposta entro un massimo di 15 giorni dal ricevimento della presente lettera.

È nel nostro comune interesse in materia di salute pubblica, di sicurezza e d’economia che ci riuniamo e agiamo coraggiosamente per aiutare le nazioni più vulnerabili. Siamo pronti a lavorare con voi e sostenere soluzioni immediate ea lungo termine per garantire che i paesi fragili e indigenti ricevano la flessibilità e la consulenza di cui hanno bisogno per prevenire crisi umanitarie, proteggere la salute pubblica e promuovere la stabilità mondiale durante questa crisi e anche dopo che sia finita per le nazioni ricche.

Vedi la lista di tutti i firmatari

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *