Browse By

LO SCEMO DEL VILLAGGIO di Sandokan

 554 total views,  1 views today

«Se io fossi primo ministro, Gerusalemme sarebbe riconosciuta come capitale di Israele dal mio governo, e le relazioni con la Cina e l’Iran sarebbero sospese».
Matteo Salvini, 17 settembre 2020

Lette le idiozie di questo poveraccio non ci resta che buttarla in barzelletta.
Sembra proprio l’incarnazione del noto personaggio irriso da Renato Carosone.

Tu vuo’ fa’ l’Americano

Puorte ‘e cazune cu nu stemma arreto
Na cuppulella c’a visiera aizata
Passa scampanianno pe’ Tuleto
Comm’a nu guappo, pe’ te fa’ guardà
Tu vuo’ fa’ l’americano
Mericano, mericano
Sient’a mme chi t”o ffa fa’?
Tu vuoi vivere alla moda
Ma se bevi whisky and soda
Po’ te siente ‘e disturba’
Tu abball’ o’ rock’n’roll
Tu giochi a baseball
Ma e sorde p”e Camel
Chi te li da?
La borsetta di mammà
Tu vuo’ fa’ l’americano
Mericano, mericano
Ma si’ nato in Italy
Sient’ a mme, nun ce sta niente ‘a fa’
Ok, napulitan
Tu vuo’ fa’ l’american
Tu vuo’ fa’ l’american
Comme te po’ capi’ chi te vo’ bene
Si tu le parle miezo americano?
Quanno se fa l’ammore sott’ ‘a luna
Comme te vene ‘ncapa ‘e di’ “I love you”?
Tu vuo’ fa’ l’americano
Mericano, mericano
Sient’a mme chi t”o ffa fa’?
Tu vuoi vivere alla moda
Ma se bevi whisky and soda
Po’ te siente ‘e disturba’
Tu abball’ o’ rock’n’roll
Tu giochi a baseball
Ma e sorde p”e Camel
Chi te li da?
La borsetta di mammà
Tu vuo’ fa’ l’americano
Mericano, mericano
Ma si’ nato in Italy
Sient’ a mme, nun ce sta niente ‘a fa’
Ok, napulitan
Tu vuo’ fa’ l’american
Tu vuo’ fa’ l’american
Tu vuo’ fa’ l’americano
Mericano, mericano
Ma si’ nato in Italy
Sient’ a mme, nun ce sta niente ‘a fa’
Ok, napulitan
Tu vuo’ fa’ l’american
Tu vuo’ fa’ l’american
(Whisky e soda e rock’n’roll
Whisky e soda e rock’n’roll
Whisky e soda e rock’n’roll)

image_pdfimage_print

4 pensieri su “LO SCEMO DEL VILLAGGIO di Sandokan”

  1. Cittadino dice:

    I vari gruppi delle borghesie nostrane sono tutti atlantisti, Per svincolarsi dalla morsa serve un gruppo molto combattivo e determinato nel difendere la propria autonomia. Per capire poi quanto la cosa sia difficile basta guardare cos’è accaduto a chi ci ha provato, Mattei, Olivetti, Gardini. O guardare anche alle difficoltà della Germania nel difendere il nord stream 2 dagli attacchi di entrambe le fazioni angloamericane (sia quella trumpiana che quella obama-clintoniana giusto per intenderci).

    Ma un gruppo così determinato all’interno della borghesia nostrana da dove potrebbe arrivare? Dall’Eni? Da ciò che ancora resta di finmeccanica? Vicino a Salvini c’era stato Savoini che pare essere stato accantonato (come il south stream ahimè). Sulla piccola e media impresa non so nemmeno quanto si possa fare affidamento visto il ridottissimo acume (geo)politico di chi la dirige e la ferrea identificazione con l’ideologia americana.

    Giovanni

  2. sollevazione dice:

    Che le classi dominanti siano tradizionalmente atlantiste non c’è dubbio.
    Tuttavia le tensioni geopolitiche, il trumpismo, già stanno producendo in seno al blocco dominante evidenti fratturazioni.
    Ci sono due fronti, quello filo tedesco e eurocratico e filo clintoniano, maggioritario. Uno minoritario che vuole staccarsi dalla Germania e guarda a Trump. Molto dipende da come andranno le elezioni negli USA.
    Occorre costruire un terzo campo, né con Washington né con Berlino, che punta ad uno sganciamento da ogni posizione di vassallaggio.

  3. Cittadino dice:

    Sì, ma questo terzo campo per fare il CLN deve pur trovare una sponda all’interno della borghesia che condivida la necessità di sganciarsi da ogni posizione di vassallaggio. Questa sponda da dove potrebbe arrivare?

    Oltre alle elezioni USA ci sono vari fronti sempre più in tensione, il mediterraneo, il mar cinese. Vedremo

    Giovanni

  4. Cettina dice:

    I vari scemi chi sono,un po’ di autocritica non guasterebbe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *