TACERE NON È AMMESSO di Patto Julian Assange

Londra. Il processo sulla possibile estradizione di Julian Assange negli Stati Uniti raggiunse un punto di svolta il 1 ottobre quando il giudice distrettuale Vanessa Baraitser stabilì che la sentenza sarebbe stata diffusa il 4 gennaio 2021.
Lunedì 4 gennaio si conoscerà dunque il destino del fondatore di WikiLeaks.
E’ accusato dalla “giustizia” americana di aver violato l’Espionage Act del 1917 attraverso la pubblicazione di documenti diplomatici e militari segreti nel 2010.
Se la corte inglese dovesse confermare i suoi capi di imputazione, Assange sarebbe consegnato agli Stati Uniti, dove un ulteriore processo potrebbe comminargli fino a 175 anni di carcere.
In gioco non c’è solo la sua vita ma il valore delle sue azioni, la legittimità di dire la verità sui crimini dell’imperialismo americano.
Di mezzo non ci sono quindi solo i diritti di Assange, c’è la sorte stessa della libertà d’espressione e d’informazione, del giornalismo indipendente.
No all’estradizione!
Libertà per Julian Assange!
Lunedì 4 gennaio, a partire dalle ore 13:00 sulla pagina facebook del PATTO JULIAN ASSANGE ci sarà una diretta no-stop dedicata con collegamento da Londra.