Browse By

LA RUSSIA E LA GUERRA CHE VERRA’ di A. Vinco

 624 total views,  3 views today

Volentieri pubblichiamo queste considerazioni di A. Vinco.

Roberto G., assiduo lettore di sollevazione, in un suo commento al mio articolo E’ LA TERZA GUERRA MONDIALE ha scritto:

«Ad esempio la Russia è un paese autonomo dal punto di vista militare ma sul resto non direi. Con Putin ha conquistato una certa autonomia politica ma basta un Medvedev qualsiasi per vederla compromessa. E quanti Medvedev ci sono in Russia? Non ha un’autonomia comunicativa nè un’ideologia precisa, non è in grado di offrire un suo punto di vista sulla contemporaneità e sulla storia che contrasti quello imperiale. E’ vero che grazie all’autonomia militare ha potuto salvare la testa di Assad ma nulla ha potuto sulla sua reputazione. Assad è rimasto il cattivo della guerra in Siria ed i buoni sono i curdi ed i caschi bianchi per i quali si sono spese financo le stelle di Hollywood».

Roberto merita una risposta, il suo commento merita di essere integralmente letto. Con lui vogliamo rispondere a quanti ancora vivono la guerra ibrida e non ideologica del presente con gli occhi e il pensiero ideologizzato (sia esso marxista o liberista) del secolo passato.

Il capitalismo politico di Nikolai Patrushev

Milanovic e Aresu hanno utilizzato la categoria di “capitalismo politico” per descrivere la lotta interimperiale di questo contesto storico. Il concetto è giusto, è sbagliata però l’applicazione.

Gli Stati Uniti non sono propriamente un modello di capitalismo politico, rimangono l’ideocrazia del liberismo imperialista, che oggettivamente resiste dal secolo scorso a oggi. Fascismo e nazismo non furono ideocrazie, ma regimi di sviluppo e modernizzazione sociopolitica e economica a seguito del Diktat antitaliano e antitedesco di Versailles, l’URSS non fu più una ideocrazia dal 1941, quando dovette tornare al nazionalismo grande russo, secondo Mao addirittura all’imperialismo neozarista, per non morire del tutto. In definitiva dunque, l’unica autentica “ideologia ideocratica” del ‘900 fu il liberismo statunitense.

Crollata l’URSS, Patrushev, dotatissimo quadro dell’intelligence russa, rileggeva la storia novecentesca alla luce delle considerazioni di A. Smith, Ivan Ilyn, Huntington e della geopolitica centroeuropea degli Anni Trenta e Quaranta. Arrivò alla conclusione che liberalismo e marxismo erano due facce della medesima medaglia, in quanto anteponevano l’astratto concetto ideologico allo storicismo culturale della civiltà; in seguito comprese, prima di ogni altro statista, l’inevitabilità del declino del ciclo del liberismo imperialista statunitense e l’astrattezza antistorica del modello liberista tecnocratico di UE.

Lo stalinismo impose il comunismo mediante la sostanza della grande nazione russa (1), antiasiatica e antislamica, mentre Patrushev ricalibra la civiltà russa e il Ruskiy Mir in base alla visione di Impero multiculturale e multirazziale; la burocrazia sovietica, che non credeva più alla validità scientifica del marxismo sin dal 1941, finisce per sostituirlo con il vago proposito di un comunitarismo solidaristico russofilo di natura internazionalista che, nei fatti, scontenta un po’ tutti, da Praga a Budapest. Già dalla metà degli anni ’90, nel periodo della catastrofe El’cin, Patrushev, l’ideologo della Rinascita russa, teorizzò esplicitamente il “capitalismo politico”, in larga parte di stato.

Che significa capitalismo politico? Che il capitalismo controllato dallo Stato e dall’elite militare diviene un’arma e uno strumento dell’Impero russo, superando così l’immobilismo reazionario della tarda burocrazia sovietica. Gli USA, come detto, non sono un capitalismo politico, ma un’ideocrazia elitista basata sul liberismo e sulla linea geopolitica che vede costantemente il rinato Impero russo come primo nemico.

La Cina non è un capitalismo politico, almeno nel senso di Patrushev, in quanto l’elite mandarina studia ancora con profitto i testi di Marx e Engels che Patrushev ha gettato nelle fiamme. Il termine “Socialismo di mercato con caratteristiche cinesi”, pur con le sue ambiguità, ci pare perciò più corretto. Dalla prova di forza della “guerra fredda” e della successiva globalizzazione, è stata del resto l’elite mandarina a uscire più forte rispetto al liberismo statunitense. Di certo, le sconfitte militari americane in Ucraina e nel Grande Medio Oriente, sono frutto della realpolitik del Cremlino, più che dell’espansionismo mercantilista di Pechino.

Dunque, a differenza di quanto pensa Roberto G, la Russia dei nostri giorni è l’unico modello di un nuovo pensiero geopolitico e strategico, moderno e flessibile, che non solo si è concretizzato in capitalismo politico di Stato ma si è stabilizzato e ha resistito ai più pesanti attacchi concentrici da guerra ibrida. Patrushev, non Trump né Deng Xiaoping, è perciò il Machiavelli o il Mazzini dei nostri tempi.

Quello vissuto dalla Russia di Putin dal 2014 a oggi è un vero e proprio Risorgimento, che la pone politicamente in uno stadio più avanzato e rispetto agli USA, ancora fermi al neoliberismo e di conseguenza alla logica dello scambio ineguale, e rispetto alla Cina, ancora ferma al neomarxismo come recitano i manuali di stato. La Russia vive e progetta come una superpotenza del 2020, Cina e USA ancora come potenze novecentesche.

Il declino USA 

Proprio in base a tali considerazioni strategiche, Patrushev previde con anni di anticipo il declino del ciclo liberista. La retorica dei diritti individuali, di cui il ciclo ideocratico liberista non può far  a meno, avrebbe portato l’occidente a una stato di latente guerra di tutti contro tutti. Lo stiamo vedendo ora proprio negli USA! Inoltre, come è noto, gli USA si affermarono nel secondo conflitto mondiale grazie alla produzione su larga scala di tipo automobilistico che forniva al gigante nord-americano un notevole vantaggio, decisivo, sull’Asse Roma-Berlino-Tokyo.

Oggi, viceversa, l’erosione della manifattura USA è diventata addirittura una questione di sicurezza nazionale, che richiederebbe un vero intervento militare ma gli apparati militari statunitensi non hanno né la competenza né la capacità per organizzare la rinascita del manifatturiero. Tutti i tentativi dei Governi Obama I e II e dell’ultimo, Governo Trump, per restaurare la potenza industriale interna sono falliti.

La Silicon Valley non è datrice di istanza finale e l’avanguardismo tecnologico USA, peraltro messo in fortissima discussione dalle ultime scoperte cinesi, non è in grado di combattere la disgregazione sociale avanzante, la distanza sempre più percepibile tra l’America delle coste e le altre Americhe, la fine in sostanza del cosiddetto “sogno americano”, che ha costituito la quintessenza dell’ideocrazia liberista e della retorica del dirittismo individualistico, con i giganti del GAFAM che puntano ormai apertamente al totalitarismo globalista neofeudale. Per questo il capitalismo statunitense è un capitalismo liberale oligarchico, non un capitalismo politico.

Di conseguenza, le considerazioni di Roberto G sul presunto unipolarismo vigente sono smentite da una lettura dei fatti in linea con il concetto Hibrid Warfare. Gli Usa non sono più indipendenti né industrialmente né economicamente, si reggono ormai esclusivamente sulla potenza geopolitica del dollaro, che è però nelle mani, in larghissima parte, di Pechino, Tokyo, Riad, Doha. La linea Patrushev fu temprata dal crollo sovietico, la linea sovranista e liberista Trump non sembra in grado di poter evitare il crollo americano, la linea Biden o del Great Reset è la classica dottrina del neoliberismo oligarchico imperialista aggiornata alla luce dell’ormai prossimo primato tecnologico di Pechino e del primato geopolitico di Mosca.

Il nemico alle porte

L’elite russa sa bene che la guerra è già in atto, potrebbe miracolosamente fermarsi o prendere forme mai viste prima. Solo una guerra mondiale potrà infatti salvare, o definitivamente annientare, gli USA. Lo scorso 20 maggio Qiao Liang, influente generale in pensione, teorico della “guerra senza limiti”, ha affermato senza peli sulla lingua che il nazionalismo confuciano han, antioccidentale per sua stessa natura, ha il vento della storia dalla propria parte. Fermarsi ora sarebbe un delitto verso le nuove generazioni cinesi.

Pechino marcia verso il primato globale e verso un nuovo ordine strategico che sostituisca allo scambio ineguale liberal-capitalista una sorta di “armonia democratico-confuciana globalizzata”, secondo la versione fornita dall’elite mandarina.  Esclusa la guerra nucleare, in quanto nessuno è disposto a lanciare il primo ordigno senza conoscere il danno del contraccolpo avversario ma nemmeno gli effetti su larga scala, rimangono le vie della guerra convenzionale globale o quella del conflitto regionale tra USA e Cina, come prevede tra le righe il documento strategico  presentato da Indopacom: Regaining the Advantage (2020-2026). Il Comando Indopacifico scarta l’ipotesi Taiwan, un vantaggio tattico per Pechino, prefigura invece come scenario centrale quello delle isole  dell’arcipelago Spratly.

Pechino punta invece a Taiwan, anche in omaggio all’inevitabile mobilitazione nazionalista di più d’un miliardo di cinesi e delle varie comunità fuori frontiera. Viceversa, Mosca immagina scaramucce continue ma terribili e micidiali proprio sul teatro europeo o balcanico, per impedire anzitutto il benessere materiale e psicologico europeo, punto dolente, per il liberismo imperialista USA, delle contraddizioni sociali mondiali.

La Germania, ormai alle prese con una vera e propria crisi strutturale, non potrà continuare sui suoi standard se non appoggiandosi sempre più su Pechino. Anche volesse sostenere Berlino la nuova amministrazione Biden non potrebbe, a livello qualitativo, fornire ai tedeschi il medesimo aiuto industriale e tecnologico che la Cina è, invece, già in grado di sostenere. Se Xi Jinping ha scelto l’Italia, con il suo trasversale partito cinese (che va dalla Destra sociale di Geraci sino a Prodi, passando per Bettini, Rizzo e D’Alema), come retrovia politico-diplomatico, ha scelto però Berlino come hub tecnologico-industriale della propria offensiva europea. Mosca sarà inevitabilmente attratta in questa perversa ragnatela, per quanto farà di tutto per serbare la propria neutralità strategica.

Di fronte alla classica, e sconsiderata, fiammata russofoba, caratteristica delle amministrazioni democratiche statunitensi, ove Putin fosse messo con le spalle al muro,  in questo particolare momento storico non sarebbe da escludere, come ipotesi realistica, uno scenario nord-coreano a Mosca: necessaria militarizzazione della vita civile e ritirata strategica nella fortezza Rus’.

Tali conseguenze sarebbero del tutto imprevedibili per gli USA, che non sono stati in grado di gestire Pyongyang negli ultimi decenni. Le cose sarebbero, a quel punto, ben peggiori per l’Occidente di fronte a un Impero dal potenziale geopolitico, geoeconomico e militare come è quello russo. Un quadro evidentemente ben distante dai vari Medvedev al Cremlino che immagina Roberto prefigurando una nuova Yalta con gli USA di Biden. Siamo invece del parere che Vladimir Putin si sia rivelato, soprattutto dal 2014, un ottimo interprete politico soggettivo della linea strategica di civiltà di Patrushev (Ruskiy Mir) o del capitalismo politico di Stato etico.

NOTE 

1) “Conversazioni con Stalin” di Gilas sono a nostro avviso l’autentico testamento storico e politico dello stalinismo

image_pdfimage_print

9 pensieri su “LA RUSSIA E LA GUERRA CHE VERRA’ di A. Vinco”

  1. Nello dice:

    Quello che manca alla Russia di Putin è la capacità comunicativa sullo scenario globale. Guardo la TV russa quasi tutte le sere (prima di girare su quella italiana per i vari Montalbano ,Fiorello,etc…). I dibattitti sui problemi geopolitici sono molto accesi e stimolanti. Alcuni intellettuali ,politici e pubblicisti russi sono ben consapevoli del deficit politico e ideologico del Paese su varie questioni cruciali dall’Ucraina alla Siria e al contesto europeo. Tuttavia la loro funzione di analisi e di stimolo ,assai vivace e a tratti polemica nei confronti dell’establishment attuale, sembra poi cadere nel vuoto di una politica estera prudente e attendista. La Russia, sulla scorta del suo ricchissimo patrimonio culturale ed artistico, dovrebbe diventare attraente non solo per pochi slavisti russofoni nel mondo occidentale. Dovrebbe diventare di moda e di tendenza ,come per certi versi è riuscita persino la Cina. Nello

  2. Michele dice:

    Per Nello:
    Putin è lo statista più Ammirato al mondo o no?

    1. Nello dice:

      In parte,anzi in gran parte è così anche nella diaspora degli immigrati russi in Occidente e tra molti cittadini dell’ex URSS ,ma non lo è il suo Paese e la cultura russa, se si eccettuano i grandi classici, però percepiti paradossalmente come separati dal contesto storico e politico. E invece questo è un errore, perché l’attuale leadership appare, soprattutto da un determinato momento successivo all’ uscita dal marasma post-el’ciniano, nuovamente radicata nella tradizione culturale e spirituale della Russia. Potrei dire con una forzatura che il dibattito tra Slavisti e Occidentalisti è In Russia ancora attuale. Vedi i richiami al Dostoevskij pensatore politico di “Note invernali su impressioni estive” fino a Solzhenicyn del vescovo di Pskov,molto ascoltato da Putin. ‘ E in quel diario di viaggio che viene impostata la questione del rapporto Russia-Europa in termini ancora validi per l’élite russa. Ma la questione è un’altra, come dice non erroneamente il comento di Roberto. Chi in Occidente e in Italia è al corrente di questo dibattito di idee? Quasi nessuno.

  3. RobertoG dice:

    Interessante, Un breve commento mi sembra doveroso.
    Il punto è: come si misura l’egemonia? Forse attraverso la potenza militare e/o quella economica? Credo proprio di no, bensì a mio giudizio la risposta è: attraverso le idee e la loro capacità di penetrazione nell’immaginario collettivo. Potremmo dire quindi attraverso la forma esteriore e la capacità di diffonderla e far sì che le persone si identifichino con essa.
    Gli Stati Uniti posseggono un imponente apparato militare ed economico, ma non è attraverso quello che tengono sottomesso il mondo. Lo vediamo bene noi italiani che non siamo una delle loro colonie a causa dei 113 siti territoriali che hanno sottratto alla nostra sovranità ma bensì perchè dopo tanti anni del loro dominio ci siamo letteralmente identificati con il loro modo di pensare, di vivere, di giudicare il mondo e persino di parlare. Siamo stati investiti da qualcosa che chiamare propaganda è davvero riduttivo e che invece andrebbe definita come assorbimento: politico, sociale, culturale. Siamo abituati a guardare sempre di là dell’Atlantico (o all’Inghilterra che ne è una propaggine) come punto di arrivo per ogni persona di successo o come mezzo migliore per ottenerlo. Parlo dell’Italia perchè la conosco bene ma è certo che sia più o meno così in ogni angolo del mondo.
    Che cosa rappresenta per noi la Russia? Putin descritto come un orco cattivo, Navalny l’eroico dissidente anche se si tratta di uno che in patria non conta un fico secco, i giornalisti che vengono ammazzati, gli oppositori avvelenati. Altri personaggi non ne conosciamo. Patrushev? E chi se lo fila? Ditemi il nome di un attore o di un cantante o di un artista russo che abbia una grande popolarità in Italia e che svolga un ruolo positivo per quel paese. Per contro i russi sono sempre rappresentati come i cattivi ed i mafiosi dei film e delle serie. Un paese ogni volta descritto come freddo, infido arretrato ed inospitale. I pochi film russi che circolano in occidente si devono avvalere di case di produzione statunitensi (e ho detto tutto). Quale alternativa quindi rappresenta la Russia per un giovane rispetto all’immaginario amerikano? Nessuna.
    Sulla Cina: costruisce infrastrutture per organizzare i suoi commerci ma viene descritta come un paese di predoni che si mangiano il nostro paese (vero senatore Paragone?). E’ cresciuta sì, ma a patto di copiare il modello di quelli con cui voleva competere (perchè guarda Angelo non è mica vero che gli Stati Uniti sono semplicemente un’ideocrazia liberista. Il liberismo è riservato agli strati bassi e medi, ma in quelli alti e strategici per l’impero tutto è assistito dal potere statale, Gates, Zuckerberg, Bezos, Musk usciti dal nulla è una favoletta per i gonzi). Per il resto i cinesi per noi sono quelli che vendono chincaglierie e prodotti di scarsissima qualità e se parli al primo che passa per la strada di confuciano han forse penserà che sia un nuovo tipo di involtino primavera servito nei ristoranti.
    Si potrebbe continuare, ma mi fermo qui, perchè mi sembra di aver chiarito che cos’è che voglio dire.

    p.s. grande parte delle risorse messe in campo per la CIA non sono destinate ad operazioni da 007, bensì al controllo dei contenuti web, dei prodotti giornalistici e letterari nonchè dei soggetti e delle sceneggiature dei film e delle serie televisive.

  4. AV dice:

    Ciao Roberto, mi fa piacere che dopo i commenti dei mesi scorsi, in cui davi ancora per certa la supremazia politica economica e militare statunitense, ora parli di sola supremazia propagandistica. Va bene, ma dove? In UE e basta. Nemmeno più negli Usa hanno la supremzia della propaganda, se è vero, come è vero, che un giorno dopo l’altro tolgono le statue dei padri della patria dai posti in cui si trovavano. Negli Ue ci si basa ancora sui fatti del 39-45 per tenerci incatenati, ma credi che ai cinesi e ai russi interessi ciò? Direi di no. Considera poi che tra 30 anni gli europei saranno una popolazione meno del 4% mondiale e trai tu le conseguenze del caso. Ciao AV COMO

  5. RobertoG dice:

    Scusa Angelo, solo una precisazione. Quello che ho cercato di descrivere è il meccanismo attraverso il quale si consolida l’egemonia dopo averla conquistata. Il che non significa che se hai quella propagandistica (che ripeto preferirei definire di più assorbimento) necessariamente hai perso le altre, è semplicemente che ti servono molto meno. Quando i Romani sconfissero gli Etruschi poi li assorbirono culturalmente ed a quel punto non avevano certamente più bisogno di usare le spade. Speriamo che noi italiani non si faccia la stessa fine. Un saluto.

  6. Angelo dice:

    Sì ma ti ripeto, continui a guardare l’Egemonia attraverso gli occhi della Vecchia Stanca Europa, un 4% della popolazione globale, da qui a 25 anni. Non è un po’ unilaterale? Vedi che Egemonia vige in Asia, in Russia (Il Paese più grande al mondo), in Africa ecc. Questo occorre fare se vogliamo fare analisi scientifica.
    Quanto al liberismo USA, hai ragione in quel che dici al 100 per cento. Ma io penso che il dominio politico sia stato esercitato e lo sia tuttora dall’elite finanziaria, non da quella statalpolitica, per cui parlo di liberismo. Trump è una eccezione : per il resto guarda i finanziatori dei candidati presidenziali. Peraltro Trump stesso è anarcaliberista di suo
    Ciao Roberto!

  7. Pingback: RUSSIA: L’OCCIDENTE GIOCA COL FUOCO di A. Vinco
  8. Trackback: RUSSIA: L’OCCIDENTE GIOCA COL FUOCO di A. Vinco
  9. Pingback: Russia: l’Occidente gioca col fuoco – Antimperialista
  10. Trackback: Russia: l’Occidente gioca col fuoco – Antimperialista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *