Browse By

LA MIA RICETTA di Mario Draghi

 749 total views,  1 views today

Per capire quale linea potrebbe adottare Draghi è utile rileggere la famosa intervista concessa il 25 marzo del 2020 al Financial Times. Sulla politica economica che contempla e gli orizzonti di ristrutturazione sistemica che invoca, torneremo. Per ora mettiamola così: il lupo si traveste da agnello…

Quella contro il coronavirus è una guerra, dobbiamo mobilitarci di conseguenza 

La pandemia di coronavirus è una tragedia umana di proporzioni potenzialmente bibliche. Molti oggi vivono nella paura della loro vita o piangono i loro cari. Le azioni intraprese dai governi per evitare che i nostri sistemi sanitari vengano sopraffatti sono coraggiose e necessarie. Devono essere supportati.  Ma queste azioni hanno anche un costo economico enorme e inevitabile. Mentre molti affrontano una perdita di vite umane, molti di più affrontano una perdita di mezzi di sussistenza.

Giorno dopo giorno, le notizie economiche peggiorano. Le aziende devono affrontare una perdita di reddito nell’intera economia. Moltissimi stanno già ridimensionando e licenziando lavoratori. È inevitabile una profonda recessione.  La sfida che dobbiamo affrontare è come agire con forza e velocità sufficienti per evitare che la recessione si trasformi in una depressione prolungata, resa più profonda da una pletora di inadempienze che lasciano danni irreversibili.

È già chiaro che la risposta deve comportare un aumento significativo del debito pubblico. La perdita di reddito subita dal settore privato – e qualsiasi debito accumulato per colmare il divario – deve essere alla fine assorbita, in tutto o in parte, nei bilanci del governo. Livelli di debito pubblico molto più elevati diventeranno una caratteristica permanente delle nostre economie e saranno accompagnati dalla cancellazione del debito privato.

È compito dello Stato utilizzare il proprio bilancio per proteggere i cittadini e l’economia da shock di cui il settore privato non è responsabile e non può assorbire. Gli Stati lo hanno sempre fatto di fronte alle emergenze nazionali. Le guerre — il precedente più rilevante — sono state finanziate dall’aumento del debito pubblico. Durante la prima guerra mondiale, in Italia e Germania tra il 6 e il 15 per cento della spesa bellica in termini reali veniva finanziato dalle tasse. In Austria-Ungheria, Russia e Francia, nessuno dei costi della guerra fu pagato con le tasse. Ovunque, la base imponibile è stata erosa da danni di guerra e coscrizione. Oggi questa base è erosa dal disagio umano della pandemia e dalla chiusura.

La domanda chiave non è se ma come lo Stato dovrebbe fare buon uso del proprio bilancio. La priorità non deve essere solo fornire un reddito di base a coloro che perdono il lavoro. In primo luogo, dobbiamo proteggere le persone dalla perdita del lavoro. Se non lo facciamo, usciremo da questa crisi con un’occupazione e una capacità permanentemente inferiori, poiché le famiglie e le aziende lottano per risanare i loro bilanci e ricostruire il patrimonio netto. I sussidi all’occupazione e alla disoccupazione e il rinvio delle tasse sono passi importanti che sono già stati introdotti da molti governi.

Ma proteggere l’occupazione e la capacità produttiva in un momento di drammatica perdita di reddito richiede un sostegno immediato della liquidità. Ciò è essenziale per tutte le imprese per coprire le proprie spese operative durante la crisi, siano esse grandi società o ancor più piccole e medie imprese e imprenditori autonomi. Diversi governi hanno già introdotto misure favorevoli per convogliare la liquidità verso le imprese in difficoltà.

Ma è necessario un approccio più completo. Sebbene diversi paesi europei abbiano strutture finanziarie e industriali diverse, l’unico modo efficace per entrare immediatamente in ogni crack dell’economia è mobilitare completamente i loro interi sistemi finanziari: mercati obbligazionari, principalmente per grandi società, sistemi bancari e in alcuni paesi anche sistema per tutti gli altri. E va fatto subito, evitando ritardi burocratici. Le banche in particolare si estendono a tutta l’economia e possono creare denaro istantaneamente consentendo scoperti di conto o aprendo linee di credito.  Le banche devono prestare rapidamente fondi a costo zero alle aziende pronte a salvare posti di lavoro. Poiché in questo modo stanno diventando un veicolo per la politica pubblica, il capitale necessario per svolgere questo compito deve essere fornito dal governo sotto forma di garanzie statali su tutti gli scoperti o prestiti aggiuntivi. Né la regolamentazione né le norme sulle garanzie dovrebbero ostacolare la creazione di tutto lo spazio necessario a tal fine nei bilanci delle banche.

Inoltre, il costo di queste garanzie non dovrebbe essere basato sul rischio di credito dell’azienda che le riceve, ma dovrebbe essere pari a zero indipendentemente dal costo del finanziamento del governo che le rilascia.  Le aziende, tuttavia, non attingeranno al sostegno della liquidità semplicemente perché il credito è a buon mercato. In alcuni casi, ad esempio le aziende con un portafoglio ordini, le loro perdite potrebbero essere recuperabili e poi ripagheranno il debito. In altri settori, probabilmente non sarà così. Tali società potrebbero essere ancora in grado di assorbire questa crisi per un breve periodo di tempo e aumentare il debito per mantenere il proprio personale al lavoro. Ma le loro perdite accumulate rischiano di compromettere la loro capacità di investire successivamente. Inoltre, se l’epidemia di virus e i relativi blocchi dovessero durare, potrebbero realisticamente rimanere in attività solo se il debito accumulato per mantenere le persone impiegate in quel periodo fosse alla fine annullato. O i governi compensano i mutuatari per le loro spese, o quei mutuatari falliranno e la garanzia sarà rimborsata dal governo.

Se l’azzardo morale può essere contenuto, il primo è meglio per l’economia. La seconda via sarà probabilmente meno costosa per il budget. Entrambi i casi porteranno i governi ad assorbire una quota significativa della perdita di reddito causata dalla chiusura, se si vogliono proteggere posti di lavoro e capacità.  I livelli del debito pubblico saranno aumentati. Ma l’alternativa — una distruzione permanente della capacità produttiva e quindi della base fiscale — sarebbe molto più dannosa per l’economia e alla fine per il credito pubblico. Dobbiamo anche ricordare che, dati i livelli attuali e probabili futuri dei tassi di interesse, un tale aumento del debito pubblico non si aggiungerà ai suoi costi di servizio.

Per alcuni aspetti, l’Europa è ben attrezzata per affrontare questo straordinario shock. Ha una struttura finanziaria granulare in grado di convogliare i fondi verso ogni parte dell’economia che ne ha bisogno. Ha un forte settore pubblico in grado di coordinare una rapida risposta politica. La velocità è assolutamente essenziale per l’efficacia. Di fronte a circostanze impreviste, un cambiamento di mentalità è necessario in questa crisi come lo sarebbe in tempo di guerra. Lo shock che stiamo affrontando non è ciclico. La perdita di guadagno non è colpa di nessuno di coloro che ne soffrono. Il costo dell’esitazione può essere irreversibile. Il ricordo delle sofferenze degli europei negli anni ’20 è un ammonimento sufficiente.

La velocità del deterioramento dei bilanci privati ​​- causato da una chiusura economica inevitabile e desiderabile – deve essere affrontata con la stessa velocità nell’impiego dei bilanci pubblici, nella mobilitazione delle banche e, in quanto europei, nel sostenersi a vicenda nel perseguimento di quella che è evidentemente una causa comune.

* Fonte: Financial Times 

** Traduzione a cura della Redazione

image_pdfimage_print

7 pensieri su “LA MIA RICETTA di Mario Draghi”

  1. Piero dice:

    Il lupo rimane lupo. Diciamo così: nel branco appare un lupo che “guarda avanti”, come in una fastidiosa pubblicità, il gregge è abbandonato a se stesso, il pastore è disorientato da un accidente “imprevisto ?”. Per il branco ci sono facili prede ma ecco che si fa avanti il lupo che guarda avanti. Se c’è la farà a diventare capobranco governerà gli istinti predatori dei lupi cercando di salvaguardare almeno una parte del gregge rinfrancando il pastore a continuare il lavoro. Tutto questo mettendo di fronte ai più feroci tra i lupi l’alternativa di in futuro prossimo senza più greggi da sbranare. Vedremo se l’istinto animale saprà conformarsi al lupo veggente. Nel frattempo comunque i lupi continueranno ad arraffare le pecorelle smarrite. Questo è, per me, parte del grande reset che il pensatoio delle elites sta proponendo per preservare un futuro al sistema. Questa sarebbe anche l’occasione per i pastori di approntare le misure per rendere inoffensivi i lupi….ma questo presupporrebbe, come minimo, che i pastori non si affidassero alla lungimiranza dei lupi, bensì si coalizzassero tra loro per rendere il territorio impermeabile alle scorribande dei branchi di predatori.

    1. Ahaha dice:

      Per capirci, il lupo sarebbe Draghi? Se così fosse direi che non potevi usare appellativo più sbagliato.
      Almeno ciò che ha scritto l’hai letto o semplicemente non lo hai capito?

      1. Piero dice:

        Mettiamola così: quello che ha scritto Draghi l’ho letto e forse non l’ho capito. Quello che ho scritto io lo hai letto ma certamente non l’hai capito.

  2. Cittadino dice:

    E così parlò Alberto Zaratustra:

    Così accade che l’eurocritico Alberto Bagnai, responsabile economico della Lega, dica in un’intervista alla Stampa che “con Draghi è possibile dialogare”. E tra molti caveat, aggiunga di essere “uno pragmatico” e che “l’unico imbarazzo in certe sedi lo provo nel confrontarmi con i dilettanti. Io sono economista come Draghi, lui con un’esperienza istituzionale e di mercato infinitamente più elevata, ma veniamo dalla stessa scuola e abbiamo una lingua comune”. Per cui “non ci sono preclusioni, pregiudizi sul nome, ma desideriamo che ci sia consentito di portare avanti alcun progetti, a partire dal ripristino della legalità costituzionale. Basta con la stagione dei Dpcm”, o ancora “riaprire rapidamente i cantieri delle opere pubbliche strategiche”.

    Se ancora ci sono dubbi chi realmente sia Bagnai. Non si fa mancare la (spocchiosa) stoccata sui dilettanti (perché ci vogliono icompetenti). Rivuole le opere strategiche, forza ancora con le grandi opere.

    Ricordo che La Grassa ha dubitato di lui sin dall’inizio. Un navigato opportunista.

    Il tutto mentre M5S dice che voteranno con Rousseau (e alla fine eleggeranno Biden), vedremo quale parte in commedia farà Di Battista che ancora dice no. Forse vuole darsi alla pesca a strascico del malcontento. Così, giusto per coprire tutto lo spettro politico e riprodurre la spaccatura dentro il deep state USA che non si sa mai.

    Giovanni

    1. Ahaha dice:

      In questi giorni sto leggendo molte idiozie come le tue sui giornali, come pure commenti imbecilli fatti da giornalisti imbecilli. Solo un imbecille può rimanere sorpreso dalle parole di Bagnai: può essere un imbecille che parla di cose che non conosce o un imbecille che cerca di di attribuire posizioni false.
      L’unica critica di Bagnai che ho letto essere indirizzata a Draghi è quella del 2018 riguardo alcune sue dichiarazioni, per il resto ho visto criticare l’istituzione e ho sempre letto da Bagnai che l’attività politica si basa sul dialogo con l’altra parte (cosa che diceva già quando stava a sinistra).
      La posizione più esplicita di Bagnai la si trova scritta nel 2014:

      “Più precisamente, Draghi per l’Europa potrebbe fare una ed un’unica cosa: sparire. Non perché lui non sia bravo, anzi! Da tre anni sta camminando su una corda insaponata tesa fra le Petronas tower, con raffiche di vento a 40 nodi e gli occhi bendati, ed è ancora lì. Quindi bravo è bravo. La sua istituzione però è totalmente insensata, non ha senso, non si conforma, perché non si può conformare, alle asimmetrie del sistema economico europeo, è destinata fatalmente ad amplificarle, ed è sufficientemente opaca da far sorgere quanto meno il sospetto (ma a posteriori potremmo dire la certezza) che queste asimmetrie vengano da lei gestite in modo da favorire i potenti a danno dei deboli. Il danno per la democrazia è enorme.”

  3. Graziano+PRIOTTO dice:

    Né lupo né agnello, ma volpe o meglio un gattopardo. .

    Il programma annunciato da Draghi è semplicemente quanto chiunque farebbe per salvare il sistema attuale e rendere possibile la sua espansione. Qual è questo sistema è detto in due parole: l rafforzamento della dipendenza dei poteri politici dalla grande finanza speculativa, controllo dei salari e delle pensioni in modo che i profitti non vengano compromessi da lotte sindacali o proteste e la liquidazionen delle imprese più piccole e meno competitive. In una parola, rafforzare i monopoli che sono già in fondo quelli che determinano le scelte politiche. L’ obiettivo finale a ben vedere non è a sua volta nemmeno una novità: da quando è al potere, la cancelliera Merkel in testa e tutto il coro dei governanti nell’UE, salvo poche eccezioni, non fanno che parlare di competitività ed efficienza, di riforme strutturali e simili frasi fatte apparentemente sensate fino a che non si scende nel concreto: competitività significa “moderazione salariale”, riforme strutturali significa “tagli allo Stato Scociale, sanità, scuola, servizi, e la chiave di tutto ciò è ovviamente la “privatizzazione” . Privatizzazione in casa altrui soprattutto, poiché in casa propria valgono altre regole (ad es. 20 % delle azioni Volkswagen appartenfono al Land Niedersachsen – https://www.volkswagenag.com/de/ InvestorRelations /shares/shareholder-structure.html).
    In altre parole, la ricetta di Draghi è sempre la stessa: apparentemente si dà una mano per salvare altri (come col “Quantitative Easing”, stampando moneta per salvare la Grecia ma in realtà tutelando i profitti delle banche che erano esposte malamento col debito greco).
    Anche in questo caso Draghi resta al servizio di coloro che lo hanno messo in quella posizione (e non intendo qui Mattarella, che evidentemente è interessato unicamente ad evitare elezioni anticipate), cioè i gestori dei grandi fondi d’investimento e in breve, la “Grande Finanza Speculativa” è di salvare il sistema e non i singoli Stati o gli interessi dei lavoratori. Draghi deve offrire quel tanto che basta per evitare l’affondamento e lo sgretolamento del sistema. Per questo anche un suo inatteso collega in economia, uno che autoproclama di “parlare lo stesso linguaggio” (e quanto ha ragione !), un certo Alberto Bagnai, valuta positivamente la scelta di Draghi a capo del governo, dimenticando la propria lunga battaglia contro l’euro , e si accoda ora docilmente al padre e tutore della moneta unica europea. Cambiare opinione è non solo lecito ma doveroso quando fatti nuovi dimostrano che le nostre scelte sono errate, ma in questo caso i fatti nuovi non esistono nemmeno per ipotesi, infatti
    tutto rientra in un disegno che si conosceva – e che egli interessi dei lavoratori si temeva – e cioè un’ulteriore passo indietro dei diritti, della democrazia parlamentare e la riduzione graduale degli stati nazionali a regioni dominate da gruppi di potere sovranazionali, privi di legittimitá democratica di cui possono fare del tutto a meno. Per vedere il futuro dei Paesi mediterranei è sufficiente un breve viaggio … nell’ex Germania dell’Est, colonizzata, deindustrializzata e ridotta a “zona salariale” e serbatoio di manodopera a buon prezzo. Ed è la zona da cui proviene la Cancelliera Merkel: se ha sperimentato purtroppo con successo nel suo Paese d’origine queste politiche “europeistiche” non tentennerà come già abbiamo visto col caso della Grecia, a continuare sulla medesima strada in cooperazione con la Commissaria UE von der Leyen: i servitori fedeli e supini non mancano nei Paesi Mediterranei, ed in Italia abbondano.

    1. Piero dice:

      ” Né lupo né agnello, ma volpe o meglio, un gattopardo” non capisco cosa ci faccia il povero agnellino tra questi predatori? Se vogliamo qualificare Draghi nel regno animale è sufficiente qualificarlo come uomo che si mette a servizio dell’elite sistemica per temperarne l’istinto predatorio in un fase di sconvolgimento in cui la debolezza delle prede mette a rischio la stessa sopravvivenza dei predatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *