Browse By

NO AL PASSAPORTO VACCINALE di Moreno Pasquinelli

 719 total views,  14 views today

Verrà il giorno della giustizia, verrà il giorno della vendetta…

Il famigerato Roberto Burioni (su Twitter) non ha peli sulla lingua: «Secondo me l’idea del ‘pass’ è ottima. Impedire a chi rifiuta il vaccino i movimenti e l’ingresso nei bar e nei ristoranti sarà più efficace di qualunque obbligo nello spingere gli indecisi a vaccinarsi».

Detto fatto. Anche in questo caso ubbidendo alle direttive della funesta Unione europea, il governo Draghi vuole istituire a passo di corsa, cioè già dal 26 aprile, la “certificazione verde”, nome infingardo per intendere il passaporto vaccinaleQUI i dettagli. Previsto addirittura l’arresto per chi falsificasse l’attestato.

Ove entrasse in vigore saremmo piombati in uno STATO DIGITALE DI POLIZIA. Un ulteriore passo nel regime del capitalismo della tecno-sorveglianza di massa. In nome della salute pubblica una nociva dittatura, sotto le mentite spoglie dell’emergenza sanitaria un politico Stato d’Eccezione.

Come dice giustamente Agamben, tutti gli asintomatici che rifiutassero di vaccinarsi sarebbero classificati untori e per questo bollati con lo stigma della colpa, del più infamante dei peccati. Essi verranno per questo emarginati, allontanati dalla comunità. Il passo per il loro isolamento in appositi campi di reclusione potrebbe essere breve. Stato digitale di polizia fa quindi rima con regime di apartheid. In attesa di nuovi campi di concentramento, in quanto minaccia, se rifiuti il vaccino di Big Pharma ti verrà impedito, tanto per cominciare, di salire su un aereo o su un treno, poi ti sarà proibito l’accesso a scuola, al lavoro, al cinema, al supermercato, ad ogni occasione in cui ci sia di mezzo “assembramento”, ovvero socialità e convivialità.

C’è di più. Col passaporto vaccinale è il concetto stesso di cittadinanza che viene circoscritto e politicamente ridefinito. Solo il vaccinato potrà godere dei residui diritti sociali e politici di libertà a cui la cittadinanza da accesso. Chi non si vaccinerà sarà un cittadino di serie B, uno spregevole paria. Proprio come nella religione induista sono considerati gli intoccabili, i fuori casta. La sola differenza è che nel liberale Occidente questo crimine non viene giustificato in nome della religione bensì in nome della tecno-scienza — ove quest’ultima, divinizzata assieme ai suoi tecno-sacerdoti, pretende di rimpiazzare le religioni tradizionali.

Nel regime del capitalismo della tecno-sorveglianza di massa, nel futuristico Stato digitale di polizia non avremo quindi solo, metamorfosate, le vecchie classi sociali — distinte tra chi possiede come capitale i mezzi di produzione e di scambio e chi non possiede che la sua forza-lavoro e quindi è costretto per tirare a campare a venderla a chi detiene il capitale. Avremo un sistema misto, che combinerà e intreccerà il sistema di classe con quello rinascente delle caste sociali. La strada che così viene tracciata (apertamente evocata da quelli del Grande Reset) non è solo quella che conduce ad un regime di tirannia politica, si tratta in verità di qualcosa di più profondo, del passaggio ad un nuovo sistema sociale, un post-capitalismo come tecno-feudalesimo e di tipo asiatico.

Chiunque capisce che la partita del passaporto vaccinale è di enorme importanza. E’ il particolare in cui si annida l’universale. E’ una Linea del Piave per le opposizioni sociali e politiche tutte, sfondata la quale il nemico dilagherebbe, e dopo la quale non resterebbe ad esse che una strategia di lunga e difficile guerriglia dietro le lineee nemiche.

Persa la partita del Covid-19, trovandoci attestati su questa Linea del Piave, siamo tenuti a difenderla con le unghie e coi denti, costi quel che costi. Siamo obbligati a fare fronte. La Marcia della Liberazione ha lanciato l’allarme, indicendo per sabato prossimo l’Assemblea del Fronte del Dissenso per la nascita di un Coordinamento nazionale.

Continuare divisi e sparpagliati è un lusso che non possiamo permetterci. Il passaggio da azioni di resistenza eterogenee a fronte unico non sarà facile. Implica visione, intelligenza tattica, disciplina condivisa, una direzione collettiva autorevole. Al punto in cui siamo l’unità non può quindi essere un’accozzaglia ribellistica di scontenti. Deve basarsi su una piattaforma politica propositiva (democratica, sociale, costituzionale e rivoluzionaria), e sul metodo di una coraggiosa disobbedienza civile di massa. Con coloro che non condivideranno piattaforma e metodo, che quindi non faranno parte del fronte, vale la vecchia massima: “colpire uniti, marciare separati”, reparti distinti ma difesa coordinata della Linea del Piave.

image_pdfimage_print

4 pensieri su “NO AL PASSAPORTO VACCINALE di Moreno Pasquinelli”

  1. Pingback: NO AL PASSAPORTO VACCINALE di Moreno Pasquinelli
  2. Trackback: NO AL PASSAPORTO VACCINALE di Moreno Pasquinelli
  3. Francesco dice:

    Gia’. L’entrata in vigore della “CERTIFICAZIONE VERDE”. Ecco spiegato tutto lo spazio che negli ultimi giorni i media hanno dato alla questione della nascita della SuperLega nel mondo del calcio. Con tanto di ipocriti pistolotti a esaltare la democrazia contro la tirannia… l’interesse economico contro l’impegno disinteressato… la volonta’ popolare dei tifosi contro quella delle societa’… il rischio che i ricchi diventino sempre piu’ ricchi e i poveri sempre piu’ poveri…
    E intanto la VERA TIRANNIA si stia materializzando nel mondo REALE con il pretesto del Covid…
    Calcio come arma di distrazione di massa.

    Francesco F.
    Manduria (Ta)

  4. RobertoG dice:

    Il problema è che si stanno muovendo molto velocemente e noi non siamo organizzati per contrastarli. In paesi come Israele e Cile senza il passi vaccinale non puoi già più fare praticamente nulla. Da noi si inizia col richiederlo per spostarsi tra regioni ma è evidente che dopo seguiranno a ruota altri provvedimenti analoghi. E per chi non si adegua?
    Il nostro governo in data 24 marzo ha avviato una gara d’appalto per “l’allestimento di campi container per l’assistenza della popolazione in caso di eventi emergenziali”, dicono loro. Si tratta di unità abitative complete di tutto per ospitare gruppi di persone ufficialmente in via provvisoria per un totale di 8000 persone in ogni regione. Sono stati stanziati per questo 266.716.544 euro.
    A questo punto visto che stiamo precipitando a rotta di collo in una realtà distopica, qualunque ipotesi, anche la più complottista e fantasiosa, diventa attendibile. Vuoi vedere che si stanno già preparando per isolare i renitenti al vaccino, o comunque gli oppositori alla dittatura sanitaria ormai conclamata?
    https://www.acquistinretepa.it/opencms/opencms/scheda_altri_bandi.html?idBando=06261172d495b253

  5. francy barletta dice:

    Faccio i complimenti a Pasquinelli per questo articolo. Sottolineo due punti. Pasquinelli parla di Occidente liberale. Sarebbe più corretto parlare di suprematismo radicalistico tout court, di liberale non vedo più nulla qua, inoltre dice “asiatico” in riferimento alle caste ma lì vi è un campo un’idealità trascendente, qui siamo al subumano invece!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *