Browse By

L’OPPOSIZIONE DI SUA MAESTÀ di Sandokan

 596 total views,  2 views today

Il caso di Giorgia Meloni e di Fratelli d’Italia è un caso da manuale di come le classi dominanti, allo scopo di conservare il potere, fabbricano soggetti politici e leader il cui compito è occupare preventivamente lo spazio dell’opposizione, e ciò allo scopo di impedire che quello spazio venga rappresentato da soggetti effettivamente antisistemici.

Che la Meloni sia una atlantista e filo-amerikana, è cosa risaputa. “Sì, è vero”, bofonchiavano i suoi sodali, “ma lei i rapporti mica ce li ha col deep state! I legami sono con Steve Bannon e l’ala trumpiana”.

Consolante (si fa per dire) giustificazione, ma non è così. O, almeno, non è più così. In alto nei sondaggi, la Giorgia sta sfidando Salvini come leader del centro-destra, ovvero si candida a guidare un eventuale governo post-Draghi. Ebbene, come ogni candidato alla Presidenza del consiglio italiano, il lasciapassare glielo deve consegnare la Casa Bianca, chiunque sia l’inquilino, democratico o repubblicano.

Ecco dunque la novità.

Giorgia Meloni, “la patriota” è appena entrata a far parte dell’ASPEN INSTITUTE, potente think thank paramassonico americano dove vengono consegnati i patentini di fedeltà atlantista e affidabilità come servi e funzionari dell’impero. Per la cronaca ricordiamo che ogni volta che un Presidente a stelle e strisce viene in Italia, fa tappa obbligata presso la sede dell’ASPEN a Piazza Navona (accedde con Obama, è da poco accaduto con Biden).

La Meloni, nel suo sforzo per accreditarsi come oppositrice alla grande ammucchiata pro-Draghi e di rosicchiare consensi, dice di rifiutare la proposta berlusconiana di “partito unico del centro-destra”. L’ingresso nell’ASPEN INSTITUTE è la prova provata che gioca due parti in commedia.  Presiede infatti l’ASPEN Italia Giulio Tremonti. Ci sono personaggi di centro-destra come Antonio Martino e Roberto Maroni. Affaristi come John Elkann, cerchiobottisti come Paolo Savona…

Ma ci sono anche teste d’uovo del centro-sinistra come Giorgio Napolitano, Paolo Mieli, Giuliano Amato, Gianni Letta e Romano Prodi.

Morale della favola: altro che “Partito unico del centro-destra”. La Meloni è stata formalmente reclutata nel partito unico amerikano di centro-destra-sinistra!

image_pdfimage_print

Un pensiero su “L’OPPOSIZIONE DI SUA MAESTÀ di Sandokan”

  1. Cittadino dice:

    OT

    Nel provvedimento di sblocco selettivo (il ben noto metodo Niemoller) dei licenziamenti si trova questo: “Ci sono 6 mesi di cig per cessazione per comparto aereo.”

    La parte che ho evidenziato in grassetto si commenta, ahimè, da sola vero?

    Giovanni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *