Browse By

“TUTTO È COMPIUTO” di Sandokan

 1,077 total views,  1 views today

Dato che in Francia Macron dichiara di voler fare marcia indietro, l’Italia è il solo paese al mondo in cui si impone per legge l’obbligo vaccinale universale. Nient’altro che un infame Trattamento Sanitario Obbligatorio erga omnes, nessuno escluso (tra poche settimane anche i bambini).

Un atto di forza sbalorditivo, a conferma che col pretesto dell’emergenza sanitaria siamo piombati in un regime nuovo, in uno Stato d’eccezione appunto, che se non viene presto rovesciato, sarà ricordato come anticamera  di una vera e propria dittatura.

Atto di forza che sarebbe stato inimmaginabile solo due anni fa. L’italietta colabrodo, l’italietta dei governi deboli e dell’instabilità permanente è invece diventata, in fatto di sperimentazione del nuovo ordine biopolitico e tecnocratico, capofila dell’Occidente, anzi avanguardia mondiale.

La domanda che alcuni si fanno è: come è stato possibile? Domanda che tradisce un pregiudizio, che anzi contiene una premessa, quella per cui la nostra sarebbe un’italietta legno storto, pasticciona, italietta colabrodo con classi dirigenti incompetenti e corrotte. Certa nostrana élite liberale ha avuto un ruolo decisivo nel costruire e propalare questa leggenda. Italiani brutti, sporchi, cattivi e sempre indietro sui tempi della storia, alla rincorsa dei campioni, sempre stranieri, del progresso e della modernità. E’ la stessa élite che ha accettato nel dopoguerra la sudditanza agli USA e poi invocato il vincolo esterno euro-tedesco.

Ma le cose non sono mai state davvero così. L’Italia è sempre stata un importante laboratorio politico che ha spesso indicato per prima la strada che altri paesi hanno seguito dopo. Così è anche questa volta: Italia apripista, Italia banco di prova, Italia agnello sacrificale eventualmente.

Colpiscono la fermezza e la postura irremovibile di Draghi e dei suoi sodali della maggioranza di governo. Da dove viene questa sicumera? Questa certezza di vittoria? Viene certo dal sostegno che gli assicura la grande borghesia italiana, l’élite eurocratica, i poteri forti mondiali. Ultimo ma non meno importante: viene dal fatto che la politica psico-sicuritaria è egemonica, ha consenso maggioritario tra i cittadini.

C’è tuttavia dell’altro, a me pare, dietro a questi consecutivi e brutali atti di forza del governo. Mosse non solo tattiche ma strategiche altamente rischiose me le spiego solo a patto di considerare una malcelata ambizione da parte dell’élite italiana, la pretesa di mettersi a capo del “grande reset”, a guida del mutamento sistemico occidentale. Aleggia insomma, nei romani palazzi del potere, così come nei cenacoli dell’industria e del mondo bancario, uno stato di trance e di esaltazione politica, come si fosse in preda ad un improvviso delirio di onnipotenza. Di qui la vera e propria cieca fiducia in Mario Draghi, celebrato  addirittura come messia e redentore di atavici peccati.

Tutto sembra filare liscio per lorsignori. Debbono invece stare molto attenti, non solo perché le vertigini del successo inducono quasi sempre a commettere errori. L’Italia è questo strano paese che si affida al salvatore della Patria, ma fa altrettanto presto a gettarlo nella polvere.

image_pdfimage_print

7 pensieri su ““TUTTO È COMPIUTO” di Sandokan”

  1. Francesco dice:

    Tutto ciò è stato possibile SOPRATTUTTO perché le forze che alle ultime elezioni si erano presentate come ANTISISTEMICHE hanno poi IGNOBILMENTE TRADITO i propri elettori schierandosi con il nemico e sostenendo il governo Draghi.
    A questo punto nei confronti di questi TRADITORI E COLLABORAZIONISTI (…tra i quali evidentemente comprendo non solo i pentastellati e i salviniani, ma anche i SINISTRATI alla Giorgio Cremaschi) non bisognerà avere alcuna condiscendenza futura: la responsabilità principale di ciò che sta accadendo è a loro carico e ci si dovrà comportare di conseguenza…

    Francesco F.
    Manduria (Ta)

  2. luigi dice:

    https://www.aifa.gov.it/-/l-italia-capofila-per-le-strategie-vaccinali-a-livello-mondiale

    Lo fanno apparire come un motivo di vanto , quando simili persone andrebbero aolo indagate .
    Ci sarebbe da piangere , se avessimo ancora lacrime .

  3. Roberto G dice:

    Sì, l’Italia è apripista ma, come al solito, nella sudditanza agli interessi geopolitici Usa. Draghi è nient’altro che, come dice Carlo Formenti, il messo imperiale degli Stati Uniti in Europa. Il suo governo si insedia a seguito del cambio della guardia alla Casa Bianca ed oggi non sta facendo nient’altro che seguire l’agenda Biden sugli obblighi vaccinali che il presidente Usa ha difficoltà ad imporre in casa sua, così come invece ad esempio Israele è il laboratorio dei vaccini Pfizer. Siamo la solita officina al servizio del padrone d’oltreoceano, la sua portaerei nel mediterraneo ed il garante dei suoi interessi contro le derive che altri paesi, come la Germania, possano avere nei confronti di potenze come Cina e Russia. Tutto, a mio giudizio, tragicamente e miserevolmente qui.

  4. Cittadino dice:

    Nel frattempo Vattimo va nel partito di Rizzo: “Il futuro è il comunismo debole”.

    Però bisogna riconoscere che “Comunismo debole” è la definizione tragicamente perfetta per la posizione che quel partito sostanzialmente porta avanti. Una posizione di nicchia che raccoglie nostalgici e ben difficilmente riuscirà ad incidere negli sconquassi in corso. Con buona pace dei proclami dello stalinismo declamatorio che essi portano avanti.

    Giovanni

    1. Francesco dice:

      Bhe… Se puntano alla “DEBOLEZZA” direi che sono su un’ottima strada. Si sono schierati dalla stessa parte di Confindustria, Draghi e Multinazionali assortite, assecondandone le misure liberticide.
      Torno a dire che con simili “comunisti” Marx e Lenin si staranno RIPETUTAMENTE rivoltando nella tomba.

      Francesco F.
      Manduria ( Ta)

      1. Cittadino dice:

        In fondo quello di Rizzo è solo un comunismo da operetta. Ha fatto pure il suo sketch fanfaronesco a favor di telecamere davanti a Letta. Rizzo entusiasma il suo piccolo seguito, mentre Letta pensa forse di poter risaltare accanto a questa esibizione macchiettistica ridicolizzando il dissenso ma sbaglia. Perché mentre Rizzo di fatto ottiene ciò che vuole perché in fondo mira solo alla sua irrilevante nicchia, Letta invece si illude perché dal basso di un grigiore come il suo risaltare è impossibile anche con simili carnevalate.

        Giovanni

  5. luigi dice:

    La domanda e’ ma cosa vogliono davvero da questo paese !!!!!!
    Ormai i mezzi si sono capiti , almeno come la vedo io , e la dittatura sanitaria e’ solo che un mezzo per poter arrivare a un fine che chiamatelo gran reset chiamatelo pippo quello e’ il fine che non e’ ben chiaro .
    Ormai si e’ capito che hanno usato l’Italia come apripista o safety car per questo progetto . Riflettiamo ; A parte la Cina che doveva fungere da brutto anatroccolo sporco e cattivo in questa cornice pandemica , ( mica poteva essere un paese Occidentale ) in Occidente , dove e’ esplosa per prima questa strana pandemia ? In Italia ! , e dove si sta continuando ormai da soli a insistere con accanimento per terza dose , mascherine , distanziamento e green pass ? in Italia . Perche’ ? Non siamo messi peggio di altri , anche come numero di vaccinati , ( a parte Israele ma quelllo e’ un discorso a parte o forse non lo e’ , anzi senza forse) . La G. B. ha ormai invertito la rotta , la Francia pure , la Germania non se ne parla proprio . E parlo da vaccinato sia chiaro .
    Detto cio’ ma allora cosa vogliono davvero dal nostro paese , e sara’ proprio un caso un banchiere al governo ?
    Lo so sono un complottista , abbiate pieta’ .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *