Browse By

LA NATO È COLPEVOLE: ECCO LE PROVE di Redazione

 3,846 total views,  1 views today

Abbiamo scritto e ribadiamo con forza che la vera responsabile della guerra in corso è la triade Stati Uniti-NATO-Unione Europea. Colpevole è la loro insolenza, la loro smania imperialistica, la loro strategia di accerchiamento della Russia. Scioltisi l’Unione Sovietica e il Patto di Varsavia, lungi dallo sciogliersi, la NATO ha incorporato quasi tutti i paesi dell’Est Europa e, come se non bastasse stava facendo entrare anche l’Ucraina.

Lo sciame dei giornalisti di regime va dicendo che quanto diciamo è falso. Pur di accreditare l’idea che Putin sia un maniaco guerrafondaio, ci rispondono che non è vero che la NATO stava tramando per trascinare l’Ucraina nella NATO.

A questi bugiardi seriali ed ai tanti imbecilli che gli credono, forniamo la prova provata del sodalizio tra NATO e regime ucraino, e che esso viene da lontano.

APRILE 2008, VERTICE NATO DI BUCAREST

Si legge nella Dichiarazione finale del Vertice di Bucarest:

«22. Il processo di allargamento in corso della NATO è stato un successo storico nel promuovere la stabilità e la cooperazione e nel portarci più vicini al nostro obiettivo comune di un’Europa intera e libera, unita nella pace, nella democrazia e nei valori comuni. La porta della NATO rimarrà aperta alle democrazie europee disposte e in grado di assumersi le responsabilità e gli obblighi dell’adesione, in conformità con l’articolo 10 del Trattato di Washington. Ribadiamo che le decisioni sull’allargamento spettano alla stessa NATO.

  1. La NATO accoglie con favore le aspirazioni euro-atlantiche dell’Ucraina e della Georgia per l’adesione alla NATO. Oggi abbiamo convenuto che questi paesi diventeranno membri della NATO. Entrambe le nazioni hanno dato un prezioso contributo alle operazioni dell’Alleanza. Accogliamo con favore le riforme democratiche in Ucraina e Georgia e attendiamo con impazienza elezioni parlamentari libere ed eque in Georgia a maggio. Il MAP è il prossimo passo per l’Ucraina e la Georgia nel loro cammino diretto verso l’adesione. Oggi chiariamo che supportiamo le domande di MAP di questi paesi. Pertanto, inizieremo ora un periodo di intenso impegno con entrambi ad alto livello politico per affrontare le questioni ancora in sospeso relative alle loro applicazioni MAP. Abbiamo chiesto ai ministri degli Esteri di fare una prima valutazione dei progressi nella riunione del dicembre 2008».

31 OTTOBRRE 2019 KIEV: CONFERENZA STAMPA CONGIUNTA DEL SEGRETARIO GENERALE DELLA NATO JENS STOLTENBERG E DEL PRESIDENTE DELL’UCRAINA VOLODYMYR ZELENSKYY

Il sito della NATO riporta il discorso di Stoltenberg dal quale ricaviamo questo passo:

«È davvero un grande piacere rivederti e tornare a Kiev. E questa volta
mi si unisce l’intero Consiglio Nord Atlantico, che rappresenta tutti i 29 alleati della NATO. E penso che questo stia dimostrando il sostegno incrollabile della NATO e di tutti gli alleati della NATO all’Ucraina.

Abbiamo appena concluso un eccellente incontro della Commissione NATO-Ucraina. L’Ucraina è tra i nostri partner più vicini. (…)

La NATO continua a fornire supporto pratico all’Ucraina. Oggi abbiamo esaminato il nostro pacchetto di assistenza completa per l’Ucraina. Attraverso dieci fondi fiduciari, gli alleati e i partner della NATO hanno impegnato oltre quaranta milioni di euro per sostenere l’Ucraina. In aree come il comando e il controllo, la difesa informatica e la riabilitazione medica. Questo sta fornendo risultati reali. Stiamo aiutando uomini e donne del servizio feriti a ricevere le cure di cui hanno bisogno. Stiamo rafforzando la resilienza dell’Ucraina alle minacce ibride e agli attacchi informatici.

Gli alleati della NATO continuano a fornire addestramento militare alle forze ucraine. E ogni giorno, i consulenti della NATO sostengono le riforme della sicurezza e della difesa dell’Ucraina. Stiamo anche aumentando il nostro sostegno nella regione del Mar Nero, con esercitazioni, visite ai porti e condivisione di informazioni.
E ieri il Consiglio Nord Atlantico ha visitato 4 navi Nato nel porto di Odessa, a dimostrazione dell’impegno degli alleati Nato nei confronti dell’Ucraina. E siamo stati lieti di incontrare i cadetti navali ucraini presso l’Accademia navale di Odessa, che beneficiano dell’addestramento alleato della NATO.
Questi sono solo alcuni esempi della nostra cooperazione e supporto».

Addendum

NATO-UE, FRATELLI GEMELLI

Per gli europeisti che vogliono negare la natura indissolubile tra NATO e Unione europea, suggeriamo di leggere quanto si afferma nella Dichiarazione finale del Vertice NATO di Bucarest del 2008:

«14. Alla luce dei valori comuni e degli interessi strategici condivisi, la NATO e l’UE stanno lavorando fianco a fianco in operazioni chiave di gestione delle crisi e continueranno a farlo. Riconosciamo il valore che porta una difesa europea più forte e più capace, fornendo capacità per affrontare le sfide comuni che la NATO e l’UE devono affrontare. Sosteniamo pertanto gli sforzi che si rafforzano a vicenda a tal fine. Il successo in questi e futuri sforzi di cooperazione richiede un maggiore impegno per garantire metodi efficaci di lavoro insieme. Siamo quindi determinati a migliorare il partenariato strategico NATO-UE come concordato dalle nostre due organizzazioni, per ottenere una cooperazione più stretta e una maggiore efficienza ed evitare inutili duplicazioni in uno spirito di trasparenza e rispettando l’autonomia delle due organizzazioni. Un’UE più forte contribuirà ulteriormente alla nostra sicurezza comune».

image_pdfimage_print

3 pensieri su “LA NATO È COLPEVOLE: ECCO LE PROVE di Redazione”

  1. Pingback: LA NATO È COLPEVOLE: ECCO LE PROVE – Liberiamo l'Italia
  2. Trackback: LA NATO È COLPEVOLE: ECCO LE PROVE – Liberiamo l'Italia
  3. Pingback: LA NATO E’ COLPEVOLE: ECCO LE PROVE (2) di Redazione
  4. Trackback: LA NATO E’ COLPEVOLE: ECCO LE PROVE (2) di Redazione
  5. Pingback: La Nato è colpevole: ecco le prove (2) – Antimperialista
  6. Trackback: La Nato è colpevole: ecco le prove (2) – Antimperialista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *