Browse By

I FASCI BALLANO SULLA TOMBA DEL NO GREEN PASS di Marco Di Mauro*

 844 total views,  3 views today

Volentieri pubblichiamo questa amara riflessione a margine del fallimento annunciato della manifestazione del 10 settembre indetta da FISI e altri…

Sabato 10 settembre ha avuto luogo a Roma, piazza San Giovanni, la manifestazione nazionale organizzata dal FISI (Federazione Italiana Sindacati Intercategoriali) insieme ad altre ventiquattro sigle provenienti da tutta Italia, con l’intento di rappresentare plenariamente tutte le categorie distrutte dalla crisi economica.

Magro risultato, con circa trecento persone, sparute e divise persino nell’occupare la stessa piazza, che in effetti sono riuscite a rappresentare appieno cosa resta dei movimenti No Green Pass al compimento del primo anno di vita: un pulviscolo di sigle con un riscontro di piazza quasi nullo. In effetti, tolta la tessera verde, le piazze del dissenso al regime sanitario, già duramente colpite dall’istituzione del super-green pass, si sono svuotate completamente.

Segno dei tempi – certo! – dell’individualismo che li caratterizza – sicuro! – ma spesso, al di là delle utili, inoffensive generalizzazioni filosofiche, è nelle umili tamerici che vanno ricercate le ragioni dei fallimenti politici. Fin da subito privo di alcuna coscienza o addirittura consapevolezza politica, nato in ritardo rispetto all’agenda del nemico e sulla scia della paura più che della rabbia, quasi del tutto privo della componente giovanile, senza alcun obiettivo comune o visione politica d’insieme che andasse al di là della denuncia dello status quo, il movimento No Green Pass più che una galassia è stato un insieme di satelliti alla deriva, di cui alcuni sono andati a schiantarsi (come Pasquale Bacco e gli altri “pentiti”), altri sono stati attratti dall’orbita ora di questo ora di quel pianeta (nulla attrae più del magnetismo elettorale), altri, come nel caso degli organizzatori di questo sabato di cui parleremo a breve, non essendo riusciti a far fruttare in senso elettorale il proprio orticello, hanno provato a creare una continuità con le manifestazioni di protesta alla tessera verde, con l’idea di replicare la grande piazza del Fronte del Dissenso di Moreno Pasquinelli dello scorso 25 settembre, basandosi stavolta sulla crisi economica.

In effetti, le date del No Green Pass più riuscite a livello nazionale sono state l’anno scorso proprio il 25 settembre – circa 40mila persone, spontanea e che vide una vera partecipazione nazionale, ma che purtroppo non fu ripetuta, né quei numeri concretizzati – e il 9 ottobre – organizzata sotto mentite spoglie da una rediviva Forza Nuova, ma che vide partecipare, seppur in numero minore, praticamente le stesse persone di settembre, ma che fu una chiara operazione orchestrata dalla Digos per screditare il dissenso, con il famoso “assalto” alla sede della CGIL e il test della forza ondulatoria del blindato da parte di un questurino infiltrato.

Al di fuori di queste due date, con le uniche eccezioni di Torino e Milano – e Trieste prima di essere spenta dall’operazione Puzzer – la partecipazione popolare ai sabati di protesta contro la dittatura sanitaria è stata davvero irrisoria, e a compensare, spesso a eccedere, questa esiguità strutturale è stato l’apporto di una serie infinita di personaggetti politici, nella più parte residui, trombati o scartati da altre realtà, che hanno cercato nel No Green Pass il proprio posto al sole. Gente che ha cambiato più sigle che paia di pantaloni, alimentando, nella maldestra ricerca di potere, quella natura frammentaria e inconcludente che ha caratterizzato più d’ogni altro aspetto lo sfortunato movimento. Per non parlare della violenza, immessa ad arte dalle squallide operazioni della Digos, soprattutto a Trieste e Milano, anche se il loro masterpiece è Roma, il 9 ottobre: una vera e propria Capitol Hill italiana, in cui un manipolo di infiltrati tra fascisti e polizia realizza la messa in scena dell’assalto alla sede della CGIL, una maldestra operazione di gatekeeping che è tuttavia costata la galera a chi vi ha messo la faccia, come l’ex capo di Forza Nuova Roberto Fiore e il responsabile di Roma dello stesso partito, Giuliano Castellino.

da sinistra Ciro Silvestri, Angelo Di Stefano e Cristiano Fazzini

In verità, niente è più lontano dalla violenza della tipica manifestazione No Green Pass, diversa da qualunque forma precedente nella storia italiana, ma uguale in tutte le città: priva di alcun interlocutore istituzionale, priva di qualunque obiettivo che non fosse la manifestazione stessa, si trattava di palchi, quando improvvisati quando meglio attrezzati, di mera testimonianza, delle tristissime kermesse a metà tra lo sfogatoio e la trasmissione televisiva – non mancavano infatti le guest star, per lo più personaggi del mondo della libera informazione. Chi scrive parla dall’interno, essendo stato colui che, insieme al noto attivista Ugo Fuoco, ha unito tra loro nell’agosto del ventuno le realtà componenti il coordinamento No Green Pass di Napoli, da cui ho deciso poi di uscire proprio per le dinamiche su descritte, e che oggi non esiste più se non in uno striscione.

Eppure, a piazza San Giovanni sabato scorso, quello striscione era là, assieme ad altri innumerevoli simboli, ognuno in rappresentanza di pochissimi individui: la manifestazione, vecchia replica del solito modello, inizia con una musica funebre e la presentazione, con toni da televisione locale, di uno dei più trasformisti di tutti, il segretario vicario del FISI Ciro Silvestri, che ha cambiato quattro sigle in meno di un anno (3V, Terzo Polo, Fronte del Dissenso, CLN, strizzando l’occhio ad Ancora Italia, Lega e Italexit), per dare la parola al segretario Rolando Scotillo che, dimentico di essere un sindacalista, scimmiotta una trasmissione giornalistica con la sua lunga disamina di cose già sentite milioni di volte sulla svendita del patrimonio pubblico italiano, con tanto di maxischermo e slide dietro, e con rara (per fortuna) arte retorica riesce addirittura a mettere sul fuoco un appello contro i nuovi nemici pubblici, comuni sia al mainstream che ai cosiddetti “antisistema”, ovvero gli astensionisti, quelli che sono riusciti a creare una gustosissima interferenza mediatica, riuscendo a unire nello stesso messaggio Fanpage e Visione TV.

A Scotillo segue Angelo Di Stefano, quello delle Partite IVA, una vera e propria caricatura di Beppe Grillo, il cui intervento è un unico, affannato strillo, ma che è l’unico a parlare della distruzione della piccola e media impresa con l’obiettivo del credito sociale. Poi compare sul maxischermo Francesco Borgonovo de La Verità, che col suo francobollo ricorda Krusty il clown (il famoso nastro registrato “reclamizzo questo evento o prodotto”), seguito da altri interventi in rappresentanza delle categorie colpite dalla crisi programmata dalla cricca globalista: operatori balneari, edili, pescatori.

Ci sono anche le telecamere, di La7 e di Rete4, ma non hanno alcun interesse a mostrare la kermesse: sono tutte per lui, Giuliano Castellino. Passato direttamente dalla galera alla ribalta televisiva, il noto Giuliano non ha dubbi sul fatto di essere lui il capo, la guida del dissenso, di tutto il dissenso: è novax, pro Putin, notax, è lui dietro a Toscano e alla Cunial, le piazze contro il caro vita, gli obblighi sanitari, i finanziamenti alla guerra, sono tutta gente sua. Questo 10 settembre c’è anche lui, nonostante gli organizzatori gli abbiano detto chiaramente che non è gradito, in disparte perché ancora non del tutto lindo dai suoi obblighi giudiziari, ma la sua faccia serve, è essenziale affinché l’infausta trasmissione di Brindisi, Zona Bianca, possa titolare “Castellino torna in piazza e guida il popolo del dissenso”: con lui, in segno di solidarietà (si è sempre solidali con le passerelle) il buon portuale Fabio Tuiach e l’avvocato Carlo Taormina.

Tra i partecipanti alla piazza, però, nessuno lo vuole. Poche ore prima, ha provato a imbucarsi a un pranzo pre-manifestazione allestito dall’organizzazione di Raffaele Varvara, Di Sana e Robusta Costituzione, che gli ha cortesemente chiesto di non presentarsi, avendo già avuto problemi per essere stata falsamente associata alla sua figura da un maldestro servizio di Fanpage (chi scrive è tuttora parte dell’organizzazione, e quindi presente ai fatti) pertanto Castellino e i suoi ospiti, telecamere al seguito, si sono dovuti accontentare di farsi riprendere in un vicino bar. Un vero e proprio leader, Castellino: di un popolo che non lo vuole in nessuna maniera. Ma che, suo malgrado, dovrà fingere di comandare ancora per un po’, almeno fin quando i suoi burattinai avranno l’esigenza di appiccicare la svastica sulle forze del dissenso. Che, sebbene sgangherate e scalcinate, al regime fanno ancora paura, soprattutto in vista della crisi economica senza precedenti che hanno in serbo per noi.

* Fonte: Avanti.it

image_pdfimage_print

3 pensieri su “I FASCI BALLANO SULLA TOMBA DEL NO GREEN PASS di Marco Di Mauro*”

  1. Fabio dice:

    Ci vogliono le palle per certe cose. Di certo il silvestri o il di stefano non sono in grado di gestire od organizzare distanza fra gli occulti che vogliono eterodirigere Roma e con Roma tutti i movimenti spontanei. Spiace per quei cittadini che non hanno capito devono stare a casa, in certe occasioni, per non essere complici della loro stessa disfatta.
    Segnalo alla redazione di sollevazione.it, qualora fosse sfuggito, cosa scriveva addirittura fanpage.it (!!!) a proposito di una manifestazione del luglio 2021 (un anno fa. Ci si ricorda qual era il clima nel paese?):
    «…la gran parte dei promotori ha isolato il blocco di Forza Nuova, il partito di destra estrema che pure è sceso oggi in piazza per le stesse ragioni, guidato dal leader romano Giuliano Castellino. Separati da un cordone di poliziotti i due tronconi della manifestazione…».
    Di seguito il link. Che serva da lezione ad alcuni “capipopolo utili idioti”
    https://www.fanpage.it/roma/no-green-pass-protesta-31-luglio/

  2. Marco Di Mauro dice:

    Grazie infinite per aver ricondiviso il mio articolo qui, è un onore per me. Un abbraccio a Moreno.

  3. Pingback: IL FISI E IL MOVIMENTI NO GREEN PASS di L. Inghilleri e R. De Simone*
  4. Trackback: IL FISI E IL MOVIMENTI NO GREEN PASS di L. Inghilleri e R. De Simone*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.