Browse By

DICHIARAZIONE SULLA RIVOLTA DELLA WAGNER di Borotba

364 visite totali, 1 visite odierne

Di seguito la dichiarazione diffusa questa mattina [24 giugno] dagli amici dell’organizzazione ucraina in esilio Borotba (Lotta). Ricordiamo che Borotba è tra le organizzazioni che assieme al Fronte del Dissenso e molti altri promuove la Conferenza Internazionale di Pace che si svolgerà a Roma nei giorni 27 e 28 ottobre 2023. Per informazioni sulla Conferenza, l’appello e le adesioni: www.internationalpeaceconference.info

* * *

«Fermare il conflitto armato nelle retrovie! L’unità delle forze antifasciste è la chiave della nostra comune Vittoria

Il mondo intero segue da vicino gli eventi che si stanno svolgendo a causa delle azioni di Yevgeny Prigozhin e parte della compagnia militare privata Wagner. Il lungo conflitto che esisteva tra Yevgeny Prigozhin e Sergei Shoigu ha conquistato la ribalta e minaccia l’intero stato.

Prigozhin ha precedentemente attirato simpatia per le sue aspre critiche alle piaghe del capitalismo oligarchico, alla corruzione, nonché ai fallimenti individuali e alle decisioni errate durante l’Operazione Militare Speciale. Tuttavia, con lo sviluppo dello scontro con la leadership militare della Federazione Russa, queste critiche hanno cominciato ad acquisire un carattere eccessivo, e le ragioni di un conflitto personale con Sergei Shoigu hanno preso il sopravvento rispetto alle critiche alla situazione socio- situazione e all’organizzazione militare.

La situazione per cui un’organizzazione privata, non controllata dallo stato (di fatto un esercito privato), è diventata un importante fattore di potere, è di per sé malsana. Di conseguenza, indipendentemente da possibili intenzioni soggettive, E. Prigozhin ha effettivamente lanciato una ribellione armata di un soggetto privato contro lo stato.

Noi, in quanto critici del sistema capitalista, abbiamo condiviso molti dei discorsi critici di Prigozhin. Inoltre, la fermezza e il coraggio dei combattenti della Wagner nella lotta contro il regime fascista dell’Ucraina non potevano che suscitare simpatia. Ma dopo aver intrapreso un’azione avventurosa, spostando lo scontro armato in profondità nella Russia, Prigozhin sta minacciando il fronte, situazione di cui il regime di Kiev ed i suoi padroni in Occidente trarranno sicuramente vantaggio.

La situazione si sta evolvendo rapidamente e speriamo che tutte le parti coinvolte nello scontro mostrino prudenza e impediscano spargimenti di sangue a decine di chilometri dalla linea del fronte. Siamo convinti che i vertici del Paese siano in grado di trovare una via d’uscita da questa pericolosa situazione. Devono essere tratte decisive conclusioni sulla lotta contro le patologie del sistema statale e sociale, ereditati dagli anni ’90 ma ancora vigenti.

Ci rivolgiamo ai soldati e agli ufficiali che combattono al fronte: compagni! Siamo pochi, ma siamo tra di voi. Siamo consapevoli delle difficoltà che sono sorte e stanno sorgendo nel processo di organizzazione delle operazioni militari, degli errori e delle ingiustizie, parte della responsabilità delle quali, ovviamente, ricade sulla leadership militare. Non abbiamo mai chiesto di nascondere le difficoltà e abbellire la realtà per compiacere le autorità. L’abbiamo vissuta, la realtà, proprio come voi. Siamo tuttavia convinti che le avventure armate non porteranno a un miglioramento del sistema, ma potranno solo portare alla nostra comune sconfitta.

Ci auguriamo che i combattenti della Wagner che stanno sostenendo il loro comandante, guardino la situazione con sangue freddo e si rendano conto che questa strada non porta da nessuna parte.

Situazioni simili sono già accadute nella storia: la ribellione del partito SR di sinistra, il discorso di M.A. Muravyov nel 1918, la ribellione di Nestor Makhno, che si rifiutò di unirsi all’Armata Rossa unita, la rivolta di Kronstadt, la ribellione degli anarchici della Catalogna durante la guerra civile spagnola.

Indipendentemente dalle intenzioni, a volte oneste e idealistiche, tali spettacoli sono sempre stati utilizzati delle forze più oscure.

Ora è importante porre fine al conflitto armato all’interno del paese il prima possibile, per unire gli sforzi nella lotta contro il regime di Kiev e l’imperialismo della NATO. Nelle condizioni di confronto con l’imperialismo, le contraddizioni interne devono essere risolte in modo pacifico e democratico, sulla base di un’ampia discussione pubblica con la partecipazione del popolo, e non attraverso alte cospirazioni e avventure personali.

Viva l’unità e la solidarietà!»

Borotba, 24 giugno 2023

2 pensieri su “DICHIARAZIONE SULLA RIVOLTA DELLA WAGNER di Borotba”

  1. Ghino di Tacco dice:

    LAPA GLIACCIATA

  2. Pingback: WAGNER: TEORIA E PRASSI DELLA CONTRORIVOLUZIONE RUSSAdi OG
  3. Trackback: WAGNER: TEORIA E PRASSI DELLA CONTRORIVOLUZIONE RUSSAdi OG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *