Browse By

FRANCIA: CHI VOTARE ALLE PROSSIME LEGISLATIVE? di Jacques Nikonoff

210 visite totali, 1 visite odierne

Molti si chiedono quali siano le vere ragioni che hanno spinto il Presidente della Repubblica a sciogliere l’Assemblea Nazionale. Al di là del narcisismo patologico dell’individuo, ci sono ragioni politiche ben ponderate. Ad esempio, un gruppo di consiglieri di Emmanuel Macron, una decina di persone — “cocciniglie” secondo l’ex ministro delle Finanze Bruno Lemaire — ha lavorato a questo piano per diversi mesi nella massima segretezza. L’obiettivo dello scioglimento era quello di rafforzare il “blocco centrale” (Macronisti) sfruttando le debolezze e le divisioni a sinistra e a destra. Infatti, a sinistra e tra gli ecologisti, diverse personalità si erano unite a Macron, così come molti dirigenti dei Repubblicani (LR).

Di fronte alla crisi politica e all’ansia che la dissoluzione avrebbe provocato, l’obiettivo era quello di spaventare i cittadini con la solita retorica del rischio dei “due estremi”, Marine Le Pen e il Rassemblement National (RN) da una parte, Jean-Luc Mélenchon di La France Insoumise (LFI) dall’altra. La prima ha ottenuto il 23,15% dei voti espressi al primo turno delle elezioni presidenziali del 2022 e si è qualificata per il secondo turno con il 41,45%, mentre Jean-Luc Mélenchon ha ottenuto il 21,95% al primo turno. Il caso sembrava semplice e ovvio.

Ma questa strategia è fallita miseramente. Sfidando tutte le previsioni, la sinistra ha formato un cartello elettorale chiamato Nuovo Fronte Popolare (NFP), mentre una parte dei repubblicani si è unita al RN invece che al partito di Macron. Nessuno si è unito al “polo centrale” perché oggi la mangiatoia è vuota e la prospettiva è quella di una batosta alle elezioni legislative.

La posta in gioco nelle elezioni legislative del 30 giugno e del 7 luglio è duplice: o una maggioranza assoluta per il Rassemblement National o per il Nouveau Front Populaire, improbabile ma comunque possibile; o una maggioranza relativa nell’Assemblea Nazionale per uno dei due.

Chiediamoci: in queste condizioni, le elezioni politiche del 30 giugno e del 7 luglio 2024 permetteranno al nostro Paese di riprendere la strada della ripresa? In altre parole, riusciremo finalmente a uscire dalla disoccupazione, dalla precarietà e dalla povertà, dai bassi salari, dalla crescente disuguaglianza, dall’impossibilità di trovare alloggi decenti nelle grandi città e dalla distruzione metodica e cinica dei servizi pubblici, in particolare degli ospedali e del sistema scolastico? Ci impegneremo davvero in un’azione su larga scala per proteggere e riparare l’ambiente e adattarci al cambiamento climatico? Ricostruiremo una Francia libera, indipendente e sovrana? Rinnoveremo la democrazia e rimetteremo il popolo francese — solo sovrano — al centro delle istituzioni? Agiremo per la pace?

Tre blocchi politici sono in competizione: il blocco macronista (Renaissance, Horizons, MoDem), il blocco del Rassemblement National (con elementi provenienti dai Repubblicani e da Reconquête), il blocco del Nouveau Front Populaire con tutta la sinistra, dal neoliberista Parti Socialiste (PS di François Hollande) al piccolo partito trotskista Nouveau Parti Anticapitaliste (NPA). Tutti propongono questo o quell’obiettivo particolare che potrebbe essere un passo nella giusta direzione. Ad esempio, il blocco macronista propone una riduzione del 15% delle bollette elettriche a partire da quest’inverno. Il blocco del Rassemblement National propone un taglio dell’IVA sui prezzi dell’energia, compreso il carburante, dal 20% al 5,5%. Il blocco del NFP propone di aumentare il salario minimo a 1.600 euro netti. Tutte queste misure sono eccellenti.

Ma nessuna di esse propone una profonda trasformazione del sistema politico ed economico che ponga fine a quattro decenni di politiche neoliberiste, causa del declino della Francia e del popolo francese. Nessuno di loro propone di darsi i mezzi per porvi fine. Questi blocchi hanno messo insieme programmi che hanno più a che fare con la comunicazione che con una reale volontà di cambiare le cose immediatamente e a lungo termine.

Il blocco macronista è squalificato. Ha accelerato la decomposizione del nostro Paese, sia all’interno del Paese, sia per quanto riguarda l’immagine e il ruolo della Francia nel mondo. Votare per i candidati macronisti non farebbe che accelerare la decomposizione.

Il blocco Rassemblement National può essere descritto come nazionalista-populista. Nazionalista nel senso che equipara la nazionalità francese a una razza o a un gruppo etnico. Per loro, la Francia non è più una comunità politica ma un gruppo etnico i cui membri possono essere identificati solo dal sangue. Questo blocco è anche populista, nel senso che finge di essere a favore del popolo moltiplicando rumorosamente le posizioni che dovrebbero alimentare ciò che il popolo pensa. Tuttavia, le misure che propone sono ben lontane dal rispondere ai bisogni e alle aspirazioni del popolo. Sono banalmente neoliberali.

Il blocco del Nuovo Fronte Popolare propone alcune misure a favore dei cittadini, ma sono limitate (quasi nulla sull’occupazione) e non attaccano in alcun modo le radici delle politiche neoliberiste per sradicarle. È solo un’altra copia artificiale dei periodi di sinistra di Mitterrand, Jospin e Hollande, tutti segnati dal fallimento. Nessuna lezione sembra essere stata appresa. Il fallimento è quindi assicurato. Lo dimostra la presenza dell’ex Presidente della Repubblica, François Hollande, nella lista dei candidati alle elezioni legislative. Questo assemblaggio elettorale scomparirà la sera del secondo turno. In caso di maggioranza assoluta a suo favore, sarà incapace di governare.

Nessuno di questi blocchi ha un programma in grado di migliorare in modo rapido e duraturo la situazione della Francia e dei francesi, né le strategie per realizzarlo.

Dovremmo quindi astenerci, come avremmo dovuto fare alle elezioni europee? Probabilmente no, perché le elezioni legislative sono le più importanti del nostro sistema politico, ben prima delle elezioni presidenziali.

Se da un lato non è possibile sostenere i progetti di questi tre blocchi, dall’altro è possibile votare i candidati di volta in volta, in ogni eventuale circoscrizione, in base però a due tipi di criteri: il programma che propongono e i mezzi che intendono attuare. Più in generale, la prospettiva politica che si apre è quella di una Costituente Popolare Dinamica. C’è poco da aspettarsi dai partiti politici nel loro attuale stato di decadenza. Ciò che occorre fare è costruire un movimento popolare autonomo.

I.- I principali criteri di un “buon” programma per la Francia e per i francesi

Naturalmente, non dobbiamo sognare di credere che i candidati proporranno tutti gli obiettivi qui sotto. Nella ricerca del “meno peggio”, ognuno farà le proprie scelte. Perché in caso di maggioranza relativa all’Assemblea nazionale, il gruppo del “meno peggio” potrebbe far pendere la bilancia nella giusta direzione.

1 – Fare della Francia un Paese attivo per la pace

Due conflitti potrebbero divampare da un momento all’altro: l’Ucraina e Gaza. Invece di aggiungere benzina al fuoco (Ucraina) o di chiudere gli occhi (Gaza), come ha fatto Macron, dobbiamo agire per la pace.

Gli Stati Uniti, la NATO e l’Unione Europea, con le loro ripetute provocazioni contro la Russia dalla fine dell’URSS, sono pienamente responsabili del conflitto in Ucraina. La Francia non deve sostenere nessuna delle due parti, ma agire come intermediario per la pace. A tal fine, il nostro Paese deve interrompere la sua politica di sanzioni, smettere di fornire armi e munizioni e smettere di inviare “istruttori” o addestrare i soldati ucraini. La Francia deve inoltre opporsi all’ingresso dell’Ucraina nell’Unione Europea.

A Gaza la popolazione civile viene massacrata. Ad oggi, si stima che a Gaza siano morti 38.000 civili, soprattutto donne, bambini e anziani. Il Blitz (il bombardamento delle principali città britanniche da parte degli aerei tedeschi durante la Seconda guerra mondiale), invece, si stima abbia causato circa 40.000 morti. Nel 1945, con l’Operazione Gomorra, gli americani e gli inglesi uccisero 46.000 civili ad Amburgo, in Germania. Il governo israeliano sta cercando di battere questi macabri record? La Francia deve agire per la pace: fermare le forniture di armi, riconoscere diplomaticamente lo Stato palestinese, come hanno già fatto diversi Paesi europei… Inoltre, è urgente uscire dalla NATO e smantellare questa organizzazione bellicosa controllata dagli Stati Uniti. Nessuno dei tre blocchi propone questa strategia. Tutti si sono arresi.

2 – Libertà, indipendenza e sovranità della Francia

Nulla è possibile in ambito sociale, democratico, ambientale, culturale, economico o di cooperazione internazionale senza la sovranità della Francia. Ma la Francia non è più sovrana. Il sistema dell’Unione Europea, con le sue “competenze esclusive”, ha privato gli Stati membri degli strumenti essenziali della sovranità economica e politica: l’eliminazione delle monete e delle politiche monetarie nazionali, sostituite dall’euro, che ha accelerato la deindustrializzazione e la pressione sui salari; l’ossessione per il libero scambio, che ha causato l’esplosione del nostro deficit commerciale e la distruzione dell’agricoltura piccola e media; la perdita del controllo sulle frontiere; la burocratizzazione del mercato interno, vietando il sostegno pubblico alle industrie startegiche.

Nessuno dei tre blocchi propone di uscire dall’Unione Europea o dall’euro, e nessuno propone di consultare il popolo francese in un referendum sull’opportunità che la Francia rimanga nell’Unione Europea.

3 – La democrazia e il potere del popolo

Quindi la Francia deve tornare ad essere libera, come i grandi Paesi quali gli Stati Uniti, la Cina, la Russia, l’India… Perché questi Paesi dovrebbero essere sovrani e non la Francia? Nella stessa Francia, il popolo deve tornare a essere sovrano. Tuttavia, una perniciosa interpretazione della Costituzione della Quinta Repubblica e diverse revisioni costituzionali hanno contribuito a erodere la sovranità del popolo con vari stratagemmi. L’intero sistema politico francese deve essere riformato per porre il popolo al vertice delle istituzioni. I poteri del Presidente della Repubblica devono essere ridotti a favore del Primo Ministro, il sistema di voto per le elezioni legislative deve essere più equo e devono essere organizzati referendum annuali obbligatori sulle principali questioni strategiche. Dovrebbe essere introdotto un referendum di iniziativa popolare, e così via.

Nulla di tutto ciò compare nei programmi dei tre blocchi, o solo in forma imprecisa e cosmetica.

4 – Rispettare ed estendere i diritti naturali, universali e inalienabili dell’uomo

Principi essenziali come quelli descritti nella Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino del 1789 o nella Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite del 1948 sono quotidianamente calpestati. La società nel suo complesso deve organizzarsi per attuare questi diritti in pratica e per aggiungere quelli necessari per i nostri tempi. L’attuazione di questi diritti non deve più essere condizionata dal funzionamento dell’economia di mercato. È l’economia che deve essere messa al servizio dei diritti umani, ad esempio attraverso meccanismi di applicazione dei diritti che impongano allo Stato l’obbligo costituzionale di agire. Nessuno dei programmi dei tre blocchi segue questa strada.

5 – Proteggere e riparare l’ambiente e prepararsi al cambiamento climatico

L’ipocrisia domina in genere i dibattiti sulle questioni ambientali e climatiche, perché tutti questi sconvolgimenti derivano dal tipo di sviluppo economico guidato dal capitalismo a partire dal XIX secolo. Il libero scambio, in particolare, è particolarmente devastante. Per progredire, dobbiamo mettere in discussione il libero scambio e il modo in cui le imprese multinazionali operano, detraendo dai loro profitti e accettando un massiccio intervento statale. Nei programmi dei tre blocchi non c’è nulla di tutto questo, ci sono solo chiacchiere sul tema.

II – Per attuare i programmi “giusti”, dobbiamo segare i quattro pilastri della globalizzazione neoliberista: la deglobalizzazione

Avere gli obiettivi “giusti” è ovviamente necessario, ma non basta. Servono anche le giuste strategie per raggiungerli. A questo proposito, nessuno dei tre blocchi in lizza per le elezioni politiche del 2024 è all’altezza del compito. Nessuno di loro è chiaramente impegnato ad abbattere i quattro pilastri su cui poggia il neoliberismo. Eppure è proprio questa ideologia, perseguita ininterrottamente dalla “svolta dell’austerità” di François Mitterrand, allora Presidente della Repubblica, nel 1983, la causa dei problemi della Francia.

È stata elaborata nei think tank anglosassoni a partire dalla fine della Seconda guerra mondiale. Il suo scopo era quello di aiutare la classe dominante della “triade” (Stati Uniti, Europa occidentale e Giappone) a riprendere il controllo dopo l’istituzione dello Stato sociale nei Paesi occidentali all’indomani della Seconda guerra mondiale e dopo i movimenti di decolonizzazione e sociali degli anni ’60 e ’70 che avevano scosso il capitalismo nelle sue fondamenta. Questa ideologia è stata adottata da Ronald Reagan, presidente degli Stati Uniti, e da Margaret Thatcher, primo ministro della Gran Bretagna, a cavallo tra gli anni Settanta e Ottanta. Si tratta dell’attuazione di politiche pubbliche volte a consentire un’attività il più possibile libera alle imprese multinazionali. Queste ultime, di proprietà delle classi dominanti, sono il veicolo fondamentale per catturare profitti e disuguaglianze.

Questa strategia politica è quella della globalizzazione neoliberista. Si basa su tre pilastri, più uno:

– Il primo pilastro è il libero scambio. Non mette semplicemente in concorrenza i prodotti, ma anche i sistemi sociali, rendendo alla fine insostenibili quelli che hanno concesso conquiste sociali sostanziali nei decenni del dopoguerra.

– Il secondo pilastro è la liberalizzazione finanziaria. È il libero commercio applicato al denaro, che consente ai flussi finanziari e monetari di speculare massicciamente e immediatamente su scala globale senza restrizioni, riorganizzando la produzione mondiale favorendo le imprese prive di protezione sociale e con bassi salari, e minacciando gli Stati di destabilizzare il loro debito pubblico e la loro economia produttiva non appena non si conformano obbedientemente ai principi cardine del neoliberismo.

Terzo pilastro: i trattati internazionali e le istituzioni multilaterali. Sono i guardiani dell’ordine neoliberale globale, mantenendolo al di fuori della portata di qualsiasi pressione democratica. Si tratta principalmente del FMI, della Banca Mondiale, dell’OMC e, naturalmente, del sistema dell’Unione Europea.

– Quarto pilastro: la guerra ideologica e il controllo dei principali media da parte della classe dominante. Il loro obiettivo è garantire la sopravvivenza del sistema, legittimare la società di mercato e screditare tutti coloro che vi si oppongono.

C’è quindi una causa fondamentale per il notevole deterioramento delle condizioni di vita della popolazione, sia in termini di questioni sociali, ambiente, democrazia o problemi economici: la graduale eliminazione della sovranità del popolo e della nazione sotto gli effetti combinati del neoliberismo e del presidenzialismo.

Tuttavia, nessuno dei tre blocchi fa chiaramente questa diagnosi né ne trae le necessarie conclusioni. Un voto di sostegno a questi blocchi non è quindi possibile.

L’unica opzione rimasta è il voto per eliminazione, per mantenere solo ciò che ciascuno ritiene il “meno peggio”. Esiste anche la possibilità di votare caso per caso per i candidati che si avvicinano ai principi sopra esposti.

Dopo le elezioni legislative, l’instabilità dell’Assemblea Nazionale e del governo potrebbe portare a un “momento decostituente”, cioè alla presa di coscienza dell’inadeguatezza sistemica della Costituzione della Quinta Repubblica. A questo dovrebbe seguire un “momento costituente”, ovvero l’instaurazione di una “Costituente Popolare Dinamica”, che porti a un’Assemblea Costituente e a una nuova Costituzione che rimetta al centro il popolo.

25 giugno 2024

* Jacques Nikonoff, docente universitario, dirigente di PARDEM, Partito per la Demondializzazione. PARDEM fa parte dell’alleanza internazionale STOPWW3 – International Initiative for Peace

Un pensiero su “FRANCIA: CHI VOTARE ALLE PROSSIME LEGISLATIVE? di Jacques Nikonoff”

  1. no melenchon dice:

    Melenchon a fianco di Nazismo Ukraino e Macron. Complimenti, bella scelta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *