Browse By

Archivi della categoria: Mondo

DOVE VA LA CINA DI XI JINPING? di Federico Maria Romero

Segue l’articolo precedente: Cina: chiè davvero Xi Jinping? Dobbiamo tenere in considerazione che il dibattito sul “socialismo in Cina” è tutt’oggi affrontato in Occidente usando categorie concettuali e politiche del tutto estranee allo spirito cinese. Di ciò era del resto consapevole Mao quando, sulla linea

CINA: CHI È DAVVERO XI JINPING? di Federico Maria Romero

Secondo Mark Wu, giurista ad Harvard, interpretare la struttura sociale cinese come un “capitalismo di stato” potrebbe essere fuorviante. Vi sono sei elementi fondamentali da prendere in considerazione. 1) il ruolo della Commissione per la supervisione e la revisione dei beni di proprietà statale secondo

COVID ALL’ISRAELIANA di Leonardo Mazzei

A leggere i giornali italiani Israele è un modello. Una campagna vaccinale da record, un’organizzazione efficiente ancorché di stampo militare, un’efficacia del vaccino molto elevata almeno secondo i dati del ministero della Sanità. Un quadretto idilliaco per l’ineffabile Burioni: «I dati che arrivano da Israele

IL SIONISMO CONTRO LA RUSSIA di A. Vinco

Yevgenia M. Albats è una giornalista investigativa, scienziata politica, autrice e conduttrice radiofonica, membro del Consiglio Pubblico del Congresso Giudaico in Russia, che da anni denuncia il fenomeno dell’emigrazione degli Ebrei dalla Russia verso il Medio Oriente. Importantissima voce ebraica dell’antiputinismo, Albats è attualmente la più

MYANMAR: PERCHÉ IL “COLPO DI STATO” di A. Vinco

Riceviamo e pubblichiamo L’antiamericanismo preventivo dei generali in Myanmar Con una azione preventiva e non violenta, definita piuttosto frettolosamente “Golpe” dai media globalisti pro-Biden, i generali a Myanmar hanno impedito una serie di Rivoluzioni colorate asiatiche pianificate dal Segretario di Stato Tony Blinken — come

RUSSIA: COSA VUOLE NAVALNY? CHI C’È DIETRO? di Alexey Sakhnin*

Nel 2020 sono scoppiate massicce proteste in oltre quaranta paesi e la Russia di Vladimir Putin sembrava un’isola di stabilità. Ma domenica 23 gennaio si sono svolte le più grandi manifestazioni degli ultimi decenni, organizzate dalla squadra attorno al leader dell’opposizione Alexei Navalny. Navalny aveva

RUSSIA: L’OCCIDENTE GIOCA COL FUOCO di A. Vinco

La pandemenza da Covid, lo Stato d’emergenza, la crisi di governo in Italia… Questioni importanti che debbono tuttavia essere inquadrate in un contesto geopolitico mondiale in veloce evoluzione. In questo contesto la Russia gioca un ruolo di eccezionale importanza. Non per caso il circo mediatico

SOLITUDINE IMPERIALE di Umberto Bianchi

Con un’enfasi senza precedenti, si è svolta la cerimonia di insediamento del nuovo presidente Usa, il democrat Joe Biden. Abiti dai colori sgargianti, musica a gogò, star e starlette, addirittura una poetessa, alcuni tra i passati presidenti Usa: i coniugi Clinton, Obama, G. Bush. Tutti

Il PARTITO COMUNISTA RUSSO (ZJUGANOV) E NAVALNY di A. Vinco

La redazione di sollevazione mi ha chiesto ulteriori precisazioni riguardo alla posizione del Partito Comunista della Federazione Russa (KPFR) sulla questione “Navalny-Rivoluzione Colorata”. Attualmente il Partito di Gennady Zjuganov è teoricamente antiputinista, internazionalista e filocinese ma è spaccato in due frazioni principali: i cosiddetti leninisti

CAPITOL HILL: QUANDO IL POPOLO SI INFURIA di Umberto Bianchi

Qualcuno dice sia stata una classica sceneggiata all’americana per mettere in mezzo Trump. Qualcun altro, invece, strilla e ci dice trattarsi di un gravissimo attacco al luogo-simbolo della democrazia mondiale. Cori e coretti, peana di scandalo e condanna alti si levano, nulla toglie, però, che,

image_pdfimage_print