1

STATI UNITI: DISUGUAGLIANZE SOCIALI ED ELEZIONI di Jaehee Choi e James Galbraith

Le relazioni tra crescita della disuguaglianza economica e risultati del voto nelle elezioni presidenziali sono analizzate in un nuovo studio a livello dei singoli stati degli Usa negli ultimi vent’anni. Cattive notizie in arrivo per i democratici.

Le relazioni tra crescita della disuguaglianza economica e risultati del voto nelle elezioni presidenziali sono analizzate in un nuovo studio a livello dei singoli stati degli Usa negli ultimi vent’anni. Cattive notizie in arrivo per i democratici.

La crescente disuguaglianza economica negli Stati Uniti è strettamente legata all’elevata concentrazione della proprietà del capitale, in particolare patrimoni immobiliari e azioni delle imprese, e all’aumento del prezzo di tali attività negli ultimi decenni. Questi fenomeni a loro volta sono strettamente legati alla trasformazione strutturale dell’economia Usa negli ultimi cinquant’anni, in particolare il declino dell’industria manifatturiera con lavoratori sindacalizzati nel Midwest, l’ascesa della finanza sulla costa orientale del paese e delle attività ad alta tecnologia – soprattutto i settori legati alle tecnologie dell’informazione e all’aerospaziale – sulla costa occidentale.

A livello nazionale, questo processo ha avuto due effetti principali sulla vita politica americana. Uno è l’ascesa degli oligarchi e dei loro sostenitori, in particolare nel Partito Democratico, inizialmente nell’era di Clinton, al punto che oggi i miliardari contestano apertamente la nomina del partito alla Presidenza. Gli oligarchi hanno dominato a lungo il Partito Repubblicano, e così la politica americana è diventata in larga misura una contesa tra miliardari di diverso tipo, con la mediazione di altri miliardari che controllano i principali media, sia tradizionali che social. Ciò è ovvio per qualsiasi osservatore.

Molto meno ovvio è stato l’effetto delle nuove disuguaglianze americane sull’esito delle elezioni presidenziali. Il peculiare contesto istituzionale di quelle elezioni è che sono indirette, condotte attraverso un Collegio elettorale – il sistema di delegati che vota per il Presidente del paese – suddiviso approssimativamente in base alla popolazione ed eletto Stato per Stato, per lo più con un sistema maggioritario: chi prende più voti, ottiene tutti i delegati dello Stato. Se da un lato la crescente disuguaglianza a livello nazionale non ha avuto un chiaro effetto sul voto popolare ai due principali partiti, abbiamo dimostrato in un nuovo studio  che nelle elezioni più combattute a partire dal 1992, le crescenti disuguaglianze all’interno degli Stati americani sono state un fattore decisivo nel determinare i risultati Stato per Stato, l’esito nel Collegio elettorale, e quindi la presidenza.

La logica di questa dinamica è nella base economica dei due grandi partiti americani. Un tempo i democratici erano un’alleanza multirazziale di lavoratori del Nord e bianchi del Sud nell’era del razzismo istituzionalizzato. Sono diventati poi una coalizione di abitanti benestanti delle città, per lo più professionisti e impiegati, e minoranze a basso reddito, sia nere che ispaniche. Il partito quindi in linea di massima prevale nelle due estremità della distribuzione del reddito, la più alta e la più bassa. I repubblicani, anche se sempre dominati dai ‘super-ricchi’ del paese, hanno ora la loro base elettorale nelle aree suburbane, nelle città minori e nelle aree rurali, in gran parte bianche e, in generale, con una posizione centrale nella distribuzione del reddito.

Il nostro approccio a quest’analisi si basa sulle tecniche sviluppate per misurare la disuguaglianza all’interno dei paesi, utilizzando dati settoriali su salari e occupazione, e applicati per oltre vent’anni nell’Inequality Project dell’Università del Texas. L’adattamento di queste tecniche ai dati sugli Stati Uniti ci ha permesso di sviluppare buone stime sul cambiamento della disuguaglianza all’interno degli Stati federali su base annua dal 1969 fino al 2014 e successivamente. Precedentemente, le misure della disuguaglianza all’interno degli Stati erano disponibili solo per gli anni prima del 2000 su base decennale, poiché molti Stati sono troppo piccoli per consentire al tradizionale Current Population Survey di fornire stime affidabili della disuguaglianza. Siamo stati così in grado di valutare la relazione tra le mutevoli disuguaglianze economiche dopo il 1969 in ciascuno Stato e i risultati del relativo Collegio Elettorale per tutte le elezioni di questo secolo, in particolare 2000, 2004, 2012 e 2016.

Fino agli anni ’80, la disuguaglianza all’interno degli Stati americani era generalmente maggiore nel profondo Sud, e rifletteva il divario razziale, il sottosviluppo economico e l’eredità della schiavitù nelle piantagioni. Negli anni più recenti, il luogo della crescita maggiore delle disparità si è spostato a Nord e a Ovest. La California, un esempio importante, un tempo era principalmente bianca e suburbana, e sosteneva in modo stabile i repubblicani, da Nixon a Reagan. Oggi è una scacchiera di ricchezza tecnologica, ispano-americani e immigrati a basso reddito, tutti solidamente democratici.

Le nostre misure annuali sulla disuguaglianza in ogni Stato americano mostrano che i maggiori aumenti dal 1989 al 2014 si sono verificati in California, New York, Connecticut, New Jersey, Maryland, Nevada, Rhode Island, Massachusetts, Hawaii, New Hampshire, Washington, Illinois e nel distretto della Columbia. Tutti questi Stati hanno votato per Hillary Clinton nel 2016. E dei venti Stati con il minor aumento della disuguaglianza, tutti tranne due (New Mexico e Minnesota) hanno votato per Donald Trump, mentre nel caso del Minnesota il margine per Hillary Clinton è stato di un mero 1,2%.

Questa chiara relazione può far prevedere gli sviluppi in corso nella politica americana. Gli Stati dell’Upper Midwest, decisivi per l’elezione di Trump nel 2016 – Michigan, Pennsylvania e Wisconsin – si stanno allontanando dalla loro tradizionale fedeltà democratica, man mano che le loro città decadono, la loro popolazione lavoratrice declina, le minoranze invecchiano. Nel 2016 l’esito in questi Stati è stato molto combattuto e nel 2020 potrebbero essere vinti dai Democratici con un piccolo cambiamento nell’opinione pubblica generale, ma nei prossimi anni saranno sempre più difficili da conquistare o mantenere per i candidati democratici. Al contrario, nel Sud e nel Sud-Ovest, e in particolare in Arizona, Texas e Georgia, le città e le popolazioni non bianche stanno crescendo rispetto alle zone suburbane e rurali. L’Arizona potrebbe passare ai democratici (come già la California e il Nevada) già nel 2020; il Texas e la Georgia sono più lontani da questo ribaltamento e soggetti a estese campagne di limitazione del numero degli elettori (una vera e propria voter suppression) volte a scoraggiare il voto delle minoranze e a prolungare il dominio repubblicano. Ma i dati demografici sono inesorabili e quegli ostacoli cadranno con il tempo.

L’attuale dilemma per i democratici è che l’era di Roosevelt è finita da tempo e al tempo stesso la coalizione di Clinton non è più sufficiente, logorata dalla de-industrializzazione e dalla perdita di peso del sindacato – mentre la transizione del Sud non è ancora matura. Quindi i democratici nel 2020 hanno di fronte a sè la scelta tra tentare di recuperare l’Upper Midwest da un lato o lavorare per accelerare la nascita di un Sud democratico dall’altro. Ciascuna strategia è legata a politiche specifiche, in particolare per quanto riguarda gli scambi commerciali, le infrastrutture e i cambiamenti climatici, che possono non funzionare per i problemi dell’altra regione. E non vi è alcuna garanzia che le politiche e le promesse elettorali del 2020 – e eventualmente realizzate in caso di vittoria democratica – siano ancora appropriati per il 2024 e oltre.

È possibile, naturalmente, che le elezioni del 2020 saranno decise da altre questioni, come i gravi temi della guerra e della pace, o forse le profonde divisioni dell’opinione pubblica sul presidente in carica, Donald Trump. È anche possibile – sebbene lo riteniamo molto improbabile – che una crisi economica o una recessione possano sopraggiungere e decidere il risultato. Ma nel caso in cui il mondo sopravviva alla burrascosa apertura dell’attuale anno elettorale e l’economia americana continui nella sua crescita lenta ma costante, la cosa più probabile è che le linee di divisione del 2016 si formino di nuovo, e che le elezioni siano combattute sullo stesso terreno. In tal caso, possiamo prevedere che i risultati siano coerenti con quelli degli ultimi anni, con il Sud un po’ più conteso dai democratici rispetto al passato e il Midwest un po’ più difficile da conquistare per loro. Come nel 2016, un vantaggio democratico nel voto popolare complessivo potrebbe di nuovo rivelarsi inutile, perché nel sistema americano le elezioni presidenziali sono combattute e decise negli Stati contendibili – e questi non sono né i più egualitari né i più diseguali.

* Fonte: sbilanciamoci.info
**Quest’articolo appare anche sulla rivista Intereconomics, www.intereconomics.eu. James Galbraith e Jaehee Choi fanno parte dell’University of Texas Inequality Project alla LBJ School of Public Affairs dell’Università del Texas ad Austin.




U.S.A. VERSO UNA GURRA CIVILE? di Robert Garner*

Il 2 giugno scorso vi avevo inviato le mie riflessioni sull’ondata di rivolte dopo l’assassinio di George Floyd a Minneapolis.

Mi spiegavo l’estensione e la radicalità delle sommosse anche alla luce della durissima “lotta in seno al vertice del capitalismo americano”. Vi dicevo che “mai c’era stata negli USA una simile spietata lotta intestina. Una divisione che attraversa non solo la cupola del regime, ma tutti i suoi segmenti, i diverso comparti statuali”.

Da allora le rivolte, a macchia di leopardo non sono mai cessate, tra una tregua e l’altra i due fronti di strada hanno continuato a darsi battaglia, usando le pause per meglio organizzarsi. Al contempo, in vista di elezioni presidenziali, lo scontro in seno alla classe dominante, lo scontro tra la frazione trumpiana e quella anti-trumpiana si è approfondito. Sarebbe un errore pensare che tra la lotta di strada e quella nel palazzo non ci sia una correlazione.

Nella mia lettera così concludevo:

«Non è una tempesta in un bicchiere d’acqua, non andrà a finire a baci e abbracci. Siamo seduti sopra un vulcano. Non dimenticate che l’evento più profondo che ha segnato in modo indelebile la storia degli Stati Uniti, non è stata la Guerra d’Indipendenza del XVIII secolo bensì la cruenta guerra civile di quello successivo. Tra le due armate c’è adesso solo una guerra a bassa intensità. Chi può escludere che si trasformi in guerra civile…»

L’ennesimo omicidio a sangue freddo dell’afro-americano Jacob Blake da parte di un poliziotto, avvenuto a Kenosha, una cittadina sobborgo della grande Chicago (e se prendono fuoco le periferie di Chicago…) ha riacceso la miccia della rivolta.

Il fatto davvero nuovo questa volta è l’ufficiale e cruenta entrata in scena di pattuglie di vigilantes bianchi, vere e proprie milizie paramilitari, armate in un doppio senso: ideologicamente perché composte da estremisti suprematisti bianchi, di fatto perché dispongono di armi d’assalto d’ogni tipo. Così ci spieghiamo l’assassinio, da parte dello studente Kyle Rittenhouse di due manifestanti. Li ha ammazzati con un fucile automatico Ar-15 (lo stesso che venne usato dal suprematista Nikolas Cruz per massacrare 17 persone innocenti nella strage di San Valentino in Florida nel 2018). Non era solo ma faceva parte di un gruppo paramilitare di estrema destra. Negli ultimi mesi ne sono sorti tantissimi in giro per gli Stati Uniti. Si raccolgono in un fronte denominato “Blue Lives Matter” [le vite dei poliziotti contano, NdT], e non nascondo di essere tutti filo-Trump. Trump, va detto, a più riprese ha tentato di prender la distanze da questi miliziani, ma con scarso successo.

Non è un segreto per nessuno che questo “Blue Lives Matter”, fondato da poliziotti in pensione, arruoli anche quelli in servizio e che goda di ampie simpatie nella Guardia nazionale e negli altri corpi armati statunitensi. Del resto, a conferma della radicalizzazione razzista e suprematista nei corpi di polizia statali e nell’esercito federale, non ci sono solo diversi sondaggi ma diverse inchieste del Congresso, che tutte confermano come la polarizzazione sociale e ideologica razziale abbia permeato a fondo gli apparati repressivi dello Stato.

Per concludere. Temo che una grande tempesta sia in arrivo. Penso che siamo già dentro una guerra civile a bassa intensità, che si protrarrà fino alle elezioni presidenziali di novembre. C’è chi sostiene che svolte le elezioni tutto tornerà come prima. Non penso affatto. La crisi economica e sociale, anche a causa del Virus, è drammatica. E’ la crisi profonda del capitalismo americano il vero carburante che alimenta l’attuale scontro. Che si manifesti nuovamente come scontro razziale non deve trarre in inganno. La questione razziale è certo importante, ma lo è ancora più perché funge da potente catalizzatore sociale e ideologico.

Azzardo un pronostico: chiunque sia il vincitore della presidenziali, Biden o Trump, dopo le elezioni l’incendio potrebbe diventare generale per cui, dalla bassa intensità , ci si incammininerà verso una guerra civile dispiegata.

* traduzione a cura della Redazione




LA VERITÀ IN BIELORUSSIA di A. Vinco

*sullo stesso tema: BIELORUSSIA. SOSTENERE LUKASHENKO? di Serguei Novikov

Secondo la stampa italiana mainstream (quindi anche quella della sinistra globalista), Putin non vedrebbe l’ora di dare avvio ad una lunga e permanente esercitazione militare in terra bielorussa, che sia così da monito ad ogni futura insorgenza nello spazio vicino.

In realtà, sia nella crisi di Minsk sia nella vicenda Navalny, ciò che sta emergendo è la forte e centrale trazione diplomatica e non militaristica esercitata dal Cremlino, di contro ai propositi ben più aggressivi che la Cancelliera (Kanzler) di Berlino e il rappresentante dell’UE, Josep Borrell, stanno manifestando.

Questi ultimi, probabilmente già certi che i Dem, fanatici russofobi anticristiani, tornino alla Casa Bianca per ridare finalmente avvio a una lunga stagione di fuoco e tensione nello spazio euro-russo assicurando alla Kanzler Frau Merkel e alla moribonda Deutsche Bank il tanto sospirato e dirimente Drang Nach Osten, sognano infatti una nuova Rivoluzione Arancione o di velluto che però, spiace per loro…, non c’è, né ci sarà.

Lo scenario bielorusso è ben diverso da quello dell’Euromaidan.

Non andrebbe dimenticato che in tempi recenti Lukashenko si era distinto per una strategia di chiara dissimulazione geoeconomica e geostrategica verso Mosca, aprendo su tutta la linea a Pechino: in ballo non ci sono solo i due miliardi di dollari che Xi aveva messo sul piatto per la “perla della Silk Road Economic Belt”, un parco di futuristica avanguardia tecnologica che la Cina avrebbe “donato” a Minsk, ma c’è soprattutto una vera e propria linea strategica filoeuropea e filocinese, portata avanti da Lukashenko negli ultimi tempi, non gradita a Mosca.

Del resto, la stampa russa da tempo sottolineava come Minsk, che aveva iniziato a importare petrolio occidentale mediante la Lituania, si era anche messa a disposizione di Xi Jinping per costruire un percorso di oleodotti alternativo a quello di Gazprom, su cui Pechino è costretta obtorto collo per ora a contare.

Il pesantissimo arresto, dello scorso luglio, di decine di volontari russi di ritorno dall’Africa, dove si erano recati per sostenere l’offensiva dell’Esercito Nazionale Libico di Haftar, operato inspiegabilmente dal presidente bielorusso avrebbe dovuto dire qualcosa alla stampa italiana, ma pare non aver detto nulla.

Va del resto precisato che il più grande partner economico della Bielorussia rimane comunque la Federazione russa con circa il 40% dello scambio. La via bielorussa, quindi, difficilmente anche su questo versante si potrà eccessivamente rappresentare, anche in un futuro più o meno prossimo, come eterodiretta da Berlino o da Pechino. Dmitry Peskov, di contro ai propositi bellicosi di UE e Berlino ed in parte dello stesso presidente bielorusso, ha gelato, proprio due giorni fa, la controparte di Minsk con autentica doccia fredda precisando che Mosca, allo stato attuale, non vede motivi per un interventismo militare diretto in Bielorussia. Allo stesso tempo, ha segnalato che non sarà tollerata alcuna interferenza dei mercenari “Rivoluzionari” del Deep State euroatlantico sul modello ucraino.

Ma anche tale prospettiva pare assai aleatoria e parlare di Maidan bielorusso sarebbe forzato; lo stesso ministro degli esteri russo Lavrov si è guardato bene dallo sposare su tutta la linea la retorica del presidente bielorusso precisando che le elezioni si sono svolte a Minsk “in modo non ideale” e le iniziali proteste di massa sono state patriottiche.

Non a caso è atterrato in queste ore in Bielorussia Dragomir Karic, console serbo di lungo corso, che sta trattando per una uscita indolore di scena del presidente bielorusso. La stessa Lituania ha risposto all’approccio diplomatico di Mosca, ripudiando le fughe in avanti “rivoluzionarie” su cui ha invece scommesso Berlino: il governo di Vilnius ha immediatamente detto di non riconoscere la Tikhanovskaya, che pur si trova in Lituania, come presidente.

Sia comunque chiaro che la stessa Tikhanovskaya rimanda a figure che in un modo o nell’altro risponderebbero in ultima istanza al capitalismo di stato moscovita o a Gazprom.

Al tempo stesso, però, va assolutamente dato il grande merito storico a Lukashenko di aver rifiutato, nello scorso gennaio, centinaia di milioni di dollari offertigli da OMS e FMI nel caso in cui avesse imposto il lockdown in Bielorussia.

Quali conclusioni trarre da un quadro così caotico e mutevole? Anzitutto che la stampa globalista italiana, russofobica nel dna, prende come al solito lucciole per lanterne e i sovranisti, “russofili di destra”, quasi in un strano gioco di coppia, ne seguono le indicazioni, per arrivare a posizioni solo apparentemente differenti. Globalismo di sinistra e sovranismo di destra costituiscono anche in tal caso i classici due volti della stessa moneta.

Immaginare un asse Pechino-Mosca è pura fantasia, come è pura fantasia immaginare l’interferenza russa nella competizione elettorale statunitense. Mosca non può avere alleati strategici, per storia e conformazione geografica. Ci torneremo su, se vi sarà modo, anche in relazione al contesto italiano.

In secondo luogo l’opposizione a Lukhashenko non è affatto, in larga maggioranza, russofoba e antiputinista. Tutt’altro. Quando iniziarono le prime rivolte contro i risultati elettorali, va ricordato, decine di combattenti patrioti della Federazione russa erano, contro ogni logica, detenuti nelle prigioni militari di Minsk e in Bielorussia lo sapevano tutti.

In terzo luogo, infine, va collegata la decisione del presidente Putin di lasciare trasportare il malato Navalny in un ospedale tedesco con l’approccio assolutamente diplomatico riservato alla crisi bielorussa: siamo ancora in una fase assolutamente interlocutoria, tutta tatticistica, in vista del risultato elettorale del Novembre americano.

Solo la Cancelliera, come è spesso avvenuto nella storia dello stato maggiore germanico, confonde la strategia con la fase tattica. Ben più diplomatico e assennato l’Eliseo francese, non a caso. E lo stesso Presidente del Consiglio Conte, per quante critiche gli si possano rivolgere su altri piani, non ha giocato male le sue carte geopolitiche.

L’UE, meraviglioso esperimento di pace, ha bisogno di guerre e continue Rivoluzioni Colorate per la propria sopravvivenza, da Belgrado ‘99 ad Ucraina 2014 gli esempi non mancano: per questo l’élite euro-germanica è gemellata con il clan russofobo e bellicista dei Dem e dei neocons statunitensi e per questo non possiamo considerare Conte un integrazionista euro-germanico.

Quattro anni di sostanziale pacifismo trumpiano, più vicino di quanto si creda alla Presidenza del Consiglio di Roma, hanno non a caso azzerato il peso internazionale della economicistica e mercantilistica UE condannandola a una stato di insipienza politica.

Infine, l’approccio diplomatico del Cremlino, con le fiamme alle porte di casa, può anche sembrare eccessivamente moderato; ma è questa una regolarità e una costante della storia russa. Nei momenti immediatamente precedenti a una probabile, per quanto non ancora certa allo stato attuale, pianificazione di grande aggressione strategica contro la Russia, il Cremlino ha sempre concentrato al massimo le forze al proprio interno evitando inutile dispendio di energie.




BIELORUSSIA: SOSTENERE LUKASHENKO? di Sergeui A. Novikov

Le elezioni svoltesi in Bielorussia hanno registrato una schiacciante vittoria per Lukashenko ed una secca sconfitta per i suoi avversari filo-occidentali.
Abbiamo chiesto ad uno dei più cari amici russi il suo punto di vista.

In quanto parte del PCUS (Partito Comunista dell’Unione Sovietica) il Partito Comunista Operaio Russo ha un’organizzazione comunista in Bielorussia.

Essi criticano fortemente Lukashenko come fondatore e pilastro del capitalismo di stato bielorusso, il quale non ha niente a che fare con il socialismo affatto. Tuttavia, nel dibattito tra la sinistra bielorussa prima delle elezioni per decidere se votare contro tutti i candidati, oppure sostenere Lukashenko, i nostri compagni hanno optato per quest’ultima opzione.
Il motivo principale è che essi non vogliono un nuovo Maidan (il rovesciamento politico a Kiev nel febbraio 2014) che condurrebbe la Bielorussia a far parte della NATO, nonché ad un’ampia privatizzazione del settore statale e tagli allo stato sociale.

Per quanto riguarda i manifestanti anti-Lukashenko, ci sono elementi dell’élite ed elementi popolari.

Ci sono, tra i manifestanti, molte persone assolutamente sincere, che sono scontente della burocrazia di Lukashenko e della crescente mancanza di democrazia, ma ci sono anche elementi dell’élite, che strumentalizzano questi giusti sentimenti per i loro fini. Va precisato che questi ultimi non sono così radicali come in Ucraina, ma sono tutti molto molto pro-occidentali e pro-americani.

Come sappiamo, il capitalismo di stato molto spesso si difende in modo molto brutale. Tutti ricordiamo (e non dobbiamo dimenticare) quel che accadde in Cina nel 1989. Non è un caso che i primi a congratularsi con Lukashenko per la sua cosiddetta vittoria sono state proprio le autorità cinesi.

Ed è qui che io vedo il problema principale.

Intendo la quastione del “male minore”.

Nella sinistra rivoluzionaria, c’è chi sostiene che, dal momento che nessuna delle due parti in Bielorussia ha qualcosa a che fare con il socialismo, allora non dovrebbe nemmeno porsi la  domanda su chi sostenere, perché tutti gli sforzi e tutte le energie politiche dovrebbero essere concentrate sull’alternativa socialista.

Di più, essi dicono, se uno è socialista, la cosa principale da fare è denunciare con forza entrambe le parti e la loro politica procapitalista, per quanto diversa essa spossa essere. La cosa principale, essi dicono, è che siccome il socialismo può essere raggiunto solo da una rivoluzione violenta, la cosa più  auspicabile è la situazione che aggrava tutte le contraddizioni capitalistiche così da suscitare la lotta proletaria, proveniente dal basso, piuttosto che agire per il ripristino del socialismo dall’alto o di limitarsi alla difesa minimale di alcuni dei suoi elementi.

Tuttavia, l’esempio dell’Ucraina mostra che i liberali e i nazionalisti escogitano la loro cosiddetta decomunistizzazione. Come risultato, molte persone di sinistra hanno lasciato l’Ucraina dopo il febbraio 2014 e sono dovute scappare in Russia chiedendo l’asilo politico.

I servizi segreti dell’Ucraina controllano e monitorano strettamente tutti i comunisti attivi e le persone di sinistra, apertamente sospettati di collaborazione con Mosca. Inoltre, l’amministrazione ucraina, prima Poroshenko e ora Zelensky, hanno distrutto completamente l’industria ucraina e l’agricoltura. Basti dire che da quest’anno l’Ucraina ha iniziato ad importare pomodori dalla Turchia.

Nessuno poteva nemmeno immaginare queata cosa, anche solo due o tre anni fa, visto che la terra in Ucraina è molto fertile e di solito esportavano prodotti agricoli piuttosto che importarli. Ora Zelenskyj ha imposto una completa privatizzazione delle terre. Il risultato è che la classe operaia e la classe contadina sono state completamente fatte a pezzi. Gli scioperi sono pochissimi e anche se ce ne sono, sono piuttosto spontanei e spesso falliscono. Così, a prima vista, lo spostamento filoamericano dell’Ucraina ha portato all’emarginazione di ogni movimento comunista e di sinistra.

Lo stesso in Russia, dove Putin ha celebrato la sua vittoria lo scorso luglio dopo il referendum sulle cosiddette modifiche costituzionali, dove il punto principale era quello che può rivendicare alla presidenza ancora per due mandati di 6 anni ciascuno. Quando ho provato a denunciare questa frode politica, ho sentito molte persone pronte a sostenere Putin a qualsiasi costo perché loro non voglio tornare agli anni ’90, cioè al capitalismo iniziale, molto brutale e pro-americano. Alcuni di loro hanno addirittura affermato che sono orgogliosi, che Putin non si arrende nella sua battaglia contro il mondo dell’imperialismo. E, naturalmente, tutti questi sentimenti sono stati motivati ​​dalla paura di un Maidan in Russia.
Adesso si fa molta fatica a dimostrare che Putin è anch’egli un liberale e che non c’è una grande differenza tra lui e i suoi avversari filoamericani.

Per quanto riguarda la Bielorussia, i comunisti bielorussi, per quanto mi riguarda, fanno troppo affidamento su Lukashenko.

Per quanto concerne la disputa territoriale tra Bielorussia e Federazione Russa, non mi pare sia una questione davvero importante, tale che possa provocare una pericolosa crescita del nazionalismo. L’economia bielorussa è strettamente associata con quella russa, molto più profondamente di quanto non fosse stato con l’Ucraina. Non si creda che l’eventuale sconfitta di Lukashenko trasformerà l’Ucraina in un nuovo fantoccio degli Stati Uniti come è successo all’Ucraina.

Io spero che i nostri compagni bielorussi capiscano la necessità di concentrarsi sul movimento operaio e sulla lotta di classe invece di concetrarsi nel sostenere il cosiddetto “male minore”. Ma mi rendo conto che questa soluzione rischia di essere astratta, facile da difendere in teoria, ma molto più difficile da mettere in pratica. Basti dire che se sei contro Lukashenko, precipiti immediatamente nel campo di una minoranza molto marginalizzata e proliberale.

Per quanto riguarda la mia esperienza personale, penso che la vittoria di Lukashenko alle elezioni sia stata un pò truccata, ma in realtà avrebbe vinto comunque. Forse non avrà ottenuto l’80%, ma il 60 o anche il 55, si. E sebbene a molte persone in Bielorussia non piaccia Lukashenko, meno ancora piacciono i suoi 4 avversari. A proposito, uno degli oligarchi russi ha affermato il mese scorso, che se per difendere Putin è necessario privare del diritto di voto i giovani russi, quelli che non sanno e nemmeno vogliono sapere cosa accadeva negli anni ’90, allora che lo si faccia per evitare nuove difficoltà e instabilità. Egli ha poi rettificato l’affermazione, ma è piuttosto interessante come esempio per capire il dilemma: se qualcun altro sale al Cremlino, perderemo la relativa stabilità e persino un po ‘di benessere: chi è disposto a tanto per avere la democrazia?

Per concludere, penso che i nostri compagni bielorussi abbiano commesso un errore nel sostenere Lukashenko. Questo non è tuttavia un grave errore. Può essere corretto se correttamente compreso, anche se sono ben consapevole che l’opzione giusta per la lotta di classe e per la campagna antiimperialista contro UE e USA e contro gli imperialismi russo e cinese è davvero molto difficile da perseguire. Può costare molte vittime e marginalizzare ancora di più il partito, ma è l’unica opzione che guardi al futuro, e non invece al passato.




LA RIVOLUZIONE COLORATA CONTRO PUTIN PARTE DALLA SIBERIA? di F. F.

Riceviamo e pubblichiamo.

Decine di migliaia di persone sono scese in piazza nell’Estremo Oriente russo per il terzo sabato consecutivo per l’ultimo raduno in un movimento di protesta senza precedenti che sta guadagnando slancio e sta prendendo una piega contro il Cremlino.

Entrando ora nella loro terza settimana, le proteste nella regione di Chabarovsk al confine con la Cina sono iniziate dopo l’arresto del governatore Sergei Furgal, accusato per aver commissionato tre omicidi nel 2004 e 2005. Questa settimana il movimento di protesta è stato stimolato dalla decisione del Cremlino di martedì di sostituire Furgal con un nuovo governatore che non ha mai vissuto nella regione.

Eletto in una vittoria a sorpresa nel 2018 a seguito di un voto di protesta, Furgal è diventato rapidamente il cosiddetto “governatore popolare”. La sua diffusa popolarità è cresciuta dopo che ha fatto diverse mosse populiste una volta in carica e ha aiutato il suo Partito liberale democratico della Russia (LDPR), di destra radicale, a prendere il controllo della città di Khabarovsk e dei parlamenti regionali l’anno successivo. Dopo essere stato arrestato e portato a Mosca il 9 luglio, circa 40.000 persone sono scese in strada nella città principale di Khabarovsk, a circa 6.100 chilometri a est della capitale russa. Da allora ci sono stati raduni, con manifestazioni principali che si svolgono il sabato. Sabato scorso, le stime hanno messo i numeri totali a circa 50.000 in una città con una popolazione di 600.000.

Nell’ultimo sabato, i giornalisti che hanno riportato le news delle proteste sin dall’inizio hanno affermato che il rally della giornata è stato di gran lunga il più grande, anche se le stime sono variate notevolmente. Mentre i canali dei social media a favore dell’opposizione hanno collocato il totale a circa 90.000, le autorità di Khabarovsk hanno affermato che 6.500 persone hanno partecipato al rally.

Il movimento di protesta non ha leader e la polizia aveva sino a giorni fa lasciato sempre libertà di manifestazione in quanto si tratta di una protesta pacifica, non violenta. Ma dopo che il presidente Vladimir Putin ha nominato Mikhail Degtyaryov (sempre in forza al LDPR) governatore ad interim per sostituire Furgal lunedì, il tono delle manifestazioni è cambiato questa settimana, assumendo un chiaro intento insurrezionale.

Al centro del movimento di protesta c’è la richiesta che il processo dell’ex governatore Sergei Furgal sulle accuse di omicidio venga tenuto a Khabarovsk.
Per prima cosa il nuovo governatore ha rifiutato l’invito a incontrare i manifestanti, che avevano chiesto di ascoltare le loro preoccupazioni e le loro richieste.
Sabato, i manifestanti si sono incontrati nel loro solito luogo di ritrovo in Piazza Lenin, di fronte all’edificio dell’amministrazione regionale nel centro della città, prima di partire per una marcia di due ore in un clima festoso. La musica risuonava da macchine parcheggiate, i manifestanti distribuivano snack e acqua, e macchine di passaggio e autobus pubblici suonavano il clacson per il supporto.

Mentre i manifestanti camminavano, i loro canti includevano “Furgal era la nostra scelta”, “Il Cremlino non è nazionalista né patriota”.  All’inizio di questa settimana, il Primo Ministro Mikhail Mishusti ha promesso di stanziare 1,3 trilioni di rubli ($ 18,2 milioni) in finanziamenti federali per la regione, secondo Degtyaryov.
“Le proteste sono diventate molto più radicali”, ha detto l’analista politico Alexander Kynev, che ha partecipato alla manifestazione di sabato. “Puoi sentire che l’attenzione è rivolta al presidente.” Ciò potrebbe comportare problemi per il movimento lungo la strada. Già questa settimana, dopo che Degtyaryov è stato nominato alla carica, ci sono stati segnali che le autorità potrebbero iniziare a reprimere.

Lo scorso giovedì la polizia ha accusato due manifestanti di organizzare raduni non autorizzati. Secondo la legge russa, le manifestazioni devono essere concordate in anticipo con le autorità, che non hanno approvato nessuno dei raduni di Khabarovsk.

Sempre lo scorso sabato, a Mosca, il leader della Sinistra radicale antifascista Udalzov, nel corso di una manifestazione non autorizzata ha parlato arringando i suoi di “colonialismo fascista moscovita” nei confronti di Chabarovsk e della Siberia. Il quadro è ora chiaro:

a) manifestazione spontanea di protesta (Chabarovsk) a causa di un errore politico del presidente VVP che rimuove un ottimo governatore della destra populista, Furgal;

b) immediata influenza con i suoi agenti da parte di una non meglio precisata potenza straniera, come dichiara D. Peskov (analista vicino al presidente), per disarcionare il putinismo Conservatore e precipitare i russi nel nuovo abisso progressista lgtb+;

c) obiettivo strategico finale di Rivoluzione anti-putiniana  che sappia portare nel medesimo fronte il nazionalismo spontaneo filorusso con il sovversivismo colorato della sinistra radicale.

Quale potenza internazionale può avere interesse al separatismo siberiano dal “fascismo di Mosca”? Con ogni logica probabilità, la Cina globalista tatticamente alleata su tutta la linea al Deep State angloamericano e alla Deep Church romana.

Si iniziano già a vedere gli effetti della Rivoluzione Democratica globale Biden, pacifista, antifascista, antirazzista, egualitaria, progressista. Il mondo lo sta sperimentando nelle sue carni lacerate e smembrate: dal Covid 19 alle furiose e selvagge violenze anticristiane e sataniche negli USA. Mosca è l’obiettivo strategico finale della congrega anticristiana e russofoba della Sinistra liberal globalista. La Russia ha già sperimentato troppe inutili, catastrofiste Rivoluzioni Colorate nella sua storia. Non vi dovrà e non vi potrà essere spazio per un’altra catastrofe russa.




LE VERITÀ SULLA RIVOLTA DI BELGRADO di Goran Kadijević

Riceviamo e volentieri pubblichiamo.

Sulla rivolta in atto a Belgrado contro il governo di Aleksandar Vucic (leader del cosiddetto Partito Progressista Serbo) viene detto e scritto in Italia tutto e il contrario di tutto.

L’attuale ribellione popolare non è un fulmine a ciel sereno; essa sale sulle spalle delle proteste politicamante trasversali dell’inverno scorso scattate per condannare la politica di capitolazione sulla questione del Kosovo-Metohja.

Tra le tante sciocchezze, abbiamo ad esempio letto che i rivoltosi contestavano il governo per la sua scelta di ammorbidire la quarantena. Niente di più grottesco.

Come ben spiega questo reportage le radici della sollevazione sono ben più profonde ed i motivi politici ben diversi.

Malgrado noi si sia lontani dalle opinioni politiche dell’autore (riconducibili ad un nazionalismo serbo-ortodosso radicale) abbiamo tradotto e pubblichiamo la sua corrispondenza poiché getta un diverso ma illuminante fascio di luce su quello che bolle in pentola in Serbia, ovvero nel cuore stesso dell’area balcanica.

Non è del resto esatto che la rivolta in corso abbia, come scrive il corrispondente, un univoco segno. Essa raccoglie, per quanto quella nazionalistica sia quella dominante, diverse correnti d’opinione contrarie al governo.

* * *

I mezzi di informazione occidentali dipingono l’attuale rivolta serba come una sollevazione causata per lo più dalle bugie del Governo Vucic sui dati del contagio. Ciò è falso.

La rivolta serba contro la biosorveglianza totalitaria globalista e progressistica dell’elite del Deep State ha avuto inizio nel momento stesso in cui il progressista Vucic impose mesi fa il cosiddetto lock down all’intera Serbia.

La rivolta serba, essendo una rivolta politica conservatrice, non è iniziata una settimana fa, ma mesi fa. Bosko Obradovic, guida carismatica dell’Opposizione nazionalista serba, occupando per due settimane di sciopero della fame i gradini di fronte alla Camera dell’Assemblea Nazionale, era di fatto il primo uomo politico della storia contemporanea, ben prima del presidente statunitense Donald Trump, ben prima del presidente Bolsonaro, ben prima dell’irruzione sulla scena del BLM e di antifa americani e ben prima delle varie voci di scienziati alternativi al progressismo totalitario sanitario, a contestare la Rivoluzione colorata planetaria in atto.

E’ tipico del nazionalismo Serbo precorrere i fatti e le grandi tendenze storiche: Gavrilo Princip Draza Mihajlovic Ratko Mladic, guerrieri puri andati al martirio per essere stati troppo in anticipo sui tempi, strateghi politici, prima che militari, antagonisti totali, irriducibili, ai rivoluzionari colorati della loro epoca, hanno perso, sono stati demonizzati nella memoria eterna di più generazioni ma hanno però aperto una nuova epoca storica e spirituale come veri e propri eroi cosmici.

Il mondo dopo di loro è stato completamente differente dal mondo prima di loro.

Bosko Obradovic non negava evidentemente mesi fa il fenomeno Covid o l’epidemia di massa, ma contestava la strategia politica da autentica guerra mondiale che i GAFA della Silicon Valley con l’alleanza tattica elitista di Cina, Unione Europea e altri paesi islamici stavano fomentando “contro il grande popolo russo, contro Putin e contro i Conservatori di tutto il mondo” (B. Obradovic Marzo 2020). E’ certamente vero che il fattore immediato e scatenante sia stato rappresentato dal fatto che il noto artista e patriota serbo, il sign. Ljubisa Duric, sarebbe stato lasciato morire senza sostegni sanitari nell’ospedale di Zemun, ma è altrettanto vero che l’insofferenza verso il Partito Progressista di Vucic cova in Serbia da settimane.

E’ del resto significativo che in questi giorni di aperta Rivolta Conservativa, i media progressisti di Vucic stiano sfoggiando una isteria russofoba e putinofoba che è tipica dell’elitarismo dei Dem e dei Liberal della Sinistra angloamericana e del britannico MI6. Ciò testimonia la piena appartenenza ideologica di Alexander Vucic e dei socialisti, suoi storici alleati, nel fronte del Deep State e del superstato massonico globale. L’ambasciatore russo di stanza a Belgrado è intervenuto nella questione il 9 luglio, cercando di placare la furiosa russofobia del fronte elitista Vucic, dichiarando che è “perverso” escogitare e propagandare immaginarie connessioni russe dietro la rivolta popolare.

Non a caso, tra i manifestanti infiltratisi che provengono dall’estero vi sarebbero cittadini ucraini, anarchici antifa occidentali e attivisti di vari paesi islamici: è certo quindi che alcuni elementi del Governo progressista Vucic stiano fornendo la logistica per sabotare dall’interno la rivolta conservatrice e avviare una nuova Rivoluzione Colorata che rafforzi ancora di più il partito russofobo, già purtroppo assai forte a Belgrado.

Dei presunti “nazisti russi” che dal Donbass starebbero arrivando a Belgrado in sostegno degli anti-Vucic non c’è invece traccia sebbene i mercenari progressisti, che hanno imposto da mesi il terrore sull’intera Serbia, li annuncino in arrivo un giorno sì e l’altro pure. Nei primissimi giorni di rivolta popolare, la gioventù serba innalzava nelle strade i tradizionali cori per il Kosmet Serbo e per la libertà dell’Eroe Serbo Ratko Mladic e la rivolta pacifica e democratica conservatrice sceglieva come proprio simbolo il segno della croce di rito ortodosso in omaggio al defunto artista, il sign. Liubisa, in contrapposizione ai simboli rivoluzionari globalisti di BLM, attivisti antifa e violenti agitatori.

Bandiere patriottiche serbe e croci cristiane ortodosse campeggiano ovunque in questi giorni di rivolta. Come ha reagito Vucic a questo magnifico spettacolo di pacifico e Democratico patriottismo Serbo? Ha detto che stavano marciando sulle strade della Serbia “i soliti cetnici fascisti” e che non si deve mischiare religione e politica senno si è troppo Conservatori fascisti, non si è buoni progressisti!

E’ assai strano che un uomo politico come Vucic che sino a pochissimi anni fa si autorappresentava come il portavoce del nazionalismo cetnico più ortodosso, arrivando alla personale dedica di una delle più trafficate vie di Beograd al Generale Mladic, benedetto quest’ultimo peraltro dal “santo vivo” Patriarca Pavle I, si proponga nei fatti oggi come l’alfiere del Deep State globalista-Russofobico dei vari Soros Biden e Clinton.

Evidentemente Vucic si sente idealmente più vicino agli antifa occidentali che bruciano le immagini di Arcangelo Michele e Chiese cristiane. Vucic è anche il presidente che ha abdicato su tutta la linea alla fallace storiografia dei “vincitori” dei tribunali penali globalisti, filoislamisti e progressisti: ha presenziato a Srebenica seguendo le indicazioni della sinistra russofoba e filoturca, ben sapendo che quel luogo fu il centro operativo strategico del terrorismo islamista di Al Qaida sostenuto su tutta la linea dal Deep State clintonista e che oggi Daesh è presente nelle stesse zone con il silenzio complice di UE; ha sorvolato sul massacro pianificato di centinaia di migliaia di innocenti serbi, sul genocidio delle Krajine, sulla deportazione etnica antiserba e anticristiana, sulle terribili stragi di massa della NATO accorsa in difesa del terrorismo islamista; a differenza del grande e rimpianto premier Kostunica, non ha mai trattato i serbi della Republika Srpska come i nostri fratelli che sono e non ha mai contestato con una seria squadra di giuristi l’ingannevole lavoro di Tribunale Haag; ha mostrato autentico disprezzo verso la più grande ideologa vivente del Conservatorismo nazionale serbo, Biljana Plavsic, e totale indifferenza verso la persecuzione a cui è sottoposto da anni Milorad Umenek, detto Legija, distintosi in anni e anni nel fronte di salvezza serba e contro-terrore, mentre è nota a livello internazionale la vicinanza di Vucic al serbofobo Recep Erdogan; non ha apportato nessun avanzamento tattico sulla questione del Kosovo nonostante il tacito appoggio di Trump e Putin e in definitiva in Kosovo il martirio di serbi come l’islamizzazione filoturca continuano giorno dopo giorno a ritmo forzato.

L’era Vucic è anche l’era in cui le manifestazioni di eterofobia promosse direttamente dai Rotschild e condannate dai patriarcati di Mosca e Belgrado, definite Gay Pride, vengono imposte con metodi da tirannia e con dispiegamento di forze da Stato di Polizia penale alla maggioranza dei serbi la quale, nel migliore dei casi, non apprezza affatto simili carnevalate fuori luogo e fuori tempo.

Le rivolte antiVucic sono quindi, pur nel contesto specifico della difesa dal terrore planetario della nuova Rivoluzione colorata mondiale Covid-19, un fenomeno nazionale serbo, in continuità con le varie insurrezioni per il Kosovo serbo. Assumono però evidentemente, dato il contesto, un significato politico internazionale e mondiale.

Siamo chiaramente di fronte alla prima forma di Contro-rivoluzione colorata, che esce dal territorio della minoranza silenziosa impaurita e psicologicamente assoggettata ai media della sinistra “evoluzionistica” scientista globalista.

Potrà questa Contro-rivoluzione colorata avere successo pratico?

Dipenderà dal fatto che una eventuale elite nazionale conservatrice serba sappia essere cinica, spregiudicata, prediposta a ogni tattica, come hanno mostrato di esserlo le elite progressiste nichiliste Covid -19. Ricordiamo Giulietto Chiesa che nel dicembre 2018, in sostegno all’insurrezione di quei giorni, scrisse: “Di che colore sarà la Rivoluzione Serba?”.

Noi auspichiamo che, se verrà, sarà cristiana, conservatrice e veramente serba, dunque antirivoluzionaria, antinichilista, antiprogressistica, antiglobalista, anticolorata.

Nel ricordo sempre vivo di Liubisa Mauzer Savic (Bijeljina 7 giugno 2000) e di tutti i caduti  




PUTIN FASCISTA? di A. Vinco

Dal 25 giugno al 1 luglio si è tenuto in Russia un referendum per modificare la Costituzione che consente a Putin di restare in sella fino al 2036. Risultato: un plebiscito di sì. Gran parte della sinistra russa non solo si è opposta a quello che ha definito un “plebiscito truccato”, ha denunciato il pericolo di una “dittatura fascista”.

Ieri, 4 luglio, a Mosca, vicino all’edificio dell’Amministrazione presidenziale della Federazione Russa, circa 900 persone si sono radunate e hanno dichiarato di non riconoscere i risultati del voto sugli emendamenti alla Costituzione, in quanto organizzati a loro dire in un formato fraudolento che non si presta al controllo pubblico oggettivo.

Udalzov Mosca Protesta anti-Putin 4 Luglio 2020

Il coordinatore del Fronte di sinistra Sergey Udalzov ha detto ai giornalisti che l’opposizione sta chiedendo che le autorità non consentano più un tale formato per il voto, poiché tale pratica distrugge l’istituzione elettorale e porta alla dittatura fascista sotto forma di “Democrazia protetta”.

Udalzov ha anche chiesto di fermare la persecuzione dei rappresentanti dell’opposizione russa, di rilasciare prigionieri politici e di revocare il divieto di svolgere azioni di massa.

Tra i cittadini che sono giunti all’AP della Federazione Russa c’erano rappresentanti del Fronte di Sinistra, del Soviet di Mosca, del Partito Comunista di Gennady Zyuganov, del Partito della Causa, di “Altra Russia”, di “Solidarietà civile”, di Antifa Russia, di OKP e altre organizzazioni antifasciste e di Sinistra radicale.

I manifestanti hanno fatto una lunga fila lungo l’edificio dell’AP della Federazione Russa e hanno consegnato le loro richieste con i requisiti, tra cui Anastasia Udalzova, Maxim Kalashnikov, Georgy Fedorov, Boris Kagarlitsky, Andrey Seleznev e altri. Vicino all’Amministrazione presidenziale stessa e nelle vicinanze c’erano molti poliziotti e autobus di polizia in servizio, il deposito delle richieste sulla non validità degli emendamenti era completato nel tardo pomeriggio.

Da mesi il Fronte di Sinistra si è attivato contro i correttivi refendari di Putin in ogni città della Federazione russa con l’azione dei propri militanti.

Sergey Udalzov, leader carismatico del Fronte di Sinistra, è stato in detenzione per circa quattro anni, dopo l’arresto nella manifestazione anti-Putin del 6.05.2012. Si è più volte autorappresentato come “socialista e patriota” e ha sempre preso le distanze dal razzista filo-occidentale Navalny. I suoi punti di riferimento politici occidentali sono Podemos in Spagna, Melanchon in Francia, di cui è peraltro amico, Bernie Sanders negli Usa. Non conosce la scena politica di sinistra italiana a quanto pare.

Ad avviso del Fronte di Sinistra, il putinismo è una manifestazione, nel contesto russo, di quella Destra populista, di quell’epidemia sovranista che ha avvelenato e disgregato l’Occidente dall’interno. In questo senso è una forma di fascismo o, dato il contesto storico russo, neo-zarismo populista; il muro alle vittime della repressione sovietica e i monumenti al dissidente Solzenicyn fatti alzare da Putin 100 anni dopo la Rivoluzione d’ottobre provocarono la rivolta di Fronte di Sinistra e comunisti russi.

La linea strategica di Udalzov è battere la destra populista putinista con una sinistra populista e patriottica, “non svendendo la Russia alle multinazionali occidentali, come fece El’cin”.

Il tentativo tattico che egli insegue da anni è quello di creare un fronte unito di Sinistra radicale antifascista – dai socialdemocratici agli anarchici ed ai marxisti ortodossi e questo tentativo, con l’unione tattica antirefendaria, potrebbe oggi andare in porto. L’obiettivo del Fronte è la democrazia diretta assembleare contro la democrazia protetta elitista di Putin.

Significativo il supporto di Zyuganov, che è su posizioni di antiputinismo radicale. Il consenso verso i comunisti è in crescita, soprattutto a Mosca e S. Pietroburgo, meno nelle periferie.

Zjuganov Mosca 6 Giugno 2020

Sembra quasi ripetersi il trend occidentale, con la metropoli progressista fortino della Sinistra contro le periferie conservatrici.

Il presidente del Partito Comunista della Federazione Russa ha invitato prima del referendum a votare NO alla consultazione nazionale sugli emendamenti alla Costituzione russa, tutte le forze della Sinistra radicale antifascista invitavano invece a boicottare il processo e a non recarsi alle urne.

Zyuganov, nell’ultima intervista concessa ai giornalisti, ha collegato il Covid-19 al processo di disgregazione mondiale della catena del valore liberista, ha indicato nella “Cina Socialista e Democratica” l’avanguardia mondiale non solo nell’economia e nella sfera sociale, ma anche sul piano sanitario e nella pratica di lotta alla nuova epidemia.

La crisi sistemica del modello liberista si potrebbe risolvere per il leader comunista o con una nuova guerra mondiale o con una rivoluzione socialista e inter-razziale negli Usa, unico mezzo per fermare il conflitto interimperialista.

La Cina di Xi Jinping avrebbe fatto tesoro della “Grande Rivoluzione d’Ottobre, della Modernizzazione di Lenin-Stalin, della Grande Vittoria del 1945” mentre la Russia non avrebbe per nulla fatto tesoro di ciò e non si può vantare dell’eredità Socialista, essendo precipitata nel Neo-zarismo o nella via di una Destra populista e semifascista.




SPAGNA: LA GARROTA DELL’UNIONE EUROPEA di Manolo Monereo

Che la signora Calviño fosse più di un semplice ministro dell’Economia, lo sapevamo tutti. Pedro Sánchez ha scelto con cura di stare vicino alle potenze europee, di conoscere in anticipo le loro opinioni e di provare a influenzarle.

Il ministro dell’Economia è la rappresentazione più autentica di un eurocrate, di un funzionario di alto livello che conosce tutti i dettagli del potere e che guarda agli Stati come se fossero poco più che regioni autonome.

Gli eurocrati si sentono al di sopra degli Stati e li guardano con enorme sfiducia; sono intrisi dell’idea che, in un modo o nell’altro, tutto passa attraverso lo stato tedesco e la sua dottrina ufficiale, l’ordoliberismo.

Col passare del tempo, il ruolo di Nadia Calviño è diventato più importante. Le potenze economiche e i loro giornalisti preferiti la identificano con l’ortodossia economica, in quanto rappresentante della UE in Spagna e come contropotere di Pablo Iglesias e di quei membri del governo che cercano di andare oltre le regole di base che la UE ha costituzionalizzato in quasi tutti i paesi.

La “signora in nero”, come è stata chiamata, ha anche svolto il ruolo di una possibile alternativa a Pedro Sánchez in caso di una rottura del governo nel contesto di un peggioramento della crisi.

La possibile elezione della signora Calviño a presidente dell’Eurogruppo rappresenta un salto di qualità. A mio avviso ciò cambia la natura del governo. Sappiamo tutti che l’Eurogruppo è un organo informale ma decisivo.

Coloro che hanno letto il libro o visto il film di Varoufakis, Behaving Like Adults, prenderanno atto del ruolo canaglia del signor Dijsselbloem, il ministro socialista olandese.

Insisto, cambia la natura del governo; se prima la signora era la rappresentante della UE nel governo, ora, con la sua elezione a presidente dell’Eurogruppo, diventerà un’autorità europea nel governo. In altre parole, la Spagna sarà controllata dall’UE per mezzo dello stesso governo di Madrid con un potere sulle grandi questioni, simile o maggiore di Pedro Sánchez.

Che gli accusati celebrino il trionfo del loro procuratore è penoso. Di fronte all’inevitabile, sembra bello stare dalla parte del vincitore e attendersi, niente di più umano, la sua benevolenza. È bello essere tra persone istruite ed educate.

Nulla riflette il linguaggio dell’odio più delle relazioni neutre e scientifiche sulla realtà economica e sul futuro della ricostruzione nazionale.

Potrà questo nuovo governo risolvere i problemi molto gravi del Paese dal punto di vista della maggioranza sociale? Non credo, quello che verrà sarà uno scontro e un conflitto continuo su ogni misura progressiva. Il feroce attacco contro Unidas Podemos continuerà e il Ministro Presidente sarà la bandiera dell’intrigo.

Quella che potremmo definire la fase “buonista” della pandemia sta volgendo al termine.

Il blocco padronale ha già presentato il proprio decalogo.

Lo sfondo ovvio: ricevere il massimo di soldi pubblici per ripulire le loro aziende e imprese e opporsi a qualsiasi tentativo di riforma che metta in discussione il modello economico e di potere dominante in Spagna.

Essi lo sanno, un governo serve se è in grado di intervenire nella reale correlazione delle forze, in questo caso, conferendo una maggiore capacità contrattuale, politica e sindacale ai dipendenti e alle classi lavoratrici; rafforzare il nostro stato sociale maltrattato e garantire diritti sociali a tutti.

In breve, costruire un nuovo modello economico, ecologicamente sostenibile, in grado di soddisfare i bisogni fondamentali delle persone. Il viaggio al centro del governo è molto più importante che cercare i voti di Ciudadanos. La storia accelera.




SULLE RIVOLTE CHE SCUOTONO GLI STATI UNITI D’AMERICA di Robert Garner*

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa corrispondenza dagli Stati Uniti in merito alle attuali rivolte.

Cari compagni, mi chiedete la mia opinione sulla natura e le caratteristiche del movimento I can’t breathe, le eventuali similitudini con quello del 2012 BlackLivesMatter e le differenze con quello del 2011 Occupy Wall Street. Mi ponete quindi la questione di quale potranno essere gli sviluppi e gli esiti dell’attuale rivolta.

Prima di rispondere alle vostre domande occorre una premessa.

Non dovreste confondere la questione razziale negli Usa con quella che voi europei chiamate questione dell’immigrazione. Anche qui siamo alle prese con il problema dell’immigrazione di massa, ma essa si sovrappone ad una divisione antica, alla segregazione della minoranza afro-americana, che ha una sua specifica dimensione, differenti e profonde radici storiche.

Una ferita profonda, quella della discriminazione razziale la quale, malgrado i mutamenti avvenuti, lì resta ed esercita un peso enorme sulle dinamiche sociali. Se escludiamo una minoranza integrata (che ha cioè un lavoro stabile, un reddito, può godere di alcuni diritti sociali e di cittadinanza) la maggioranza degli afro-americani rappresenta una vera e propria sotto-classe che sopravvive nella miseria, nella più brutale emarginazione sociale, in veri e propri ghetti putrescenti ai bordi delle grandi metropoli.

Non so se si possa parlare, marxianamente, di “sotto-proletariato”, ma il concetto ci va vicino. Si tratta di un magma composto da milioni di persone che per sopravvivere si arabattano e che, per necessità, alimentano il circuito dell’illegalità di massa.

Questa, badate bene, è solo una delle grandi differenze tra la nostra società e quelle europee. Ce ne sono ovviamente molte altre. Una di queste è che qui non c’è quello che si chiama “Stato di diritto” (dove il cittadino è giuridicamente protetto dagli abusi dell’autorità), qui da noi c’è quello che si chiama “Stato penale” (potre dire “Stato criminale”), uno Stato di polizia capillare, sistematico, che spesso agisce fuori dalla legalità e si accanisce appunto e in primo luogo contro la sotto-classe afro-americana.

Gli omicidi che ogni tanto fanno notizia, sono solo la punta di un iceberg della sistemtica brutalità delle polizie. E che governino i repubblicani o i democratici poco cambia: questo “Stato penale” è come una gigantesca macchina che funziona con i suoi automatismi, e che nessun Obama è riuscito a scalfire. Ci sono poi da consideare anche altri fenomeni, come il comunitarismo (la divisione e spesso ostilità tra le diverse minoranze linquistiche), il confessionalismo religioso.

Così può accadere che l’ennesimo deliberato assassinio della polizia scateni la rabbia sociale repressa, che ovviamente dilaga e mobilita anzitutto tra la minoranza afro-americana. E’ questo il caso dopo l’omicidio di George Floyd.

Lasciamo stare Occupay Wall Street del 2011. Quello era, dopo la grande crisi finanziaria, un movimento tutto politico, pacifico, che mobilitò prima di tutto le classi medie bianche e che non prese piede nelle comunità della sotto-classe afro-americana.

Una similitudine invece c’è con quanto accadde nel 2012 dopo l’assassinio di Trayvon Martin. Di lì si fece largo il movimento di massa che abbiamo conosciuto come BlackLivesMatter (BLM). I tumulti che seguirono vennero appunto capeggiati (e moderati) dal BLM, che era una federazione strutturata e pacifista di comitati per i diritti civili apertamente sostenuta da Obama a da alcuni settori liberal dell’establishment democratico.

Le attuali sommosse, la cui forza d’urto è in larga parte costituita dalle comunità afro-americane, sono del tutto spontanee e non hanno alcuna testa politica. Il signor Trump tenta di accreditare l’idea che esse siano frutto di una macchinazione ordita da frange anarchiche o di gruppi Antifa. Ovviamente è una balla. E’ vero che frange dell’estrema sinistra (composte principalmente di bianchi) stanno partecipando alla lotta, ma sono ben lontane dall’avere l’egemonia politica. E’ soprendente tuttavia come esse abbiano dilagato in quasi tutte le grandi città, poiché anzitutto li abbiamo enormi ghetti di periferia lasciati al degrado, e che siano riuscite a trascinare nel movimento vasti settori giovanili bianchi. La ragione è presto detta: è il risultato dell’impoverimento dei ceti medi venuto avanti dopo il crollo del 2007-2008 e che la cosidetta “ripresa” non ha per niente invertito.

Se c’è un’analogia da stabilire questa è con la grande rivolta di Los Angeles della primavera del 1992, dopo la scandalosa assoluzione degli agenti che pestarono a sangue Rodney King. Ora i Liberal gridano allo scandalo poiché Trump invoca l’intervento dell’esercito per reprimere le sommosse. Non si deve dimenticare che la rivolta di allora venne schiacciata nel sangue (63 vittime e 2mila feriti,  12 mila arresti) proprio grazie all’intervento massiccio della Guardia nazionale, e i Liberal non alzarono un dito. La differenza, da allora, è che questa rivolta è estesa a tutto il Paese e che non si è fermata nemmeno davanti al coprifuoco, né davanti alle restrizioni anti-assembramento a motivo del contrasto al Corona virus.

E’ probabile che l’attuale rivolta sociale negli Stati Uniti finisca fra pochi giorni. Nel nostro Paese questi tumulti urbani si presentano come fenomeni a intermittenza, fiammate improvvise, più o meno violente.

Si tratta di scosse potenti che tuttavia non producono alcun sostanziale cambiamento: la condizione infernale della minoranze afroamericane resta la stessa, mentre dopo una pausa, le forze di polizia continuano con i loro soprusi e le pratiche omicidiarie.

Molte le ragioni di questa potenza-impotente, di questa incapacità delle rivolte di dare vita a movimenti politici che abbiano forza egemonica stabile. Sapete come la penso: manca una direzione rivoluzionaria che sappia dare una prospettiva strategica, che sappia indirizzare questa energia in una lotta di lungo periodo, affinché trascini, se non la maggioranza, i tanti che stanno nella parte bassa della scala sociale.

Qui il discorso ci porterebbe lontano e chiamerebbe in causa fattori storici e teorici. Di certo, come dicevo all’inizio, ha un peso enorme la questione razziale, la divisione tra bianchi e neri. A questa va aggiunto la compartimentazione della società americana, il comunitarismo che oppne le diverse comunità, il confessionalismo religioso. Non si vede come questo frazionamento possa essere superato.

C’è solo un fattore che potrebbe far sì che l’attuale rivolta non finisca fra pochi giorni. E’ il “fattore Trump”. Pur di farlo fuori il grande blocco capitalista che gli si oppone (non solo le multinazionali della Silicon Valley) potrebbero avere interesse a soffiare sul fuoco al fine di destabilizzare la presidenza e impedire la rielezione.

In effetti la lotta di frazione in seno al vertice del capitalismo americano è durissima e l’esito si è fatto più incerto che mai. E’, questa, una novità assoluta della situazione. Mai c’era stata negli Stati Uniti una simile spietata lotta intestina. Una divisione che attraversa non solo la cupola del regime, ma tutti i suoi segmenti, i diversi comparti statuali.

Trump è stato come chiuso in un angolo. Le grandi corporation mediatiche lo stanno massacrando e l’hanno chiuso in un angolo. Così Trump è stato costretto a giocare la carta del “Law and Order”, obbligato a gettare la maschera del “populismo” interclassista che l’ha portato alla vittoria, mentre il suo “patriottismo”, oltreché imperialistico, si rivela come un patriottismo ferocemente classista (ha chiamato i rivoltosi “feccia barbarica”). Trump si rivela per quel che effettivamente è, figlio legittimo del suprematismo WASP (White Anglo-Saxon Protestant).

Sarebbe sbagliato sottovalutare la forza del “trumpismo”. Essa non sta solo nel fatto che rappresenta interessi di alcune grandi e tradizionali frazioni del capitalismo americano. Egli incarna un ampio blocco sociale trasversale al quale ha dato coesione, senso di appartenenza. Il collante è un nazionalismo americanista che pare incompatibile con la visione progressista, cosmpolitica e mondialista del blocco capitalista a lui avverso.

Quale sarà l’esito della lotta in seno al grande capitalismo americano? Una cosa è sicura: non è una tempesta in un bicchiere d’acqua, non andrà a finire a baci e abbracci. Siamo seduti sopra un vulcano. Non dimenticate che l’evento più profondo che ha segnato in modo indelebile la storia gli Stati Uniti, non è stata la Guerra d’Indipendenza del XVIII secolo bensì la cruenta guerra civile di quello successivo. Tra le due armate c’è adesso solo una guerra a bassa intensità. Chi può escludere che si trasformi in guerra civile… E qui sta il dilemma per la sinistra rivoluzionaria americana: essere arruolata come truppa ausiliria della grande borghesia Liberal? E se no, che fare?

Detroit, 2 giugno 2020

* traduzione a cura della Redazione




TI CONOSCO MASCHERINA…

La sapete l’ultima? Non ci crederete ma quel “genio” di Zingaretti (alias segretario del Pd) ha affermato oggi (23 maggio): “La mascherina diventi coma una cravatta, un foulard, un piercing”. Dalla cazzata passiamo alle cose serie, con un salto oltre oceano.
La pandemia sta impattando negli Stati Uniti d’America. E’ noto come il blocco di potere davvero dominante negli USA — le grandi multinazionali che sono potenze geopolitiche oltre che economiche (i famigerati The Four: Facebook, Amazon, Google, Apple), rappresentate politicamente anzitutto dal blocco obamiano-clintoniano — sta utilizzando la pandemia per impedire la rielezione di Trump. Il virus e le sue conseguenze sono un fondamentale campo di battaglia per decidere chi guiderà l’Impero. In questo contesto ci spieghiamo come diversi Stati americani stiano disubbidendo alle direttive della Casa Bianca che ha decretato il “ritorno alla normalità”. Proprio in diversi di questi stati sono in corso mobilitazioni per porre fine al lockdown (nella foto manifestanti armati nel Michigan). Qui sotto un articolo sul rifiuto di indossare mascherine. La fonte, “politicamente corretta”, grida allo scandalo…
*   *   *

Dopo i No-Vax, in America nascono i No-Mask. “In questo negozio NON si entra in mascherina”

È la nuova crociata degli americani che non tollerano limitazioni alla propria “libertà”. Dal Kentucky alla California, aumentano le attività che chiedono di “abbassare la mascherina”

di Giulia Belardelli*

«Dopo i No-Vax, i No-Mask. È il nuovo fenomeno comparso nelle ultime settimane negli Stati Uniti, dove in alcuni negozi, dal Kentucky alla California, sono stati affissi cartelli che per crederci davvero bisogna leggerli due volte: “Vietato indossare mascherine”, “Vietato indossare mascherine”. Alla faccia della pandemia. Come riporta il Guardian, il “divieto di mascherina” è il nuovo fronte della protesta di quella parte d’America che fin da subito ha rifiutato il lockdown così come qualsiasi altra misura restrittiva delle libertà personali decisa per contrastare la diffusione del virus.

Dopo le manifestazioni armate contro il lockdown, alcuni commercianti hanno dichiarato guerra all’utilizzo delle mascherine, inteso come segno di obbedienza ai governatori colpevoli di aver messo in ginocchio l’economia a colpi di lockdown. Giovedì Vice ha riferito in un minimarket del Kentucky che ha messo un cartello con la scritta: “NESSUNA mascherina è ammessa nel negozio”. E ancora: “Abbassa la mascherina o vai altrove. Smetti di ascoltarlo, [il governatore del Kentucky Andy] Beshear, è un cretino”.

A inizio mese, un costruttore califroniano ha affisso nel suo showroom un cartello per incoraggiare gli abbracci e dismettere le mascherine. In Illinois, il titolare di una stazione di rifornimento ha apposto un avviso simile, per poi difendersi sostenendo che le mascherine rendono difficile distinguere tra adulti e bambini quando si tratta di vendere alcolici e sigarette.

Il primo a non sopportare l’idea di indossare una mascherina, d’altronde, è lo stesso Commander-in-chief, che ha ceduto solo giovedì scorso, durante una visita a una fabbrica Ford in Michigan. L’attorney general dello Stato, Dana Nessel, gli aveva intimato di farlo come “responsabilità legale e morale”, giudicando il suo ostinato rifiuto più adatto a “un bimbo petulante” che non a un presidente in carica. Trump ha indossato un modello blue navy per il tempo della visita allo stabilimento, ma se l’è subito tolta per incontrare i giornalisti: “Non è necessaria, sono stato testato oggi. Ne avevo una prima, nell’area retrostante, ma non volevo dare alla stampa la soddisfazione di vedermi”.

Per gli americani determinati a proteggere a ogni costo la loro “libertà” – anche se questo vuol dire esporre altri al rischio di ammalarsi – la riluttanza di Trump è un chiaro segnale di incoraggiamento. Come lo sono stati i suoi attacchi ai governatori pro lockdown: ammiccamenti neanche troppo velati alle manifestazioni, con tanto di fucili, di chi chiedeva di riaprire tutto e subito, malgrado la galoppata del virus.

Un altro capitolo inquietante è quello di clienti e passeggeri che – sempre in nome della propria “libertà” – tossiscono deliberatamente in faccia agli altri. Su Twitter lo scrittore Anand Giridharadas ha condiviso un video con alcune scene che parlano da sé. “Un’ossessione distorta e contorta per la libertà ci sta uccidendo”, ha commentato l’ex editorialista del New York Times».

* Fonte: Huffington Post