Browse By

Archivio tag: Enrico Letta

UNO DI LORO di Leonardo Mazzei

Il ritorno di Letta il nipote A volte ritornano… Dopo 7 anni di esilio dorato e volontario in quel di Parigi, Enrico Letta è volato a Roma per farsi incoronare segretario del Pd. A differenza dello zio, da un trentennio nello stabile ruolo di braccio

TASI: I PASTICCIONI E I SUGGERITORI di Emmezeta

22 settembre. Renzi, Letta e Berlusconi: le tre firme sotto la più spudorata delle beffe fiscali  Se ne occupa l’altro ieri il Corsera, se ne dovranno occupare nei prossimi giorni milioni di famiglie. Parliamo ovviamente della TASI, la tassa più cialtronesca di un pur vasto campionario.

LA MANDRAKATA di Leonardo Mazzei

14 febbraio. Verso il “governissimo Renzi”? Macché! L’ennesimo “governicchio” di una classe dirigente che non sa che pesci prendere e che alla fine dovrà ubbidire ai diktat delle tecno-oligarchie europee e applicare politiche antipopolari.Chissà perché lo chiamano Renzi 1, come se il “2” fosse cosa

DI CHE STABILITÀ STANNO PARLANDO? di Leonardo Mazzei*

9 ottobre.  Un’articolata analisi del quadro politico italiano dopo l’inattesa vittoria del duo Napolitano-Letta. Berlusconi esce sconfitto, ma i veri vincitori sono peggori di lui, sono le euro-oligarchie, che così hanno rafforzato la loro garrota sul nostro Paese.Cambiamenti veri e presunti di una nuova fase

UNO SCILIPOTI NON SI NEGA A NESSUNO di Emmezeta

12 settembre. In attesa dei riservisti del Colle.Stato confusionale. Secondo Vittorio Feltri, sarebbe questa l’attuale condizione del Berluska. La causa? L’assenza di una strategia del Pdl, l’assoluta inconsistenza dei suoi collaboratori, la schizofrenia della destra (chi ha votato la “Severino”?). Il tutto, secondo l’editorialista de

CHE FIGURA DI MERDA

1 settembre. Che quello Napolitano-Letta fosse un governicchio lo diciamo da quando è entrato in carica. L’altro ieri Mazzei smontava come infingardo il decreto legge sull’IMU, spiegando come e perché gli italiani, alla fine, avrebbero pagato più tasse. Ma il concentrato di dabbenaggine, imperizia e

CUL DE SAC di Leonardo Mazzei

24 luglio.La crisi senza fine di una classe dirigente che può fare ancora molti danni D’accordo, Ruby non era la nipote di Mubarak. Ma chi si era rifiutato di crederlo, ora crede invece alla sincerità di Alfano sul caso kazako. Come cambiano i tempi! E

image_pdfimage_print