Browse By

Archivio tag: euro

QUALE PARTITO CI SERVE? di Moreno Pasquinelli

I compagni di Nuova Direzione hanno deciso di non prendere parte (che in concreto significa mettersi di traverso) al costituendo “Partito dell’Italexit con Paragone”. Lo hanno ufficialmente dichiarato con un comunicato il 13 giugno scorso dal titolo perentorio: “Nuova Direzione non partecipa al progetto del

È MEGLIO ANDARSENE di Gianluigi Paragone

Pubblichiamo l’intervista concessa a fine luglio dal Senatore Gianluigi Paragone a Carlos Garcia Hernandéz e pubblicata il 3 agosto sul sito spagnolo Red Mmt col titolo “La speranza dell’Europa del Sud”. D. Perché l’Italia dovrebbe uscire dall’euro e dall’Unione europea? R. Perché all’Italia non conviene

EUROCRACK di Piemme

Avremo modo di tornare sul vertice europeo appena conclusosi. Un primo bilancio si può già trarre: le linee di frattura tra i diversi stati nazionali hanno nettamente prevalso sui fattori di condivisione e di solidarietà. Viene confermata una nostra diagnosi: l’Unione europea difficilmente avrebbe potuto

IL GIOCO TEDESCO di Leonardo Mazzei

Ci siamo già occupati della virulenta campagna politico-mediatica a favore del Mes che imperversa ormai da settimane nel nostro Paese. Abbiamo spiegato come la volontà di attivare questo meccanismo niente abbia a che fare con le enormi necessità economiche dell’Italia. Cosa c’è allora dietro a

IL RIMBALZO DEL GATTO MORTO di Leonardo Mazzei

Non ce ne voglia l’ignaro e simpatico felino, ma l’immagine è perfetta. In Borsa il “rimbalzo del gatto morto” descrive la ripresa, modesta e temporanea, di un titolo destinato a ricominciare alla svelta la sua corsa verso il basso. Che è esattamente quello che sta

CHI SI FIDA È PERDUTO

Ieri Mazzei ha spiegato la trappola che si nasconde dietro alla proposta franco-tedesca del “Recovery Fund”, quindi perché l’euforico ottimismo con cui essa è stata accolta a Roma, è pressoché infondato. Non si tratta soltanto della insufficienza delle risorse, né solo del fatto che la

DISASTRO IN ARRIVO di Leonardo Mazzei

I giornali di stamane informano: a marzo la produzione industriale è diminuita del 29,3%, mentre 270mila negozi (stima prudenziale della Confcommercio) sono destinati alla chiusura. Sono solo due dati tra i tanti, ma bastano e avanzano per dare la misura del disastro. Che il confinamento

ITALEXIT O AGONIA di Piemme

Ci vuole una bella faccia tosta a presentare il vertice dell’Unione europea come un successo. Non è quella che manca a Conte. Il lettore si aspetterà che spieghiamo quelle che, con gergo liberista, vengono chiamate “tecnicalità” e/o “condizionalità” dell’accordo raggiunto tra i capi di stato

image_pdfimage_print