Browse By

Archivio tag: neoliberismo

NON TUTTI I MALI VENGONO PER NUOCERE di Sandokan

«Non tutti i mali vengono per nuocere. Nella disgrazia costituita dal “momento Draghi” c’è almeno questo di positivo, che ci siamo tolti dai piedi saltimbanchi come Bagnai Alberto, Borghi Aquilini Claudio , Rinaldi Antonio Maria , Zanni Marco, Donato Francesca…» I segnali che Salvini ed

THE GREAT RESET: UNA NUOVA RIVOLUZIONE PASSIVA

di Geminello Preterossi Da un po’ di tempo si sente parlare di Great Reset. Che non si tratti di un’invenzione di complottisti, da liquidare con autocompiacimento, lo testimonia il fatto che al tema è stato dedicato di recente un libro, di cui è autore, insieme a

MA QUALE “GOLPE”? di Leonardo Mazzei

«Vedendo le corna e sentendo I muggiti di Jack Angeli, il buffone che pareva appena giunto a Capitol Hill dal raduno leghista di Pontida, si può essere indotti a credere che l’assalto al Congresso degli Stati Uniti sia stato una goliardata, secondo la definizione con

CLASSE OPERAIA E POPOLO LAVORATORE di Moreno Pasquinelli

Queste note mettono a fuoco, pur in forma schematica, quella che un tempo si sarebbe chiamata “composizione” della società italiana e in particolare di quello che chiamiamo “popolo lavoratore”. Tengono conto dei risultati indotti dal lungo ciclo neoliberista e non delle conseguenze dell’attuale drammatica crisi

CONTRO IL GRANDE RESET di Moreno Pasquinelli

«Per salute non si deve intendere soltanto la conservazione della vita, a qualunque condizione; ma una vita per quanto possibile felice». Thomas Hobbes PREMESSA L’idea di fondo di chi scrive è questa: il turbocapitalismo neoliberista, anzitutto occidentale, è entrato da tempo in una crisi mortale,

IL PARTITO DI CUI C’È BISOGNO di LiT

Liberiamo l’Italia svolgerà il 28 novembre la sua prima conferenza nazionale per delegati. Pubblichiamo le Tesi sulla questione del  Partito che saranno sottoposte alla Conferenza. Qui il Documento Politico pubblicato ieri. IL PARTITO DI CUI C’È BISOGNO Bozza di Tesi in vista della I. Assemblea

GEOPOLITICA ED ELEZIONI AMERICANE di Manolo Monereo

Quattro anni fa avevo predetto la vittoria di Donald Trump su Hillary Clinton. Adesso le cose erano più chiare, forse troppo. L’usura del presidente americano sembrava evidente e i sondaggi prevedevano una netta vittoria per il duo Biden / Harris. Sono rimasto sorpreso dalla coerenza

image_pdfimage_print