Browse By

Tag Archives: Unione europea

SPAGNA: LA GARROTA DELL’UNIONE EUROPEA di Manolo Monereo

Che la signora Calviño fosse più di un semplice ministro dell’Economia, lo sapevamo tutti. Pedro Sánchez ha scelto con cura di stare vicino alle potenze europee, di conoscere in anticipo le loro opinioni e di provare a influenzarle. Il ministro dell’Economia è la rappresentazione più

IL RIMBALZO DEL GATTO MORTO di Leonardo Mazzei

Non ce ne voglia l’ignaro e simpatico felino, ma l’immagine è perfetta. In Borsa il “rimbalzo del gatto morto” descrive la ripresa, modesta e temporanea, di un titolo destinato a ricominciare alla svelta la sua corsa verso il basso. Che è esattamente quello che sta

CHI SI FIDA È PERDUTO

Ieri Mazzei ha spiegato la trappola che si nasconde dietro alla proposta franco-tedesca del “Recovery Fund”, quindi perché l’euforico ottimismo con cui essa è stata accolta a Roma, è pressoché infondato. Non si tratta soltanto della insufficienza delle risorse, né solo del fatto che la

LA FINTA SVOLTA EUROPEA di Leonardo Mazzei

Che succede in Europa? Gli euroinomani esultano. M&M (Merkel e Macron) sembrano averli tratti d’impaccio. Strana Europa quella che si risolve nella resurrezione dell’asse a due del Patto di Aquisgrana. Ma la droga è droga, e quando c’è il rischio dell’astinenza non si va tanto

CIO’ CHE BUSSA ALLE PORTE di Sandokan

La confezione di una merce è importante, tanto più se essa è una patacca ed occorre dunque trarre in inganno l’acquirente. Il tanto atteso decretone per fare fronte alla catastrofe economica e sociale in arrivo, è in dirittura d’arrivo. L’hanno battezzato con un nome altisonante:

LA SOVRANITÀ TEDESCA di Piemme

“Specchio specchio delle mie brame, chi è il più sovrano nel reame?” Che in seno all’Unione fosse la Germania non era un mistero. Ha un nome impronunciabile la Corte costituzionale tedesca (Bundesverfassungsgericht). Si attendeva con ansia la sua sentenza in merito alla ammissibilità, ovvero la

ITALEXIT O AGONIA di Piemme

Ci vuole una bella faccia tosta a presentare il vertice dell’Unione europea come un successo. Non è quella che manca a Conte. Il lettore si aspetterà che spieghiamo quelle che, con gergo liberista, vengono chiamate “tecnicalità” e/o “condizionalità” dell’accordo raggiunto tra i capi di stato

image_pdfimage_print