Browse By

 QUAL È LA STRATEGIA IRANIANA? di Shivan Mahendrarajah

283 visite totali, 1 visite odierne

L’apparente moderazione dell’Iran di fronte all’aggressione israeliana non dovrebbe essere confusa con la debolezza. Teheran esercita costantemente pressioni su Tel Aviv attraverso i propri metodi, preparando attentamente il terreno per il disfacimento di Israele.

«La leggenda narra che una rana posta in una pentola poco profonda piena d’acqua riscaldata su un fornello rimarrà felicemente nella pentola d’acqua mentre la temperatura continua a salire, e non salterà fuori anche se l’acqua raggiunge lentamente il punto di ebollizione e uccide la rana. . Il cambiamento di un grado di temperatura alla volta è così graduale che la rana non si accorge di essere bollita finché non è troppo tardi».

Sebbene la storia sia un apologo – una bella favola intesa a trasmettere una lezione significativa – è spesso invocata da  militari  e geopolitici per descrivere il “lungo gioco” per raggiungere obiettivi strategici.

Oggi, sono l’Iran e i suoi alleati regionali che stanno utilizzando un approccio misurato per aumentare le temperature nell’Asia occidentale fino a far bollire a morte le “rane” statunitensi e israeliane. Strategia, disciplina e rara pazienza – l’antitesi del  breve termine occidentale  – porteranno alla vittoria dell’Iran. Per citare  i talebani : “Gli americani hanno gli orologi, ma noi abbiamo il tempo”.

Il tempo ora è dalla parte del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica iraniana (IRGC) e dei suoi alleati regionali. Due esempi collegati mostrano come l’IRGC sta calibrando le temperature come gli scienziati in un laboratorio.

La rana yankee

Dopo il lancio dell’operazione di resistenza guidata da Hamas Al-Aqsa Flood il 7 ottobre dello scorso anno, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha schierato risorse della marina americana nel Golfo Persico e nel Mar Mediterraneo per “difendere” Israele.

Il 26 novembre, la USS Eisenhower e la sua scorta hanno navigato attraverso lo stretto di Hormuz, ancorando nel Golfo Persico sul lato dell’Arabia Saudita. Le forze navali dello Yemen allineate ad Ansarallah hanno inizialmente preso di mira  le navi israeliane  e il porto di Eilat con i loro primi colpi il 19 ottobre. Ma entro il 29 novembre, i loro attacchi si sono intensificati fino a includere navi dirette da o verso Eilat, indipendentemente dalla bandiera o dalla proprietà.

Questo modello è culminato nell’annuncio del Pentagono dell'” Operazione Prosperity Guardian ” il 18 dicembre, volta a salvaguardare gli interessi economici di Israele a spese del personale militare statunitense. Successivamente, la Eisenhower e la sua scorta navale si trasferirono dal Golfo Persico al Mar Rosso e al Golfo di Aden, presumibilmente per “difendere” lo stato di occupazione.

Invece, il posizionamento delle risorse della Marina statunitense nel Mar Rosso e nel Golfo di Aden le ha rese suscettibili a potenziali attacchi da parte di armi iraniane o fornite dall’Iran, inclusi missili da crociera, missili balistici e droni.

Nonostante gli sforzi della Marina americana (USN) e dell’aeronautica americana (USAF), Ansarallah rimane imbattuto. I precedenti attacchi aerei anglo-americani nello Yemen si sono rivelati inefficaci, mentre il ritmo continuo e la  portata in espansione  delle operazioni yemenite stanno mettendo a dura prova le risorse navali e  smorzando il morale .

A differenza dei “cannoni di Hollywood”, le navi della Marina statunitense non dispongono di missili intercettori illimitati, né possono essere ricaricate in mare. Per quanto riguarda il morale del personale americano, a lungo andare crollerà, soprattutto perché molti, se non la maggior parte, marinai e marines semplicemente non sono coinvolti nella lotta per Israele.

Il mese scorso, il capitano Chris Hill, comandante della USS Eisenhower,  ha dichiarato : “Le persone hanno bisogno di pause, hanno bisogno di tornare a casa”.

Mentre marinai, marines e aviatori si innervosiscono quotidianamente schivando i droni e i missili di Ansarallah, la “Rana Yankee” sguazza allegramente nella sua vasca idromassaggio di Washington, credendo che la “potenza” dell’USN sconfiggerà i fastidiosi “Houthi”.

Si è trattato probabilmente di una mossa ben calibrata, sostenuta dall’Iran, che ha raggiunto due obiettivi: in primo luogo, ha portato il gruppo da battaglia della portaerei fuori dal Golfo Persico e, in secondo luogo, ha risucchiato gli Stati Uniti in una trappola escalation. Lo Yankee Frog si trova nello spezzatino del Mar Rosso/Golfo di Aden. Non può vincere.

O salterà fuori e fuggirà umiliato, distruggendo ulteriormente la credibilità delle forze armate statunitensi in seguito all’umiliante  debacle del 2021 in Afghanistan ; oppure rimarrà nella pentola e verrà bollito a morte, con la perdita di navi e vite umane.

In entrambi i casi, l’Iran vince. Allo stesso modo, una sconfitta iraniana degli Stati Uniti sarebbe accolta con favore dalla Cina, dalla Russia e da decine di stati avversari degli Stati Uniti, in particolare nel sud del mondo. Come notato da un astuto utente di Twitter/X,  Armchair Warrior  (che descrive le probabili risposte della Russia alle provocazioni ucraine), con le sue azioni, l’Iran ha dimostrato un “controllo riflessivo” sulle azioni di Washington. Con questo intende: “Se ogni azione militare che intraprendi ottiene una reazione simmetrica, allora puoi controllare la natura, il luogo e il ritmo del conflitto a tuo vantaggio”. Questo è esattamente ciò che sta facendo astutamente l’IRGC.

Clicca sull’immagine e dona ora per aiutarci ad organizzare il Forum Internazionale sulla Palestina.

La rana israeliana

La piccola “Rana israeliana”, nel frattempo, addormentata nell’acqua calda, sogna il suo “nuovo Israele” – l’Israele che creerà una volta che avrà pulito etnicamente Gaza. Ha in programma di sviluppare Gaza, costruire condomini di lusso sul lungomare e costruire unità abitative per i nuovi coloni.

Gli architetti ora stanno elaborando i piani. Jared Kushner, ex presidente e attuale contendente repubblicano, genero di Donald Trump, sostenitore di Netanyahu e benefattore del partito Likud, sta misurando le tende per il suo  condominio sul lungomare di Gaza .

Tuttavia, l’esercito israeliano non ha sconfitto Hamas, che continua a infliggere danni significativi all’hardware militare e alle risorse umane israeliane. Secondo una stima, Hamas è stato degradato solo del 15-20%. L’esercito di occupazione dipende interamente dagli Stati Uniti e dai suoi stati vassalli europei per gli armamenti poiché le sue capacità di produzione interna sono limitate.

Secondo una stima, circa 500.000 coloni sono tornati nelle loro terre d’origine; la maggior parte  non tornerà . Dal 7 ottobre la leva obbligatoria non è più un triennio sicuro ma scomodo: i genitori hanno paura per le figlie e i figli.

Il dormiente movimento “Refusenik”, emerso dall’invasione israeliana del Libano nel 1982, si è risvegliato. I reclutati si rifiutano di prestare servizio e di conseguenza vengono incarcerati. Il 1° aprile è scaduta l’  esenzione dalla coscrizione  per gli ebrei ultraortodossi; minacciano di fuggire da Israele, la cui stessa sopravvivenza dipende dallo  spostamento degli ebrei lì .

Se i rappresentanti degli ebrei ultra-ortodossi lasciassero la coalizione del primo ministro Benjamin Netanyahu, ciò potrebbe far cadere il suo governo estremista. Le tensioni interne alla società israeliana stanno aumentando, alimentate dalle pressioni socioeconomiche e dalla disillusione per la gestione della guerra da parte del governo.

L’economia israeliana è nel caos. Lo shekel sta diminuendo. È compreso tra 3,60 ILS e 1 USD, dai massimi di 4,01 ILS a 1 USD, con probabili ulteriori diminuzioni. I deficit di bilancio e i prestiti sono saliti alle stelle. Moody’s  ha declassato  il credito di Israele da A1 ad A2 il 9 febbraio. L’industria del turismo israeliana è crollata in crisi. La maggior parte delle principali compagnie aeree non vola più verso Israele. Le basi manifatturiere e agricole di Israele sono piccole. Israele ha un accesso limitato alle risorse naturali e all’energia; dipende dalle linee di vita via terra verso la Giordania e l’Egitto, con il petrolio e il gas dell’Azerbaigian che arrivano ad Haifa dalla Turchia.

L’Iran sta facendo a Israele proprio quello che Israele ha fatto con le sanzioni economiche. Ma a differenza di Israele, l’Iran ha abbondanti riserve di petrolio e gas, 85 milioni di persone alfabetizzate e istruite che non hanno intenzione di fuggire, e formidabili basi agricole e manifatturiere.

Teheran sta metodicamente soffocando l’economia israeliana. Il porto di Haifa è sulla lista degli obiettivi di Hezbollah. Se Haifa venisse chiusa insieme a Eilat, Israele avrebbe solo linee di vita via terra per le forniture di cibo ed energia. Il Ben Gurion International e altri aeroporti potrebbero essere presi di mira in futuro.

Aumento il fuoco, un grado alla volta

Il recente attacco israeliano alla missione diplomatica iraniana a Damasco, presumibilmente in risposta a un drone iracheno che ha colpito Eilat, rispecchia le apprensioni e  le frustrazioni di Netanyahu  – che “il mondo intero si sta alleando contro di noi”.

La strategia di Netanyahu sembra essere quella di spingere l’Iran ad aumentare le tensioni, spingendolo potenzialmente a prendere di mira le risorse militari americane nella regione, trascinando così gli Stati Uniti nella guerra di Gaza. Tuttavia, non è chiaro se Teheran abboccherà.

Anche se è probabile che l’IRGC risponda, cercherà di evitare di cadere nella trappola di Netanyahu. Invece, l’Iran potrebbe scegliere di rafforzare la sua stretta economica su Israele, possibilmente prendendo di mira località strategiche come Eilat, Haifa e l’aeroporto Ben Gurion.

L’IRGC comprende che l’economia israeliana non può sostenere un conflitto prolungato. Pertanto, la loro strategia potrebbe comportare una graduale escalation – di fatto facendo bollire lentamente la rana israeliana – attraverso azioni coordinate che coinvolgano Hezbollah, Ansarallah e varie fazioni con sede in Siria e Iraq.

Come ha osservato l’economista Herbert Stein: “Se qualcosa non può andare avanti per sempre, finirà”. Mentre Israele è lungi dall’essere sull’orlo del collasso, le azioni disciplinate e calcolate dell’IRGC stanno costantemente aumentando le tensioni regionali. Se lasciato incontrollato, ciò potrebbe portare a ripercussioni significative per la società israeliana e la sua economia – il tutto senza che se ne renda conto, come la piccola rana bollente.

* Fonte: The Cradle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *