Browse By

MPL (24): COME SE NE ESCE DA QUESTA CRISI?

 518 total views,  2 views today

Le proposte del Mpl?
«Se altri avessero avuto idee convincenti, saremmo andati con loro»


L’Intervento di Leonardo Mazzei a Lecce, il 10 maggio scorso, e presentazione del Mpl
Introduce Sergio Starace
image_pdfimage_print

3 pensieri su “MPL (24): COME SE NE ESCE DA QUESTA CRISI?”

  1. Anonimo dice:

    L'INUTILE COSCIENZA RIVOLUZIONARIA DI GRILLO(1a parte)Affermava tempo fa Grillo: "la civiltà dei consumi ha creato il nuovo miserabile, colui che non può accedere ai consumi. Più consumi, meno sei miserabile, più sei invidiato. Qualcuno la chiama evoluzione, altri progresso". Io lo chiamo capitalismo, ma di questo dirò nei prossimi paragrafi.E allora cosa proponi, caro Grillo? "La rinuncia a un bene inutile è un atto rivoluzionario. Se le masse ne prendessero coscienza, il mondo cambierebbe senza un solo colpo di fucile". Prova a convincere le multinazionali, gli industriali che producono quei “beni” e pure chi in quei settori lavora per procurarsi il pane. Fatti un giro per i negozi di Genova, cerca di convincere i commercianti o almeno gli acquirenti. Forza, la verve e le illusioni necessarie non ti mancano, qualcuno che ti darà retta lo si trova sempre.Un po’ del tuo patrimonio l’hai costituito facendo la réclame ai “beni inutili” e ora che ti sei convertito alla parsimonia (per gli altri) perseveri con i tuoi gadget che naturalmente reputi utilissimi. Così utili che non li regali, ma li vendi. Ecco il punto che ti sfugge e non potrai mai acchiappare dal tuo punto di vista di modesto demagogo.Domanda metodologica: se sono “beni”, com’è che sono diventati inutili? Visto che questi “beni” vengono venduti e non ceduti gratuitamente, perché non chiamarli con il loro vero nome e cioè “merci”? Non lo fai per un semplice motivo: la tua mistificazione ideologica non reggerebbe più e l’inganno della richiamata “coscienza rivoluzionaria” svanirebbe.E chi decide l’utilità di una merce e soprattutto: cos’è una merce? Caro ragioniere, una merce non è solo un valore d’uso utile o inutile, ma diventa un “bene” solo in quanto è un valore di scambio. Solo lo scambio può provare che una merce è utile. Se una merce non è utile, non diventa nemmeno un valore di scambio. Perciò chi decide dell’utilità di una merce, di un “bene” come lo chiami tu, è il mercato e non la “coscienza”. È il capitalismo bellezza e tu non ci puoi fare niente.Ma mettiamo la faccenda dal tuo punto di vista piccolo borghese. Il frigorifero, il cellulare, il computer, portare otto giorni i bambini al mare, sono cose utili? Farsi la doccia e cambiarsi tutti i giorni è uno spreco insalubre? Bere l’acqua in bottiglia perché quella che esce dal rubinetto sa di merda, nonostante il cloro e le analisi fatte alla fonte e non al consumo, è utile o no? Se poi dici che è meglio imbottigliare in vetro piuttosto che in plastica siamo quasi tutti d’accordo, ma allora basta una noticina sul prossimo decreto milleproroghe, non serve fare la rivoluzione, nemmeno quella delle “coscienze”.La verità è che tu vuoi solo migliorare il sistema delle “merci”, producendo solo quelle utili, quelle che non dovrebbero inquinare e bla bla bla. Tutta roba vecchia di secoli, caro Grillo. Dove domina la produzione di merci, lo scambio stabilisce anche tutto il resto, salvo dettagli per appagare i “rivoluzionari della coscienza”. Ma forse ciò che ti spaventa veramente è un sistema economico esausto che racimola quanto può per concentrarlo nel circuito del casinò finanziario. Da buon samaritano vorresti salvarlo, riportarlo alle origini.

  2. Anonimo dice:

    (2a parte)Scrivi ancora: "La crisi può diventare un ritorno al passato, un momento di ripensamento delle nostre priorità e dei nostri bisogni". Non so quali siano state le tue esperienze di vita, ma personalmente al passato, ai tempi della contessa Onigo, non ci vorrei tornare e non ne ho più voglia di spiegarne i motivi. Se poi insisti nel dire che "si andava in vacanza dai parenti in treno, magari in terza classe con le panchine di legno, ma il treno era puntuale, pulito e i passeggeri cortesi", allora vuol dire che non hai mai viaggiato su quei treni oppure sei in totale malafede. Guardati il film Café Express di Nanni Loy con Nino Manfredi, era solo il 1980.Obietti ancora: "Negli anni 50 i nostri fiumi erano chiari e pescosi, l'aria decente, i prati circondavano le città". Sì, ma non è necessario tornare alla miseria diffusa degli anni ’50. Si tratta di un problema economico la cui soluzione è politica, e proporre il “ritorno al passato” è una soluzione reazionaria (quando dico “soluzione politica” deve essere chiaro che il cretinismo parlamentare non c’entra). E soprattutto, caro Grillo, la crisi è una fregatura soprattutto per chi già sopravvive con 1000 euro al mese o anche meno. E non è una bella cosa nemmeno per le famiglie a 2000 euro al mese.Quanto al fatto di “prendere coscienza” per cambiare il mondo, questo conferma che non capisci proprio un cazzo, ma non è colpa tua, è la tua posizione di classe che non ti fa fare un passo avanti (vai, continua a raccogliere firme). Apprezza l'utilità della franchezza.http://diciottobrumaio.blogspot.it/2011/12/linutile-coscienza-rivoluzionaria-di.htmlThe Red

  3. Anonimo dice:

    Post inseriti nel luogo sbagliato, chiedo venia.The Red

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *