Browse By

TUTTI A CASA! VOTARE SUBITO COL PROPORZIONALE di Leonardo Mazzei

 590 total views,  2 views today

5 dicembre. La Corte costituzionale (era ora!) boccia il maggioritario, delegittima la Seconda Repubblica e la classe politica che l’ha popolata, compreso Napolitano.

Se fossimo in un Paese serio, e dunque dotato di istituzioni minimamente serie, la sentenza che la Corte Costituzionale ha pronunciato ieri non dovrebbe lasciare adito a dubbi. Ma così non è, dato che il marcio politicantume della Seconda Repubblica è ancora al suo posto e farà di tutto per restarvi. Sono già partiti, infatti, – e non poteva essere altrimenti – i tentativi di rovesciare la sostanza della sentenza, per riciclare in qualche modo il sistema bipolare fondato sul maggioritario. E’ grave che a questo coro maggioritarista si sia già aggiunto anche Beppe Grillo. Una posizione, la sua, sbagliata e perfino autolesionista.

Come noto, la Consulta ha dichiarato incostituzionali due aspetti della legge fino a ieri in vigore (il cosiddetto Porcellum): l’esistenza di un premio di maggioranza privo di soglie minime per accedervi, l’assenza del voto di preferenza. Che la legge calderoliana fosse contraria ai principi costituzionali era fin troppo evidente, come ugualmente evidente era la natura incostituzionale della legge che l’ha preceduta, quel Mattarellum altrettanto maggioritario entrato in vigore nel 1993.

Meglio tardi che mai!, potremmo dire, dato che per vent’anni la Corte ha preferito ignorare la questione, con il pretesto assai discutibile che vorrebbe la legge elettorale come materia non direttamente costituzionale. Ora, per dare un giudizio su questo aspetto, non è certo necessario essere dei fini costituzionalisti, perché non sarà un caso se la Costituzione e la legge proporzionale videro la luce in parallelo, nello stesso contesto storico e politico.

Così come non è un caso che, una volta arrivati al maggioritario, si sia disinvoltamente passati a parlare di Seconda Repubblica, con una Costituzione sempre più ridotta a carta straccia. Che questo sia avvenuto solo implicitamente, mentre i tromboni istituzionali (a partire da presidenti della repubblica uno peggio dell’altro) continuavano a celebrare la Carta nei loro riti sacerdotali, questo ci parla solo di quanto sono marci costoro, della loro natura menzognera, della loro disonestà intellettuale.

Ma veniamo alle conseguenze della sentenza di ieri.

Forza Italia e M5S chiedono di andare a votare subito, dato che la sentenza delegittima il parlamento, dunque il governo, ed anche il presidente della repubblica. Hanno ragione? Assolutamente sì. Se vogliamo prendere sul serio il pronunciamento della Corte, e non considerarlo semplicemente come un mezzuccio per dare a Letta un compitino da fare giusto per restare ancora un po’ a Palazzo Chigi, le cose stanno assolutamente così.

Naturalmente non escludiamo affatto che qualche giudice costituzionale si sia pronunciato avendo a cuore il governicchio delle «strette intese», anzi! Ma il risultato è comunque quello di una potente delegittimazione dell’intera classe politica. Un fatto che sta producendo una vera costernazione nel fronte da tempo al lavoro per arrivare al Super-Porcellum, cioè al doppio turno di coalizione.

Tra i costernati c’è il professor Roberto D’Alimonte. Costernato, ma anche competente e lucido, ecco come sintetizza il tutto sul Sole 24 Ore di questa mattina:

«La Corte non ha creato un vuoto normativo. Ha sostituito un sistema elettorale maggioritario con un sistema proporzionale. E nel frattempo ha anche destabilizzato i sistemi di governo regionali. In tutte le regioni infatti i consigli sono eletti con sistemi a premio di maggioranza senza soglia per l’attribuzione del premio. Sono tutti porcelli. Ed è andata anche oltre. Ha dichiarato illegittime anche le liste bloccate. Un meccanismo con cui in Spagna si scelgono il 100% dei parlamentari, in Germania il 50% e in Toscana tutti i consiglieri regionali».

Potremmo aggiungere che il maggioritario senza soglia è in vigore da vent’anni anche per comuni e province, e siamo così all’en plein.

Se D’Alimonte è irritato, ma almeno corretto nel riconoscimento della portata della decisione della Consulta, diverso è il discorso per il ceto politico. In questo caso – l’abbiamo già accennato all’inizio – non solo quello bipolare, visto che anche Grillo reclama, chissà perché, il Mattarellum.

Da ieri sera il regime è al lavoro: Quirinale, Palazzo Chigi, partiti di governo, mezzi di informazione, tutti alla ricerca del modo per trovare la quadratura del cerchio. Il loro obiettivo è semplice: disinnescare la sostanza della sentenza di ieri, piegarla ai loro specifici interessi, ripristinando in qualche modo un sistema che garantisca il bipolarismo.

Ciò che vogliono è dunque un nuovo maggioritario. Potrà chiamarsi doppio turno di coalizione (come vorrebbe buona parte del Pd, a partire da Renzi), potrà chiamarsi nuovo Mattarellum (come vogliono altri piddini, ma anche Forza Italia e M5S), ma il risultato sarebbe comunque lo stesso: il ripristino forzoso di un bipolarismo ripudiato dagli elettori ed ora bocciato anche dalla Corte costituzionale.

Possiamo accettare una simile truffa? Ovviamente no. E qui arriviamo al problema M5S. Giusto chiedere le elezioni immediate, il tutti a casa. Sbagliato, sbagliatissimo, perfino autolesionista chiedere di farlo con il Mattarellum.

Entriamo nel merito. Intanto la sentenza di ieri non ha affatto ripristinato la legge Mattarella, e dunque chi volesse davvero reintrodurla dovrebbe passare da un lungo percorso parlamentare, altro che “tutti a casa”! In secondo luogo, le principali forze parlamentari (Renzi lo ha già richiesto espressamente con un’intervista a Repubblica) lavorerebbero per un ulteriore peggioramento di quella legge, ad esempio trasformando i 2/3 del 25% della vecchia quota proporzionale in premio di maggioranza. In terzo luogo – e questa è la questione davvero dirimente – il Mattarellum è una legge assai somigliante al Porcellum, anch’essa non ha soglie per limitare il premio di maggioranza, e potenzialmente (come riconosciuto dallo stesso D’Alimonte) è ancor più maggioritaria della legge ieri dichiarata incostituzionale.

Questo significa che la legge uscita dal pronunciamento della Consulta sia la nostra legge ideale? Certamente no, dato che resterebbero in vigore le soglie di sbarramento, ma senza dubbio è questa la miglior legge dopo che il referendum del 18 aprile 1993 affossò il sistema voluto dai costituenti. E siccome da questo parlamento – peraltro a questo punto formalmente illegittimo – non uscirà mai qualcosa di più avanzato, mentre quel che si prepara è invece l’ennesima truffa maggioritaria e bipolare, ci sono solo due cose da dire: tutti a casa subito, votare quanto prima con la legge proporzionale!

Passa anche da qui la lotta per il ripristino dei principi costituzionali travolti dalle oligarchie dominanti, un obiettivo che è tra i punti qualificanti della mobilitazione che scatterà il prossimo 9 dicembre.

image_pdfimage_print

7 pensieri su “TUTTI A CASA! VOTARE SUBITO COL PROPORZIONALE di Leonardo Mazzei”

  1. Vincenzo Cucinotta dice:

    Cioè, per amore del proporzionale, vi state bendando gli occhi senza vedere quale sia il gioco in corso, fantastico!Avretealmeno capito chi sta conducendo il gioco? Avete almeno sentito cosa ha detto Napolitano oggi, riflettete un po' almeno. Infine, in linea di diritto, mettendo da parte gli evidenti aspetti squisitamente politici, non avete nulla da obiettare su una corte costituzionale che si attribuisce competenze che non ha, stabilendo la nuova legge elettorale? Davvero in questa nazione siamo diventati del tutto insensibili al rispetto delle regole? Davvero le condizioni sono propizie perchè si affermi una nuova dittatura, nel silenzio compiacente di tutti coloro che pensano di approfittare di ogni atto per i suoi obiettivi più o meno leciti, senza badare al complesso delle implicazioni connesse.

  2. Gipitex dice:

    @Vincenzo CucinottaPotresti essere un po' più esplicito su quello che voleva significare Napolitano e sulle implicazioni di questa sentenza?Grazie

  3. Anonimo dice:

    La Corte costituzionale ha finalmente preso cosciente consapevolezza e dichiarato illegittima alla luce dei principi basilari dello Stato (La Costituzione della Repubbica Italiana) quella maledetta riforma elettorale mandata avanti da un sedicente Leader Referendario, che un tempo, quando le istituzioni non erano ancora imputridite dopo l'aurora della Libertà, veniva assimilata dagli Spiriti Giusti (Capponnetto, per esempio) ad una LEGGE TRUFFA, o meglio alla famigerata e giustamente vituperata Legge Truffa respinta a suo tempo a furor di Popolo.Molti hanno riconosciuto nel Maggioritario e nel bipolarismo seguitone (vedasi P 2) un vero e proprio Colpo di Stato contro la Democrazia.Ora si dovrebbero riaggiustare le cose, ritornare sulla retta via, ma s'innalza un coro di voci stridenti in favore dello stato quo. Per forza, abbiamo da allora fino adesso marciato contro mano nella corsia sbagliata e si è visto come sta andando a finire la cosiddetta Seconda Repubblica: nella rovina del Paese!!!

  4. Vincenzo Cucinotta dice:

    @GipitexNapolitano non vuole il proporzionale, vuole al contrario un sistema presidenziale, questo è noto da tempo, cos'altro significa allora imporre, come ha fatto, la revisione della costituzione? Ora, mi chiedo se possa esistere qualcuno che ritenga che la corte costituzionale possa essersi pronunciata in quel modo facendo uno sgarbo a Napolitano, dopo la compiacente sentenza sul caso della trattativa stato-mafia e l'ingresso di Giuliano Amato come nuovo giudice costituzionale. Il piano è confermato da quella frase alquanto sibillina che compare nella sentenza, lì dove la corte dice che il parlamento è legittimato a legiferare su nuove norme elettorali. Insomma, questi hanno preso un provvedimento che dovrebbe avere conseguenze devastanti, ma si premurano a depotenziarne gli effetti, come del resto ha fatto lo stesso Napolitano già ieri.C'è tutto un sistema mediatico, che include naturalmente uno stuolo di costituzionalisti compiacenti, che si sbraccia a limitare gli effetti della sentenza, perchè tutto questo è stato fatto solo com arma di pressione sul parlamento, per condurre a termine quel piano che già era stato predisposto.Insomma, il proporzionale non l'avrete ed avrete legittimato una sentenza abnorme (come si può dichiarare incostituzionale qualsiasi premio di maggioranza, e se la corte pensasse ad un valore soglia, quali competenze ha per definire questo valore soglia?), e il disegno di imporre la repubblica presidenziale o semipresidenziale: complimenti!

  5. Claudio dice:

    Si sta diffondendo molto rapidamente l'idea che questa sentenza, in realtà, blinda il governo di Napolitano, e annienta le ambizioni di Renzi (che farà presto pace con Renzi), Berlusconi e anche Grillo. Io sono di questa opinione.

  6. Redazione SollevAzione dice:

    Non ci stiamo bendando gli occhi. Non ci sfugge di certo (e nell’articolo viene detto) il ruolo politico assunto dalla Corte Costituzionale.La divergenza è così riassumibile: tu pensi che all’interno dello Stato esista un unico disegno politico, quello condotto da Napolitano; io penso invece che esistano diversi disegni, destinati ad entrare in collisione.E’ un bene od un male? Per chi crede ad una prospettiva rivoluzionaria è un bene. Napolitano, se sappiamo leggere minimamente le cose, si è precipitato a tentare di correggere la decisione della Consulta. Quest’ultima, di fatto, ha ripristinato il sistema proporzionale; il Quirinale si è affrettato a dire che ci vuole un nuovo sistema maggioritario. Cioè esattamente l’opposto.Come andrà a finire non lo so, ma cosa dovremmo fare se non sostenere la legge più democratica? Tra proporzionale e maggioritario i comunisti ed i democratici in genere non hanno mai avuto dubbi.Oltretutto, votare con la legge uscita dalla sentenza di ieri l’altro è anche l’unico modo per sciogliere al più presto le camere. E non sarebbe poco… Leonardo Mazzei

  7. Anonimo dice:

    Per me che per ragioni d'età ho potuto votare solo col porcellum, il ritorno al proporzionale mi permetterebbe di tornare a votare con tranquillità sapendo che in tal modo la retorica del voto (in)utile non potrebbe più intaccarmi. Poichè anche se il partito che mi piace di più ha l'1% di consensi e avrebbe la stessa dignità degli altri più grandi.Viandante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *