1

COMPAGNI, NON TIRATE TROPPO LA CORDA di Marco Lang

[ venerdì 30 agosto 2019 ]

Leggo post di compagni, spesso amici, della “vera” sinistra i quali, rivolgendosi a chi, socialista o comunista, ritiene le elezioni la strada maestra per venire a capo della crisi politica, affermano che le elezioni, ora, consegnerebbero il Paese alla destra, che non si può andare alle elezioni senza avere uno schema di alleanze per il dopo voto (autonomia, questa sconosciuta), agiscono come se la distruzione della sinistra politica sia stata opera del destino cinico e baro, non determinata da quelli che, ancora, tengono le redini della cara estinta. Coloro ai quali questi compagni, bravi e generosi, sembrano aver giurato eterna fedeltà. 


Al termine dei loro post, questi carissimi compagni spesso scrivono: “e poi tu, chi voteresti alle elezioni, eh???”

Il voto politico è il principale strumento della democrazia, quello attraverso il quale si manifesta compiutamente la volontà popolare.

Ma si ha il diritto di esercitarlo, si ha il diritto di chiederlo. Non si ha l’obbligo di praticarlo.

Il ritorno del voto utile, che si riteneva passato e sepolto per sempre.

Se non sostieni il governo sei alleato oggettivo di Salvini.

Se si va al voto (malauguratamente!) devi sostenere chi si oppone a Salvini. Poi arriverà il tempo della politica.

Ma se si ritene che il PD ed i suoi derivati siano il virus che ha infettato e definitivamente distrutto la sinistra storica, già resa inoffensiva dalla sua resa al dominio dell’ideologia neoliberale, passato il trentennio glorioso, non c’è voto utile che tenga; il PD deve – semplicemente – morire o essere definito per ciò che è: un partito liberista moderatamente progressista sul terreno dei diritti civili. Tipo i libdem britannici.

Ma se non c’è il voto utile e non c’è il voto per affinità e per convinzione, restano l’astensione e il voto contro.

Lo abbiamo visto il 4 marzo dello scorso anno, lo abbiamo visto prima – nel voto referendario – e dopo – nelle varie elezioni regionali e locali. 

Mi sento di dare un consiglio a questi cari compagni, spesso amici: non tirare troppo la corda.


Sostieni SOLLEVAZIONE e Programma 101