Browse By

LA RESISTENZA A GAZA SMASCHERA L’IMPERIALISMO USA di Sara Flounders*

270 visite totali, 1 visite odierne

La morsa degli Stati Uniti sta cedendo. La sua egemonia globale e la sua capacità di proporsi come l’unico decisore globale vengono messe in discussione da un popolo disperato e rivoluzionario tenuto totalmente prigioniero.
L’audacia della resistenza palestinese coordinata, iniziata con un’operazione a sorpresa il 7 ottobre, non è stata solo uno shock per la macchina militare sionista e la sua vantata rete di intelligence, ma sta anche inviando onde d’urto nell’impero statunitense.
Sia Israele che i governanti statunitensi si affidano ora alla forza bruta. Ma la forza bruta non può ribaltare questo colpo politico. Altre armi fornite dagli Stati Uniti per la distruzione di massa non fanno altro che chiarire il ruolo degli Stati Uniti – e susciteranno l’ulteriormente odio di milioni di persone nel Sud globale. La resistenza palestinese coordinata è una minaccia mortale per Israele e per il suo principale finanziatore.
Molti commentatori concordano sul fatto che il mito dell'”invincibilità” israeliana non si riprenderà mai da questo colpo. Il mondo intero ha visto, ancora e ancora, i video dell’audace volo coordinato su strati di recinzioni elettrificate, filo spinato e telecamere di sorveglianza da parte di piccoli deltaplani motorizzati, seguiti da droni leggeri. La protezione offerta dall’Iron Dome israeliano è stata infranta da raffiche di missili a spalla che hanno colpito i centri di comando israeliani fino a Tel Aviv.
Sebbene l’attacco sia stato una sorpresa, non è stato certamente non provocato. È stato un atto di disperazione da parte della popolazione di un campo di concentramento che ha sofferto 16 anni di isolamento totale e 75 anni di sfollamento completo. L’intera popolazione palestinese è stata condannata al carcere a vita.
Israele sta usando opportunisticamente l’attacco del 7 ottobre come pretesto per intensificare la sua “pulizia etnica” di Gaza ed espandere la costruzione di insediamenti sionisti in Cisgiordania.
I piani di Israele per lo sfollamento definitivo dei palestinesi a Gaza erano da tempo sul tavolo e discussi apertamente con grande arroganza e tronfia fiducia in se stessi.
L’incessante bombardamento di Gaza è un segno della disperazione e della vendetta selvaggia dei sionisti. Non è un piano. Le cosiddette Forze di Difesa israeliane stanno inciampando in un’invasione di terra, pur sapendo che, in passato, non sono state in grado di sostenere invasioni simili come quella di Gaza nel 2009 e quelle del Libano nel 2000 e nel 2006. Non hanno retto alle armi anticarro e alle piccole bande di guerriglieri che hanno agito in modo coeso in attacchi coordinati.
La mobilitazione di milioni di persone in tutto il mondo, ormai su base quotidiana, è una minaccia per l’ordine politico. Le dimensioni, la scala e la velocità con cui si sono riuniti eventi enormi – dalle manifestazioni di massa, anche dove sono state vietate, alle migliaia di marce dalle scuole, alle interruzioni del lavoro, ai sit-in, ai blocchi autostradali e alle azioni di disturbo negli snodi dei trasporti, nei porti, contro i produttori di armi, negli uffici dei politici – non hanno precedenti. Questo nuovo risveglio di coscienza in solidarietà con la Palestina assediata – e di rabbia contro il sostegno degli Stati Uniti a questa grottesca violenza – è una minaccia per il dominio capitalista di lunga data.
Anche negli Stati Uniti, nonostante il controllo quasi totale dei media da parte dei grandi gruppi, Israele ha perso il sostegno dell’opinione pubblica, soprattutto tra i giovani.

Crisi esistenziale

Molti israeliani descrivono la situazione come una “crisi esistenziale”. È in gioco l’esistenza di questo avamposto sionista e coloniale.
L’immediato e frenetico viaggio del presidente Joe Biden in Israele, il suo disperato abbraccio al primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e le promesse di ulteriori armi, seguite da generali e consiglieri militari statunitensi con gruppi da battaglia di portaerei al seguito, dimostrano che, su scala globale, il movimento palestinese assediato ha inferto un duro colpo all’egemonia statunitense.
Negli anni passati, Israele era stato elevato a “partner strategico” cruciale per la “sicurezza regionale” degli Stati Uniti, anche se l’occupazione statunitense dell’Iraq si era dissolta e i piani per rovesciare il governo siriano erano falliti.
Solo un mese fa, i governanti statunitensi pensavano di aver convinto l’Arabia Saudita e le classi dirigenti di diversi Paesi arabi a riconoscere Israele. Ma ora, suscitando l’odio delle masse della regione, questo cinico accordo è stato rimosso dal tavolo.
Tutti i piani degli Stati Uniti, elaborati a partire dall’amministrazione Obama, di abbandonare le guerre fallite in Medio Oriente per accerchiare e minacciare la Cina, sono ora in completo disordine.
L’alleanza militare USA/NATO è malconcia e a corto di armi e finanziamenti in Ucraina. Le sue forze corrotte non sono riuscite a conquistare alcun terreno nei cinque mesi di “offensiva di primavera”. Una guerra che Biden, più di 20 mesi fa, aveva promesso sarebbe finita in poche settimane, con il rublo ridotto in macerie e un cambio di regime a Mosca. Ora la macchina da guerra statunitense è impantanata su due fronti, in difficoltà nel raccogliere munizioni e finanziamenti sia per Israele che per l’Ucraina.

Una “portaerei inaffondabile

Da 75 anni Israele è considerato la portaerei inaffondabile dell’imperialismo statunitense, la sua unica risorsa sicura. Israele dipende totalmente dagli Stati Uniti per la sua sopravvivenza politica, economica e militare. Israele è sempre stato il maggior beneficiario degli aiuti militari statunitensi, con oltre 13 milioni di dollari al giorno, ogni giorno, per 75 anni. (ifamericansknew.org/stat/usaid.html)
Ora l’esistenza stessa di Israele è in discussione.
Ecco cosa c’è dietro il sostegno degli Stati Uniti al bombardamento a tappeto di Israele sulla piccola enclave di Gaza, con un numero di armi superiore a quello usato dagli Stati Uniti in Afghanistan e con una potenza esplosiva superiore a quella della bomba nucleare sganciata su Hiroshima nel 1945. (tinyurl.com/mr2a7wrc)
Il bombardamento è così estremo che, secondo Al Jazeera, ha ridotto Gaza ad “una palla di fuoco”. Ospedali, scuole, centri per rifugiati delle Nazioni Unite: tutto viene bombardato con il pieno sostegno degli Stati Uniti.
Eppure, nonostante questi crimini o l’indignazione del mondo, Israele si assicura un flusso infinito di armi statunitensi e di veti in seno al Consiglio di Sicurezza dell’ONU.

Guerra di popolo

La Palestina è oggi impegnata in una guerra di popolo. Una guerra in cui quasi tutta la popolazione è mobilitata per resistere. Gli Stati Uniti e i media aziendali occidentali mettono costantemente alla berlina Hamas, il governo eletto a Gaza, definendolo una piccola fazione terroristica. Tuttavia, questa Intifada coinvolge tutte le organizzazioni di resistenza attive da decenni tra le masse palestinesi. I loro attacchi e i loro martiri, sia laici che religiosi, sono pubblicamente applauditi e le notizie che li rigaurdano sono pubblicate da tutti i vari gruppi palestinesi.
A Gaza sono impegnate le unità di combattimento/brigate del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (PFLP), del Fronte Democratico per la Liberazione della Palestina (DFLP), della Jihad islamica, dei Comitati di Resistenza Popolare, della Brigata dei Martiri di Al-Aqsa e anche delle unità di combattimento di Fatah – insieme alle Brigate Qassam di Hamas. C’è anche unità d’azione contro le bande armate di coloni sionisti in Cisgiordania. Sebbene sia gli Stati Uniti che Israele dispongano di armi orribili, l’imperialismo statunitense non è riuscito a vincere nelle passate guerre popolari in Afghanistan, Iraq, Corea, Siria e Vietnam.
Tutti i Paesi ex colonizzati del Sud globale – a lungo sotto la minaccia di sanzioni, invasioni e operazioni di cambio di regime da parte degli Stati Uniti – si sono identificati con la lunga lotta palestinese per la sovranità. Ciò si riflette in voti schiaccianti all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite e in tutti gli incontri internazionali.
Circa 77 risoluzioni sono state approvate dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite che condannano l’occupazione e il trattamento genocida e di apartheid dei palestinesi da parte di Israele. Gli Stati Uniti non hanno mai votato a favore di una risoluzione e Israele non è mai stato chiamato a risponderne.

Minaccia di guerra regionale

L’imperialismo statunitense può ignorare questi voti dell’ONU e le condanne regionali.
Molto più minacciosi per la posizione strategica degli Stati Uniti nell’intera regione sono i crescenti attacchi missilistici iracheni alle restanti basi statunitensi in Iraq. In Siria, il governo è sopravvissuto a 12 anni di sforzi statunitensi per il cambio di regime e ora sta recuperando il terreno perduto. Le forze Ansarullah in Yemen, ancora circondate da un blocco navale statunitense, hanno sparato missili balistici contro Eilat, una città portuale israeliana, a una distanza di circa 1.500 chilometri.
Le massicce mobilitazioni nella monarchia hashemita della Giordania e nella dittatura militare dell’Egitto inviano il messaggio che questi Stati compiacenti potrebbero rapidamente disfarsi. Un continuo blocco organizzato delle strade ha bloccato le spedizioni di gas in Giordania. L’identificazione con la Palestina assediata sta cambiando la coscienza dell’intera regione. Nonostante le grandi minacce, il Pentagono sa di non avere le armi, il personale militare o il sostegno interno per combattere una guerra regionale. Le armi sono facili da reperire sul mercato internazionale degli armamenti. Ma ci vuole un alto livello di determinazione, disciplina e abnegazione su scala di massa per addestrare segretamente i combattenti a usare le armi in una lotta così impari. La formazione di movimenti di guerriglia e il potere dei movimenti popolari sono lezioni profondamente assorbite da milioni di diseredati.

Molti tentativi di dividere e conquistare

In passato, i sionisti speravano che prendere di mira il movimento laico palestinese avrebbe reso le forze religiose più compiacenti. Hanno continuamente pianificato politiche per mettere un gruppo contro l’altro.
I sionisti svilupparono diversi tipi di tattiche repressive in Cisgiordania rispetto a Gaza. Altre tattiche ancora furono usate contro i palestinesi che vivevano entro i confini del 1948. I palestinesi nei campi profughi in Libano, Siria e Giordania hanno vissuto condizioni molto diverse, così come i palestinesi della diaspora. Il voto schiacciante a Gaza per Hamas, 16 anni fa, è stato accolto con sanzioni statunitensi – un blocco di ferro su Gaza così estremo che persino i fondi creati per sostenere orfanotrofi e ospedali sono stati perseguiti negli Stati Uniti con l’accusa di finanziamento del terrorismo.
Queste sanzioni statunitensi/israeliane, imposte dal 2007, sono state una punizione collettiva per l’intera popolazione. Ora, l’interruzione completa di acqua, cibo, medicine ed elettricità nell’ultimo mese è stato un ulteriore passo avanti nella punizione collettiva e rappresenta un’esplicita violazione del diritto internazionale.
Ogni passo ha ulteriormente rafforzato le forze più razziste e di destra. Hanno intensificato gli assalti alla Moschea di Al-Aqsa. Ora ci sono attacchi quotidiani agli insediamenti palestinesi in Cisgiordania, compreso il rapimento notturno di centinaia di ostaggi palestinesi da parte dell’esercito israeliano, che opera apertamente con le bande di coloni sionisti che si sono trasformate in gruppi di vigilanti.
Le forze sioniste hanno fatto ogni sforzo, utilizzando le tattiche più sofisticate, per dividere il movimento palestinese, cercando di evidenziare ed esacerbare le differenze politiche nella lunga lotta della Palestina. Ma i decenni di repressione hanno costretto il movimento a diventare molto più unito.
Questa nuova Intifada palestinese ha dimostrato maggiori livelli di unità, anche in operazioni militari complesse.

Il sionismo si sta frammentando

Il movimento sionista è ora più diviso che mai, tra gruppi di estrema destra e gruppi più liberali, tra gruppi religiosi e laici, tra ebrei arrivati di recente e quelli arrivati in ondate precedenti.
I sionisti sono già una minoranza della popolazione totale. Le divisioni sono un tentativo di nascondere la realtà.
Tutte le correnti del movimento sionista denunciano costantemente il numero di israeliani che hanno la doppia cittadinanza in altri Paesi e passaporti di almeno uno (e talvolta di più) Paesi.
Israele è uno Stato piccolo e artificiale. Milioni di israeliani stanno riesaminando le loro opzioni visto che il governo non appare in grado di garantire la loro sicurezza. L’occupazione ha i giorni contati. Questo darà nuova fiducia al popolo palestinese.

di Sara Flounders membro del Workers World Party – USA

Traduzione a cura della Redazione

Fonte: www.workers.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *