Browse By

ISRAELE: FECONDAZIONE ETEROLOGA DI GUERRA di Ezzeddin Araj*

232 visite totali, 1 visite odierne

Un’indagine che fa luce su un aspetto agghiacciante della società israeliana: la pratica di estrarre lo sperma dei soldati uccisi in combattimento per quindi inseminare donne volontarie. Chiediamo ai tanti paladini del sionismo: non è forse eugenetica questa? Non si tratta forse, a parti rovesciate, della “difesa della razza”? A coloro che in nome della dignità della donna hanno lanciato l’appello “sul femminicidio di massa” che sarebbe avvenuto il 7 ottobre chiediamo: non avete nulla da dire sull’uso del corpo delle donne israeliane come oggetti e strumenti per clonare dei killer? E dunque: è davvero così assurdo parlare di nazi-sionismo?

 *   *   *

«Come hanno sostenuto gli studiosi, per le donne che cercano sperma per la madre, le informazioni sul background militare del donatore servono come indicazione della potenziale personalità del futuro bambino. Come descritto dai ricercatori sul campo, il guerriero-donatore è sia il fornitore del prodotto che il prodotto principale stesso, con il suo seme visto come il portatore materialistico della sua essenza spirituale».

*   *   *

La fretta di preservare lo sperma dei soldati uccisi mette in luce il profondo militarismo della società israeliana.

La militarizzazione della società israeliana ha assunto nuove dimensioni con la raccolta dello sperma dai corpi dei soldati deceduti per la “riproduzione postuma”. In questo modo, i soldati diventano l’incarnazione coloniale della mascolinità nazionale israeliana.

Sabato sera, 7 ottobre, mentre Israele preparava le sue incursioni più violente nella Striscia di Gaza, in un ospedale israeliano si è verificata una scena peculiare. Le famiglie dei tre soldati caduti sono arrivate con una richiesta insolita: estrarre lo sperma dai corpi dei loro figli defunti. Questa procedura, nota come utilizzo dello sperma, aveva silenziosamente guadagnato terreno in Israele nel corso degli anni. La ricerca scientifica suggerisce la possibilità di recupero degli spermatozoi fino a 72 ore dopo la morte, consentendo quella che dal punto di vista medico viene definita Riproduzione Assistita Postuma (PAR). Nel contesto israeliano, a differenza di qualsiasi altro posto, la PAR è stata prevalentemente associata a individui affiliati all’esercito. In seguito agli eventi del 7 ottobre, l’esercito israeliano si è incaricato di informare ogni famiglia di un soldato caduto di questa opzione e di facilitare il contatto della famiglia con le parti necessarie per portare a termine la procedura. Da allora, gli ospedali israeliani hanno estratto lo sperma dai corpi di numerosi militari caduti.

I pantani etici che circondano questa forma di riproduzione non sono una novità, ma in Israele questo fenomeno assume una dimensione unica e profondamente securitaria. Trascende i confini nazionali, riflettendo la profonda sicuritizzazione e militarizzazione della nazione. I militari sono venerati come l’incarnazione della mascolinità nazionale e l’atto di paternità postuma è percepito come un omaggio a questi soldati caduti, un mezzo per garantire che la loro eredità duri. Una manifestazione sorprendente di questa trasformazione dall’intimo al nazionale è esemplificata nei casi in cui i soldati non avevano partner. In questi casi, le famiglie spesso cercano donne volontarie, molte delle quali non hanno mai incrociato il cammino del defunto, per portare potenzialmente in braccio i propri figli. Incredibilmente, il reclutamento di questi volontari si è rivelato meno impegnativo del previsto. Infatti, quando le famiglie hanno cercato volontari o pubblicizzato la loro ricerca attraverso i media e le piattaforme social, hanno ricevuto risposte travolgenti. Il primo caso registrato risale al 2002, si tratta di Keivan Cohen, un soldato israeliano ucciso nella Striscia di Gaza. Nel giro di appena un’ora dall’annuncio, la sua famiglia ha ricevuto 200 risposte.

Questa inclinazione delle donne e delle coppie israeliane a scegliere lo sperma dei soldati non sorprende. La militarizzazione della riproduzione e della mascolinità ha una lunga storia in Israele. Tuttavia, ciò che colpisce particolarmente è che queste preferenze si intensificano durante i periodi di estrema violenza contro i palestinesi. Nel 2014, durante la guerra israeliana a Gaza, che ha provocato la morte di oltre 2.000 palestinesi, la stragrande maggioranza dei quali erano civili, le banche del seme israeliane hanno registrato un’impennata della domanda di sperma da parte dei soldati in servizio nelle unità di combattimento. Da allora, le banche del seme hanno incorporato attivamente il background militare dei donatori nei loro profili, e alcune banche addirittura rifiutano donatori che non hanno prestato servizio nell’esercito.

Durante la mia ricerca sul PAR in Israele, ho seguito diversi casi di soldati caduti le cui famiglie cercavano pubblicamente volontari. Ma un caso in particolare mi ha colpito di più: il caso di Barel, un soldato israeliano ucciso al confine di Gaza nel 2021, dove era uno dei cecchini responsabili della morte e del ferimento di centinaia di manifestanti civili. L’anno scorso, sua madre ha utilizzato il suo account Facebook alla ricerca di un volontario disposto a concepire il potenziale figlio di suo figlio. Il suo post diceva:

«Questo è mio figlio. Ci è stato tragicamente portato via circa sei mesi fa da un terrorista. Cerco una donna che possa impegnarsi con tutto il cuore per lo scopo della nostra famiglia, allevare mio nipote e diventare parte integrante e amorevole della nostra famiglia. Negli ultimi sei mesi, la famiglia e gli amici di Barel si sono uniti attorno a un unico obiettivo: portare avanti la sua eredità».

Sulla pagina Facebook della madre, insieme alla richiesta di un volontario per portare in braccio il figlio di suo figlio, c’era una foto di lei in piedi accanto a quello che sembrava essere un veicolo militare coperto con l’immagine di Barel. Scoprii poi che dopo la morte di Barel fu fondata una “milizia civile” con l’unico scopo di preservare il suo nome. Chiamato Sayeret Barel (in ebraico “I Barel Commandos”) e descritto da diversi media israeliani come un gruppo di estrema destra, il Sayeret Barel è, secondo il suo sito web, “un gruppo di soldati civili che forniscono supporto all’esercito e Polizia Stradale.” Sostenuti dal governo locale di Beersheba e dalle forze di polizia, gli studenti della città meridionale ricevono consistenti sovvenzioni in cambio dell’arruolamento in questo gruppo militare. La fondazione della milizia è attribuita ad Almog Cohen, membro della Knesset associato al partito Otzma Yehudit, guidato da Itamar Ben-Gvir, ampiamente riconosciuto come una delle figure più estremiste in Israele. Cohen sostiene apertamente l’espulsione dei palestinesi e, durante un dibattito pubblico in Israele sul ruolo di questa milizia, ha affermato: “Se Barel fosse vivo, non avrebbe aspettato che la polizia agisse”.

Il collegamento tra le due campagne – una che mira a concepire un figlio da Barel e l’altra che cerca di creare una milizia in suo nome per perpetuare la sua eredità – non è casuale. Diversi commenti alla foto condivisa dalla madre sottolineano che sia il bambino che la milizia militare sono al servizio della sua continuità. Mentre le preferenze riproduttive in una società profondamente securizzata producono e mantengono costantemente forme di mascolinità egemonica, la continuità ricercata non è esclusivamente quella di un individuo come membro della famiglia, come figlio o anche come uomo, ma principalmente come soldato in un’unità di combattimento.

Come hanno sostenuto gli studiosi, per le donne che cercano sperma per la madre, le informazioni sul background militare del donatore servono come indicazione della potenziale personalità del futuro bambino. Come descritto dai ricercatori sul campo , il guerriero-donatore è sia il fornitore del prodotto che il prodotto principale stesso, con il suo seme visto come il portatore materialistico della sua essenza spirituale. Questa essenza spirituale è percepita come il suo ruolo militaristico nel fornire sicurezza alla nazione e nello svolgimento delle sue missioni nazionali. Nel caso israeliano, queste preferenze sono state profondamente sicurizzate, soprattutto quando si tratta di riproduzione postuma. In quanto tale, la convinzione che lo Stato debba alle famiglie dei soldati deceduti l’accesso a questa forma di riproduzione rappresenta una prospettiva peculiare unica per Israele.

Questa pratica fa luce sul complesso ruolo delle istituzioni mediche all’interno di un ordine coloniale di coloni – un ruolo sottolineato da eventi recenti come una petizione firmata da numerosi medici che esorta l’esercito a prendere di mira gli ospedali di Gaza. Ma, cosa ancora più significativa, illustra un modo israeliano unico di militarizzare la riproduzione, dove medicina, mascolinità e militarismo si intersecano, favorendo in definitiva una fantasia coloniale di coloni in cui la violenza contro la popolazione indigena non è solo ricercata ma strettamente legata al futuro immaginato del mondo. nazione colonica.

Dalla fondazione di Israele sulle rovine della società palestinese, non solo la fertilità palestinese è stata vista come una minaccia, ma le capacità riproduttive ebraiche sono state viste come una fonte di sicurezza e sostenibilità per la nazione. Di conseguenza, il futuro coloniale finale è concepito attraverso e attorno alle capacità dell’uomo ebreo muscoloso – in contrasto con “l’ebreo debole in esilio” e le donne ebree fertili. Questa prospettiva è evidente nelle normative israeliane sulle tecnologie di riproduzione assistita, poiché il paese è considerato uno dei maggiori mercati a livello globale per tali tecnologie. In Israele, la distribuzione delle cliniche della fertilità che forniscono servizi gratuiti dimostra questo pronatalismo selettivo, poiché le cliniche esistono esclusivamente in aree abitate prevalentemente da residenti ebrei.

Queste preferenze militaristiche hanno plasmato le nozioni stesse di femminilità e virilità in Israele. Come spiegato da ricercatori israeliani come Nitza Berkovitch , non solo la maternità è una missione nazionale in Israele, ma la formulazione della femminilità in Israele si basa sulla considerazione delle donne ebree come madri piuttosto che come cittadine o individui.

 

In questo contesto in cui le donne esprimono la loro appartenenza alla nazione esclusivamente come (potenziali) madri, la virilità israeliana, come suggerito da uno dei più eminenti sociologi israeliani, Baruch Kimmerling, è costruita attorno al concetto del combattente maschio “pioniere” che deflora la “vergine “Terra indigena. In queste rappresentazioni nazionali di genere, come suggerisce Kimmerling, non si può negare che questi combattenti maschi e le figure materne siano coloni immigrati. Il guerriero maschio combatte per proteggere la nazione coloniale che rimarrà sempre in pericolo, mentre a una donna viene assegnata la missione di far nascere e far rinascere la nazione.❏

*Fonte: The rush to preserve the sperm of slain soldiers exposes the deep militarism of Israeli society

mondoweiss.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *