Browse By

GAZA: LA SCONFITTA ISRAELIANA di Saverio Vilar*

184 visite totali, 1 visite odierne

A sei mesi dall’inizio della guerra lampo di Israele su Gaza, l’intelligence militare dello stato occupante ha riconosciuto con riluttanza ciò che molti sospettavano: ottenere una vittoria decisiva su Hamas è un obiettivo irraggiungibile. Nonostante la retorica iniziale del primo ministro Benjamin Netanyahu di annientamento totale, la realtà sul campo racconta un’altra storia.

Tzachi Hanegbi, capo della sicurezza nazionale israeliana, aveva precedentemente dichiarato che Israele si sarebbe accontentato solo della  “ vittoria totale ”. Eppure, come ha ammesso il portavoce militare Daniel Hagari il 18 marzo, Hamas continua a resistere “raggruppandosi intorno all’ospedale Al-Shifa nel nord della Striscia”.

Come ha sottolineato la scorsa settimana il consigliere per la sicurezza nazionale statunitense Jake Sullivan: “Israele ha ripulito Shifa una volta. Hamas è tornato a Shifa, il che solleva interrogativi su come garantire una campagna sostenibile contro Hamas in modo che non possa rigenerarsi e riconquistare il territorio”.

Missione impossibile 

Da un punto di vista politico, ciò suggerisce che l’esercito di occupazione non può né sradicare il movimento di resistenza palestinese né affermare il controllo sul territorio assediato.

Il generale della riserva Itzhak Brik, che in precedenza aveva  criticato  il “caos totale” tra le fila dei soldati israeliani a Gaza, avverte da tempo che “la completa distruzione di Hamas non è fattibile e che le dichiarazioni di Benjamin Netanyahu su questo argomento hanno solo lo scopo di ingannare gli altri”.

Il fallimento di Tel Aviv nello smantellare l’estesa rete di tunnel di Hamas evidenzia ulteriormente l’inadeguatezza dei suoi sforzi militari. Le autorità israeliane hanno confermato che circa l’80% del sistema di tunnel di Hamas rimane intatto nonostante mesi di attacchi aerei e operazioni di terra.

Si stima che questa rete, secondo  i funzionari del ministero della Difesa iraniano che parlano a condizione di anonimato, si estenda da 350 a 450 miglia – un’impresa sorprendente, dato che il punto più lungo di Gaza è di 25 miglia. Due funzionari hanno anche valutato che ci sono quasi 5.700 pozzi separati che conducono a questi tunnel.

Le vanterie israeliane di aver bombardato ripetutamente i tunnel di Hamas risultano false alla luce di queste scoperte. Anche le munizioni avanzate come le bombe a “penetrazione profonda” GBU-28 si sono dimostrate inefficaci contro la profondità e la complessità dei tunnel.

Clicca sull’immagine e dona ora per aiutarci ad organizzare il Forum Internazionale sulla Palestina.

Le prove dell’incapacità di Israele di sfondare le difese di Hamas continuano ad aumentare. In un discorso del 12 marzo, il leader iraniano Ayatollah Ali Khamenei ha rivelato di aver ricevuto un messaggio dalla resistenza palestinese in cui si diceva che “il 90% delle nostre capacità sono intatte”.

Secondo Mark Warner, presidente della Commissione Intelligence del Senato americano, l’esercito israeliano è riuscito al massimo a distruggere meno di un terzo della rete di tunnel di Hamas, aggiungendo: “L’idea di eliminare ogni combattente di Hamas, non credo sia un obiettivo realistico.”

È assolutamente chiaro che l’obiettivo dichiarato da Israele di distruggere Hamas non è stato raggiunto, né lo sarà in futuro. Persino il  Wall Street Journal , in un articolo del 29 febbraio che elogiava gli attacchi riusciti dell’esercito di occupazione contro le forze di Hamas, riconosceva che “Israele è ancora lontano dal suo obiettivo di guerra dichiarato, quello di eliminare Hamas come entità militare e politica significativa”.

I fallimenti di Israele possono essere analizzati da due prospettive distinte. In primo luogo, la forma di resistenza militare di Hamas è asimmetrica e gli consente di infliggere danni a un avversario molto più grande senza subire perdite significative.

Comprendendo la necessità di salvaguardare la sua doppia struttura politico-militare, Hamas organizza le operazioni militari in cellule indipendenti sotto l’autorità delle Brigate Al-Qassam.

In secondo luogo, Hamas non è solo una forza combattente, ma si appoggia Add un’ideologia profondamente radicata nella lotta palestinese per la liberazione nazionale all’interno della nozione islamica di jihad  – o “sforzo meritorio”. La potenza di questo movimento anticoloniale, e in particolare la sua ampia e radicata popolarità tra la gente, rendono il suo sradicamento un compito quasi impossibile.

In contrasto con l’accettazione da parte dell’Autorità Palestinese (ANP), guidata da Fatah e sostenuta da Stati Uniti e Israele, dell’autogoverno con numerosi vincoli – esemplificato dagli accordi di Oslo – il rifiuto di tali accordi da parte di Hamas riflette la sua ferma opposizione alla visione coloniale di Israele e spiega l’egemonia della sua posizione politica alternativa. (…)

I sondaggi condotti tra i palestinesi confermano questa analisi. Un  sondaggio  condotto dal Centro Palestinese per la Politica e la Ricerca sul sondaggio nel dicembre 2023 indica un crescente sostegno per Hamas in tutti i territori palestinesi occupati, insieme a un sostegno sorprendentemente diminuito per l’Autorità Palestinese.

I dati rivelano inoltre un diffuso sostegno alle azioni di Hamas, inclusa l’operazione di resistenza Al-Aqsa Flood del 7 ottobre, e una diffusa richiesta di dimissioni di Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità Palestinese.

La dichiarazione dell’ex vicepresidente del Consiglio di sicurezza nazionale israeliano, nella quale riconosce che “non esistono soluzioni militari ai conflitti in cui Israele è impegnato, in particolare nella regione meridionale”, conferma la cecità politica dell’attuale governo israeliano.

Comprendere l’asse di resistenza 

Si ritiene che un’ideologia possa essere subordinata a un insieme di convenienze e interessi politici, con la conseguenza della modifica degli obiettivi politici. Ma questo non è il caso di Hamas.

Né Hamas né il resto dei membri dell’Asse della Resistenza possono essere minacciati o bombardati fino alla sottomissione, poiché questi gruppi autonomi hanno una propria  agenda politica che considerano non negoziabile anche di fronte alla campagna genocida di Israele. Come ha sottolineato ripetutamente il segretario generale di Hezbollah, Hassan Nasrallah, in un   discorso televisivo del 16 febbraio : 

«Siamo di fronte a due scelte – resistenza o resa – e il prezzo della resa… significa sottomissione, umiliazione, schiavitù e disprezzo per i nostri anziani, i nostri figli, il nostro onore e la nostra ricchezza…»

Si consideri ad esempio il fermo impegno dell’Iran nei confronti della Palestina, nonostante i rischi interni che pone alla sicurezza nazionale iraniana nel confronto sia con gli Stati Uniti che con Israele. Questi rischi e minacce non hanno alcuna influenza sulla strategia politica regionale di Teheran, che è saldamente radicata nella sua visione rivoluzionaria.

Ciò segna una differenza fondamentale rispetto alle classiche coalizioni militari occidentali create ad hoc da stati che la pensano allo stesso modo per combattere una minaccia comune senza impegni a lungo termine. Un esempio calzante è  il “ crollo ” della poco brillante coalizione guidata dagli Stati Uniti volta a contrastare le operazioni navali anti-israeliane dello Yemen nel Mar Rosso.

Al contrario, l’Asse della Resistenza è più di una semplice coalizione di gruppi; è ancorato a un’ideologia anticoloniale che condivide obiettivi non negoziabili e consente strategie diverse per raggiungerli.

In altre parole, tutti i gruppi che compongono l’Asse della Resistenza – siano essi sunniti, sciiti, arabi, non arabi, laici o islamisti – sono in grado di raggiungere accordi occasionali utilizzando lo stesso linguaggio della tradizione islamica anticoloniale.

Mentre la guerra a Gaza infuria da sei mesi, il bilancio senza precedenti delle vite e delle infrastrutture palestinesi è stato devastante. Nonostante alcuni progressi tattici da parte delle forze di occupazione, diventa sempre più chiaro che Israele si sta dirigendo verso una sconfitta strategica.

* Fonte The Cradle

2 pensieri su “GAZA: LA SCONFITTA ISRAELIANA di Saverio Vilar*”

  1. forestiero dice:

    Israele ha perso per quello che ha fatto, Israele non ha più futuro in medio oriente o meglio, il futuro delle nuove generazioni israeliane, sarà solo in un’altra terra, oppure, altrimenti, chiusi da alte mura, circondati da profondi fossati e protetti da milioni di armamenti. L’odio che si è costruito addosso per ciò che ha fatto perdurerà almeno per un secolo a venire, hanno coltivato e mai come oggi, solo odio, e solo questo raccoglieranno nel futuro del medio oriente. Un vero peccato che la storia abbia insegnato loro un solo tipo di comportamento nelle relazioni con il prossimo diverso da loro.

  2. Graziano+PRIOTTO dice:

    Temo che l’obiettivo dei sionisti israeliani non fosse quello di eliminare HAMAS

    … che infatti avevano creato loro stessi, come anche affermato pubblicamente da Natanyau (cfr. Alain Pappé, lo storico israeliano che lo ha documentato nel suo libro “The Biggest Prison on Earth” .
    Il vero obiettivo è evidentemente di rendere impossibile la vita a GAZA (e questo mi pare sia un obiettivoquasi raggiunto).
    Raggunto con un metodo da genocidio , ma per i sionisti come dal 1947 il fine giustifica ogni mezzo e ben sanno che la’ipocrita “Comunità internazionale” alias Europa e Nordamerica come ha fatto negli ultimi 75 anni continuerà a chiudere ambedue gli occhi cui crimini sionisti.

    Resta da vedere comem reagirà l’Europa all’arrivo di due milioni di palestinesi : il porto in costruzione con le macerie di Gaza serve infatti esattamente a questo scopo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *