Browse By

IL NUOVO VENERDÌ NERO DELLA BORSA DI MILANO

 465 total views,  2 views today

La borsa di Milano

È solo l’antipasto


Sulle cause più profonde e le conseguenze del Venerdì nero leggi anche Sull’orlo dell’abisso.


«Un fatto è chiaro, ai nostri occhi, due sono i punti di massima criticità del sistema italiano: il debito sovrano e il sistema bancario, due malati che si sorreggono a vicenda e la caduta di uno trascinerebbe nella polvere anche l’altro —rimandiamo alla «Inchiesta sul sistema bancario» del dicembre scorso. Torneremo in modo approfondito sul perché, come nel 2008, anche la prossima crisi finanziaria avrà le banche come epicentro, con la differenza che questa volta sarà travolta anche l’Italia».





«Borsa giù del 4%. Precipita Unicredit. Attacco speculativo senza precedenti sul mercato finanziario italiano». Così titolava il Corriere on line di ieri pomeriggio, per poi indicare ai lettori la causa di questo tonfo: «… la bufera che si è abbattuta sul Ministro dell’Economia Tremonti con la richiesta d’arresto del suo più stretto collaboratore Marco Milanese», con relativo boatos delle dimissioni di Tremonti medesimo. I Tg, ieri sera, aggiungevano che lo scossone a Piazza Affari era determinato anche dall’intervista rilasciata ieri da Berlusconi a La Repubblica, nel quale il Primo ministro non solo ha attaccato la politica di rigore di Tremonti ma ha annunciato che la “manovra” verrà cambiata in Parlamento.
Che tra le file del governo regni il pieno marasma è evidente, ma che questo sia la causa primaria del mini-crollo di Piazza Affari, a noi pare una spiegazione, per così dire, minimalista, ovvero viziata di politicismo.


Più attenta invece l’analisi de il Sole 24 ore line di ieri pomeriggio, che inquadrava il mini-crollo di Milano nel contesto di un brutto Venerdì a scala mondiale —uno dei fattori scatenanti è stato il negativo resoconto sulla disoccupazione negli USA: vedi l’indagine sulla crisi economica negli Usa— visto che tutte le principali borse occidentali hanno chiuso i battenti con un segno meno.


Nello specifico, se quella milanese ha segnato il maggior numero di vendite, è perché potenti cordate di speculatori che muovono pacchetti di bond, azioni e titoli da milioni di euro, hanno deciso di “scommettere” sul fatto titoli di stato e azioni italiani (anzitutto dei gruppi bancari) sarebbero scesi, di qui la “scommessa”: vendere oggi e incassare al prezzo X, per riacquistare da lunedì gli stessi prodotti ad un prezzo minore. La “scommessa” speculativa è la classica profezia che si autoavvera: se dispongo di una deterrenza o potenza di fuoco finanziaria, posso innescare la valanga delle vendite dal quale trarre profitto.


Non a caso il Sole 24 ore titola «Mercati all’attacco di banche e titoli di stato italiani», dove “mercati” è appunto un eufemismo per indicare la speculazione finanziaria, anzitutto straniera.


Il risultato di questo attacco massiccio è stato immediato. Bersaglio in primo luogo i titoli bancari, Unicredit -7,5%, Banco Popolare -6,46%, Azimut -5,6%, Banca Popolare di Milano -6,12%, Intesa Sanpaolo (-4,56%). Bisognerebbe capire chi ha venduto, di sicuro saranno gli stessi che magari ricompreranno le azioni delle banche italiane fra qualche giorno a prezzi più vantaggiosi, dopo ovviamente avere intascato le cedole ai prezzi di ieri.


L’attacco alle banche italiane —i “mercati” non credono affatto a Draghi e Tremonti che continuano a sostenere che sono sane come peschi e supereranno senza difficoltà i prossimi stress test—, dato che queste ultime hanno in pancia montagne di titoli pubblici italiani, non poteva non investire il debito sovrano.
«Il rendimento del Btp decennale è salito al 5,24% e di conseguenza lo spread con il Bund si è ampliato ai massimi dall’introduzione dell’euro. Il differenziale di rendimento (termometro della stabilità di un paese) si è poi riportato attorno ai 227,5 punti. La paura di un contagio della crisi del debito nell’eurozona continua a tenere sotto pressione anche i titoli di Stato a breve dell’Italia con il tasso del biennale salito di 10 punti base al 3,42%».


E siccome il sistema finanziario è come quello dei vasi comunicanti l’onda non ha risparmiato la flagellata Grecia, i cui bond a 2 anni hanno ieri registrato intanto nuovo record con il rendimento balzato di oltre 160 punti base al 30,40%, per riportarsi poco sopra il 29%. In tensione anche i titoli di Stato della Spagna: il tasso del bond decennale è salito di 6 punti base al 5,67% e lo spread con il bund si è ampliato oltre 271 punti.


Abbiamo avuto modo di dire tempo addietro che sul debito l’Italia avrebbe iniziato a ballare a partire da questa estate. Così sta accadendo. Che la “Manovra” di tagli alla spesa pubblica messa su in fretta e furia da Tremonti possa evitare il probabile terremoto in arrivo è poco probabile. Il pareggio di bilancio entro il 2014 a cui punta la manovra non sarà sufficiente a placare gli appetiti della grande speculazione, non metterà l’Italia al riparo dai rischi default di Irlanda, Grecia e Portogallo. Quello che è altrettanto sicuro è che la “Manovra” che andrà in Parlamento nei prossimi giorni ha un impatto recesssivo che potrebbe vanificare e rendere del tutto illusori gli obbiettivi del pareggio.
Un fatto è chiaro, ai nostri occhi, due sono i punti di massima criticità del sistema italiano: il debito sovrano e il sistema bancario, due malati che si sorreggono a vicenda e la caduta di uno trascinerebbe nella polvere anche l’altro —rimandiamo alla «Inchiesta sul sistema bancario» del dicembre scorso. Torneremo in modo approfondito sul perché, come nel 2008, anche la prossima crisi finanziaria avrà le banche come epicentro, con la differenza che questa volta sarà travolta anche l’Italia.
image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.