Browse By

LIBIA: IL BOTTINO ED I PREDONI. No all’intervento NATO

 870 total views,  4 views today

clicca per ingrandire

[ 8 marzo ]

Il lupo perde il pelo ma non il vizio.

I paesi NATO, per niente soddisfatti di aver contribuito al disastro della Libia nel 2011 —quando diedero avvio ad una sanguinosa campagna di bombardamenti per defenestrare Gheddafi—, scalpitano per una seconda guerra d’aggressione. Allora il governo Italiano, Berlusconi primo ministro, malgrado i mal di pancia, partecipò all’aggressione. Renzi, in barba alle sue affermazioni, rischia di fare la stessa fine.

«Il fatto che Matteo Renzi, in perfetto stile berlusconiano —in Tv e non in Parlamento— abbia detto che finché lui sarà primo ministro non ci sarà alcuna invasione italiana della Libia è una buona notizia che tuttavia non mette al riparo l’Italia dal trovarsi immischiata in un conflitto devastante e di lunga durata, e non assolve Renzi da tutte le sue porcate.
Tra queste porcate c’è infatti anche il decreto del 10 febbraio, secretato e quindi tenuto nascosto agli italiani e allo stesso Parlamento in violazione degli Art. 11 e 78 della Cosituzione —il primo fa divieto al nostro Paese di partecipare a guerre che noin sia difensive, il secondo stabilisce che lo stato di guerra sia dichiarato dal Parlamento. Cosa dice questo Decreto? Con lo stratagemma che le forze militari da inviare in teatro di guerra saranno poste sotto il comando dei servizi segreti, il Parlamento viene aggirato, anzi gli viene sottratta l’ultima parola, che spetterà invece solo al Presidente del Consiglio, cioè a Renzi stesso —è la governance, ovvero il massimo dell’accentramento dei poteri.
Sirte: da roccaforte di Gheddafi ad avamposto dello Stato Islamico

Forze spaciali

Insomma, Renzi, attacatissimo alla sua poltrona e ubbidendo alla sua smisurata ambizione, ben sapendo che la stragrande maggioranza degli italiani è contraria ad ogni avventura militare, non vuole una “invasione”, un invio di truppe in grande stile, contempla però di voler partecipare con truppe speciali alla spartizione del bottino libico —la lotta al nemico pubblico numero uno, l’ISIS, essendo un motivo del tutto secondario.

Di che bottino si tratta?
Ce lo dice senza peli sulla lingua l’organo della Confindustria:

«La Libia è un bottino da 130 miliardi di dollari subito e tre-quattro volte tanto nel caso che un ipotetico Stato libico, magari confederale e diviso per zone di influenza, tornasse a esportare come ai tempi di Gheddafi. Sono stime che sommano la produzione di petrolio con le riserve della Banca centrale e del Fondo sovrano libico che sta a Londra dove ha studiato per anni il prigioniero di Zintane, Seif Islam, il figlio di Gheddafi, un tempo gradito ospite di Buckingham Palace al pari di tutti gli arabi che hanno il cuore nella Mezzaluna e il portafoglio nella City. Oltre alla Bp e alla Shell in Cirenaica – dove peraltro ci sono consorzi francesi, americani tedeschi e cinesi – gli inglesi hanno da difendere l’asset finanziario dei petrodollari.
Anche i russi, estromessi nel 2011 perché contrari ai bombardamenti, vogliono dire la loro: lo faranno attraverso l’Egitto del generale Al Sisi al quale vendono armi a tutto spiano insieme alla Francia. (…) Ma ce n’è per tutti gli appetiti: questo è il fascino tenebroso della guerra libica.
Il bottino libico, nell’unico piano esistente, deve tornare sui mercati, accompagnato da un sistema di sicurezza regionale che, ignorando Tunisia e Algeria, farà della Francia il guardiano del Sahel nel Fezzan, della Gran Bretagna quello della Cirenaica, tenendo a bada le ambizioni dell’Egitto, e dell’Italia quello della Tripolitania. Agli americani la supervisione strategica».
Alberto Negri, Il Sole 24 Ore del 6 marzo.

A prescindere dalla dimensione delle forze che saranno inviate, l’intenzione del governo, col sostegno del Presidente della Repubblica —che abdica alle stesse prerogative attribuitegli dalla Costituzione—, è quindi quella di partecipare, assieme agli altri predoni imperialisti, alla spartizione della Libia. Renzi, attende solo un alibi, la messinscena della chiamata di un cosiddetto “governo di unità nazionale”, che cioè i corrotti zimbelli delle diverse potenze si mettano d’accordo. Ma se questo accordo tra questi burattini non c’è è proprio perché divisi sono i loro burattinai.

I predoni occidentali non fanno mistero su quale sia il loro disegno: fare a brandelli la Libia, distruggerla come Stato unitario per far posto ad uno spezzatino composto da 3 o 4 satrapie, ognuna sotto la tutela delle diverse potenze straniere, ognuna governata da lacchè alle loro dirette dipendenze.
Questa spartizione per zone d’influenza potrebbe seguire la divisione amministrativa che fu al tempo inventata —dopo vent’anni di guerra di sterminio— dal colonialismo fascista.
L’intervento militare dei paesi NATO, la loro brama di spartirsi le spoglie e le ricchezze della Libia non sarà indolore. Esso susciterà la tenace quanto legittima resistenza delle forze islamiche e patriottiche libiche, spingendo le varie milizie, quelle tribali incluse, a fare fronte comune, di contro a quelle ascare già ora su libro paga delle potenze straniere e delle diverse multinazionali (ENI compresa).
Se comune è la volontà delle potenze di procedere allo smembramento della Libia, esse sono tuttavia divise su quali debbano essere i confini dei loro rispettivi protettorati coloniali. Dietro alla comune volontà ci sono infatti opposti appetiti e ambizioni egemoniche conflittuali. La competizione neo-coloniale tra le stesse potenze europee, è l’ennesima dimostrazione che l’Unione europea è un’entità fallita. Il ginepraio libico potrebbe accentuare questa competizione, senza escludere che i soldati di questa o quella potenza possano prima o poi cadere vittima di “fuoco amico”.
Diciamo quindi no all’invio di truppe d’invasione in Libia, comunque mascherate. Che sia il popolo libico a porre fine alla guerra fratricida ed a decidere il proprio destino».
image_pdfimage_print

2 pensieri su “LIBIA: IL BOTTINO ED I PREDONI. No all’intervento NATO”

  1. Lorenzo dice:

    Tutto giusto per quanto riguarda la parte descrittiva. Ma non vi pare di sognare quando dite "che sia il popolo libico a porre fine alla guerra fratricida e a decidere il proprio destino"? Vi sembra una posizione realistica? Dov'è il popolo libico se ci sono solo fazioni tribali e war lords in lotta per il controllo del territorio e del petrolio, con rapacità paragonabile e brutalità superiore a quella delle potenze occidentali?Se si sviluppa una guerra civile endemica con il potenziale di generare un milione di profughi o se lo stato islamico prende il controllo di metà Africa del nord, come si fa a stare a guardare?Non basta denunziare la situazione, bisogna anche proporre soluzioni concrete.

  2. Enzo Mecca dice:

    giusto dobbiamo essere realistiper fare cosa? starew dalla parete degli invasori?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.