Browse By

È PEGGIO DI COME SEMBRAVA di Sandokan

 646 total views,  2 views today

[ 6 settembre 2018 ]

Questo blog dava conto, un mese fa, del patetico appello (in vista delle prossime elezioni europee del maggio 2019) di Massimo Cacciari ed altre presunte teste d’uovo e pseudo maitre a penser.

Il giudizio era netto:

«Un appello, dunque, con cui Cacciari tenta di mobilitare l’intellighentia “progressista” per dare man forte all’élite dominante che gli italiani, col voto del 4 marzo, hanno cacciato all’opposizione. Non c’è nessuna grande visione, nessuno ambizione. (…) L’operazione, meschina, si riduce gioco forza a dare manforte ai due schieramenti eurocratici: il Pse e il Ppe (la stella Macron essendo già cadente)».

Ci torniamo su vista l’intervista rilasciata da Cacciari a (guarda caso!) Marco Damilano (L’ESPRESSO del 2 settembre). E’ peggio di come sembrava…
Eh sì perché il Cacciari, dopo aver detto che identità radici e simboli contano e come!, non ha già il simbolo ma lancia il nome del listone che ha in mente per le europee: Nuova Europa. Propone un’Europa federalista, a cui i differenti Paesi dovrebbero cedere ulteriori quote di sovranità.  Dio ce ne scampi!

Il bello è che Cacciari, bontà sua, è straconvinto (ma la sua strafottenza è proverbiale), che questa sua trovata sia “un target fortissimo, una bandiera, un simbolo”.
Quando sono scoppiato a ridere (faccio per dire) è alla lettura della risposta del nostro al Damilano che gli chiede quali siano dunque le radici di Nuova Europa. Cacciari risponde: 

«L’identità è qualcosa che si cerca, non è data una volta per tutte. L’identità europea è una ricerca… la radice dell’identità non va creata nel passato, la radice si può individuare nel futuro».

Una diavoleria filosofica, potrebbe sembrare. Ma no invece, è solo un imbroglio mascherato da teologia. Le radici o affondano nella storia lunga dei popoli o non sono. Le nazioni hanno, volenti o nolenti, queste profonde radici, l’Europa non le ha. Non solo, questa Unione europea tossica ha contribuito ad aumentare i contasti tra le diverse nazioni.

Morale? Se queste sono le premesse Nuova Europa farà un flop ancor più meschino della lista Bonino. Anche perché Cacciari svela ci dovrebbero essere i salvatori dell’Europa:

«Le forze che condividono questo progetto si mettano assieme, in modo transnazionale: Macron in Francia (!), Ciudadanos in Spagna (!), Tsipras in Grecia, che è stato bravissimo (sic!)».

Potete immaginare che marmaglia immagini di imbarcare in Italia….

image_pdfimage_print

4 pensieri su “È PEGGIO DI COME SEMBRAVA di Sandokan”

  1. Anonimo dice:

    Cacciari era un buon pensatore ormai screditato.

  2. Anonimo dice:

    Be in fondo Cacciari ha solo sbagliato la tempistica: prima ci si riprende e si mette in sicurezza la buona vecchia sovranitá nazionale e poi da li si riparte alla ricerca di una nuova identitá europea, che effettivamente va cercata perche quella attuale mi pare fondata solo sul mercato, e la competizione.

  3. RobertoG dice:

    Cacciari non ha bisogno di cercare nel futuro. L'identità che vuole lui è già presente. E' lo spread, il 3% e la NATO.

  4. Unknown dice:

    Non concordo. L Unione Europea fu creta per evitare altre guerre in Europa mettendo insieme i contendenti… é c è riuscita. Se tornano le nazioni ed i nazionalismo, più di quanto non siano tornati, torneranno le guerre… di varia natura. Forse vale la pena di perdere tutti un po' di sovranità. Si studi la storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.