Browse By

UNA TRAPPOLA PER SALVINI di Piemme

 573 total views,  2 views today

[ giovedì 1 agosto 2019 ]

Mai sottovalutare il nemico, mai sopravvalutare se stessi: una regola basilare nella lotta, anche quella politica.

A me pare che Salvini, causa vertigini del successo indotte dai sondaggi, questa regola l’abbia violata. Da una parte ha sottostimato la forza (e le trame) dei poteri forti euristi — che hanno nel Quirinale il garante dei loro interessi. Dall’altra considerando la sua ascesa come crescente e inarrestabile.

Dopo una mossa giusta, quella di stipulare un accordo di governo con i 5 Stelle, una catena di errori piccoli e grandi, il primo dei quali è stato quello di subire il veto di Mattarella su Paolo Savona a ministro dell’Economia, accettando quindi al suo posto il Cavallo di Tr(o)ia

Nasceva così, il 1 giugno dell’anno scorso, un governo meticcio, incatenato, che difficilmente avrebbe potuto attuare la svolta attesa dalla maggioranza dei cittadini, e non solo perché il principale Ministero restava nelle mani del cosca eurocratica quanto perché veniva sancito, appunto, che il decisore di ultima istanza sulle questioni essenziali, sarebbe stato il Mattarella.

Si tenga conto che davanti al veto di Mattarella Di Maio lanciò la richiesta di impeachment contro il Presidente della Repubblica. Salvini, invece di sostenerla, la condannò, facilitando così il passo indietro del suo alleato. A caldo dicemmo che grazie all’onda di consenso popolare che accompagnò l’accordo M5s-Lega, si poteva e si doveva rovesciare il banco e andare ad elezioni anticipate, affinché il blocco giallo-verde avesse pieno mandato a governare, senza quindi la “quinta colonna” mattarelliana. 

Un errore grave, dal quale necessariamente discenderanno tutti gli altri tra i quali, il più grande di tutti, fu di accettare il compromesso con la commissione Ue in occasione della legge di bilancio 2019.

Si può parlare di mancanza di coraggio di Salvini? Sì, si può e si deve. Che poi questa insipienza sia dovuta al freno di Giorgetti — che non nasconde di stare in permanente contatto don Mattarella, Draghi ecc. — non c’è nemmeno bisogno di dirlo.

Invece di puntare ad un consolidamento dell’asse con i 5 Stelle per fare muro contro i poteri forti, Salvini ha inseguito anzitutto il successo momentaneo proprio, compiendo gesti simbolici su questioni inessenziali (sicurezza, immigrazione), gesti che hanno finito per mettere in difficoltà, proprio l’alleato di governo — spingendolo così nelle mani dei poteri forti. 

Questo modo di procedere — tutta tattica a spese della strategia, prima viene l’avanzata della Lega, in subordine la questione del governo del Paese — ha portato Salvini sempre più in alto nei sondaggi, ha nascosto i dissidi con l’ala nordista ed eurista della Lega, ma ha contribuito ad indebolire il governo.

E siamo all’oggi, con un Salvini nella situazione che i francesi definirebbero cul de sac. Non può più sostenere il governo ma non può nemmeno farlo cadere. Dopo che in giugno Tr(o)ia e Conte hanno accettato le compatibilità eurocratiche — a conferma che finché le si rispetta non c’è speranza per il Paese —, dopo che a luglio i 5 stelle hanno salvato la Von Der Leyen, Salvini aveva il pallino in mano, e poteva far cadere il governo, ha invece temporeggiato facendo passare la cosiddetta “finestra elettorale”.

Ora non solo la situazione è pregiudicata, non solo il governo è uno zombi, ora il pallino in mano lui non ce lo ha più.

In queste condizioni pare egli si sia deciso a far fare la finanziaria ad altri, uscendo perciò dal governo. E convinto che i poteri forti gli concederanno di andare alle urne in primavera permettendogli di portare all’incasso il suo grande patrimonio di consensi.

Ma, c’è un ma. Dove sta scritto che Mattarella scioglierà le camere? Non sta scritto da nessuna parte. Tranne Salvini tutti gli altri partiti sono in affanno e le faranno di tutti i colori pur di non andare ad elezioni anticipate e di tenere Salvini al palo. Tanto… ci pensa il “pilota automatico” Ue-Bce a mandare avanti la baracca.

Nessuna ascesa è inarrestabile.


Sostieni SOLLEVAZIONE  e Programma 101


image_pdfimage_print

6 pensieri su “UNA TRAPPOLA PER SALVINI di Piemme”

  1. Anonimo dice:

    Che la lega fosse fondamentalmente il partito di sistema piu' collaudato non ci sono dubbi , e a carattere nordista cammuffato da partito nazionale per via della questione migratoria alla quale anche al meridione ha fatto proseliti . Ma la questione migratoria e' , a parte Roma anche una problematica soprattutto nordista , perche' se e' vero che il primo approccio e' Lampedusa , la maggior parte di questa gente viene dislocata prevalentemente nelle citta' e nelle province del nord , dove c' e' piu' lavoro ma contemporaneamente c'e' piu' insicurezza perche' tanti di loro non lavorano e bighellano nelle strade causando a volte parecchio disagio .Io sono del sud , ma vivo al nord e le cose stanno esattamente cosi' , quindi parlo con cognizione di causa ,quando vado al mio paese , vicino ai trentamila abitanti di questi migranti non si vede manco l'ombra o quasi . Tornando alla lega , perche' dico che la sua mission governativa e' comunque nordista , una l' ho gia' spiegata , l'altra e' l'autonomia dove Savini deve calmare le spinte autonomiste dei suoi governatori che sono certo specie al popolo lombardo frega poco o nulla , diverso e' per il Veneto di Zaia tradizionalmente separatista , da sempre la vera spina nel fianco di Salvini . Poi altro motivo la flax tax che interessa essenzialmente ai ricchi imprenditori del nord e ci risiamo , ditemi se la lega attuale non e' ancora la lega nord sotto mentite spoglie . Cosa ha di nazionale ? Qual'e' il suo impegno per il Sud ? Io non me lo so spiegare , aiutatemi a capire .

  2. Anonimo dice:

    integromanco l'ombra o quasi , a parte parecchie badanti

  3. Anonimo dice:

    Formica: Trump e Putin mollano Di Maio e Salvini per l’Uehttps://www.maurizioblondet.it/formica-trump-e-putin-mollano-di-maio-e-salvini-per-lue/

  4. Anonimo dice:

    Io dico ma possibile che il pdr non spenda una parola all'attacco evidentissimo che il paese sta subendo con queste provocazioni premeditate delle ong le quali vogliono a tutti i costi che l' Italia si debba piegare al loro subdolo disegno architettato da scaltri manovratori della Ue vedi la Germania . Insomma tutte le volte fanno rotta per l' Italia ignorando altre soluzioni altri porti altrettanto disponibili e sicuri come la Tunisia e perche' no Egitto e Israele ! Preferiscono stare a stazionare in acque italiane per giorni ben sapendo quale sara' la soluzione e non fare rotta nei porti di loro appartenenza come quelli tedeschi come nel caso della Kurdi o spagnoli o greci o francesi o portoghesi ecc .. Se non sono sporche provocazioni queste quali sono ! E io come italiano che non ha mai votato Salvini , mi ribello a queste odiose prevaricazioni , sarebbe ora di rivolgersi al paese e chiamare la piazza visto che sta diventando una insopportabile situazione . Scusate lo sfogo !

  5. Anonimo dice:

    Anche io sono del sud ed al nord ci sono stato poche volte. Una fu nei primissimi anni 2000 a Genova, ricordo perfettamente (al tempo con un certo stupore) che la zona di piazza principe dove alloggiavo sembrava praticamente una città africana. Gli unici bianchi eravamo noi della conferenza.La separazione etnica era chiara, un intera area tutta nera. Una cosa preoccupante anche se la situazione era sostanzialmente tranquilla. Adesso non saprei.

  6. Anakyn dice:

    Ah ho capito, è Salvini con la sua "insipienza" e "mancanza di coraggio" che ha "spinto i 5S verso i poteri forti", non è che i 5S già DA ANNI avevano AMPIAMENTE DIMOSTRATO di essere schierati coi poteri forti su tutte le questioni di sostanza.Salvini avrà mille difetti e sicuramente anche il sottoscritto considera come gravi errori quelli evidenziati nell'articolo (mancato impeachment a Mattarella e accettazione diktat UE su finanziaria), ma imputargli anche il sostanziale tradimento dei 5S rispetto al mandato popolare, questo proprio no.Ognuno si prenda le proprie responsabilità politiche, peraltro (ripeto) in gran parte antecedenti a questo stesso Governo, senza scaricarle né su alleati né su avversari politici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.