Browse By

OMICIDI MIRATI 2700 di Khalil Harb

96 visite totali, 1 visite odierne

La recente ondata di omicidi israeliani in tutta l’Asia occidentale è parte integrante della guerra che sta conducendo contro Gaza, omicidi extragiudiziali che sono direttamente e indirettamente appoggiati dal suo principale sponsor, gli Stati Uniti.

Sotto la pressione degli Stati Uniti per correggere l’ottica del genocidio di Gaza, gli israeliani stanno attuando un ritiro parziale dal suolo e riducendo la frequenza degli attacchi aerei su Gaza nord (fase 1) e Gaza sud (fase 2) . Non essendo riuscita a sconfiggere Hamas dalla Striscia di Gaza – un obiettivo dichiarato di guerra – la fase 3 di Tel Aviv è orientata a ottenere vittorie dove può; in questo caso, l’uccisione mirata di alti funzionari dell’Asse della Resistenza della regione.

Questa nuova ondata di omicidi è iniziata a Damasco il 25 dicembre 2023 con l’uccisione del generale di brigata Razi Mousavi , consigliere militare del Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche iraniane (IRGC). Il 2 gennaio sono seguiti attacchi mirati di droni su Beirut, che hanno ucciso Saleh al-Arouri , vice capo dell’ufficio politico di Hamas e comandante fondatore dell’ala militare del gruppo di resistenza.

Ma sebbene questi omicidi siano legati alla guerra a Gaza, fanno anche parte di una politica israeliana di omicidi di lunga data , che si estende oltre i territori palestinesi occupati in varie città globali , da Tunisi a Dubai, da Londra ad Atene, Parigi, Roma, Bruxelles, Vienna, Nicosia, tra gli altri.

L’eredità degli omicidi segreti di Israele

La storia di Israele di oltre 2.700 omicidi extragiudiziali di questo tipo, come dettagliato nel libro di Ronen Bergman del 2018 Rise and Kill First: The Secret History of Israel’s Targeted Assassinations , sottolinea la sua reputazione come, probabilmente, la più vorace macchina di assassinio della storia. Sebbene questi atti violassero spesso la sovranità e l’integrità territoriale degli Stati e rappresentassero una palese violazione del diritto internazionale, erano spesso il prodotto del coordinamento e della collaborazione con nazioni straniere, in particolare in Europa.

In alcuni casi, i famigerati servizi segreti israeliani erano assassini su commissione: il libro di Bergman fa luce sul presunto coinvolgimento del Mossad nell’aiutare il re Hassan II del Marocco a eliminare il leader dell’opposizione Mehdi Ben Barka nel 1965.

La sorprendente frequenza e natura degli assassinii di leader della resistenza palestinese da parte di Israele nell’era post-accordi di Oslo rivelano l’insensibile disprezzo di Tel Aviv per i suoi partner politici e negoziali sulla sicurezza. Gli israeliani hanno aggirato qualsiasi intesa o accordo stipulato con l’Autorità Palestinese (AP) per uccidere i presunti nemici, anche pacifici, opportunisticamente piuttosto che in risposta a qualsiasi minaccia immediata.

La Striscia di Gaza, punto focale degli omicidi di Israele negli ultimi decenni, ha assistito a un ritmo incessante anche prima che Hamas emergesse vittoriosa nelle elezioni del 2006. Quattro anni prima, nel 2002, il comandante in capo delle Brigate Al-Qassam Salah Shehadeh era stato assassinato insieme alla sua famiglia con una bomba da una tonnellata sganciata da un aereo F-16 su un quartiere densamente popolato di Gaza City.

A Gaza, lo stato di occupazione ha da tempo adottato una strategia di “ falciare l’erba ”, formulata da Ephraim Inbar e Eitan Shamir come “una paziente strategia militare di logoramento con obiettivi limitati: diminuire la capacità dei loro avversari di danneggiare Israele e di realizzare deterrenza temporanea”. In sostanza, la politica prevede di bombardare Gaza quanto basta, con una certa frequenza, per ritardare lo sviluppo militare e civile della Striscia di Gaza.

Nonostante anni di “falciatura dell’erba palestinese”, una strategia che non risparmia distinzioni tra politici, diplomatici, combattenti o intellettuali, Tel Aviv non è riuscita a spezzare la volontà della resistenza palestinese . In particolare, il numero di omicidi contro Hamas e la Jihad islamica palestinese (PIJ) negli ultimi due decenni supera quelli assassinati nel conflitto molto più lungo di Israele con l’Organizzazione per la liberazione della Palestina (OLP) dagli anni ’60.

Contraccolpo: passato e presente 

In breve, decenni di omicidi politici mirati hanno portato all’operazione Al-Aqsa Flood del 7 ottobre, guidata dalla resistenza, senza precedenti, quindi perché raddoppiare le sue tattiche di assassinio dovrebbe ottenere qualcosa di utile per Israele?

Prima dei due recenti omicidi a Damasco e Beirut, il capo dello Shin Bet Ronen Bar aveva minacciato di perseguire i leader di Hamas “ in ogni luogo ”, compreso Libano, Qatar e Turchia.

Il discorso aperto di Israele sulla sua “lista dei successi” riflette il senso di immunità di lunga data dello stato occupante dal diritto internazionale. Ed è questa mancanza di reazione globale che spiega in parte perché Tel Aviv ha mantenuto in gioco una politica fallimentare.

Il fatto è che, pur essendo riuscita a imporre alcune battute d’arresto al movimento di liberazione nazionale palestinese, la Murder Inc. di Israele non è riuscita assolutamente a spegnere le fiamme della resistenza, che ardono più forti che mai. La prova sta nel budino: ben 76 anni dopo la Nakba, l’alluvione di Al-Aqsa ha scatenato la guerra israeliana più lunga, costosa e personalmente più devastante nella storia dello stato, a testimonianza del fatto che i palestinesi resisteranno alla loro lotta, qualunque cosa accada. Che cosa.

Semmai, gli omicidi di Israele negli ultimi tre decenni hanno prodotto risultati profondamente controproducenti.

L’omicidio extragiudiziale del 1992 dell’ex segretario generale di Hezbollah Abbas al-Musawi aumentò la popolarità del gruppo di resistenza libanese e rafforzò la sua determinazione a rovesciare l’occupazione israeliana. Ha raggiunto esattamente questo obiettivo sotto il successore di Musawi, il super-carismatico Hassan Nasrallah, che alla fine ha costretto l’umiliante ritiro delle forze militari israeliane dal Libano meridionale, ed è forse il leader arabo più temuto tra gli israeliani di oggi.

Allo stesso modo, l’assassinio nel 1995 del fondatore della Jihad islamica palestinese (PIJ) Fathi al-Shaqaqi sull’isola di Malta ha rafforzato il movimento, trasformandolo in una delle fazioni di resistenza più formidabili e impegnate nella storia palestinese. Allo stesso modo, nel 2004, l’assassinio del fondatore di Hamas, Sheikh Ahmed Yassin, rafforzò la reputazione del gruppo di resistenza tra i palestinesi, costrinse Israele al ritiro dal territorio nel 2005, e poi spinse Hamas a un potere politico senza precedenti quando vinse le elezioni del 2006 e assunse il controllo totale della Striscia di Gaza.

La questione cruciale ora ruota attorno alla questione se la rinnovata fase di omicidi ripristinerà il prestigio che Israele ha perso, forse in modo permanente, in seguito al diluvio di Al-Aqsa.

Rilanciare una politica fallita nel mezzo di una guerra regionale 

La risposta iniziale e immediata di Hezbollah all’assassinio di Arouri nel sobborgo meridionale di Beirut è stata quella di bombardare con una salva di 62 razzi la fondamentale base militare israeliana di Meron , una base che funge da punto di controllo chiave per l’aeronautica israeliana e il suo principale centro di sorveglianza per la regione.

L’omicidio di un alto funzionario di Hamas da parte di Tel Aviv, quindi, ha creato uno svantaggio immediato per la sua flessibilità militare e ha consentito al suo più grande avversario di stabilire nuove linee di deterrenza. È importante sottolineare che Hezbollah, sebbene esitante a iniziare una guerra, rifiuta di temerne una. E nonostante le numerose operazioni di Hezbollah nel nord della Palestina occupata, ha anche attirato l’attenzione sull’esitazione – o incapacità – di Israele a rispondere allo stesso modo.

Nel mezzo di una crisi politica interna che precede l’operazione Al-Aqsa Flood, la coalizione di governo estremista del primo ministro Benjamin Netanyahu sta sfruttando il sostegno incondizionato degli Stati Uniti alla guerra di Gaza per protestare contro l’escalation della sua aggressione a livello regionale. Allo stesso tempo, sta contraendo la sua guerra – secondo un impegno preso con l’amministrazione Biden – passando alla terza fase, in cui cercherà di riabilitare la sua immagine danneggiata a livello globale concentrandosi su operazioni speciali più furtive e mirate, che includono omicidi. .

L’aspetto allarmante di questa nuova fase è il ruolo multiforme di Washington come sponsor ufficiale del genocidio di Gaza. Oltre a fornire copertura politica, diplomatica e militare (e armi) a Israele, gli Stati Uniti stanno intensificando in modo aggressivo il loro intervento regionale. La Casa Bianca sta facendo gli straordinari per controllare il fronte libanese, contenere le fazioni della resistenza irachena uccidendo il leader del movimento Nujaba Mushtaq Talib al-Saidi e imporre nuovi termini di deterrenza USA-Israele sullo Yemen di fronte alle operazioni navali di Ansarallah contro navi legate a Israele in il Mar Rosso.

L’ espansione della guerra regionale sta quindi già impiegando nuove sporche tattiche come omicidi, attacchi terroristici a Kerman in Iran (con la necessaria risposta assertiva di Teheran ) e la riattivazione di cellule terroristiche appoggiate dagli Stati Uniti, come esemplificato dalla recrudescenza degli attacchi dell’ISIS in Iraq, Siria. e potenzialmente il Libano.

Fondamentalmente, Ali Shamkhani, consigliere politico del leader della Repubblica islamica Ali Khamenei, sottolinea che il terrorismo è il nuovo strumento di Israele per condurre una guerra nella zona grigia e ottenere guadagni ingannevoli, sottolineando allo stesso tempo la determinazione della resistenza a neutralizzare questo strumento.

Vale la pena considerare, tuttavia, che nel campo della “guerra irregolare”, che il Pentagono americano ha organizzato contro l’Iran e la sua alleanza in innumerevoli esercitazioni militari virtuali, gli americani non hanno mai vinto, a meno che non abbiano truccato il gioco o imbrogliato. Ma non siamo in un conflitto di realtà virtuale. Questa guerra è reale e le regole non possono essere cambiate per capriccio quando la squadra americana subisce una battuta d’arresto.

*Fonte: The Cradle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *