Browse By

MESTIZIA A PIAZZA DEL POPOLO

 683 total views,  2 views today

[ 13 marzo 2010 ]
La prima volta come tragedia, la seconda come farsa, la terza come buffonata

C’erano una volta due destre. 

La berlusconiana e quella che, mascherata come centro-sinistra, tesseva le lodi della globalizzazione e del mercato; avviava la più grande ondata di privatizzazioni della storia; aggrediva il mondo del lavoro e le sue conquiste introducendo misure di flessibilità selvagge; varava riforme devastanti all’insegna della mercificazione, come quella della scuola; procedeva con politiche di sacrifici che hanno fatto sì che i salari italiani, a parità di produttività, siano diventati tra i più bassi d’Europa; partecipava alla guerra contro la Jugoslavia e a quella in Afghanistan; introduceva misure penali da Stato di polizia; e che non ha voluto mettere mano al conflitto d’interessi.


Anche per questo il centro-sinistra venne cacciato dal governo. Per questo la cosiddetta “sinistra radicale” subì un tracollo.
Ora ci risiamo. Tutti assieme appassionatamente, con l’aggiunta dei Radicali, il cui tasso di democraticità è pari solo al loro liberismo e alla loro fedeltà ad Israele.
Il tramonto del berlusconismo ha ringalluzzito questi rottami. Sentono l’odore irresistibile della rivincita, del bottino, di una manciata di voti.
Pareva, nei mesi scorsi, che l’antiberlusconismo coerente, colorandosi di viola, si stesse separando dai demagoghi di centro-sinistra. La manifestazione di oggi ha già seppellito quella tenue speranza. Il cosiddetto “popolo viola” è stato incorporato, assorbito, devitalizzato. E’ già morto, assorbito come una forza complementare dell’antiberlusconismo del grande capitale.
La prova simbolica infallibile del carattere, una volta si sarebbe detto “borghese”, di questa  penosa rappresentazione, è che nessun oratore ha tirato in ballo il presidente Napolitano e che la piazza non ha osato violare la consegna dell’omertà.
E se questo è accaduto una grande responsabilità la portano non solo i dipietristi, prevedibilmente ammansiti, ma le tre forze della sinistra radicale, che per il loro puro e semplice tirare a campare come mini-casta politica, si sono ricongiunti al loro assassino del PD. Gli interventi di Vendola e Ferrero in Piazza del Popolo sono stati disarmanti non solo per la loro demagogica mediocrità, ma per il servilismo consapevole che li animava, per il loro ritorno all’ovile del bipolarismo.
Di nuovo uniti, come se niente fosse accaduto negli ultimi vent’anni.
Non riusciamo a credere che in nome dell’antiberlusconismo tutto ritorni come prima.
In effetti nulla tornerà come prima.
La crisi economica, che va ad aggiungersi a quella sociale, politica e istituzionale, è più forte degli spettacoli e delle pantomime. Sta solo adesso iniziando a scavare la fossa di questa seconda repubblica con tutti i suoi nani e ballerine. Sarà un processo lungo, anche doloroso.
Ma tutto è destinato a cambiare, da cime a fondo.
Il distacco di ampi settori popolari dal berlusconismo, anzitutto dei lavoratori, non sarà nuovo carburante per la seconda destra. Esso andrà ad alimentare quello che abbiamo chiamato “Aventino popolare”, l’esodo dalla casta politica in tutte le sue varianti.
(Speriamo che sia) un’astensione che vi seppellirà!

image_pdfimage_print

2 pensieri su “MESTIZIA A PIAZZA DEL POPOLO”

  1. caneliberonline dice:

    sono totalmente d'accordo. Si sono ringalluzziti d'incanto.onore almeno al PCL che mantiene le distanze da questi signori.

  2. rivoluzione democratica dice:

    Non del tutto esatto.Il PCL, haimé, ha aderito alla sceneggiata elettorale di Piazza del Popolo.Dal sito del PCL di ieri:«Il Partito Comunista dei Lavoratori ha preso parte oggi alla grande manifestazione unitaria contro il governo Berlusconi, ma fuori dall’ennesima “unione” di centrosinistra.Siamo stati e siamo parte integrante della mobilitazione popolare contro il governo più reazionario che l’Italia abbia conosciuto dal 1960. Ed anzi proponiamo che la mobilitazione non si limiti a manifestazioni una tantum, ma acquisti un carattere di continuità e radicalità in tutto il Paese, con l’obiettivo esplicito della cacciata del governo e nella prospettiva di un’alternativa vera. Purtroppo lo stesso centrosinistra che con le sue politiche padronali ha riportato in sella più volte Berlusconi, vuole mantenere la pace sociale per preservare i propri rapporti con Confindustria e banche: preparando così l’ennesima alternanza di governo dei poteri forti. E’ grave che a questo disegno del PD di Bersani si subordinino ancora una volta Vendola e Ferrero. Sul piano nazionale e nelle regioni.Il Partito Comunista dei Lavoratori chiede una volta di più a tutte le sinistre di realizzare un proprio polo autonomo e anticapitalistico che si candidi a guidare un’opposizione radicale a Berlusconi e alle classi dirigenti del paese nella prospettiva di un governo dei lavoratori: l’unico governo che possa fare piazza pulita da sfruttamento, corruzione, malaffare».PARTITO COMUNISTA DEI LAVORATORI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *