Browse By

MARIO MONTI È UN PAZZO?

 607 total views,  4 views today

forse Berlusconi non ne esce affatto con le ossa rotte….

di Franco Berardi “Bifo”

Mi è molto difficile capire il generale congratularsi per la sconfitta di Berlusconi.
Se non ci fermiamo alle apparenze e ragioniamo in termini strategici, direi che Berlusconi è il vero vincitore della fase attuale.


Senza avere perduto la maggioranza in Parlamento, il padrone di Mediaset ha passato le consegne a un banchiere della Goldman Sachs di nome Monti. Il governo che si è formato a tambur battente si dà come primo obiettivo la realizzazione del programma contenuto nella lettera di intenti che Berlusconi ha presentato alla Banca centrale europea poco prima di abbandonare Palazzo Chigi.
Il nuovo Presidente del Consiglio, ancor prima di avere ottenuto la fiducia, dichiara le sue intenzioni in un articolo scritto per il Corriere della sera. In questo articolo parla di
“due importanti riforme dovute a Mariastella Gelmini e a Sergio Marchionne. Grazie alla loro determinazione, verrà un po’ ridotto l’handicap dell’Italia nel formare studenti, nel fare ricerca, nel fabbricare automobili”.

Le due azioni socialmente più violente e devastanti dell’era Berlusconi sono così assunte come linea direttrice del nuovo governo. I fari che illuminano la strada del nuovo governo sono dunque i tagli all’educazione e la cancellazione dei diritti di contrattazione, la riduzione dei salari e la totale sottomissione dei lavoratori industriali al padrone globalizzato.
Perché dovrei dunque pensare che Berlusconi è stato sconfitto?
Il rancore lungamente frustrato porta talvolta a soffrire di allucinazioni. Pur di liberarci dalla frustrazione talvolta ci convinciamo che il nostro desiderio si è realizzato, e qualcuno si taglia i capelli pubblicamente per ringraziare il signore iddio (impersonato da Napolitano) per averci liberato di Berlusconi.
Molti cittadini onesti si sono sentiti sollevati per il fatto che lo stile è mutato. Il nuovo governo è composto di persone competenti, severe nel portamento e vestiti come dio comanda. Mica quella banda di cialtroni dal turpiloquio facile che insozzavano il decoro e l’onore nazionale.
Un Ministro del nuovo governo, il cattolico Mario Riccardi, ha sintetizzato il nuovo stile dicendo che “dopo il Carnevale viene finalmente la Quaresima”. Contento lui.
Forse non gli è venuto in mente che in generale gli esseri umani preferiscono il Carnevale alla Quaresima. Non senza buone ragioni. Perciò è facile prevedere che durante la prossima Quaresima, fatta di tagli e privatizzazione dei servizi, disoccupazione impoverimento e assistenza spirituale vaticana, molti rimpiangeranno il Carnevale.
Tanto più che il padrone di Mediaset, il suo alleato Bossi e i nazionalisti antieuropei, liberati temporaneamente dal peso del governo, avranno il tempo, la tranquillità e i mezzi per far montare un’ondata populista di proporzioni colossali che preparerà le prossime elezioni se non tracimerà ancor prima della fine della legislatura.
E’ questa la sconfitta di Berlusconi?
Nel frattempo si insedia un governo che promette di andare di corsa. Poniamo che, dalla città di Bologna, io prenda l’auto per raggiungere degli amici che mi aspettano a Roma. Mi precipito sull’autostrada del Sole e dopo mezz’ora mi trovo a Modena. Che devo fare a questo punto? Premere il piede sull’acceleratore per raggiungere al più presto la mia meta, oppure uscire al primo svincolo e invertire la marcia dato che sono sulla strada sbagliata?
Se l’obiettivo è quello di uscire dalla crisi ridurre il debito ed evitare la recessione, è chiaro che le misure indicate dal governo Monti vanno nella direzione sbagliata. Vanno nella direzione che la Banca centrale europea ha imposto alla Grecia nell’aprile del 2010 coi risultati che sappiamo. In un anno e mezzo la Grecia ha registrato un crollo del 7% del prodotto nazionale, e si ritrova una massa di disoccupati e di poveri, e un debito inevitabilmente in salita.
D’altra parte coloro che governano l’economia e adesso si impadroniscono anche delle leve politiche nazionali sono banchieri e consulenti delle grandi agenzie finanziarie. Cioè sono quelli che hanno provocato la situazione catastrofica in cui si trova l’Unione europea. La classe finanziaria europea ha perseguito una politica monetarista e ha rastrellato risorse sociali per operazioni speculative che hanno arricchito enormemente l’1% e impoverito la larga maggioranza della popolazione. Costoro non hanno affatto cambiato metodo di lavoro, anzi ribadiscono la loro filosofia di tagli, privatizzazioni e spostamento delle risorse pubbliche verso il sistema bancario.
Einstein disse una volta che pazzi sono coloro che ripetono sempre la stessa azione, anche di fronte ad evidenti fallimenti e catastrofi. Nonostante la sua cultura economica (anzi proprio per quella) Mario Monti è pazzo. Siamo nelle mani di un pazzo dogmatico incapace di ammettere che la terra gira intorno al sole e non viceversa, perché sui suoi libri c’era scritto che il nemico principale è l’inflazione, che la riduzione dei salari aiuta la crescita, e che la crescita infinita è l’alfa e l’omega.
Ma in realtà Mario Monti non è affatto pazzo. Serve gli interessi della sua azienda, che è la Goldman Sachs, e della classe finanziaria europea. Pazzi siamo noi che crediamo che con lui le cose andranno meglio.
Tanto più che dietro l’angolo c’è il mammasantissima con il suo esercito di Minzolini e Scilipoti, pronto a vincere le prossime elezioni come difensore del popolo tartassato dalla demoplutocrazia tecnocratica.
image_pdfimage_print

5 pensieri su “MARIO MONTI È UN PAZZO?”

  1. la congiura degli eguali dice:

    bifo hai scoperto l'acqua calda, prevedendo la probabile rivincita della macchietta di arcore; avrei preferito che ti cimentassi nello scrivere qualcosa veramente di sinistra, nel senso di proporre una linea politica e sociale per il riscatto delle classi sociali subalterne; saluti comunisti.

  2. Doctor Faustus dice:

    Il fatto è che si sta sempre qui ad aggirarci tra le macerie delle conquiste del mondo del lavoro; a puntare il dito su i barbari vincitori che, presto, caleranno impietosamente le loro asce affilate sui nostri teneri colli.Siamo alla surdeterminazione delle cause del crollo del proletariato, divorato dalla belva neoliberista: urla disperate a riempire l'attesa della fine.Ogni speranza è perduta?

  3. Anonimo dice:

    Non ho ancora letto l' articolo, ma mi ha colpito la stupenda illustrazione.Vi aggiubgere:"Anche a lotti. Prezzi stracciati"

  4. Anonimo dice:

    Più che pazzo Monti sembra un disperato che sta cercando disperatamente di salvare i suoi datori di lavoro in preda alla più nera disperazione. Con lo spread a 720, le borse che declinano inesorabilmente e i provvedimenti insensati che andranno in vigore dal primo dicembre è chiaro che il default dell'Italia è una questione di settimane.Non vedo che si aspetta a buttare fuori con la forza, come stanno facendo in America, questi decrepiti rappresentanti di un potere giunto all'acme della corruzione, che sta già annusando la sua fine.Bellaciao

  5. Anonimo dice:

    Dopo aver letto per alcuni giorni alcune patetiche lettere di persone che imploravano Monti di "aiutare i giovani precari" o di "non massacrare" questa o quella classe sociale o aspetto della società italiana, ho deciso di scrivere una bella "letterina" a Metro (il giornaletto gratuito).Non so se me la pubblicheranno, ma ho colto l'occasione per suggerire a tanti poveri illusiche, evidentemente, vivono la realtà in uno stato di abbruttimento mentale quasi da zombi, di fare le seguenti ricerche su Google:"Monti Grecia Youtube""Monti Meno Illusioni""Monti Wikipedia"…e ho finito con una bella citazione di José Martí che mi dolgo unicamente di non aver trovato in italiano e aver dovuto tradurre da me, probabilmente in modo indegno…"I diritti devono essere presi, non chiesti; si devono conquistare, non si mendicare."Probabilmente non la pubblicheranno o la editteranno in modo indegno, ma mi piacerebbe se qualche "zombizzato" si scuotesse facendo questi semplici controlli su Internet…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.