Browse By

SPAGNA: PODEMOS PRIMO PARTITO?

 727 total views,  2 views today

4 novembre. 
In Spagna, nelle recenti elezioni europee, la vera sorpresa è stata l’affermazione di PODEMOS —7,96% dei voti e 5 seggi a Strasburgo. [nella foto il leader Pablo Iglesias] 
 PODEMOS, in alcuni sondaggi, risulta essere già il primo partito spagnolo. Vedi la tabella più sotto. Un exploit del tutto simile a quello ottenuto dal Movimento 5 Stelle nelle elezioni del febbraio 2013.
Ci sono in effetti similitudini tra i due movimenti, come forti differenze. La prima tra queste è che PODEMOS ha dato rappresentanza politica ad un reale movimento sociale di massa come gli indignados (Movimiento 15-M) ed è stato fondato il 17 gennaio 2014 da militanti di sinistra, quindi con una visione non solo antiliberista ma anticapoitalista. Tra loro ci sono compagni come l’economista Alberto Montero (che era al Forum di Assisi dell’agosto scorso).

«A otto mesi dalla sua comparsa sulla scena, il partito degli “indignados” Podemos rivoluziona la mappa politica spagnola. Se si votasse oggi, secondo un sondaggio di Metroscopia per El Pais, il partito di Pablo Iglesias vincerebbe le elezioni con il 27% dei suffragi, 7 punti avanti al Partido Popular, crollato dal 44,6% delle politiche 2011 al 20,7%. Dietro Podemos anche i socialisti, che tuttavia con il nuovo leader Pedro Sanchez riescono a frenare l’emorragia, attestandosi come secondo partito al 26,2%.E Pais fa notare come mai prima d’ora, in Spagna, una formazione politica così recente sia riuscita a raggiungere percentuali di consenso così alte. Dopo il risultato ottenuto a maggio – scrive il quotidiano spagnolo – ora il movimento “consolida il suo distacco” a sette mesi dalle elezioni regionali e comunali e ad un anno dalle elezioni generali». [L’Uffington Post]

«Il forte malcontento dell’elettorato è evidenziato da oltre il 20% di astensionisti e da circa il 18% che hanno intenzione di votare scheda bianca oppure per partiti diversi rispetto ai due giganti della politica spagnola. Podemos cresce anche a scapito di Izquierda Unida (IU), la Sinistra Unita, che registra un forte calo, fino al 3,8% dei voti. In attesa che le stime siano corroborate dal Barometro di ottobre del Centro statale di ricerche sociologiche (Cis), molti analisti si chiedono se l’exploit di

Podemos sia un’effervescenza temporanea, che catalizza la protesta contro la ‘casta’ politica e la corruzione – come indicano il 42% dei suoi potenziali elettori – o se si tradurrà in una solida alternativa politica. 


Al suo esordio alle scorse elezioni europee, il partito – che culminerà la fase costituente con l’elezione di Pablo Iglesias a segretario generale – ha ottenuto 1,2 milioni di voti e 5 seggi. E ha confermato il modello organizzativo assembleare, con la decisione di non presentarsi alle elezioni municipali del maggio prossimo con una propria sigla, ma solo a quelle regionali del 2014 e generali del 2015. Allo stesso tempo appare evidente che il sistema bipartitico, con l’alternanza al governo del Pp e del Psoe dalla transizione democratica a oggi, è destinato ad essere superato da governi di coalizione. Da parte loro, i fondatori di Podemos, tutti docenti di Scienze Politiche o esperti in Scienze Sociali, si mostrano cauti rispetto al sondaggio di Metroscopia. Ma non negano che conferma una tendenza dovuta a “un tempo politico di scomposizione” del tradizionale consenso elettorale. L’obiettivo che si prefiggono è vincere le elezioni del 2015, occupando “il centro dello scacchiere” politico. E che non siano sulla strada sbagliata è confermato dallo stesso rilevamento de El Pais, secondo il quale l’8% degli elettori del Pp
I risultati delle europee in Spagna

 sarebbe disposto a votare Podemos, percentuale che sale al 31% nel caso degli elettori socialisti».

image_pdfimage_print

5 pensieri su “SPAGNA: PODEMOS PRIMO PARTITO?”

  1. Anonimo dice:

    Front National, Alba Dorata, Lega Nord da una parte, Syriza, Podemos, così come l'imponente corteo Cgil del 25 ottobre, dimostrano che anche a livello di massa destra e sinistra, fascismo e antifascismo, sono tutt'altro che categorie superate…

  2. Anonimo dice:

    Podemos primo partito in Spagna,forze antieuro presenti ed in ascesa in tutti i paesi dell'eurozona,in Italia invece resta saldamente al comando il partito più collaborazionista e reazionario.Proprio un bel paese il nostro.Che affondi,se lo merita.In presenza di una miseria generalizzata,voglio vedere se hanno ancora la spudoratezza di votare il fiorentino "rinnovatore".

  3. Anonimo dice:

    Andando a spulciare le posizioni di podemos su ue e moneta unica viene fuori che sono molto più vicini a syriza che a noi, almeno sulla carta sono tsiprioti convinti.Rimane la speranza che la provenienza dagli indignados li porti su posizioni più concrete, ma la sensazione che finisca tutto in un bluff è forte.Non c'è da stupirsi se hanno fatto un botto del genere, il regimeha ha isogno di alternative farlocche al suo interno.Pigghi

  4. Anonimo dice:

    NO non è un partito radicale, come dici. La gente deve fare politica i nostri cittadini devono decidere quello che vogliono e non restare in mano dei banchi

  5. Anonimo dice:

    da luglio 1960,ilpotere, CAPITALISTCO SI è rinforsatoCON L AVVALLO DEI SINDACATI COMMISIONE INTERNE, NELLE FABBRICHE NON PER LOTTARE CONTRO IL CAPITALISMO MA PER CONTROLARE QUEGLI OPERAI, CHE RAGIONAVANO CON LA PROPRIA TESTA IN QUEGLI ANNI NASCEVANO MOVIMENTI COMITATI,CONQUISTE COLLETTIVE DI LIBERTA, NON PER RIFORMARE LO SFRUTTAMENTO….NON PER MORIRE NELLE FABBRICHE,NO ALLA SCUOLA DEI PADRONI,L ANTIFASCISMO NON ERA SCISSO DALL ANTICAPITALISMO OGGI SI DIRAè DIVERSO…..CERTO CHE è DIVERSO.. I DEMOCRISTIANI SONO AL POTERE….MA SCUSATE 40ANNI FA CHI CERA AL POTERE?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *