Browse By

PROCESSARE SALVINI? di Francesco Neri

 589 total views,  2 views today

[ 18 febbraio 2019 ]

Difendere Salvini mi interessa nulla.
Anche meno.

Ma 
vi rendete conto che incriminare un ministro dell’Interno, capo di tutte le polizie, anche quelle di frontiera, perché ha bloccato lo sbarco illegale di clandestini, vuol dire esattamente : 
“Politica, tu non conti più assolutamente nulla” ?

La Politica, è resa già assolutamente impotente nelle decisioni strategiche dal fatto che ora non ha più un portafoglio, e qualunque spesa deve essere approvata dall’Europa.
Rimanevano appannaggio della Politica le scelte che non prevedevano esborsi. Pratiche modali e piccoli attuativi.

Ora neanche quelli.

La Magistratura, che già a suo tempo non risolse mai né le grandi stragi di stato, né le bombe della Strategia della tensione, né arrestò mai gli attori dei vari tentati golpe, ci mise due anni a spazzar via la prima Repubblica, troppo antifascista secondo J.P.Morgan, e troppo nazionalista secondo Inghilterra ,Francia e Germania.
Ora, silente davanti ai crimini di Ciampi, Andreatta, Monti, Napolitano e Mattarella, che irridono nei fatti la Costituzione su cui pur hanno giurato, si erge inviperita a denunciare un ministro dell’interno.
– Per furto, peculato, scambio di voti, pedofilia, corruzione ?
No.
Perché nel pieno delle sue funzioni ha difeso i confini dell’Italia.
Come è suo mandato.
Militarmente parlando, è la sua consegna.

Va punito. Secondo loro.

Siete pazzi anche solo a prendere in considerazione un’ipotesi del genere.

In questa mia considerazione non c’è nessun calcolo politico sul Governo che cade o non cade. Nessuna strategia né opportunità.
La politica siamo noi.
L’Italia siamo noi.

Il crimine di Salvini è un altro, gravissimo.
Spaccare l’Italia.
Crimine per il quale meriterebbe il Gran Sasso.

Ma quella è un’altra storia.

* Fonte: Facebook

Sostieni SOLLEVAZIONE e P101

image_pdfimage_print

3 pensieri su “PROCESSARE SALVINI? di Francesco Neri”

  1. Anonimo dice:

    Anche il pessimo De Magistris non ci scherza: "Entro quest'anno faremo un referendum per la totale autonomia della Città di Napoli". Ed aggiunge: "Altro che zavorra del Paese, dimostreremo con orgoglio e passione – [..] che siamo e saremo [..] il motore per un'Italia più coesa".Dimostreremo? Dimostreremo? Assolutamente no. Il sud non deve dimostrare proprio un bel nulla. Mettersi nella posizione di chi "deve dimostrare" significa accettare la prospettiva moralistica e colpevolizzante tipica del liberismo, cosa che invece dobbiamo respingere.Ma ormai è chiaro che questi marciano divisi ma colpiscono uniti ed agiscono sempre più scopertamente.Le parti antisovraniste sono distribuite in maniera trasversale in tutti i partiti, quanto ancora potranno convivere insieme? Ben venga una spaccatura, almeno si capisce chi sta con chi.Giovanni

  2. Anonimo dice:

    Infatti . Personalmente mai votato Lega e mai la votero' ma e' incredibile come certi magistrati fanno le loro inchieste in base alle loro idee , e' francamente inaccettabile . E anche i cinque stelle la smettano di andare dietro a Travaglio il quale pensa che la magistratura ha sempre ragione ed e' onnipotente .Salvini non mi piace ma obiettivamente ha fatto quello che il popolo votante gli ha chiesto di fare , e non mi pare che i migranti della Diciotti abbiano subito chissa' quali torture o ….Mi tocca dare ragione mio malgrado a Sgarbi quando dice che certi magistrati fanno politica , ma stranamente cio' accade sempre contro forze di governo non allineate al vecchio potere costituito .Ecco perche' bisogna difendere queste nuove forze non la lega o i cinque stelle ; ma quello che rappresentano , ovvero quelli che a chi va a votare danno risposte non ai vecchi poteri ivi compresa anche la chiesa , purtroppo .

  3. Anonimo dice:

    Presa di posizione 5 stelle a dir poco ridicola in questa non assunzione di responsabilita' .Se e' la loro risposta all' avanzata della Lega forse sono davvero dei dilettanti allo sbaraglio , e il Paese non se lo puo' permettere .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.