Browse By

VERSO IL “GOVERNO URSULA”? di Leonardo Mazzei

 321 total views,  4 views today

[ lunedì 12 agosto 2019 ]

Non so se nel misero pollaio della politica italiana Renzi sia il più intelligente, ma di sicuro è il più svelto di tutti. Preso atto della mossa agostana di Salvini, la sua contromossa è arrivata fulminea già nelle ventiquattrore successive. Una risposta che, smentendo senza indugi tutti i precedenti veti anti-M5S, ha discrete possibilità di successo.
La fine del governo giallo-verde segna un’indubbia vittoria dell’oligarchia eurista. Vero (e lo avevamo ampiamente segnalato) che questa fine politica si era già consumata a luglio, ma il modo in cui la Lega ha alla fine staccato la spina peggiore non poteva essere. Una rottura motivata male assai (il partito del sì contro quello del no, ed altre simili amenità), con un attacco tutto rivolto ai Cinque Stelle anziché alla Quinta Colonna mattarelliana, vera responsabile della svolta eurista del governo. Ma soprattutto una rottura sbagliata nei tempi, se davvero Salvini vuole le elezioni.


Quest’ultimo punto è decisivo. Una richiesta di elezioni dopo le europee sarebbe apparsa sensata. I tempi ci sarebbero stati tutti e Mattarella non avrebbe avuto troppi pretesti per mettersi di mezzo. Adesso è tutto il contrario. Chi scrive sa bene che rimandare la Legge di Bilancio di due mesi non sarebbe un dramma, ma perché dare questo argomento agli avversari ed all’intera canea mediatica?

Prima gli italiani o prima i clan leghisti del nord?

Conte non si è ancora dimesso, le sue comunicazioni al parlamento devono ancora essere calendarizzate, Mattarella non ha ancora preso in mano l’iter delle consultazioni, ma già quelle elezione date troppo frettolosamente per certe appaiono ora ben più lontane di tre giorni fa. Tutto ciò avviene per un motivo semplicissimo: tre dei quattro principali partiti non hanno alcun interesse ad andare a votare. Detto in altre parole, Salvini aveva una maggioranza ed ha deciso di mettersi in minoranza. Certo, lo ha fatto chiedendo che la parola torni agli elettori. Il che dal punto di vista democratico va certamente bene. Ma egli non può far finta di non sapere che, ove davvero si votasse, potrebbe forse ottenere la maggioranza dei seggi (grazie al maggioritario), non certo quella dei voti, che aveva invece in alleanza con M5S nel governo gialloverde. Piano dunque a parlare in nome degli italiani…


Ecco, aver buttato a mare quella maggioranza, confermata alle europee sia pure a parti invertite, è la responsabilità più grave che si è assunta Salvini. In quella maggioranza c’era infatti la spinta popolare al cambiamento. Una spinta confusa e contraddittoria quanto si vuole, ma pur sempre una spinta vera.
Ma, la domanda sorge davvero spontanea, qual è il cambiamento che vuole la Lega? E’ quello che passa attraverso la liberazione dal cappio eurista o è il ritorno riverniciato solo un po’ alle origini liberiste, mercatiste e soprattutto padane dell’era Bossi?
Ora, se davvero il “prima gli italiani” di Salvini voleva significare in primo luogo la liberazione dall’euro-Germania, egli avrebbe dovuto agire ben diversamente da quel che ha fatto. In primo luogo avrebbe dovuto mettere costantemente al centro i temi economici, non la sicurezza e i migranti. In secondo luogo avrebbe dovuto togliere di mezzo la pretesa del “regionalismo differenziato”, altro non fosse perché una battaglia contro Bruxelles esige la massima unità del Paese. In terzo luogo, avrebbe dovuto curare i rapporti con i Cinque Stelle, evitare di attaccarli ogni giorno, mantenere la compattezza dell’alleanza sulla base della lotta al nemico principale che sta a Bruxelles.
E’ avvenuto invece l’esatto contrario. Ora, è vero che M5S si è assunto la responsabilità del voto alla Von der Leyen. Un atto gravissimo. «Con noi avete chiuso», così P101 intitolava il suo comunicato del 18 luglio rivolgendosi ai pentastellati. Detto questo bisogna però chiedersi cos’è che in sei mesi ha fatto passare M5S dall’incontro con i gilet gialli (gennaio) all’alleanza con Macron (luglio). Certo, vi sarà più di un motivo in quanto avvenuto, ma come non vedere come sia stata proprio l’offensiva salviniana (l’idea di un’autosufficienza che talvolta sconfina nel delirio) a spingere Di Maio e gli altri verso il blocco eurista e lo stesso Pd?

Elezioni o nuovo governo?

Quanto detto sulla Lega non assolve neanche un po’ i Cinque Stelle. Dopo tanti discorsi contro la casta, i pentastellati appaiono di fatto i più incollati alla poltrona. Le troppe figurette rimediate — ultima la pagliacciata sul Tav — non hanno bisogno di alcun commento. Ma è la svolta eurista il vero snodo decisivo di un’involuzione normalizzatrice di cui non si vede la fine. Adesso è arrivato pure Grillo a benedire l’alleanza de facto con Renzi, e tutto ciò basta e avanza.

Andremo dunque ad elezioni od avremo invece un nuovo governo? Pur non avendo la sfera di cristallo, la seconda possibilità appare di gran lunga come la più probabile. Ma se M5S è pronto a nuove nozze, cosa farà il Pd?
Ecco che torniamo così al punto da cui siamo partiti. In teoria il Pd ha un segretario, peccato che sia del tutto evanescente. Un segretario tafazziano, che chiede elezioni pur sapendo che si risolverebbero in una discreta legnata per la ditta.  Al contrario, nel momento decisivo, è invece riapparso l’ex segretario, il quale un piano sembra averlo. Un piano che va incontro alle esigenze di M5S, oltre che agli interessi della propria nutrita pattuglia di parlamentari.
In cosa consista questo piano è presto detto: 

1) Evitare le elezioni facendo nascere un nuovo governo, da denominare in qualche modo (istituzionale, transitorio, del presidente, eccetera) per nascondere la nuova alleanza  politica. 2) Affidargli il compito di fare la Legge di Bilancio, bloccando l’aumento dell’IVA. 3) Far passare il taglio dei parlamentari voluto dai Cinque Stelle.

Messa così la cosa potrebbe andar bene anche a Salvini, il cui piano b sarebbe quello di denunciare  l’inciucio ed i nuovi attesi sacrifici, lanciandosi in una campagna elettorale permanente in attesa delle elezioni nella prossima primavera. 
Non credo però che andrà così. Intanto, la fine dell’anomalia giallo-verde potrebbe spingere Bruxelles alla concessione di più ampi spazi (per quanto sempre temporanei) di flessibilità, proprio come fece per facilitare l’ascesa di Renzi. In secondo luogo, il taglio dei parlamentari condurrebbe alla possibile richiesta di un referendum costituzionale, o —  nel caso nessuno lo richieda — alla necessità di ridisegnare i collegi elettorali, con la conseguenza di rendere assai difficile il voto anticipato nella primavera 2020. 
Ma c’è di più. Superato lo scoglio della Legge di Bilancio, si può esser certi che la nuova maggioranza non avrebbe fretta alcuna di arrivare al voto. Non solo. Poiché il taglio dei parlamentari determinerebbe sbarramenti impliciti altissimi per l’attribuzione dei seggi senatoriali nelle regioni più piccole, ecco che vi sarebbe il motivo per rivedere la legge elettorale. Si vorrà a quel punto tagliare le unghie a Salvini? Semplice, basterà abolire i collegi uninominali del Rosatellum. La qualcosa, da un punto di vista democratico, male non sarebbe di certo. Peccato solo che si continuerebbe così la solita prassi dei cambiamenti della legge elettorale in base ai prevalenti interessi del momento.
Tirando le somme di quanto abbiamo scritto, si sarà capito che un nuovo governo è più probabile delle elezioni in autunno. Sempre ricordando, però, che probabile non vuol dire certo.

Un no chiaro al “Governo Ursula”

Se davvero andrà così, le idee dovranno essere chiare.
La sera del 12 novembre 2011, mentre mezza Italia festeggiava la cacciata del Buffone d’Arcore, da lì a breve sostituito dal Killer dei mercati Mario Monti, scrivevamo un breve articolo dal titolo assai eloquente: «Quanto è stupido l’“antiberlusconismo”». Spero non ci sarà bisogno, stavolta, di scriverne uno analogo sulla stupidità di certo “antisalvinismo”.
Detto in altre parole, se di Salvini è legittimo pensare tutto il male possibile, sulla nuova operazione del blocco eurista che si profila all’orizzonte non si dovrà certo essere teneri. Al contrario, si dovrà essere rigorosi ed inflessibili. 
Se quel governo nascerà, esso potrà farlo solo in nome dell’Europa, cioè dell’UE, dell’euro e delle sue regole strangola-popoli. La cosa è così evidente che qualcuno già lo chiama “governo Ursula”, dal nome dell’aristocratica tedesca Ursula Von der Leyen messa dalla Merkel (e votata da Pd, M5S e Forza Italia) a capo della Commissione europea. 
Un marchio di fabbrica più che sufficiente a far capire la portata della vittoria dell’oligarchia eurista da un lato, l’urgenza di una rinnovata opposizione che sappia guardare alla necessità di liberare l’Italia dall’altro.
Sostieni SOLLEVAZIONE e Programma 101

image_pdfimage_print

9 pensieri su “VERSO IL “GOVERNO URSULA”? di Leonardo Mazzei”

  1. Anonimo dice:

    Sì, ma la UE si trova ad affrontare il nodo esiziale della brexit dal quale sembra (sottolineo sembra) stavolta non potrà sfuggire. E senza UK dentro non ci sta più neppure l'UE almeno per come la conosciamo (leggo che UK sta ritirando le sue truppe dalla Germania in sintonia con analoghe misure USA, vedremo cosa produrranno). Inoltre Salvini avrà avuto la benedizione di Bannon per questa sua mossa. Insieme alla benedizione ci saranno stati per lui anche altri suggerimenti e/o promesse di aiuti? Ed in cambio di cosa?

  2. Anonimo dice:

    Se si accetta questa ricostruzione, poiché Salvini non è a mio parere particolarmente intelligente ma non è sprovveduto e l’ambito politico lo conosce, non resta che pensare che sia stato obbligato a farlo in qualche modo.1) perché ricattato per via giudiziaria?2) perché il partito stava andando in pezzi? (Ha fatto la scelta di rendere la Lega un collettore di tutte le forme possibili e immaginabili di destra: ma questa scelta si paga con una possibile scarsa coesione interna, perché non è vero che basta essere popolo italiano per appianare le divergenze di interessi contrastanti. Mi possono pure postare il labiale con trascrizione giurata della mamma, la sortita di Giorgetti sui minibot e Borghi che twitta “Si’! le Olimpiadi in Italia!!!” L’avranno pure medicata in qualche modo, pero’… Possiibile anche che la sua ossessione insopportabile su africani e sicurezza sia dovuta a questo: se parlasse apertamente di economia non tutto il partito lo seguirebbe con convinzione. Buttandola in caciara sui migranti e lasciando che i poveracci si scannino su questo appassionante soggetto non si crea problemi in casa, dove sanno benissimo che cio’ che conta davvero è dove andranno stanziati i soldi e come: sanità? Manutenzione? Pubblico impiego? Case popolari? Asfalto? Grandi eventi come Expo, Olimpiadi come quelle di Torino? Nazionalizzazioni o privatizzazioni? Tagliare le tasse o aumentare i salari indiretti? e non dove si lava un povero cristo per strada.) 3) perché si stava consolidando già un futuro gruppo ex 5*-exPD-Quirinale?Insomma sarà pure brutale e assetato di potere – lo si vede cosi’ in parte perché lo si guarda attraverso la caricatura della stampa europeista, anche se il tipo fa di tutto per metterci del suo – ma non direi (ancora?) al punto di buttare all’aria dissennatamente una situazione che gli permettesse di consolidare la sua posizione. È ovvio che non potrà mai avere il 51% reale e proporzionale. Se possa avere i seggi non so, non conosco abbastanza la legge.Non so, a me questa scenografica uscita ha fatto l’effetto di un giocatore che tenta il tutto per tutto sollevando un gran polverone e sparigliando le carte nella speranza di spostare l’equilibrio di forze che lo imprigionano creando una situazione più favorevole. Un gesto audacissimo, ma quasi disperato.

  3. Anonimo dice:

    "In primo luogo avrebbe dovuto mettere costantemente al centro i temi economici, non la sicurezza e i migranti. In secondo luogo avrebbe dovuto togliere di mezzo la pretesa del “regionalismo differenziato”, altro non fosse perché una battaglia contro Bruxelles esige la massima unità del Paese. In terzo luogo, avrebbe dovuto curare i rapporti con i Cinque Stelle, evitare di attaccarli ogni giorno, mantenere la compattezza dell’alleanza sulla base della lotta al nemico principale che sta a Bruxelles."Non dico che Mazzei sbagli, credo però che dovrebbe essere più cauto nelle conclusioni. Non sappiamo cosa è passato dietro le quinte del governo del cambiamento. I migranti hanno garantito a Salvini un consenso enormemente maggiore dei temi economici, che avrebbero forse fatto esplodere le contraddizioni interne al governo fin dalle prime settimane. Il regionalismo differenziato è necessario per appagare le (legittime) richieste dell'anima tradizionale nordista, e un capo politico non può ignorare un pezzo fondamentale del suo partito come niente fosse. Infine è stato Di Maio a impostare tutta la campagna elettorale per le europee sulla polemica gratuita nei confronti della Lega.Non è più il tempo delle grandi contrapposizioni ideologiche. Un'umanità consumistizzata, mediatizzata e senescente va gestita con approcci diversificati. In più spero bene che Salvini sia perfettamente consapevole delle obiezioni avanzate da Mazzei, e se ha deciso di procedere avrà i suoi motivi. Vediamo come buttano le cose.

  4. Anonimo dice:

    E dal canto suo Salvini attacca il reddito di cittadinanza con le solite orribili (e sbagliate) argomentazioni liberiste, dal lato opposto le controparti si appiattiranno invece a difesa della misura.In fondo è proprio questo ciò che tutti gli sciacalli vogliono, banalizzare un problema serio per meri scopi propagandistici. Cosa dobbiamo dedurne?Che la contrapposizione antitetico-polare redditismo-antiredditismo è una malefica trappola dalla quale non riusciamo ad uscire anche se sarebbe urgentemente necessario. Ora si sta innestando su quella salvinismo-antisalvinismo che è una copia di berlusconismo-antiberlusconismo (e forse con Berlusconi ci torna pure insieme).Giovanni

  5. Anonimo dice:

    (Ho scritto il secondo commento pubblicato e ora questo) Se il consenso alla Lega per i temi economici appare minore è anche perché se ne è parlato molto meno, e va detto senza mezze misure: troppo poco. Persino a Pescara la sera dell’annuncio di una crisi che sarebbe nata sulla bilancio Salvini fa solo un rapido accenno alle tasse e poi via di si’tav. Dopo tanto tempo dà ancora la sensazione di non essere capace di fare un discorso su questi temi in termini corretti. Invece sono anni che Salvini sbatte sui social qualche poveraccio tre volte al giorno indicandolo al pubblico ludibrio, come se le aziende fallissero e gli ospedali chiudessero per colpa di costoro. Ma quando offri goduriosamente sempre un solo colpevole al pubblico disagio crei tu stesso le condizioni del consenso al tema su cui hai battuto per anni. Resta da dimostrare che una informazione altrettanto pervadente, ma seria e continua su euro, deficit e tasse non creerebbe altrettanto consenso se non di più, perché in fondo il portafogli in tasca ce lo abbiamo 24 ore e l’appendice in pancia pure, il migrante no, a parte qualche ossesso patologico. Se non la si fa è per scelta e la ragione va, temo, cercata nella coesione interna del partito. Salvini personalmente puo’ pendere più da un lato che dall’altro, ma quello che gli interessa tutelare è il suo posto di segretario e quindi l’accordo con chiunque possegga in Italia capitali e rappresentanti nella sua organizzazione.Con la lungimiranza che la contraddistingue Confindustria ha sempre difeso l’euro e invocato la distruzione del servizio pubblico, bramando cemento e asfalto.Bagnai ha sempre detto che Giorgetti era molto più potente di lui.Borghi ha sempre sognato di fare il governo con FI, prima e dopo le elezioni.Entrambi hanno sempre negato che il governo e la Lega non fossero monolitici, sposando una mentalità un po’ puerile da gioco di squadra quanto profondamente paternalistica, per cui il tanto amato “popolo” doveva solo mettere la scheda nell’urna e fidarsi tacendo. Questo ha anche causato incomprensione della situazione da parte di tanta gente in buona fede, alla lunga indebolendoli. (Segue)

  6. Anonimo dice:

    (Seguito e fine)Quanto a Conte ha sempre e solo voluto cedere alla UE, purtroppo. La sostanza è quella, da dicembre a luglio s’è visto più volte (percentuali deficit, blocco assunzioni della PA per finanziare quota 100, procedura infrazione, voto PE, questa è la vera sostanza di un governo, non le intemperanze verbali), e ancora più si sarebbe visto con la legge di bilancio.Di Maio ha avuto un progetto e un profilo di azione politica molto più sconnessi, tra sussidi e sussulti moralistico-reazionari (taglio dei parlamentari, rifiuto di modificare il JA), in cui si è infilata qualche contraddizione a mio avviso benedetta come la resistenza alla TAV o l’idea presto azzittita di rinazionalizzare Autostrade. Ma fondamentalmente anche loro non hanno mai voluto davvero mettere in discussione la UE. Quando la mancanza di un programma coerente ha morso i 5* nei risultati elettorali al PE, ha capito che per salvaguardarsi avrebbe dovuto distinguersi in qualche modo dall’alleato.Avesse avuto lungimiranza, coraggio, acume e visione politica, si sarebbe alleato con la parte no-Ue della Lega, facendo pressione in questo senso sul resto del partito e apparendo volto al futuro. Ma essendo un modesto cittadino onesto e benpensante, sostanzialmente acquiescente ai poteri forti purché conditi con opportuno moralismo, ha solo concepito l’idea di attaccarsi al carro istituzionale, per cosi’ dire, presidenziale, chiedendo la benedizione del padre nobile come un figlio incapace di reggersi da sé. Ha scelto di candidarsi cosi’ all’assoluta insignificanza e probabilmente a un rapido ricambio come tanti capetti prima di lui, portati e riportati via dalle acque in piena della crisi più lunga nella storia d’Italia. Non ha (voluto) un’ a/simmetrie vicino e si vede tutto. Peccato, il sistema di contrappesi che avrebbero potuto creare insieme i due partiti sarebbe stato forse la cosa più interessante dell’ultimo quarantennio. Bisognava che ci fossero precise garanzie perché non accadesse. E ha funzionato. L’insipienza, se non la colpa, temo proprio stia più nella mancanza di audacia e immaginazione politica dei nuovi capi 5*.Tutto qui.

  7. Anonimo dice:

    E i divi di Hollywood in campo per i migranti, dopo Gere anche Banderas.Tutto questo subito dopo le amene vacanze di Obama con Clooney su quel ramo del lago di Como che volge a mezzanotte verso il buio pesto delle loro macchinazioni.

  8. Anonimo dice:

    Coalizione Orsolahttps://www.huffingtonpost.it/entry/un-accordo-dettagliatissimo-prodi-indica-come-si-puo-arrivare-a-un-governo-pdm5s_it_5d58ff0be4b0eb875f2509ca?o6&utm_hp_ref=it-homepagee ricordiamoci che i cinque stelle il Prodi lo avrebbero candidato alla presidenza della repubblica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *