Browse By

Archivi del mese: Marzo 2020

CHI DIMENTICA È PERDUTO di Thomas Fazi

Draghi ha assunto la carica di nuovo Presidente della BCE alla fine del 2011, dopo una “brillante” carriera come Vicepresidente e managing Director di Goldman Sachs (2002-2005), Governatore della Banca d’Italia (2005–2011) e Direttore generale del Tesoro italiano (1991-2001). È proprio nella veste di DG

NO AL “PROGRAMMA DRAGHI” di Moreno Pasquinelli

La cosiddetta “pandemia” COVID-19 ha gettato nel marasma la già malmessa economia mondiale. A ben vedere è proprio l’Occidente a subirne le più gravi conseguenze e, in questo perimetro, è anzitutto l’Unione europea ad essere letteralmente terremotata. E’ in questo contesto che dobbiamo leggere la

DICHIARAZIONE DEI FRATELLI GRECI

Per salvare vite umane, dobbiamo sbarazzarci dell’austerità neoliberista dell’UE, di Nuova Democrazia e di SYRIZA Proteggiamo ora il sistema sanitario e il personale medico! La pandemia di Covid-19 segnala le responsabilità criminali di coloro che hanno demolito il sistema sanitario pubblico e lo stato sociale.

ELEMOSINA DI STATO di Leonardo Mazzei

Il governo riconosce, bontà sua, che c’è un’emergenza alimentare. Ma va! Era così difficile da prevedersi? Forse sì, per chi ha entrate sicure ed un bel conto in banca. Fatto sta che si è chiuso il Paese senza pensare neanche per un attimo a chi

LE BESTIE SONO DUE di Mauro Grimolizzi*

Non siamo avvezzi a riportare dichiarazioni di politici, in quanto dovrebbero parlare con i fatti, ma qui non possiamo non soffermarci. Questo personaggio abituato ad agghindarsi di felpe variopinte continua a racimolare consensi senza precedenti in modo sorprendente, e quindi ci chiediamo come il suo

IN ARRIVO IL GOVERNO DRAGHI

Il 10 luglio 2018 Paolo Savona, sostenendo la necessità che l’Italia si dotasse di un “Piano B”, metteva in guardia dall’arrivo del “Cigno nero” ovvero di uno shock che avrebbe terremotato l’Unione europea. Nella forma inattesa del Covid-19 il “Cigno nero” è arrivato. Davanti al

PAOLO MADDALENA: LA MIA PROPOSTA

La gravissima crisi economica in arrivo avrà conseguenze decisive al livello mondiale e sta già terremotando l’Unione europea. I falchi ordoliberisti si rifiutano di accettare la proposta di condividere il debito avanzata dai paesi del Sud, tra cui quello italiano. Eviterà l’Unione europea lo sconquasso?

AVVISAGLIE DI RIVOLTA…

Abbiamo già più volte detto e scritto, che arriva una crisi economica e sociale drammatica che non trova precedenti neppure nelle guerre mondiali. Corresponsabile di questa situazione è il governo, Conte in primis, per le draconiane  misure adottate di clausura dei cittadini e  di blocco

DICTATOR PER CASO di Piemme

Il 10 marzo scorso, subito dopo i primi decreti emergenziali del governo, scrivevo: «Vita associata abolita, libertà individuale sequestrata, democrazia temporaneamente soppressa. Non c’era mai stata in Italia una simile militarizzazione del territorio, una mobilitazione repressiva di tale ampiezza e contundenza, a conferma dello “Stato

image_pdfimage_print