Browse By

UN FIORE E’ SBOCCIATO di un attivista della Marcia della Liberazione

 591 total views,  2 views today

Sabato 31 luglio. Seconda giornata di mobilitazione contro il cosiddetto “green pass”. Tra le tante piazze, quella di Roma era una delle più importanti. Volentieri pubblichiamo questo breve racconto di come è andata.

Roma, Piazza del Popolo, pomeriggio del 31 luglio.

Il caldo è infernale, il timore è che il clima possa pregiudicare una massiccia partecipazione alla manifestazione contro il “green pass”.

All’ora dell’appuntamento, le 17:30, con il sole ancora cocente, ci saranno state sì e no un migliaio di persone. Si vedono gli striscioni del Fronte del Dissenso, di No Paura Day, di Ancora Italia. Spuntano qua e la bandiere del 3V e di SiAMO.

Ci sono momenti di tensione quando un gruppetto di Forza Nuova, capeggiati da Giuliano Castellino, si parano davanti con fare minaccioso ad alcuni organizzatori, prendono di petto anzitutto Moreno Pasquinelli. C’era un accordo, dichiarano gli organizzatori, “marciare separati colpire uniti”, non un unico blocco, ma due manifestazioni distinte nella stessa piazza. I tipi di Forza Nuova dicono invece che no, o tutti assieme o saranno guai. I promotori non demordono.

Per dividere i due campi interviene, con le buone, la polizia e il gruppo di Forza Nuova indietreggia in fondo.

Nel frattempo, come per miracolo, l’afflusso di cittadini cresce.

Quando gli organizzatori, finalmente, iniziano a parlare, il colpo d’occhio è sorprendente, quasi mezza piazza si era riempita. Quanti saremo stati? 5 mila? C’è chi dice molti di più, forse il doppio.

Cominicia la manifestazione.

Il primo ad intervenire, a nome del Fronte del Dissenso, è Moreno Pasquinelli. Un discorso palpitante, interrotto, come gli altri del resto, da applausi scroscianti. Va al microfono Luca Teodori del 3V, un discorso combattivo, politico, a tutto campo. Unica nota stonata l’appello conclusivo a votare per lui come sindaco di Roma.

Lo segue Gianmarco Capitani di Primum Non Nocere, emozionante quando, in memoria del Dottor De Donno, chiama tutta la piazza ad inginocchiarsi in segno di rispetto. Interviene poi Paolo Sensini per No Paura Day, che insiste sulla necessità di resistere uniti all’attacco all’umanità, di dare continuità alla battaglia, con la promessa che a questo punto, sulla questione del green pass, nessuna resa è ammissibile.

Tocca poi a Raffaele — un infermiere del sindacato FISI — che denuncia il corrotto e asservito Ordine delle professioni infermieristiche e conclude urlando che “l’unica soluzione è la rivoluzione!” — e Riccardo Rocchesso della web Tv Cento Giorni da Leone, la piazza lo segue nel grido “Resistenza! Resistenza!”.

L’intervento conclusivo spetta a Francesco Toscano, accolto da una vera e propria standing ovation, chiaro segnale che sono tantissimi quelli che seguono VisioneTv. L’appello di Toscano è perentorio: il movimento deve strutturarsi in modo stabile, deve darsi un indirizzo politico, deve battere le pulsioni impolitiche, qualunquiste e pseduo-spontaneiste.

La manifestazione si conclude con i promotori che salgono sulla panchina che fungeva palco e, sommersi dagli applausi della piazza, si stringono in un abbraccio promettendo che d’ora in avanti procederanno assieme.

Era proprio ciò che la piazza voleva sentirsi dire. Voglio credere a questa promessa, voglio sperare che ciò che è emerso a Piazza del Popolo, questo 31 luglio, dia i frutti che merita.

Fonte: marciadellaliberazione.it

image_pdfimage_print

Un pensiero su “UN FIORE E’ SBOCCIATO di un attivista della Marcia della Liberazione”

  1. Nicola licciardello dice:

    Credo questo movimento ora stia vigilando sulla Democrazia in Italia e dunque in Europa. Non si può e non si deve fermare. L’inquinamento mediatico è ciò che ha portato allo stato di emergenza attuale. Il suo rifiuto si salda dunque con la lotta per un mondo più vivibile, con l’ecologia. Stanno riducendo il pianeta a una pattumiera con una umanità immobilizzata e malata. Ci vuole coraggio e visione per salvare la vita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *