Browse By

COLPO DI STATO? di Moreno Pasquinelli

 1,015 total views,  2 views today

Ogni giorno che passa è evidente l’uso strategico della pandemia. Una colossale operazione politica per spianare la strada e giustificare un cambio di regime. Nel loro delirio di onnipotenza, le élite neanche hanno il pudore di nasconderlo, lo chiamano “Grande Reset”. Non si tratta solo di mutamenti della forma di dominio. Né si tratta di una ciclica ristrutturazione di un sistema grippato. Il piano è più ambizioso, è la costruzione di un nuovo e spaventoso sistema sociale.

Chi non lo ha capito, non chieda domani perdono. Coloro che fanno finta di non capirlo e che anzi aderiscono alla crociata dell’élite dominante, dovranno essere spazzati via. Un caso al limite del grottesco è quello di Stefano Fassina.

Egli giustifica il passaporto vaccinale, che istituisce un vero e proprio meccanismo di segregazione e controllo sociale, spacciandolo addirittura come un rimedio contro l’individualismo liberista e un mezzo per celebrare un ritrovato spirito comunitario e solidaristico. Certi sinistrati dichiarano guerra non solo al nascente movimento di resistenza, si stanno dando al dileggio dell’allarme lanciato da filosofi come Agamben e Cacciari.

Per un Fassina che racconta cazzate, c’è per fortuna un Angelo Panebianco il quale giustifica il passaporto sanitario con ragioni opposte, e fornisce, da liberista qual è, un giudizio più onesto del nuovo movimento d’opposizione.

«I suddetti gruppi [si riferisce ai cittadini che si stanno mobilitando contro la “dittatura sanitaria, Ndr] pensano al popolo come se fosse un’entità reale, la quale per giunta, proprio come fa ciascuno di noi, «pensa», «desidera», «vuole». Se il popolo è così inteso e si assume che esso conti assai più dei singoli individui, spetta allora a chi si è autoproclamato interprete della sua volontà agire di conseguenza. E pazienza se, per realizzare tale volontà, si passa come rulli compressori sui corpi e sulle vite delle singole persone. Se non che, il popolo come loro lo intendono non esiste, è un’astrazione. Essendo inesistente non ha bisogno di avvocati né di tribuni. Esistono invece le persone, gli individui».

“Il popolo non esiste”, afferma questo liberal-liberista tutto d’un pezzo. Egli non solo disprezza come “totalitaristica” la tradizione filosofica rivoluzionaria (da Rousseau a Marx, passando per Hegel), getta alle ortiche le radici democratiche del movimento operaio e socialista, così giustificando le enormi responsabilità del liberalismo nell’aver permesso e sostenuto le dittature fascista e nazista. E così  Panebianco coglie nel segno quando considera che la corrente ideale di gran lunga maggioritaria tra chi scende in piazza questi giorni è certo un precipitato della recente “rivolta populista”, ma si muove sul solco delle secolare tradizione politica delle classi subalterne. 

*   *   *

Per tornare all’inizio del nostro discorso, a indicare fino a che punto sia radicale il piano strategico dell’élite e quanto esse siano decise a procedere nel loro piano eversivo, cade a fagiolo un editoriale di Marcello Sorgi su LA STAMPA di oggi (29 luglio).

La profezia è inquietante. Il Sorgi, alla fine di un sofisticato discorso sugli scenari possibili in caso di caduta del governo Draghi, così conclude: 

«Ma metti anche che, in un intento suicida, gli stessi responsabili delle dimissioni [di Draghi, Ndr] insistessero per mandare a casa il banchiere, giocandosi la fiducia dell’Europa e i miliardi di aiuti di cui sopra, al Presidente della Repubblica non resterebbe che mettere su un governo elettorale, FORSE PERFINO MILITARE, com’è accaduto col generale Figliuolo per le vaccinazioni. A mali estremi, estremi rimedi. Anche se non è affatto detto che ci si arriverà».

Nella rubrica delle affermazioni di inaudita gravità, questa fa il paio con quella di Draghi che chi non si vaccina è un killer che porta e diffonde morte.

Certo, “non è affatto detto che ci si arriverà”, ma intanto siamo stati tutti avvertiti: i dominanti sono disposti a tutto pur di realizzare il loro progetto.

Ed è proprio come dice Sorgi: a mali estremi, estremi rimedi.

image_pdfimage_print

5 pensieri su “COLPO DI STATO? di Moreno Pasquinelli”

  1. Francesco dice:

    Chissa’ come reagirebbe la gran parte dei sinistrati italiani davanti a un “governo militare di emergenza”…Faccio un azzardo: esattamente come reagi’ 8 anni fa in occasione del golpe militare in Egitto? Festeggiando lo scampato “pericolo” del populismo (…nel caso egiziano il presunto”pericolo” era l’integralismo dei Fratelli Musulmani…) e classificando l’avvento del nuovo corso come un “normale avvicendamento politico” (sic!) e una vittoria della ragione sull’oscurantismo reazionario…?

    Francesco F.
    Manduria (Ta)

  2. Pingback: COLPO DI STATO? di Moreno Pasquinelli
  3. Trackback: COLPO DI STATO? di Moreno Pasquinelli
  4. GioC dice:

    Caro Moreno mi spiace contraddirti ma sei in ritardo. Il golpe c’è già stato. Niente carri armati nelle strade, solo il tradimento dei principi costituzionali di rappresentanza attraverso l’utilizzo dei meccanismi istituzionali per svuotare di fatto la democrazia. Le cosiddette Democrazie Occidentali sono ormai gusci vuoti – basti pensare alle elezioni americane – ed il voto solo la foglia di fico per esercitare il potere in apparente legalità. Avevo votato alle ultime elezioni Lega E M5S. Tal Bagnai e tal Rinaldi nonchè la Raggi a Roma. No euro, recupero della sovranità nazionale, lotta all’immigrazione selvaggia e recupero dello Stato sociale e dell’intervento pubblico in economia. E poi, una diversa politica estera di amicizia verso la Russia e di forte critica verso la NATO. Chi abbiamo oggi al Governo? Il massimo rappresentante di quei poteri che le due forze politiche uscite vincitrici dalle ultime elezioni dichiaravano ad alta voce di voler combattere, complici le più alte cariche dello Stato. La gestione di questa Pandemia è stata a dir poco da incompetenti, sempre che il tempo e la storia non ci dimostrino altro e cioè che sia stata frutto di una strategia precisa. Lo dico da “Tecnico” perchè a alle nostre star televisive i principi basilari dell’infettivologia e della immunologia gli fanno un baffo , come dicono a Roma. Hanno in mano tutti i mezzi di informazione, gran parte della Magistratura ed un Parlamento asservito. Hanno l’ enorme potere corruttivo dato da risorse finanziarie illimitate mentre, come affermato, anche il nostro esercito non è più di popolo, abolita la leva, ma fatto di professionisti. Le analisi che leggo su Sollevazione e che condivido sono le stesse che leggo su alcuni siti di destra radicale non partitica. Il mondo è capovolto; i “fascisti” ed i “marxisti” di oggi lottano per salvare quel po’ di democrazia che resta nel nostro Paesee, ma sono gruppuscoli minoritari ed accuratamente oscurati dai media e di fatto ininfluenti. Sono ormai giunto alla conclusione che non c’è scampo . Solo uno Shock esterno farà crollare il sistema ( una guerra contro Cina o Russia o una grave crsi economico finanziaria) ma a pagarne il prezzo sarà come al solito la povera gente. Resta sempre l’ideale Kantiano: continuiamo a resistere e a lottare ognuno come può anche se è lottare contro i mulini a vento.
    Un saluto fraterno

  5. Luca+Tonelli dice:

    In realtà questa può anche essere una implicita ammissione di debolezza.
    Può essere letta come timore che la campagna vaccinale non raggiunga i risultati sperati.
    E che, di fronte alla resistenza del popolo, possa essere necessario usare la forza per raggiungere l’obiettivo.
    Cosa che, evidentemente, Sorgi non ritiene i nostri politici in grado di fare. Altrimenti non servirebbero i colonnelli per reprimere.
    Io lo ho sempre detto che i nostri politici sono intimamente dei codardi.
    Andiamo a vedere se avranno le palle.
    Resistiamo.
    Laaciamo che ci debbano obbligare a ubbidire.

  6. Fiorenzo Fraioli dice:

    Quello che non va bene in questo articolo è il punto interrogativo nel titolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *