Browse By

DOVE ANDREMO CON GLI XENOBOT di Khaled Diab

 285 total views,  2 views today

Qui sia parla di XENOBOT, organismi viventi programmabili, metà robot e metà DNA di rana.
Più sotto un intervento che pone dubbi dirimenti e domande cruciali sui rischi incommensurabili e sull’esito delle attuali ricerche e manipolazioni genetico-macchiniche.
Sullo stesso tema pubblicammo BIOTECNOCRAZIA E INGEGNERIZZAZIONE DEI VIVENTI.

La genesi della vita robotica e il futuro dell’umanità

  La creazione dei primi robot “viventi” solleverà la domanda: cosa significa essere umani?

di Khaled Diab*

Sembra roba da fantascienza. Gli scienziati hanno creato quelli che sono stati descritti come i primi robot viventi in laboratorio, e lo hanno fatto provando prima diverse combinazioni usando un “algoritmo evolutivo”, quello che si può chiamare e-evoluzione.

Prima che i lettori inizino a immaginare androidi fatti di carne, dovrei sottolineare che questi “xenobot” sono larghi meno di un millimetro e la cosa più vicina agli arti sono due monconi che usano per nuotare attraverso i liquidi per settimane senza richiedere ulteriore nutrizione. Sono costituiti da cellule staminali embrionali prelevate dalla rana artigliata africana, conosciuta scientificamente come Xenopus laevis, che ha ispirato il nome dei piccoli robot.

Gli scienziati hanno utilizzato cellule cardiache che agiscono come pistoni in miniatura e cellule della pelle che tengono insieme il pacchetto. Il livello di sofisticazione implicato in questa impresa di bioingegneria suggerisce che, mentre le glorie tecnologiche del passato consistevano in grandi opere e mega-progetti, i più grandi risultati del 21 ° secolo si trovano nel microscopico, in nano-scale e scale quantiche.

Sviluppate da ricercatori della Tufts University, dell’Università del Vermont e del Wyss Institute di Harvard, queste impressionanti macchine biologiche in miniatura (o dovremmo chiamarle creature?), che possono ripararsi o guarire se stesse quando danneggiate, hanno potenzialmente molteplici usi benefici.

Questi includono la pulizia delle microplastiche che inquinano i nostri oceani e altri materiali tossici, nonché possono fungere da vettori per la consegna di farmaci all’interno del nostro corpo, per eseguire procedure chirurgiche e altre applicazioni mediche. A differenza dei robot e delle macchine convenzionali che possono inquinare l’ambiente per molto tempo dopo che le loro vite utili sono scadute, gli xenobot hanno il vantaggio di essere completamente biodegradabili, abbattendosi in modo innocuo dopo che “muoiono”.

Inoltre, tali “macchine biologiche” sono, in linea di principio, più versatili e robuste rispetto alle loro controparti inanimate. «Se i sistemi viventi potessero essere progettati continuamente e rapidamente ab initio e implementati per servire nuove funzioni, la loro innata capacità di resistere all’entropia potrebbe consentire loro di superare di gran lunga le vite utili delle nostre tecnologie più potenti ma statiche», affermano i ricercatori.

Tuttavia, malgrado non mi classifichi come xenobotofobico, trovo che le possibili ricadute dei biobot e i loro potenziali usi negativi futuri siano piuttosto inquietanti, nonostante le eccitanti possibilità che presentano.

Né i ricercatori nel loro articolo scientifico che descrivono i risultati né i media che ne hanno parlato degli xenobot sembrano aver considerato il potenziale dannoso e distruttivo di questa tecnologia. Tuttavia, questo esiste e deve essere attentamente considerato al fine di evitare le pericolose insidie che ci attendono.

Mani sbagliate potrebbero trasformare i biobot da macchine curative a bio-armi. Invece di fornire farmaci curativi al corpo, potrebbero essere usati per mutilare o uccidere. Potrebbero essere utilizzati per agire come sicari ideali, commettendo l’omicidio perfetto.

Dati i ritmi del progresso tecnologico, non può essere troppo lontano il giorno in cui saranno sviluppati biobot che potranno rilasciare tossine o virus mortali in profondità nel corpo, attaccare le vulnerabilità in un individuo con DNA su misura, simulare una malattia terminale o persino eseguire mortali microchirurgie prima di autodistruggersi e dissolversi nel flusso sanguigno, rendendo irrintracciabili questi assassini invisibili. Potrebbero anche essere progettati e utilizzati per attaccare intere popolazioni, sia come atti di guerra biologica che di bioterrorismo.

Anche ove si riuscisse a controllare il potenziale maligno intenzionale e/o l’uso improprio, esiste anche il rischio fi danno accidentale. Ad esempio, i ricercatori indicano la possibilità futura di dotare i biobot di sistemi riproduttivi per garantire che possano essere (ri) prodotti su larga scala. Tuttavia, come possiamo essere certi che si atterranno al codice della loro programmazione e produrranno solo il numero necessario di discendenti che vivranno la durata della vita richiesta?

Comprendiamo abbastanza l’evoluzione per essere certi che queste nuove forme di vita che creeremo non si libereranno dei vincoli che abbiamo progettato per loro e muteranno in modi inaspettati e potenzialmente rischiosi?

Al di là delle applicazioni pratiche e delle errate applicazioni, ci sono dimensioni etiche di vasta portata, per non parlare delle implicazioni socioeconomiche e culturali per l’umanità.

Sfocando (ulteriormente) le linee tra l’inanimato e l’animato, come definiremo la vita in futuro? Ogni cosa fatta di tessuto organico, non importa quanto semplice e sintetico, continuerà ad essere considerata come forma di vita o avremo bisogno di nuove categorie?

Che diremo del valore relativo delle macchine-viventi? Un semplice xenobot è superiore a un robot sintetico altamente sofisticato, come Asimo e altri robot specializzati, perché uno è “vivente” e l’altro presumibilmente no.

Se l’intelligenza e la sensibilità sono considerate alcuni dei tratti distintivi dell’umanità, dovremo iniziare a concedere alle macchine intelligenti gli stessi diritti, poiché “l’intelligenza artificiale” continua a raggiungere e persino a superare la sua forma umana?

Uno dei problemi tecnologici più controversi del momento sono i diritti alla privacy dei dati. Potremo raggiungere in futuro un punto in cui i dati stessi avranno bisogno e godranno si diritti? Ad esempio, se un giorno si considererà che robot e computer sono diventati veramente intelligenti e sensibili, i loro sistemi di dati richiederanno presumibilmente protezione da cancellazioni dannose, il che equivarrebbe a omicidi o modifiche involontarie, che violerebbero la loro libertà di scelta.

Poi ci sono le domande esistenziali che questo progresso tecnologico solleva. Sebbene la tecnologia abbia da tempo reso obsoleto il lavoro di milioni di professioni, essa ha generalmente agito da duplicatore e aiuto per un’umanità che controllava l’innovazione. Tuttavia, stiamo rapidamente raggiungendo lo stadio in cui le nostre creazioni tecnologiche non solo sminuiscono le nostre capacità fisiche ma anche le nostre capacità mentali e, presto, le capacità intellettuali.

Quando finalmente costruiremo o svilupperemo macchine che sono chiaramente non solo più intelligenti di noi ma che possiedono anche un chiaro senso di sé e autonomia, saremo in grado di continuare a controllarle e, se lo facessimo, sarà una forma ingiusta di sottomissione o addirittura schiavitù?

Al fine di sfuggire alla possibile inevitabilità della nostra obsolescenza e ai limiti fisici dei nostri corpi, possiamo decidere di fonderci con le nostre creazioni tecnologiche. Potremmo aggiornare o modificare i nostri corpi in tutto o in parte, nonché caricare o aggiornare i nostri sistemi operativi mentali. Chissà, alcuni potrebbero persino decidere di sfuggire ai vincoli fisici imposti dai nostri corpi mortali e vulnerabili e scaricare la loro mente e “spirito” in un post-mondo virtuale simulato, trasformandosi in puro codice metafisico.

Modifiche radicali future ai nostri stati fisici o mentali, specialmente se divergenti tra le specie, solleveranno la domanda più grande e fondamentale di tutte: cosa significa essere umani?

* Fonte: al jazeera del 7 febbraio 2020
** Traduzione a cura di SOLLEVAZIONE

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *