IN ARRIVO IL GOVERNO DRAGHI di Moreno Pasquinelli

IL LORO GOVERNO DI EMERGENZA E QUELLO CHE VOGLIAMO NOI

Parliamo di cose serie.

L’inesistente pandemia da Corona virus sta causando quella vera, quella che scuote alla base il sistema economico globalizzato:

Leggiamo su Il Sole 24 Ore di oggi:

«A conti fatti la settimana appena alle spalle è infatti per le Borse globali la peggiore dai tempi del crack Lehman del 2008, con perdite a doppia cifra per tutti i principali listini: partendo da Milano – l’epicentro del virus già fin da lunedì – dove con il -3,6% di ieri che ha mandato in fumo altri 21 miliardi di euro in capitalizzazione si sono raggiunte perdite settimanali per l’11,3%, per proseguire a Parigi (-12,1% nelle ultime 5 sedute), Francoforte (-12,8%), Madrid (-11,7%) e Londra (-11,1%). Anche Wall Street, che pure ha provato a reagire risalendo nel pomeriggio dai minimi di giornata, non è sfuggita alla regola che configura una «correzione» tecnica».

In questo quadro alcuni analisti prevedono per l’Italia un crollo del Pil del 3%. Data la sostanziale stagnazione in cui il nostro Pese si trova dalla fin degli anni ’90 del secolo scorso (il famigerato “ventennio perduto”) le conseguenze sociali saranno certamente devastanti.

I poteri forti non stanno a guardare, si organizzano e schierano le loro truppe per terrorizzare e narcotizzare i cittadini, per poter gestire senza scosse il casino economico e sociale. Tenteranno di sostituire il traballante governicchio Conte bis con un vero e proprio “governo d’emergenza”, con un “governissimo” sostenuto da centro-destra, Pd e M5s. Un governo dunque che faccia digerire al popolo lavoratore una terapia austeritaria shock, con cui tenteranno di farci digerire il famigerato M.E.S.

A capo di questo GOVERNO DELLA PAURA debbono mettere un uomo forte, uno che abbia i titoli per essere spacciato come salvatore della Patria (in realtà dei loro interessi di classe). Il nome è stato già fatto e risponde al nome di Mario Draghi. Siccome Draghi è stato candidato da Salvini, tutti gli altri stanno facendo un fuoco tattico di sbarramento. Tattico appunto, che sono tutti pronti, in caso di recessione seria, a nascondersi sotto la sottana del grande banchiere liberista.

Si capisce come, in questa luce, gli torni comodo il panico che hanno suscitato, un po’ ad arte un po’ perché essi stessi sono in bambola, per l’epidemia influenzale detta Corona virus.

Occorre invece mantenere la massima lucidità, non farsi prendere dal panico, organizzare la resistenza, costruire un fronte ampio, opporsi in ogni modo al GOVERNO DRAGHI o della paura. E’ necessario per questo tener ferma la nostra alternativa di società, per una fuoriuscita dall’euro e da neoliberismo che ci conduce nell’abisso.

Vale la pena riportare quanto scrivevamo nel 2012, durante le settimane della “crisi dello spread”, usando la quale i poteri forti imposero il governo Monti:

«Non c’è futuro per il popolo lavoratore finché il potere resterà nelle mani di una ristretta aristocrazia capitalista e globalista arroccata a difesa dei suoi interessi di classe a spese della collettività. Non basta indignarsi e protestare, occorre una sollevazione generale, di massa. Ci vuole sì un GOVERNO D’EMERGENZA ma POPOLARE, che applichi misure e riforme strutturali ineludibili:

Abbandonare l’euro per riprenderci la sovranità monetaria

L’euro ci fu presentato come una panacea per curare i mali strutturali dell’economia italiana (tra cui l’alto debito pubblico e una competitività fondata solo sui bassi salari) e risolvere gli squilibri tra gli Stati comunitari. A dieci anni di distanza non solo il debito pubblico è aumentato, ma l’economia è in stagnazione e la competitività è diminuita. Le politiche antipopolari di austerità perseguite da tutti i governi, presentate come necessarie per restare nell’Unione e difendere l’euro si sono dimostrate del tutto inutili, se non nel fare dell’Italia un paese più povero. L’euro e i principi di Maastricht hanno accresciuto gli squilibri in seno all’Unione europea, determinando uno spostamento di risorse dall’Italia verso i paesi più “virtuosi”, la Germania anzitutto, che non hai mai messo i suoi propri interessi nazionali dietro a quelli comunitari.
La ricchezza di un paese non dipende certo dalla moneta, ma dal lavoro che la crea, e poi da come essa viene distribuita. La moneta è tuttavia una leva per agire sul ciclo economico, un mezzo per decidere come viene distribuita la ricchezza sociale. Un paese che non disponga della sovranità monetaria, tanto più se alle prese con la speculazione finanziaria globalizzata, è come una città assediata priva di mura di cinta. Occorre ritornare alla lira, ponendo la Banca d’Italia sotto stretto controllo pubblico, affinché l’emissione di moneta sia funzionale all’economia e al benessere collettivo e non alle speculazioni dei biscazzieri dell’alta finanza.

Nazionalizzare il sistema bancario e i gruppi industriali strategici

Agli inizi degli anni ’80 venne permesso alle banche italiane, in ossequio ai dettami neoliberisti, di diventare banche d’affari, di utilizzare i risparmi dei cittadini per investirli e scommetterli nella bisca del capitalismo-casinò. Prese avvio una politica di privatizzazione delle banche e di concentrazione, che ha coinvolto anche gli enti assicurativi, gettatisi voraci sul malloppo dei fondi pensione. Banche e assicurazioni sono oggi le casseforti che custodiscono gran parte della ricchezza nazionale. Esse debbono essere nazionalizzate, affinché questa ricchezza, invece di partecipare al gioco d’azzardo finanziario, sia utilizzata per il bene del paese. Debbono poi ritornare in mano pubblica le aziende di rilevanza strategica, sottraendole agli artigli dei mercati finanziari e borsistici come dalla logica perversa del profitto d’impresa.
Contestualmente andrà rafforzata la gestione pubblica dei beni comuni come l’ambiente, l’acqua, l’energia, l’istruzione, la salute.

Per una moratoria sul debito pubblico e la cancellazione di quello estero

Il debito pubblico accumulato dallo Stato è usato da un decennio come la Spada di Damocle per tagliare le spese sociali, giustificare le misure d’austerità ed una tra le più alte imposizioni fiscali del mondo. Esso è diventato fattore distruttivo da quando, agli inizi degli anni ’90, i governi hanno immesso i titoli di debito nella giostra delle borse e dei mercati finanziari internazionali. Da allora i creditori divennero i fondi speculativi, le grandi banche d’affari estere e italiane. Il debito pubblico, gravato di interessi crescenti, non è niente altro che un drenaggio di risorse dall’Italia verso la finanza speculativa, banche italiane comprese.
Per questo riteniamo ingiusto, antipopolare e suicida per il futuro del paese fare del pagamento del debito un dogma. La rinascita dell’Italia richiede la protezione dell’economia nazionale dal saccheggio dei predoni della finanza imperialista. Ciò implica impedire ogni fuga di capitali verso l’estero, incluso il pagamento del debito estero perché esso non è altro che una forma di espatrio legalizzato, di rapina autoinflitta. Non rimborsare gli strozzini della finanza globale non è una opzione, ma una necessità.
Non solo è ingiusto, ma in base al rapporto costi/benefici è economicamente irrazionale tentare di rispettare la clausola del Trattato di Maastricht che impone un rapporto debito/Pil non superiore al 60%. Ciò implica ripetere per ben 25 anni, e non è detto che sia sufficiente a causa della depressione economica, manovre d’austerità da 30 miliardi all’anno.
Sbaglia dunque chi si fa spaventare dagli strozzini che evocano lo spauracchio del “default”. Il male minore per l’Italia è un default programmato e pianificato, una moratoria e dunque una rinegoziazione del debito, che i creditori dovranno accettare, pena il ripudio vero e proprio. Per quanto riguarda il debito con le banche e le assicurazioni italiane, dal momento che saranno nazionalizzate, esso sarà de facto cancellato. Il solo debito pubblico che lo Stato rimborserà, a tassi e scadenze compatibili con le esigenze della rinascita economica e sociale del paese, sarà quello posseduto dalle famiglie italiane.

Debellare la disoccupazione con un piano nazionale per il lavoro

La natura e il lavoro sono le sole fonti da cui sgorgano il benessere e la ricchezza sociale. Proteggere l’ambiente e assicurare a tutti i cittadini un lavoro sono le due priorità di un governo popolare. Ciò implica che esso, liberatosi dal feticcio della cosiddetta “crescita economica” misurata in Pil, dovrà sottomettere l’economia, pubblica e privata, alla politica, ovvero ad una visione coerente della società, in cui al centro ci siano l’uomo e la sua qualità della vita. Non si vive per lavorare ma si deve lavorare per vivere. Si produrrà il giusto per consumare il necessario. Solo così si potrà uscire dalla trappola produzione-consumo per affermare un nuovo paradigma produzione-benessere.

Uscire dalla NATO e dall’Unione europea, scegliere la neutralità

Attraverso la NATO l’Italia è incatenata ad un patto strategico che oltre a farla vassalla dell’Impero americano, la obbliga a seguire una politica estera aggressiva, neocolonialista e guerrafondaia. Uscire dalla NATO e chiudere le basi e i centri strategici militari americani in Italia è necessario per riacquisire la piena sovranità nazionale, scegliere una posizione di neutralità attiva e una politica di pace. L’uscita dall’Unione europea, inevitabile se si ripudiano, come occorre fare, i Trattati di Maastricht e di Lisbona, non vuol dire chiudere l’Italia in un guscio autarchico, al contrario, vuol dire puntare a diversi orizzonti geopolitici, aprendosi alla cooperazione più stretta con l’area Mediterranea, stringendo rapporti di collaborazione con l’America latina, l’Africa e l’Asia.

Rafforzare la Costituzione repubblicana per un’effettiva sovranità popolare

La cosiddetta “Seconda repubblica” si è fatta avanti calpestando i dettami della carta costituzionale. L’abolizione delle legge elettorale proporzionale, il bipolarismo coatto, i poteri crescenti dell’Esecutivo, la trasformazione del Parlamento in un parlatoio per replicanti spesso corrotti, erano misure necessarie per assecondare i torbidi affari di banchieri e pescecani del grande capitale, nonché per sottomettere il paese e la politica ai diktat e agli interessi della finanza globale. La Costituzione va difesa contro i suoi rottamatori, se necessario dando vita ad una Assemblea costituente incaricata di rafforzarne i dispositivi democratici a tutela della piena ed effettiva sovranità popolare.




COVID-19: EFFETTO HOLLYWOOD di Stefano Parigi

Strade deserte, paesi isolati, spettacoli annullati, partite rinviate o giocate senza pubblico. Arrivano gli zombies?

No, sta accadendo che una comune “influenza” (la cui origine [quella della comune, ordinaria, frequente, “influenza”] sfugge alla medicina ufficiale, che incolpa ceppi di coronavirus, ben sapendo che sono presenti soltanto nel 10-20% dei casi) viene demonizzata mediaticamente nella maniera piú classica: si dice che non dobbiamo cedere al panico proprio perché questo si propaghi, e si parla, e scrive, con sufficienza e leggerezza di «epidemia» e «pandemia». Non si tratta oggettivamente di epidemia, perché i numeri sono risibili. Questa la definizione di «epidemia su Wikipedia (che per queste cose è utile):

«Si definisce epidemia (dal greco επί+δήμος, epí+démos, letteralmente: «sopra il popolo», sopra le persone) il diffondersi di una malattia, in genere una malattia infettiva, che colpisce quasi simultaneamente una collettività di individui, ovvero una data popolazione umana, con una ben delimitata diffusione nello spazio e nel tempo, avente la stessa origine. Poiché, in una data popolazione, ogni anno, è atteso il verificarsi di un certo numero di eventi morbosi, un’epidemia comporta un numero di casi in eccesso rispetto ai valori attesi per quella determinata comunità, e sulla base delle esperienze e del numero di casi storici di morbosità».

Ora, il cosiddetto contagio si è lentamente sviluppato nel tempo, già in Cina, e in percentuali infime rispetto all’intera popolazione; se questo tipo di affezione fosse stata diagnosticata come sindrome influenzale, come avrebbe dovuto essere – secondo me – per sintomatologia e caratteristiche, nulla avrebbe aggiunto alle statistiche ordinarie. Mancano quindi la simultaneità, i casi in eccesso e la notevole diffusione; con questi numeri manca, quindi, nonostante gli sbandieramenti, anche la facilità di contagio. E l’origine? Ci tornerò in seguito. Intanto, resta da considerare che qui, in Italia, i cosiddetti contagiati sono stati a contatto con decine o centinaia di persone senza che accadesse nulla o, solo raramente, qualche caso. «Negativi al test»: l’espressione usata. Aggiungo che dei “contagiati italiani” molti erano «asintomatici», vale a dire sani, ma il perfido virus allignava nelle loro membra; moltissimi altri nulla avevano a che fare con la Cina o con l’Oriente in generale. Resta il fatto che, oggettivamente, neppure in Cina si può parlare o scrivere di «epidemia». Altro termine usato, ancor piú terrificante, è «pandemia» (sempre dal greco πάν+δήμος, pán+démos, letteralmente: «tutto il popolo», tutte le persone), e cito ancora Wikipedia:

«termine con il quale si indica la tendenza di una determinata malattia epidemica a diffondersi oltre i confini di uno Stato, dilagando attraverso i continenti e interessando più aree geografiche del mondo, con un alto numero di casi di malattia».

Poiché non si tratta di malattia epidemica, tantomeno possiamo parlare di pandemia; inoltre, conditio sine qua non, deve coinvolgere parti consistenti di popolazione. Tutto ciò considerato, non esiste alcuna «pandemia». E questi sono i fatti assodati, oggettivi, ma mediaticamente manipolati, per cui si è scatenato quel che definirei «effetto Hollywood»: tonnellate di pellicole su virii (plurale di virus) misteriosamente fuggiti da laboratori, o volutamente dispersi nell’aria, o nell’acqua, con conseguenze nefaste per il genere umano. Se, a tale effetto, si sommano l’acquiescenza, il servilismo, la convenienza, l’ignoranza e la stupidità dei soggetti assurti a protagonisti, vale a dire i cosiddetti esperti, ossia i Burioni di turno, e tutti i mezzibusti dei media, compresi i conduttori televisivi di programmi non inerenti, ma personaggi pubblici, quindi credibili e con largo seguito, si ottiene ciò che sta accadendo. Il grande fisico quantistico Emilio Del Giudice, purtroppo scomparso anni fa, diceva espressamente che lui, e altri come lui, non andavano in tv perché non ne avevano assolutamente il tempo, dovevano lavorare; ne consegue che chi, dei cosiddetti esperti, va in tv sceglie quello come lavoro e, senz’ombra di dubbio, si tratta di mediocri personaggi selezionati, che svicolano da qualsiasi confronto serio e le cui spalline curve si sorreggono solo grazie alla Verità imposta per legge, alla (pseudo-)scienza che si fa religione e promuove i propri dogmi.

Ma allora cosa sta succedendo, si chiederanno quei due o tre lettori che sono arrivati fino a questo punto? Intanto che nessuno, in Italia, è morto per coronavirus, che è quanto sostiene il dottor Matteo Bassetti, che dirige la clinica di malattie infettive dell’«Ospedale San Martino» di Genova ed è presidente della Società italiana di terapia anti-infettiva:

«sono cristianamente vicino alle famiglie dei morti, ma lasciatemi dire che in Italia non c’è neanche un paziente morto per il coronavirus. Quando uno entra in ospedale per un infarto e muore col coronavirus non è morto per il coronavirus, è morto per l’infarto. Se uno viene trovato a casa morto, come è successo nel lodigiano, e gli viene fatto il tampone post mortem, come fai a dire che è morto per il coronavirus? Stiamo attenti a questo bollettino di guerra che sembra quasi giustificare un certo atteggiamento». (Qui il link all’articolo)

Il dottor Bassetti aggiunge che in Liguria ci sono tanti casi «semplicemente perché li siamo andati a cercare». Dunque, tale è la questione. Inoltre, come pochi sanno, perfino la comune «sindrome influenzale» offre enormi incongruenze: benché sia diventato noto che sarebbe determinata dal generico coronavirus, ripeto che in realtà lo stesso sarebbe presente solo nel 10-20% dei casi. Quindi, anche qui, manca la “pistola fumante”. Si continua a condannare un presunto innocente.

Quindi, secondo me, che cosa è accaduto? Semplicemente che nei laboratori cinesi (come altrove, ma sembra che i cinesi siano all’avanguardia, e probabilmente sono piú economici), dove effettivamente giocano con i cosiddetti virii, ossia questi frammenti di genomi, ma per scopi diversi da quelli supposti (per esempio: usano l’hiv come mezzo di trasporto per encefalizzare le scimmie, esperimento su 11 macachi, se non ricordo male, e nessuno di questi si è beccato l’aids, e operano sulla telomerasi, l’ormone della giovinezza) – perché sanno bene, almeno ai livelli superiori, che non sono utilizzabili né in guerra, né come veleni -, ebbene, in Cina deve essere successo qualche “troiaio” (non saprei come meglio definirlo) e la reazione, da parte statale, amministrativa, medica, è stata quella che nell’immaginario comune (ossia la credenza della letalità dei virii) si dovrebbe usare. Questi frammenti di genomi, scarti del metabolismo, saltuariamente ce li abbiamo tutti e, finché non vengono fagocitati dalle cellule mitocondriali o eliminati proprio come scarti, accade che un tampone possa coglierli, in quel breve lasso di tempo.

Poi, in Italia, siamo stati più realisti del re: come si fa a credere che negli Usa non ci sia nulla e qui tanto (per modo di dire)? Credo che tutto si sgonfierà nel giro di due settimane, perché caleranno le influenze e perché la gente è stufa di farsi lavare il cervello dalla tv tutti i giorni e di cambiare le proprie abitudini. Questo, in attesa che poi giungano quelle spore che danno origine ai baccelli del film «L’invasione degli ultracorpi».




IL CORONAVIRUS NON TOCCHI I RENZIANI!

La vicenda è gustosa. Tanto comica quanto delirante. Dove il delirio è nel politicamente corretto che l’ha portata alla ribalta mediatica.

Il povero segretario del Pd di un comune del pisano, Casciana Terme Lari, è stato sospeso dal partito con editto immediatamente esecutivo, emanato dalla segretaria regionale del suo partito, l’ineffabile Simona Bonafè.

Ma cosa ha fatto di così grave il signor Samuele Agostini per meritarsi questa sentenza per direttissima? Udite, udite: ha osato sdrammatizzare alla “toscana” il coronavirus, sbeffeggiando al tempo stesso i renziani di Italia Viva.

Questo il suo post su facebook:

«Poi, oh, se prendessi il virus e m’accorgo che sono spacciato, un minuto prima di morì prendo la tessera di Italia Viva. Sempre meglio che muoia un renziano che uno di sinistra. Ps: non ho espresso un auspicio, spero resti una eventualità remota. E di campare almeno altri 60 anni dopo la scomparsa di Italia Viva».

Ora, il povero Agostini ha senz’altro la colpa di definire il Pd come “sinistra”, ma tolto questo, che ha detto di grave? Non ha augurato la morte a nessuno, limitandosi piuttosto a scherzare sulla sua. Non sia mai! «Ho trovato molto gravi le sue parole nei confronti di Italia Viva e dei suoi simpatizzanti», ha detto senza essere sfiorata dal senso del ridicolo la Bonafè. Mentre per due consiglieri regionali piddini (Nardini e Mazzeo): «Le parole di Agostini esulano dai valori fondamentali della nostra comunità e della nostra azione politica quotidiana».

Accipicchia, coi loro “valori” non si scherza! Gente seria, non c’è che dire. Ora, se c’è una cosa di cui non può fregarci proprio nulla sono i rapporti tra Pd e Iv, ma ci rendiamo conto a qual punto è arrivato il politicamente corretto?

Pure di fronte ad un testo palesemente scherzoso, diciamo anche tipicamente toscano, il politicamente corretto procede come un treno senza neppure rendersi conto di quanto sia grottesco.

Fra l’altro, probabilmente in maniera inconsapevole, l’Agostini un punto l’ha centrato: quello del legame tra il coronavirus e le manovre politiche renziane. Scrivono infatti i giornali di oggi del disegno dei due “mattei” (Renzi e Salvini) per sostituire Conte con un bel governo di unità nazionale con il pretesto dell’emergenza sanitaria.

Ma lasciamo perdere. Quello che è incredibile è che, nel cuore di una crisi come l’attuale, la dirigenza del Pd non abbia nulla di più importante da fare della censura di un post su facebook.

Siamo veramente al delirio. Sul coronavirus e su Renzi non si può nemmeno scherzare. Ma forse abbiamo capito il perché. I renziani son rimasti così pochi che se pure il coronavirus dovesse attaccarli rischierebbero l’estinzione. Più che un problema politico, una scelta di tutela della biodiversità: che il coronavirus stia lontano da Renzi e dai suoi!




NO AL M.E.S. – ASSEMBLEA NAZIONALE, ROMA 7/03

BLOCCA IL CONTAGIO fermiamo il MES!

PRIMA ASSEMBLEA PUBBLICA

Roma, sabato 7 marzo 2020 ore 16:00.  Sala Risorgimento, Hotel Massimo d’Azeglio  Via Cavour, 18.

Intervengono:

Paolo Maddalena, Nino Galloni, Gianluigi Paragone, Diego Fusaro, Luciano Barra Caracciolo, Guido Grossi, Antonio Maria Rinaldi, Stefano Fassina, Tiziana Alterio, Nicoletta Forcheri, Giulietto Chiesa, Moreno Pasquinelli, Gilberto Trombetta, Thomas Fazi, Mario Improta, Cosimo Massaro, Marco Guzzi

Per ulteriori informazioni, vai al sito BLOCCA IL CONTAGIO




BLOCCA IL CONTAGIO! NO AL MES!

Assemblea pubblica in vista di  una grande manifestazione nazionale

Sabato 7 marzo a Roma, con inizio alle ore ore 16:00, indetta dal Coordinamento nazionale NO MES, presso l’ Hotel Massimo d’Azeglio, Via Cavour, 18.

* * *

Il cosiddetto “Meccanismo Europeo di Stabilità” (MES) va fermato. Sono in gioco, assieme alla democrazia e all’indipendenza nazionale, l’economia del Paese, la stessa possibilità di uscire dalla crisi. Il MES è uno degli strumenti con i quali l’Unione europea a dominanza tedesca, impone l’austerità e schiaccia gli Stati pur di tenere in piedi il sistema liberista che fa perno sul mercato unico e l’euro. Ecco allora un nuovo Trattato pensato per imporre all’Italia nuovi e micidiali vincoli che metteranno a rischio i risparmi delle famiglie, le banche e le aziende di cui ci si vuole impadronire a basso prezzo.

Di fronte a questo attacco la classe dirigente balbetta. Denuncia i rischi (vedi il governatore Visco) per poi smentirsi il giorno dopo; ammette che le nuove regole sono sfavorevoli per il Paese, ma non ha il coraggio di opporsi. Peggio ancora il comportamento del governo. Nato in agosto dalla benedizione europea, esso sa solo chiedere un rinvio della sottoscrizione del nuovo trattato, senza però reclamare chiaramente la modifica del suo contenuto. Un comportamento che tradisce fra l’altro la stessa Costituzione repubblicana, laddove prescrive (art.11) che le eventuali limitazioni (non cessioni) di sovranità possano avvenire solo “in condizioni di parità con altri Stati”. L’esatto contrario di quel che prevede il MES.

Da Bruxelles, d’altra parte, hanno già risposto: l’accordo raggiunto non si mette in discussione, l’Italia se ne faccia una ragione.

Nulla di buono è dunque all’orizzonte. Si deve fermare questo ennesimo disastro nazionale, destinato a ricadere come al solito sulla vita del popolo lavoratore. Servono la denuncia, l’informazione e la mobilitazione dei cittadini.

Occorre dare vita ad un’ampia alleanza nazionale e democratica per scongiurare la prevista ratifica del trattato da parte del Parlamento. Organizzeremo incontri, sit-in, assemblee ovunque possibile.

Chiameremo tutti ad una grande manifestazione nazionale da tenersi a Roma in concomitanza della prevista discussione e ratificadel MES in Parlamento.

– Fermiamo il Mes e chi vuole continuare a impoverire il Paese !
– Difendiamo gli interessi dell’Italia, del popolo lavoratore e delle imprese !
– Riconquistiamo la democrazia, difendendo la Costituzione del 1948 !

pagina facebook: Blocca il contagio




L’UNICA VERA PANDEMIA di Piemme

Dunque in Italia è arrivata la pandemia. No, non il Corona virus che, Cina compresa, non ha causato più decessi di una dalle ricorrenti epidemie influenzali —  colpiti in Italia annualmente circa 5 milioni di cittadini, morti circa 5mila, la gran parte anziani già affetti da altre gravi patologie. I contagiati ad oggi dal Covid-19 son 322, le vittime 11 — deceduti “con” il coronavirus, non “per” il coronavirus, quindi non necessariamente per causa sua.

Mi sia permesso di rinfrescare la memoria ai troppi smemorati: infettate dalla “Spagnola” (1918-19), 500 milioni di persone, deceduti 50 milioni. Decessi per la “Asiatica” (1957) 1,1 milioni. Influenza H3N2 (1968), decessi stimati 1milione. Influenza H1N1 (2009), morti stimati circa 500mila. MERS-Cov (2019) 2857 decessi. Ebola (2019), 3.297 decessi.

Tutto questo, senza citare Colera, Morbillo e Malaria, che ogni anno falciano i paesi più poveri, Africa in primis. Il Colera merita un paragrafo a parte, dal momento che rappresenta la normalità in molti Paesi e una situazione drammatica in Yemen. Si stimano ogni anno da 1,3 a 4 milioni di casi di colera e da 21mila a 143mila morti in tutto il mondo. Riguardo al Morbillo, i dati parlano da sé: nel 2019 (dato OMS) si contano 429mila casi confermati per 142mila morti nel mondo per questa malattia nel 2018 (dato solido più recente).

*   *   *

La vera pandemia è la follia collettiva, il panico isterico e l’allarmismo che ha afferrato il Paese. Da dove sia venuto il contagio è presto detto: è venuto dall’alto, da Tv, giornali e media impazziti, che hanno diffuso il virus più pericoloso di tutti, quello della paura. Nemmeno ai tempi della guerra e dei bombardamenti si era giunti a tanto.

Qualcuno ha tentato di vederci una macchinazione politica anticinese, o un esperimento sociale su larga scala, un modo per tornare all’attacco per far passare la vaccinazione di massa, ecc. Illusi! Siamo messi peggio di così. Non c’è stata alcuna intelligenza se non quella di vincere la spregiudicata e meschina gara dell’audience o di vendere copie  — è il mercato signori! Il fatto è che l’isterico allarmismo mediatico ha infettato quasi subito le traballanti autorità politiche le quali hanno letteralmente perso la testa e, per non sapere né leggere né scrivere, sono ricorse a misure cautelative e coattive abnormi: hanno dall’oggi al domani messo fuori legge la vita associata.

Tuttavia, malgrado alla base di questa assordante campagna allarmistica non ci sia stata né una diabolica mente né un fine, un risultato essa lo determina a prescindere: il rimbambimento di massa, la sterilizzazione politica della democrazia, la quale vive di cittadini consapevoli e coraggiosi.

Che siano scesi in campo, a dar manforte alla campagna terroristica, con la loro boria insopportabile, gli scienziati con l’elmetto, gli stregoni della “vera scienza”, i Burioni per capirci, non ci stupisce. E nemmeno ci stupisce che in questa Guerra per il Re di Prussia si siano arruolati volontari gli specialisti del complottismo e della cospirazione. Il web è terreno fertilissimo per ogni sorta di dietrologie e congetture, ed anche delle psicosi collettive.

Possiamo distinguere i complottisti in due scuole principali e opposte: quella filo-americana e quella anti-americana. Per quella filo-americana il virus sarebbe uscito inopinatamente da un laboratorio cinese di guerra batteriologica situato a Wuhan. Per quella anti-americana il virus sarebbe stato diffuso, proprio a Wuhan, dai nemici della Cina, quindi un atto di guerra per distruggere quel grande Paese — detto fra noi: la risposta fornita dal regime cinese è stata talmente poderosa e impressionante che i suoi nemici dovrebbero preoccuparsi assai.

Le due fazioni divergono sulle cause ma sono d’accordo su una cosa:  le spiegazioni epidemiologiche e sanitarie ufficiali dell’OMS, comprese guarda caso quelle cinesi, sono tutte emerite cazzate propalate per nascondere la verità, e la verità è che, senza saperlo, saremmo già nella terza guerra mondiale.

I complottisti, ovviamente, non possono essere smentiti. Non c’è storia né dialogo possibile coi complottasti. E’ come con certi teologi che se gli chiedi di dimostrare l’esistenza di Dio, ti rispondono, “dimostra piuttosto non esiste”. La verità banale è che trattandosi di un ente soprannaturale non si può dimostrare empiricamente né una cosa né l’altra. Onde per cui il dialogo tra chi crede nel soprannaturale e chi no, è un dialogo tra sordi, inutile come quello con i complottisti.

Mi limito solo a segnalare che quella complottista è una visione che guadagna proseliti ogni giorno che passa. La ragione è profonda e non va presa sotto gamba. Nell’epoca nichilistica della post-verità, cioè nell’epoca dello smarrimento generale, del lutto e del disincanto per il fallimento di tutte le complesse visioni premoderne e moderne (cristianesimo, illuminismo e marxismo) ci si aggrappa, disperati, ad ogni simulacro. Dopo la caduta del pensiero complesso c’è bisogno di pensieri semplici, di risposte secche e passepartout. I complottisti offrono queste risposte certe in tempi di totale incertezza, presumono di trovare senso anche dove non c’è, di svelare i veri arcani del potere. E’ la rinascita del manicheismo nella sua radicale forma gnostica: il mondo è male radicale, l’uomo ne è un distillato e il potere ne è l’incarnazione. Superflua risulta ogni altra spiegazione.

Ma forse l’ho fatta troppo seria. Forse davvero è tutto molto più semplice, forse questa roba qui non è null’altro che uno dei precipitati dell’americanizzazione culturale, di una civiltà, quella americana, che ha l’ontologico pessimismo calvinista nel suo stesso Dna — di cui l’apocalittismo da Armageddon delle sette evangelico-sioniste è figlio legittimo.

Bandiera gialla, Andromeda, La città verrà distrutta, Epidemic, Contagion, L’esercito delle 12 scimmie, Virus letale, Pandemic, Deranged, I figli degli uomini, Fatal contact, Il giorno del giudizio, Contagio letale, E venne il giorno, Verso la fine del mondo, Il contagio, Epidemia letale, World war Z. Per finire con il documentario appena uscito (2020) su Netflix: Pandemia globale.

Siamo a diciotto. Ben diciotto film apocalittici a stelle e strisce, quasi tutti grandi porcherie. Tutti come trama il contagio pandemico, il più delle volte scatenato da diabolici dottor Stranamore e/o da errori di alcuni scienziati, nonché da immancabili servizi segreti. A questi vanno aggiunti diverse serie televisive, giochi da tavolo, più una vasta letteratura. Tutto made in USA.

Forse è per questo che la subcultura americana ha finito per infettare l’Occidente e poi tutto il mondo? Non con i libri, ma col più contagioso dei vettori ideologici: il cinema.




UNA LEZIONE DEL CORONAVIRUS di Maria Luciana Favorito*

Vi siete resi conto chi sono i lavoratori, e quali settori sociali,  in questo momento in cui siete eposti e minacciati dal contagio, stanno lavorando senza sosta h 24, facendo turni di lavoro massacranti e  interminabili senza chiedere nulla, ma, anzi, sforzandosi di dare il massimo delle energie e delle competenze  umane e professionali per tutelare la vostra  salute e quella di tutti  i cittadini italiani?

Sono i medici, gli infermieri, i tecnici,  e i biologi di laboratorio  del Servizio Sanitario Nazionale. E poi ancora i settori delle forze dell’ordine, i vigili del fuoco, la protezione civile.

Cioè lo STATO.

Il settore del pubblico impiego. Quello che da sempre, e soprattutto in questi ultimi anni di crisi, è continuamente  oggetto di  campagne denigratorie e diffamatorie.

L’intero settore pubblico è al servizio della cura e protezione della vostra  vita e quella dei vostri figli. Già, proprio quello sprecone, fannullone, irresponsabile e incapace del mondo dei furbetti del cartellino.

Quello che ha riempito i talk show e i media in questi anni per giustificare le politiche di tagli che hanno smantellato il sistema sanitario, decimandolo, e che proprio ora, nonostante una insopportabile carenza  di organico e al di sopra delle forze, sta lavorando per difendere la vostra vita.

È  proprio il sistema pubblico, quello dei “nullafacenti” che sta  lavorando sul fronte senza neanche  mascherine e guanti,  rischiando la propria vita, per difendere la vostra.

Dov’è finito  il sistema  privato?

Quello efficiente dove tutto funziona, osannato e incensato dai manager dei governi tecnici che con i loro tagli avrebbero risanato l’economia e il pubblico impiego?

Ricordatevi di questa esperienza e di tutti questi cittadini lavoratori che stanno lavorando gratis per voi  quando, grazie al loro coraggio e dedizione, l’emergenza sarà finita e, di nuovo, come corvi, vi verranno a raccontare che lo stato non serve a nulla e va ridotto. Anzi, possibilmente  eliminato.

Ricordatevelo.

* Maria Luciana Favorito è membro del Comitato Popolare Territoriale di Foligno

Fonte: Liberiamo l’Italia




LA VERITA’ SCOMODA SU COVID-19 di Adriano Màdaro

SOLLEVAZIONE, malgrado il distinguo della redazione, è stato probabilmente il primo media on-line a smascherare il Corona-Virus come atto di guerra ibrida dell’anglosassone MI6.

A differenza dei complottisti, io ho parlato e continuo a parlare di Guerra Politica non ortodossa attivata dall’elite globale anglosassone-sionista. Di contro a certi teorici complottisti, non sparo a vanvera nel mucchio, citando alla rinfusa Mossad e Cia; ho indicato nel reparto politico e geopolitico di elite operativa dell’MI6 l’avanguardia operativa di una simile azione.

La storia di intelligence rimanda quasi sempre a russi e inglesi, israeliani e americani sono scolari e seconde linee. Se i reparti patriottici cinesi avessero ad esempio condiviso con controparti russe news strategiche non sarebbero andate incontro a tale debacle, in cui quasi sicuramente un ruolo è stato giocato da una fazione,  del Partito comunista cinese, filoccidentale e filobritannica. 

Per l’azione di guerra ibrida Corona-Virus ho rimandato all’utilizzo di nanodroni e alla tentata riprogrammazione del DNA virus, dal punto di vista politico abbiamo presunto di indicare, come ipotesi di lavoro, il fine in una nuova Yalta mondiale con Xi Jinping che faccia lo Stalin della situazione. Ove Xi Jinping cedesse su tale linea, il Sionismo mondiale e MI6 interromperebbero azioni di propaganda e di guerra anticinesi e si andrebbe verso una nuova era mondiale storica anglocinese con il popolo russo e il grande territorio della Russia quale legna da ardere.

Sul fuoco della spartizione planetaria se Xi Jinping non cede e resiste, sono sempre più probabili le possibilità che gli anglosassoni saranno finalmente estromessi dal dominio globale e si andrà verso un multipolarismo globale. Qualsiasi altra interpretazione, economicistica, complottistica, neo-malthusiana, non basata insomma sul principio della Guerra Politica non ortodossa non coglie a nostro avviso nel segno e rischia di essere anzi portatrice di ulteriore confusione.

Infine, a differenza di sovranisti, complottisti e patrioti vari, per noi non esistono angloamericani buoni (Brexit, Trump, liberatori del ’45 o dell’Afghanistan ecc).  Il saggio di Adriano Màdaro sul Corona-Virus è quanto di più equilibrato ed anticomplottista sia stato pubblicato negli ultimi giorni. Merita di essere letto. Unica precisazione: i brevetti di cui parla sono probabilmente inglesi, non statunitensi.  Chiunque voglia comprendere taluni meccanismi operativi dell’elite globale occidentale dovrebbe prima leggere con grande modestia e attenzione i testi della scienziata Rosalie Bertell. Poi giudicare i fatti contemporanei. 

Dopo il mio ritorno dalla Cina giusto un mese fa, ho sostenuto nei miei post che l’eccessivo clamore dei media copre la verità sul coronavirus. Per me che sono un giornalista è inammissibile che giornali, telegiornali e programmi di approfondimento non abbiano indagato su alcuni dati oggettivi che se non svelano tutto ciò che vi è sotto questa storia, quantomeno ne autorizzano i dubbi.

Il coronavirus incubato ed esploso a Wuhan ha una sua storia precisa e impressionante, ma non divulgata. Non voglio fare commenti, ma soltanto esporre alcuni fatti documentati e documentabili, per i quali però è necessario avere la mente libera da condizionamenti ideologici o da partigianerie politiche. La Cina è sotto attacco, forse l’obiettivo finale potrebbe essere una guerra, guerra vera, con le armi. Vediamo perché.

Il problema non è solo sanitario né solo cinese. Le implicazioni geopolitiche sono molto chiare per chi le vuol capire. Il quadro che ne esce è molto diverso da quello rappresentato in coro dai media nazionali e internazionali. La sequenza di fatti che sto per elencare è a dir poco shoccante, e questo è il mio unico giudizio.

2014. La prestigiosa rivista scientifica inglese “Nature” annuncia la costruzione eccezionale a Wuhan di un bio-laboratorio comune sino-francese per lo studio dei virus infettivi letali sull’uomo. Al suo interno viene creato un laboratorio di “livello 4” nel quale opera attivamente l’Organizzazione Mondiale della Sanità, istituzione strettamente collegata con il mondo esterno, Il che significa che il controllo non è tutto cinese, e il sito diventa di forte interesse per i servizi segreti.

2015. Negli Stati Uniti viene registrato un brevetto per una specie di “coronavirus attenuato”, cioè a bassa percentuale di mortalità rispetto ai numero di infettati, sull’ordine del 2-3 per cento, proprio come il virus di Wuhan. Questo brevetto sarebbe stato disponibile a partire dal 2018. A registrarlo è  una “Agenzia” inglese, “The Pirbright Institute” di Londra, con capitale maggioritario del Governo britannico, tra i maggiori sponsor l’Organizzazione Mondiale della Sanità, la Commissione Europea, e l’americana Bill & Melinda Gates Foundation.

2019. A marzo, da un Laboratorio di Microbiologia canadese pare “esca”, in circostanze abbastanza misteriose, un pacchetto di virus letali con destinazione, per quanto fu sospettato, il  laboratorio di Wuhan. Si tratterebbe di un’operazione che fu coperta dal massimo segreto, effettuata da una virologa di origini cinesi che da molti anni  vive e lavora in Canada. Episodio questo assai misterioso e sul quale sono in corso indagini sia da parte delle autorità accademiche e giudiziarie  canadesi che cinesi. Alle proteste  per aver tenuto la notizia segreta venne risposto che l’operazione faceva parte di uno speciale progetto di ricerca nell’ambito della salute pubblica mondiale.

18 ottobre 2019. Come ho già pubblicato qualche settimana fa il Johns Hopkins Center for Health Security, in collaborazione con il World Economic Forum e con la Bill & Melinda Gates Foundation, organizza a New York un incontro durato una intera mattinata con 15 leaders di “affari di governo e sanità pubblica” per simulare uno scenario di pandemia da coronavirus planetario (denominato “Event 201”) con 60 milioni di morti. La fiction ipotizzava l’esplosione del virus in Brasile. Da sottolineare che la Fondazione Bill & Melinda Gates da tempo finanzia generosamente la ricerca sui vaccini pandemici.

19 ottobre 2019 (14 giorni prima che si manifesti il primo caso di coronavirus a Wuhan il 2 novembre, giusto il periodo di incubazione) iniziano proprio a Wuhan i “Military World Games Wuhan-19”, i Giochi sportivi militari ai quali partecipano oltre diecimila atleti selezionati negli eserciti del mondo intero. La folta squadra americana, arrivata il 15 ottobre, consta di 182 elementi e si classificherà al 35° posto, con solo otto medaglie, 3 d’argento e 5 di bronzo. Davvero tutti atleti quei militari a stelle e strisce dal risultato sportivo così umiliante, che vede in testa Cina, Russia, Brasile e perfino l’Italia venticinquesima? Questa serie di eventi sorprende soprattutto per la straordinaria coincidenza con l’esplosione del “coronavirus” a Wuhan, in un periodo di gravi tensioni tra la Cina e gli Stati Uniti

Wuhan è al centro della Cina, nodo ferroviario strategico per tutte le direzioni, porto fluviale per navi passeggeri dirette a Chongqing e Shanghai con scalo a Nanchino, aeroporto internazionale tra i più frequentati. E poi il periodo, così a ridosso del Capodanno lunare, la grande festa che muove centinaia e centinaia di milioni di Cinesi per un totale di oltre tre miliardi di biglietti ferroviari. Wuhan e il Capodanno, proprio il luogo giusto e il momento giusto per un virus “intelligente” che avesse progettato di assestare un duro colpo alla Cina, seminando il terrorismo batteriologico e attentando in maniera criminale all’avanzata economica di un Paese che ha appena portato fuori dalla povertà 700 milioni  di persone, con dieci anni  di anticipo sull’Agenda delle Nazioni Unite.




BREXIT, TUTTO IL CONTRARIO

Gli euroinomani avevano previsto sfracelli per il Regno Unito. Invece secondo i dati più recenti diffusi da Bloomberg. Il numero di lavoratori aumenta più del previsto nel quarto trimestre, mentre il tasso di disoccupazione si mantiene sul livello più basso degli ultimi quattro anni, anche se la crescita si ferma. 

L’economia britannica ha creato posti di lavoro a un ritmo impressionante nel quarto trimestre, sfidando le turbolenze politiche per la Brexit.

Il numero di persone che lavorano è cresciuto di oltre 180.000 unità rispetto alle previsioni, portando il tasso di disoccupazione al suo minimo da quattro anni: 3,8%, secondo quanto riferito dall’Office for National Statistics. I numeri probabilmente rafforzeranno le previsioni che dicono che quest’anno la Banca d’Inghilterra si asterrà dall’abbassare i tassi di interesse.

Il balzo dell’occupazione è avvenuto in un trimestre in cui è stata mancata la seconda scadenza per la Brexit e in cui il primo ministro Boris Johnson ha imposto le elezioni generali per interrompere lo stallo parlamentare. La sua schiacciante vittoria ha attenuato l’incertezza, aiutando l’economia a evitare la contrazione dopo una crescita migliore del previsto a dicembre.
Oltre alla ripresa dell’attività dopo la vittoria di Johnson, il governo si sta preparando ad annunciare un grande stimolo fiscale [con ingenti investimenti pubblici, NdR] il prossimo mese, volto a sostenere la crescita. La sterlina non si è mossa molto dopo i dati sull’occupazione di martedì.

I rischi rimangono, tuttavia. Johnson ha escluso di prolungare il periodo di transizione della Brexit oltre il 31 dicembre, anche se non è stato concluso alcun accordo commerciale.
La più recente fotografia del mercato del lavoro suggerisce che le condizioni resteranno ben salde.
I posti vacanti, che erano in calo, sono aumentati di 7.000 unità nei tre mesi fino a gennaio mentre l’occupazione nel quarto trimestre ha raggiunto un livello record, trainata dai lavoratori dipendenti assunti a tempo pieno. Le donne hanno rappresentato oltre l’80% della crescita dell’occupazione e ora costituiscono quasi la metà del totale dei lavoratori.

Tenendo conto dell’inflazione, la retribuzione regolare è salita al di sopra del picco pre-crisi che era stato toccato nel 2008. Le retribuzioni totali nel quarto trimestre hanno subito un rallentamento, con le retribuzioni regolari in aumento del 3,2% sull’anno e i salari, inclusi i bonus, che hanno guadagnato il 2,9%, la crescita più bassa dal 2018. Tuttavia, stanno ancora superando l’inflazione, inferiore al 2%.
La produttività, che dalla crisi finanziaria ha subito un rallentamento, è cresciuta dello 0,3% rispetto all’anno precedente su base oraria: il secondo guadagno trimestrale consecutivo.

Nel trimestre precedente all’uscita dal blocco della Gran Bretagna il numero di cittadini dell’Unione Europea che lavorano nel Regno Unito è aumentato di 36.000 unità rispetto all’anno precedente, pari all’1,6%.

* Fonte: Voci dall’estero




CORONAVIRUS: QUELLO CHE SERVE INTANTO

Mentre i media diffondono il panico per il rischio di una panedemia, in rete, come sempre in questi casi, la fa da padrona la dietrologia. Noi voliamo più basso. In questo articolo si denuncia come i posti letto in terapia intensiva, indispensabili per salvare la vita di chi fosse eventualmente affetto dal virus, siano assolutamente inadeguati alla bisogna. Peggio, a causa dei tagli alla sanità, essi sono precipitati negli ultimi anni.

TERAPIE INTENSIVE: SERVE UN DECRETO D’URGENZA (SENZA PERMESSO UE!)

di Debora Billi

Il vero collo di bottiglia del coronavirus , quello che fa la differenza (per i casi gravi) tra guarire o trapassare, sono i posti in terapia intensiva. I due cinesi ricoverati allo Spallanzani, due casi molto seri, probabilmente la sfangheranno proprio perché hanno goduto per un mese di un reparto a loro dedicato e delle cure dei migliori specialisti in esclusiva. In un contesto non dico alla Wuhan, ma semplicemente un tantino più complesso, magari non avrebbero neppure trovato posto e sarebbero finiti nella lista dei deceduti.

Esagero? Forse. Ma guardate [ tabella sopra ] la situazione dei posti letto in terapia intensiva in Italia, ce la fornisce l’Organizzazione Mondiale della Sanità. E’ aggiornata — si fa per dire — al 2013 e non si hanno notizie di cosa sia accaduto nei 7 anni successivi, ma l’andazzo non fa presumere nulla di buono: se nel 1980 l’Italia vantava 922 posti letto di terapia intensiva ogni 100mila abitanti, nel 2013 erano scesi ad appena 275. Come stiamo messi nel 2020 non voglio neppure saperlo, altrimenti non ci dormo la notte.

Tutti questi posti letto, inoltre, non se ne stanno lì vuoti ad aspettare i malati di coronavirus. Sono già occupati 365 giorni l’anno da infartuati, vittime di incidenti e altri ammalati in emergenza: che facciamo, li buttiamo giù dal letto? Bastano appena pochi casi gravi di coronavirus per mandare in tilt il sistema ospedaliero di qualsiasi città.

Non mi piacerebbe vedere il mio Paese, uno dei migliori del mondo quanto a sanità (ne resto convinta), costretto ai triage per decidere chi può campare e chi si deve invece affidare alla Vergine di Lourdes. Forse siamo ancora in tempo: l’Italia è leader nella produzione di biomedicali da emergenza (fortunatamente non li importiamo), un decreto d’urgenza del governo potrebbe rimpinguare gli ospedali consentendo l’apertura di nuove terapie intensive almeno basiche, e sancire l’assunzione immediata di nuovo personale medico e infermieristico per qualche mese. Non possiamo neppure permetterci medici e infermieri in quarantena (o peggio ammalati) senza sostituzione, data la carenza già cronica.

Un governo in piena facoltà di prendere decisioni agirebbe immediatamente in questo senso. Un governo che non può fare nulla senza permessi esteri, dallo spender soldi al dichiarare le emergenze, se ne sta lì preoccupandosi solo dell’”allarmismo” mentre nell’ospedale di Lodi non hanno neanche le mascherine. Muovetevi ragazzi, è l’ora di diventare fateprestisti

* Fonte: Debora Billi